International Press Clipps: March 2008 | Tennis: Servizi Vincenti
By cuter

International Press Clipps: March 2008 | Tennis: Servizi Vincenti

17/05/2022  |   105 Views

A cura di Michele Fimiani, Monique Filippella, Luca Labadini e Andrea Nizzero

e con la collaborazione di Paolo Palma, Luigi Ansaloni, Alessandro Ferretti, Margherita Polacci, Francesca Terranova ed Enzo Cherici

Click here to read 31 March’s newsClick here to read 30 March’s newsClick here to read 29 March’s newsClick here to read 28 March’s newsClick here to read 27 March’s newsClick here to read 26 March’s newsClick here to read 25 March’s newsClick here to read 24 March’s newsClick here to read 23 March’s newsClick here to read 22 March’s newsClick here to read 21 March’s newsClick here to read 20 March’s newsClick here to read 19 March’s newsClick here to read 18 March’s newsClick here to read 17 March’s newsClick here to read 16 March’s newsClick here to read 14 March’s newsClick here to read 13 March’s newsClick here to read 12 March’s newsClick here to read 11 March’s newsClick here to read 10 March’s newsClick here to read 9 March’s newsClick here to read 8 March’s newsClick here to read 7 March’s newsClick here to read 6 March’s newsClick here to read 5 March’s newsClick here to read 4 March’s newsClick here to read 3 March’s newsClick here to read 1 March’s news

A cura di Michele Fimiani, Monique Filippella, Luca Labadini e Andrea Nizzero

e con la collaborazione di Paolo Palma, Luigi Ansaloni, Alessandro Ferretti, Margherita Polacci, Francesca Terranova ed Enzo Cherici

Update 31 MarchAggiornato il 31 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

-Angry Murray drops out of top 20 and faces struggle on clay , Richard Jago, The Guardian (Andy Murray esce dai primi venti del mondo e deve affrontare la battaglia sul rosso)-Bounces don’t go Djokovic’s way, Tom Tebbutt, Globe and Mail (I rimbalzi penalizzano Djokovic)-Mario Ancic makes moody Andy Murray pay price , Times (Mario Ancic castiga il volubile Andy Murray)-No rest for the weary after Jankovic rallies to win , Michelle Kaufman, Miami Herald (Non c’è riposo per la Jankovic dopo la vittoria in rimonta.)- Lindsay Davenport driven by Olympics ambition, Barry Flatman, The Times (Lindsay Davenport mossa dall’ambizione olimpica)- The Evans Report: Lesson From Lindsay, Richard Evans, Tennis Week (A lezione da Lindsay)- Lindsay Davenport continues her strong comeback at Sony , Charles Bricker, South Florida Sun-Sentinel (Lindsay Davenport prosegue nel suo grande ritorno a Key Biscayne)- Justine Henin, experte à Miami, La Dernière Heure (Justine Henin, specialista a Miami)- Miami - Mauresmo n’y arrive pas , lequipe.fr (Miami - Mauresmo non ce la fa)- Mathieu l’hyper-réaliste , Régis Aumont, Sports.fr (Mathieu l’iper-realista)

Angry Murray drops out of top 20 and faces struggle on clay , Richard Jago, The Guardian

It sounds a bigger calamity than it may prove to be. Andy Murray will drop out of the world’s top 20 after a 6-2, 2-6, 7-6 opening-match defeat by Mario Ancic in the Masters Series event here in which the Scot let slip a 4-2 lead in the final set, missed two match points in the tie-break and cursed and muttered so fiercely that the umpire warned him to desist.So most of last year’s semi-final points from here will be lost, which means Murray will not get a seeding at the next Masters Series tournament, in Monte Carlo in three weeks, and will start the clay-court season at an unexpected disadvantage. Murray’s two best leads, when he was a break up in the third set and 6-4 up in the tie-break, were both lost by poor serving; simultaneously his resolution not to let emotions get the better of him evaporated like the contents of a boiling kettle.(…)Murray murmured unhappily. “When I found the right way to play I had a lot of chances.” Enough to win with, certainly, and enough to suggest he is attempting to force his game to evolve.(…)Murray sometimes reminds us that he is still young and learning. But he is 21 in May and time is moving on.

Click here for the full story

Andy Murray esce dai primi venti del mondo e deve affrontare la battaglia sul rosso

Sembra un problema piu’ grande di quello che potrebbe rivelarsi. Andy Murray uscira’ dai primi venti del mondo dopo essere stato battuto 6-2, 2-6, 7-6 da Mario Ancic nel match di apertura del torneo Master Series, in cui lo scozzese si e’ lasciato sfuggire un vantaggio di 4-2 nel set decisivo, ha mancato due match points nel tie-break ed ha imprecato e borbottato cosi pesantemente da essere ripreso dal giudice di sedia.Quindi la maggior parte dei punti ottenuti con la semifinale dello scorso anno verranno persi, il che significa che tra tre settimane Murray non sara’ testa di serie nel prossimo torneo Master Series a Montecarlo e comincera’ cosi la stagione sul rosso con un inaspettato handicap. I due migliori vantaggi di Murray, quando si trovava avanti di un break nel terzo set e 6-4 nel tie-break, sono stati entrambi persi a causa di un servizio debole; allo stesso tempo, la sua risoluzione a non lasciare che le emozioni avessero la meglio su di lui, e’ evaporata come neve al sole.(…) Murray ha commentato tristemente: “ Quando ho trovato il giusto gioco ho avuto molte possibilità”.Di sicuro abbastanza per vincere e abbastanza da suggerire che sta provando a forzare un’evoluzione del suo gioco.(…) Murray ci ricorda che e’ giovane e che sta ancora imparando. Ma compira’ 21 anni a Maggio ed il tempo sta passando.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Bounces don’t go Djokovic’s way, Tom Tebbutt, Globe and Mail

It is a rule of tennis that the game must be played to “the pace of the server.”But what happens when the server is playing at a snail’s pace?That is increasingly the question related to Australian Open champion Novak Djokovic, also the winner of the recent Pacific Life Open in Indian Wells, Calif.Probably the favourite going into the Sony Ericsson Open in Miami, Djokovic was upset in his opening-round match on Friday. His habit of bouncing and bouncing and bouncing the ball before he serves was partly the reason for his surprise 7-6 (1), 3-6, 6-4 loss to qualifier Kevin Anderson of South Africa.Leading 2-0 in the third set and facing a break point, Djokovic was given a warning by the umpire for taking too long between points. A lot of that was because of his ritual ball bouncing, ranging from a base level of nine to the high 20s.He won the point after the warning, but then lost 13 in a row and, basically, any hope of victory.

Click here for the full story

I rimbalzi penalizzano Djokovic

E’ una regola del tennis che la partita debba essere giocata “al ritmo di chi serve”.Ma cosa succede quando a servire è un giocatore con un ritmo da lumaca…?Questa è sempre di più la domanda relativa al campione degli Australian Open Novak Djokovic, vincitore anche del recente torneo di Indian Wells.Probabilmente favorito all’inizio del torneo di Miami, Djokovic è stato sconfitto nel match di primo turno venerdì scorso. La sua abitudine a far rimbalzare, rimbalzare e rimbalzare la palla prima di servire è stata una delle cause della sua sorprendente sconfitta per 7-6 (1), 3-6, 6-4 contro il sudafricano qualificato Anderson.In vantaggio 2-0 nel terzo set e dovendo affrontare una palla break in suo sfavore, Djokovic ha ricevuto un warning dal giudice di sedia per aver lasciato passare troppo tempo tra un punto e l’altro. La causa di questa ammonizione è il rituale dei rimbalzi di palla di Djokovic, che oscillano da un livello base di 9 per superare talvolta i 20.Dopo il warning ha conquistato il punto successivo, ma ne ha poi persi 13di fila, rinunciando così alle speranze di vittoria.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Mario Ancic makes moody Andy Murray pay price , Times

THE GLARING inadequacies born not of Andy Murray’s tennis game but his stubbornness to respond to constructive advice will cost him dearly after his Sony Ericsson Open campaign fell at the opening hurdle.After reaching the semi-final a year ago, the British No 1’s defeat to Croatia’s Mario Ancic means he will tumble out of the top 20.At times, Murray was inspired, at others he was apathetic, while occasionally that infamous temper bared its teeth. But when it comes to analysing his 6-2 2-6 7-6 demise to Ancic, it is doubtful whether he will accept the frailties that caused his defeat in the final tie-break. Ancic will today celebrate his 24th birthday mindful that he was given the perfect early gift. Murray stood at match point on his own serve and delivered a double fault. Clearly such pressure situations are the making or undoing of a potential champion and in this case Murray failed dismally.Murray’s body language is regularly a subject for debate but on this occasion it suggested basic disinterest and an apparent wish to be anywhere else. Murray was in trouble from the opening game with his backhand seeming more at threat than any other part of his armoury. Ancic came out by far the more determined competitor but he must have struggled to comprehend the attitude he faced across the net.The two break points which went the Croat’s way in the first game was pulled back by some timely Murray serving but his positive reaction to pressure was only temporary and two games later the 13th seed’s serve was broken to love in the most alarming fashion. Three backhand errors propelled Ancic to 40-love, the last a poorly judged attempt at a drop shot — the ball simply flopped into the net and the break of serve promptly followed with a forehand that flew wide.Ancic may currently be ranked 63rd in the world but everyone on the ATP tour respects him as a player accomplished enough to be a top 20 performer at least. He rose as high as seventh during the summer of 2006 and is on the rise having bottomed out at 136th place on the rankings after being forced to miss January’s Australian Open.

Click here for the full story

Mario Ancic castiga il volubile Andy Murray

Sconfitto al debutto al Sony Ericsson Open, Andy Murray paga a caro prezzo alcuni limiti evidenti, che non hanno fondamenta nel suo tennis ma in quel suo dimostrarsi testardo di fronte a situazioni che dovrebbero farlo riflettere.

L’eliminazione del numero uno di Gran Bretagna gli costerà l’uscita dai top 20 dal momento che lo scorso anno aveva raggiunto le semifinali.A volte, Murray appare ispirato, altre volte apatico, e talvolta salta fuori la sua indole scellerata. Ma nel voler analizzare il 6-2 2-6 7-6 della disfatta con Ancic, ci si domanda se saprà riconoscere quei punti di debolezza che lo hanno portato a perdere il tie break finale.

Ancic celebrerà oggi il suo 24esimo compleanno con la consapevolezza di aver ricevuto un bel regalo in anticipo. Sul match point giocato con il servizio a disposizione, Murray ha commesso un doppio fallo. E’ chiaro che situazioni di forte pressione come queste costituiscono la cartina di tornasole di un potenziale campione e nella circostanza Murray ha miseramente fallito.

Il linguaggio del corpo dello scozzese è puntualmente oggetto di discussione, ma in questo caso evidenzia un disinteresse di fondo e un chiaro desidero di essere da qualche altra parte. Murray si è trovato in difficoltà fin dal primo game, in particolare con il rovescio. Ancic si è dimostrato di gran lunga più determinato ma avrà faticato a comprendere l’atteggiamento dell’avversario che gli stava di fronte. Le prime due palle break sono stateannullate da due ottimi servizi, tuttavia questa positiva reazione al momento di pressione è stata solo temporanea, difatti due giochi più tardi la tredicesima testa di serie ha subito il break a zero. Tre errori di rovescio (tra cui un maldestro tentativo di palla corta) hanno portato Ancic sul 40-0, poi un diritto largo hanno chiuso il game.

Ancic può anche occupare la 63esima posizione del ranking ma tutti nel circuito ATP lo consideranosufficientemente bravo per entrare almeno tra i primi 20. Nell’estate del 2006 salì fino al settimo posto per poi crollare al 136esimo dopo essere stato costretto a saltare gli Australian Open di gennaio.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

No rest for the weary after Jankovic rallies to win , Michelle Kaufman, Miami Herald

It was 2:30 a.m. Sunday, and Jelena Jankovic tossed and turned in her hotel-room bed, trying to force herself to sleep.She was having a devil of a time relaxing because she was still wired — and sore — from her thrilling second-round win over Sofia Arvidsson of Sweden, a win that stretched 2 ½ hours, totaled 238 points and lasted well past midnight in Key Biscayne.Jankovic, the Serb ranked No. 3, rallied from 1-5 in the third set to win 6-7 (7-9), 6-2, 7-6 (11-9). And she didn’t have the luxury of sleeping in Sunday because she had to play an afternoon third-round match against Lucie Safarova, which she wrapped up 6-2, 6-1 in 57 minutes.”I finished that one quite quickly,” she said, smiling.Jankovic was in so much pain after the late-night epic at the Sony Ericsson Open that she said she felt ”like a mummy” in her bed, stiff and unable to get comfortable.”It was a dramatic match, really difficult physically and mentally, and it took a lot out of me,” Jankovic said. “I was really exhausted. I had trouble sleeping and relaxing — all the adrenaline. Who plays tennis at 12 at night? I wasn’t ready for such a late match. My opponent was really solid and didn’t make mistakes. I was really erratic, made 57 unforced errors.”But she never lost faith in herself, even when she faced the first of five match points in the final-set tiebreaker.”I didn’t play well, but I was hanging in there,” she said. “I really believed in myself. I played one point at a time. I don’t like to lose. No matter what the score is, the match is not over until it is over. I’m a big fighter, and it was very important for my confidence to show that I don’t give up.”

Click here for the full story

Non c’è riposo per la Jankovic dopo la vittoria in rimonta

Jelena Jankovic ha impiegato 2 ore e mezza per vincere un match a tarda notte che le ha lasciato poco tempo per dormire prima di ottenere un’altra facile vittoria.Erano le due e mezza di domenica mattina, e Jelena Jankovic si rigirava nel letto della sua camera d’albergo, cercando forzatamente di dormire.Aveva difficoltà a rilassarsi perchè era ancora stanca - e dolorante - a causa della sua vittoria sul filo di lana contro la svedese Sofia Arvidsson, una partita che è durata 2 ore e mezza, 238 punti in totale, e si è estesa ben oltre la mezzanotte di Key Biscaine.La serba Jankovic, numero 3 del ranking, ha rimontato dall’uno a cinque nel terzo set prima di vincere col punteggio di 6-7 (7-9), 6-2, 7-6 (11-9). E non ha avuto il lusso di dormire fino a tardi la domenica perchè doveva giocare il terzo turno nel pomeriggio contro Lucia Safarova, un match che ha comodamente vinto col punteggio di 6-2, 6-1 in 57 minuti.“Questa volta ho finito in fretta,” ha detto sorridendo.La Jankovic era talmente dolorante in seguito all’epico scontro in notturna al Sony Ericsson Open che si era sentita “come una mummia” nel suo letto, rigida e non in grado di mettersi a suo agio.“E’ stata una partita drammatica, molto difficile sia fisicamente che mentalmente, e mi ha davvero spossato,” ha affermato la Jankovic. “Ero davvero esausta. Ho avuto difficolta ad addormentarmi e rilassarmi - tutta colpa dell’adrenalina. Chi gioca a tennis a mezzanotte? Non ero pronta per un match così tardi. La mia avversaria era molto solida e non commetteva errori. Io sono stata molto discontinua, ho commesso 57 errori gratuiti.”Ma non ha mai perso fiducia in sè stessa, nemmeno quando ha dovuto affrontare il primo di cinque match points nel tie break finale.“Non ho giocato bene, ma ho saputo resistere,” ha detto Jelena. “Ho davvero creduto in me stessa. Ho giocato un punto alla volta. Non mi piace perdere. Indipendentemente dal punteggio, la partita va giocata fino alla fine. Sono una grande lottatrice, ed era molto importante per la mia fiducia il dimostrare che non mollo mai.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Lindsay Davenport driven by Olympics ambition, Barry Flatman, The Times

THE MOST obvious question that could be posed to Lindsay Davenport is quite simply: Why? What possesses a player who has accomplished nearly everything in tennis to return to the sport she admitted had lost its gloss for her just months after giving birth to her first child? (…)No, it was not prompted by finance or unfinished business. After all, she has amassed more prize money than any female – just short of $22m – and her ambition had long been satisfied by three Grand Slam singles titles, an Olympic gold and 98 weeks as world No 1. (…)Since her return last September in Bali and before setting out to contest the Sony Ericsson Open here on this palm-fringed islet off Miami, with baby and nanny in tow, Davenport has won 28 times, lost four, collecting four more titles.The process began several months before Jagger was born last June. She sat down to watch tennis from Indian Wells and felt the first tinges of withdrawal. Discussing this with husband John, an investment banker and brother of ex-touring pro Rick Leach, she began to formulate plans. (…)Davenport’s ambitions centre on Beijing. To win a fourth Grand Slam seems far-fetched, but after winning Olympic gold in Atlanta 12 years ago then missing Athens in 2004 to concentrate on the US Open, she is motivated again by the Games. “After my son was born I had a year to get ready for Beijing. I guess that was the driving force,” she admitted. “(…)the Olympics have a great pull.”

Click here for the full story

Lindsay Davenport mossa dall’ambizione olimpica

La domanda più ovvia che potrebbe essere posta a Lyndsay Davenport è abbastanza semplice: perchè? Cosa spinge una giocatrice che ha vinto quasi tutto nel tennis a tornare allo sport che lei stessa aveva ammesso aver perso attrattive su di lei, pochi mesi dopo aver davo alla luce il suo primo figlio? (…)No, non è stata spinta dai guadagni. Dopo tutto, ha già raccolto più premi pecuniari di ogni altra giocatrice – poco meno di 22 milioni di dollari – e la sua ambizione era stata da tempo soddisfatta da tre Grandi Slam in singolo, un oro olimpico e 98 settimane da numero 1 (…).Dal suo ritorno lo scorso settembre a Bali e prima di aver iniziato a gareggiare nel Sony Ericcson Open qui a Miami, con bimbo e tata al seguito, la Davenport ha vinto 28 volte, ha perso quattro, collezionando altri quattro titoli.E’ iniziato tutto qualche mese fa, prima che Jagger nascesse lo scorso giugno. Lei sedeva a guardare il tennis da Indian Wells e ha sentito un pizzico di nostalgia. Discutendone col marito John (…) ha iniziato a fare progetti. (…)Le ambizioni della Davenport puntano a Pechino. Vincere il quarto Grand Slam sembra inverosimile, ma dopo aver vinto l’oro ad Atlanta 12 anni fa e aver mancato Atene 2004 per concentrarsi sull’US Open, è di nuovo motivata dai Giochi. “Dopo la nascita di mio figlio ho avuto un anno per prepararmi per Pechino. Immagino che fosse questa la vera forza motrice” ha ammesso. “(…)le Olimpiadi sono un forte richiamo”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The Evans Report: Lesson From Lindsay , Richard Evans, Tennis Week

Like her fellow Serb Novak Djokovic, Ana Ivanovic has a received a wake-up call at the Sony Ericsson Open. Both won the Pacific Life Open at Indian Wells last Sunday but both have failed to survive the first week of this tournament although Ivanovic at least has the excuse of falling to a proven, world class competitor.Kevin Anderson, the young South African qualifier who beat Djokovic, may become that in the future but Lindsay Davenport does not need anyone to trumpet her credentials. The Californian, who is challenging former Wimbledon champion Evonne Goolagong Cawley to become the most successful mother to play at the top level, totally outplayed Ivanovic on the Stadium Court here this afternoon 6-4, 6-2.Ivanovic, the No. 2 seed, was on the back foot from the start, obviously thrown out of her usually smooth rhythm by the power and accuracy of Davenport’s thunderous returns.“I haven’t played against many players who can return so well and so deep,” admitted Ivanovic. “She’s just a great player and she deserved to win.”

Click here for the full story

A lezione da Lindsay

Come il suo compatriota Novak Djokovic, Ana Ivanovic ha ricevuto una brusca sveglia al Sony Ericsson Open. Entrambi hanno vinto il Pacific Life Open di Indian Wells domenica scorsa, ma entrambi non sono riusciti a sopravvivere alla prima settimana di questo torneo, sebbene la Ivanovic abbia la scusa di essere caduta contro un’avversaria di provata classe mondiale. Kevin Anderson, il giovane sudafricano che ha battuto Djokovic, potrebbe diventarlo in futuro, ma Lindsay Davenport non ha bisogno che qualcuno ne sottolinei le credenziali. La californiana, che sta sfidando la ex campionessa di Wimbledon Evonne Goolagong Cawley per diventare la madre più vincente a grandi livelli, ha completamente surclassato la Ivanovic sul campo centrale questo pomeriggio, vincendo 64 62.La Ivanovic, num.2 del seeding, è stata costretta ad arretrare fin dall’inizio, scalzata dal suo consueto ritmo fluido dalla potenza e precisione delle risposte fulminanti della Davenport. “Non ho giocato con molte giocatrici che sappiano rispondere così bene e così profondo,” ha ammesso la Ivanovic. “Lei è semplicemente una grande giocatrice e ha meritato di vincere.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Lindsay Davenport continues her strong comeback at Sony , Charles Bricker, South Florida Sun-Sentinel

The Old Lady is back, not just on the Sony Ericsson WTA Tour, but in the rarefied air of elite women’s tennis. Those who weren’t convinced Sunday afternoon by the way 31-year-old Lindsay Davenport hammered back just about every second serve she looked at or by the barge load of shots she stroked to within a half-inch of Ana Ivanovic’s baseline could listen to testimony from Ivanovic herself.“She played like a top-10 player, easily. She has the game and today she played very well,” said Ivanovic, who looked anything but the No. 2 player in women’s tennis in this 6-4, 6-2 defeat.Her abrupt, third-round departure from the Sony Ericsson Open puts a hold, however temporary, on the ongoing Serbian fairy tale in which Ivanovic and her compatriot, Australian Open winner Novak Djokovic, have been rising together toward the top of the game.

Click here for the full story

Lindsay Davenport prosegue nel suo grande ritorno a Key Biscayne

La Vecchia Signora è tornata, non solo nel circuito, ma anche nell’aria rarefatta della vette del tennis femminile. Quelli che domenica pomeriggio non erano convinti dal modo in cui la 31enne Lindsay Davenport ha martellato su pressoché ogni seconda di servizio avversaria, o dalla gran numero di colpi piazzati a circa 5 centimetri dalla riga di fondo di Ana Ivanovic, può ascoltare la testimonianza dell’Ivanovic stessa. “Ha giocato come una top 10, semplicemente. Possiede il gioco e oggi ha giocato molto bene,” ha detto la Ivanovic, che è sembrata tutto tranne che la n.2 del mondo in questa sconfitta subita per 64 62.La sua brusca sconfitta al terzo turno mette in pausa, seppur temporanea, la “favola serba” in corso di svolgimento, in cui la Ivanovic e il suo compatriota, il vincitore degli Australian Open Novak Djokovic, si stanno issando verso la vetta del tennis.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Justine Henin, experte à Miami, La Dernière Heure

Elle a confirmé face à Errani son retour en forme. Elle affronte aujourd’hui la Russe Elena VesninaMIAMI Tout roule pour Justine Henin ! En roue libre, sans jamais être mise en danger, la championne belge a dominé hier l’Italienne Sara Errani (WTA 73) en deux petits sets (6-2, 6-1) et s’est ainsi qualifiée tranquillement, en une heure, pour les huitièmes de finale du tournoi de Miami.Consciente d’avoir raté son début de saison, malgré le titre remporté à Anvers, la Rochefortoise touche visiblement les dividendes du travail foncier effectué ces trois dernières semaines, loin du stress du circuit. On la sent concentrée, affûtée et agressive. Son jeu est plus solide, son coup droit plus long et plus performant et, surtout, son attitude générale plus conquérante.Certes, tout n’est pas parfait. Il y a, çà et là, quelques petits déchets qui traînent. Hier, Justine n’a ainsi passé que 51 % de premiers services. Mais elle a gagné 95 % des points sur ses premières balles : c’est dire si elle sera redoutable dans ce secteur clé du jeu lorsqu’elle aura parfaitement réglé tous les paramètres.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Justine Henin, specialista a Miami

Ha confermato di fronte alla Errani il suo ritorno in forma. Affronta oggi la Russa Elena VesninaMIAMI Tutto senza intoppi per Justine Henin! A ruota libera, senza mai essere messa in pericolo, la campionessa belga ha dominato ieri l’Italiana Sara Errani (WTA 73) in due piccoli set (6-2, 6-1) e si è così qualificata tranquillamente, in un’ora, per gli ottavi di finale del torneo di Miami. Cosciente di avere mancato il suo inizio di stagione, nonostante il titolo vinto ad Anversa, la Belga riscuote i dividendi del lavoro di base effettuato in queste ultime tre settimane, lontana dalle fatiche del circuito. La si sente concentrata, in forma ed aggressiva. Il suo gioco è più solido, il suo diritto più profondo e più efficiente e, soprattutto, il suo atteggiamento generale più vincente. Certamente, non è tutto perfetto. C’è, qua e là, qualche piccola scoria che rimane. Ieri, Justine ha così messo in campo soltanto il 51% di prime palle. Ma ha vinto il 95% dei punti sulla prima: come a dire che sarà temibile in questo settore chiave del gioco quando avrà perfettamente regolato tutti i parametri.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Miami - Mauresmo n’y arrive pas , lequipe.fr

Amélie Mauresmo a été éliminée dès le troisième tour du Tier 1 de Miami après sa défaite contre la modeste Chinoise Zheng Jie en trois manches (5-7, 6-4, 6-4). La Française pourra nourrir de gros regrets à l’issue d’une rencontre qu’elle avait les moyens de boucler en deux manches, après avoir mené 7-5, 4-2. Les tournois d’Indian Wells (défaite au troisième tour contre Alona Bondarenko) et Miami ne lui ont pas permis de reprendre confiance. La Serbe Ana Ivanovic (n°2) a mordu la poussière face à Lindsay Davenport (6-4, 6-2).Toujours à la recherche de son meilleur niveau, sous une forte chaleur, Mauresmo a alterné le bon et surtout le moins bon contre une Chinoise mal classée (216e). Dans les deux premiers sets, la Française a connu un scénario similaire, avec une conclusion différente, malheureusement pour elle. Deux fois, elle avait pourtant fait le break au meilleur moment, dans le septième jeu, pour faire la course en tête. Mais à chaque fois, elle a laissé la Chinoise revenir en perdant son service dans la foulée. Dans le premier set, elle a quand même fini par s’imposer 7-5 après un nouveau break au 11e jeu. Dans la seconde manche, elle ne s’est pas relevée du retour de Zheng (4-6).

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Miami - Mauresmo non ce la fa

Amélie Mauresmo è stata eliminata al terzo turno del Tier 1 di Miami dopo la sua sconfitta contro la modesta cinese Jie Zheng in tre set (5-7, 6-4, 6-4). La francese potrà nutrire un grande rammarico al termine di una partita che aveva i mezzi per aggiudicarsi in due set, dopo avere condotto 7-5, 4-2. I tornei di Indian Wells (sconfitta al terzo turno contro Alona Bondarenko) e Miami non gli hanno permesso di riprendere fiducia. La serba Ana Ivanovic (n°2) ha morso la polvere di fronte a Lindsay Davenport (6-4, 6-2).Sempre alla ricerca del suo migliore livello, sotto un forte calore, Mauresmo ha alternato il buono e soprattutto il meno buono contro una cinese classificata 216. Nei primi due set, la francese ha vissuto uno scenario simile, con una conclusione diversa, purtroppo per lei. Due volte, aveva fatto il break al momento migliore, nel settimo gioco, per fare corsa in testa. Ma ogni volta, ha lasciato la cinese rientrare perdendo il suo servizio. Nel primo set, ha comunque finito per imporsi 7-5 dopo un nuovo break all’11 gioco. Nel secondo set, non si è riuscita a difendere dal ritorno di Zheng (4-6).

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Mathieu l’hyper-réaliste , Régis Aumont, Sports.fr

Paul-Henri Mathieu s’est qualifié, dimanche, pour les 1/8e de finale du Masters Series de Miami. «Paulo» a eu raison de Carlos Moya (7-6, 7-5) lors d’un match équilibré au cours duquel l’Alsacien s’est montré très réaliste. Fabrice Santoro a bien failli imiter son cadet en offrant une belle résistance devant James Blake. Toujours aussi vert, «Battling Fab» est tombé avec les honneurs en trois sets (6-3, 6-7, 6-4). La défaite fut plus amère pour Amélie Mauresmo, tombée sans gloire face à la 174e joueuse mondiale Jie Zheng (5-7, 6-4, 6-4).Le match presque parfait. Voilà ce qu’a réalisé Paul-Henri Mathieu, dimanche, sous le chaud soleil de Key Biscayne face à Carlos Moya lors du troisième tour du Masters Series de Miami. A l’exception d’une petite panne lorsqu’il a servi pour le gain de la rencontre à 5-4 au second set, ce qui lui a valu de disputer deux jeux supplémentaires, le Strasbourgeois a géré à la perfection sa partie face à l’ex-numéro 1 mondial, toujours 21e à 31 ans passés. Peu habitué autrefois à sortir vainqueur des matches au couteau, surtout contre des joueurs de premier plan, «Paulo» s’est montré très efficace pour mettre fin à une série de trois défaites consécutives concédées devant le Majorquin.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Mathieu l’iper-realista

Paul-Henri Mathieu si è qualificato, domenica, per gli ottavi di finale dei Masters Series di Miami. “Paulo” ha avuto ragione di Carlos Moya (7-6, 7-5) in occasione di un incontro equilibrato durante il quale l’alsaziano si è mostrato molto realistico. Fabrice Santoro è quasi riuscito ad imitare il suo cadetto offrendo una bella resistenza contro James Blake. Il sempre verde, “Battling Fab” è caduto con onore in tre set (6-3, 6-7, 6-4). La sconfitta è stata più amara per Amélie Mauresmo, caduta senza gloria di fronte alla 174 giocatrice mondiale Jie Zheng (5-7, 6-4, 6-4).L’incontro quasi perfetto. Ecco che cosa ha realizzato Paul-Henri Mathieu, domenica, sotto il caldo sole di Key Biscayne contro Carlos Moya in occasione del terzo Turno del Masters Series di Miami. Ad eccezione di un piccolo passaggio a vuoto quando ha servito per la partita sul 5-4 del secondo set, che lo ha costretto a giocare due giochi supplementari, il Francese ha gestito alla perfezione la sua partita contro l’ex-numero 1 mondiale, sempre 21 a 31 anni suonati. Poco abituato nel passato ad uscire vincitore dagli incontri tirati, soprattutto contro giocatori di primo piano, “Paulo” si è mostrare molto efficace per porre fine ad una serie di tre sconfitte consecutive subite dal Maiorchino.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 30 MarchAggiornato il 30 Marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Andy Roddick a little lucky at Sony Ericsson , Charles Bricker, South Florida Sun - Sentinel (Un po’ di fortuna per Andy Roddick, al Sony Ericsson di Miami)- Djokovic fall lessens load on Murray’s tall order , Richard Yago (La caduta di Djokovic alleggerisce il peso dalle spalle di Murray)- Time to put up or shut up in Miami , Kamakshi Tandon (È tempo di emergere o di tacere a Miami)- Anderson celebrates Djokovic win, eurosport.com (Anderson festeggia la vittoria su Djokovic)- Mathieu passe, Grosjean trépasse , Nicolas Cerbelle, sport24.com (Mathieu passa, Grosjea trapassa)- Monfils encore un peu court , Florian Egly, sport24.com (Monfils ancora un po’ scarso)- Le réveil de Benneteau , Cédric Callier, sport24.com (Il risveglio di Benneteau)- Malgré ses doutes…, Cédric Callier, sport24.com (Nonostante i suoi dubbi…)

Andy Roddick a little lucky at Sony Ericsson , Charles Bricker, South Florida Sun - Sentinel

KEY BISCAYNE - There was the no-look Cincinnati slammer and the wild rally at the U.S. Open in which Andy Roddick wound up watching his winner after leaping a short wall and standing in the front row of the sideline stands.But this wild sell-out scramble at the Sony Ericsson Open on Saturday afternoon might be his all-time greatest zinger.First, a mad dash for a sharply angled volley that Roddick returned from inside the right doubles alley before screeching to a halt five feet past the doubles line. Then, a quick turn and a 20-yard sprint after Viktor Troicki’s volley into the open court.Running diagonally for the opposite corner with his right arm stretched to full length and with who knows how many fingers still clutching his racket, Roddick backhanded the ball crosscourt past the stunned Troicki, placing it one inch, if that, inside the sideline.“I knew I wasn’t going to be able to get enough on it if I hit down the line to even have an impact or to get it past him, so I figured that was pretty much the only shot I had,” Roddick said.Does the shot have a name? “Lucky,” Roddick replied, deadpan.This spectacular piece of artistry, which sent Roddick into a strut and the stadium audience into a lather, came on the first point of the final game and Roddick quickly served it out at 40-30 to win his opening match here 5-7, 6-2, 6-4.

Click here for the full story

Un po’ di fortuna per Andy Roddick, al Sony Ericsson di Miami

Key Biscayne - C’era stato quel passante spalle alla rete a Cincinnati e il feroce scambio, agli Us Open, in cui Roddick era finito a guardare il suo vincente fin dalla prima fila degli spalti, dopo aver saltato un muricciolo.Ma questa pazzesca rincorsa al Sony Ericsson Open, sabato pomeriggio, potrebbe essere stato il suo colpo migliore di sempre.Dapprima un incredibile balzo per rimandare di là una volée angolatissima, tirando coi piedi già all’interno del corridoio destro del doppio, prima di inchiodarsi a più di un metro e mezzo dalla linea laterale. Poi, una rapida girata, e una corsa di venti metri a riprendere la volée a campo aperto di Viktor Troicki.Correndo in diagonale verso l’angolo opposto del campo, col braccio destro in completo allungo e con chissà quante dita ancora a impugnare la racchetta, Roddick ha tirato un crossettino di rovescio, rimandando la palla a dir tanto a tre centimetri dalla riga laterale, oltre lo stupefatto Troicki.“Sapevo che tirando in lungolinea non sarei più’ riuscito ad arrivare sulla palla o a passarlo, ed ho quindi concluso che quello era l’unico colpo che avevo a disposizione” ha poi detto Roddick.Questo colpo ha un nome?“Fortunato”- ha risposto Roddick, impassibile.Questa spettacolare opera d’arte, che ha fatto impettire d’orgoglio Roddick e mandato in visibilio il pubblico, è arrivato proprio nel primo punto dell’ultimo gioco, con Roddick che poi ha chiuso velocemente col servizio, sul 40-30, per vincere qui il suo incontro d’esordio, 5-7 6-2 6-4.Non ha certo giocato il suo miglior tennis, e a un certo punto, a metà del primo set, aveva una percentuale di prime palle in campo solo del 37%, quasi trenta punti percentuali in meno della sua media usuale.Ma dopo aver ottenuto il break ed essersi issato 4-2 nel secondo set, le cose hanno iniziato a mettersi a posto. Con cinque prime palle consecutive è andato 5-2, chiudendo con un ace, e nel terzo set ha annullato tutte le cinque palle break che ha dovuto fronteggiare.Roddick aveva bisogno di una rivincita dopo aver perso al primo turno di Indian Wells da Tommy Haas, ed il suo prossimo avversario sarà il qualificato Ivo Minar, che ha già battuto in Coppa Davis un anno fa, su terra battuta.Certamente ricercherà una maggiore consistenza al servizio. Nella sua vittoria a Dubai, la prima settimana di marzo, la sua percentuale di prime aveva oscillato tra il 58 e il 79%. Contro Haas, solo il 53%. Nel primo set con Troicki, solo il 41%, prima di riavvicinarsi ai suoi normali standard nei due set conclusivi.“In realtà non sentivo di colpire male la palla dal fondo, nel primo set, però stavo semplicemente giocando solo con la seconda di servizio” ha detto Roddick “Questo rende le cose difficili, e non è proprio il mio gioco’.E quel gran colpo nell’ultimo gioco?“Un colpo bizzarro, sì, ma eccolo là! Non ti capita tutti i giorni di fare un colpo come quello”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

fall lessens load on Murray’s tall order , Richard Yago

Andy Murray’s hopes of challenging for his first Masters Series title may be a little easier following the dramatic fall of Novak Djokovic, the defending champion, at the first hurdle here yesterday.It was quite a shock to see the player who won last week’s Masters Series in Indian Wells and the man who beat Roger Federer to win the year’s first Grand Slam, lose to a qualifier ranked 122 in the world.Kevin Anderson, a Chicago-based 6ft 7in South African who won 7-6, 3-6, 6-4, although he might never have made it but for a furore over Djokovic’s persistent ball bouncing while serving for a 3-0 final set lead.[…]Even in practice against Marin Cilic it was evident that Murray was feeling keenly how big a match his opening encounter with Mario Ancic today is.

Click here for the full story

La caduta di Djokovic alleggerisce il peso dalle spalle di Murray

Le speranze di Andy Murray di raggiungere il suo primo titolo Masters Series potrebbero essere facilitate dalla drammatica sconfitta subita da Novak Djokovic, il campione uscente, che si è trovato di fronte al primo ostacolo nella giornata di venerdì. È stato uno shock vedere l’uomo che ha vinto il Masters Series della scorsa settimana a Indian Wells e che ha battuto Roger Federer per poi aggiudicarsi il primo Slam dell’anno sconfitto da un giocatore uscito dalle qualificazioni e classificato n 122 del mondo. Kevin Anderson, il ragazzone sudafricano di 6 piedi e 7 pollici e residente a Chicago, ha sconfitto Djokovic per 7-6, 3-6, 6-4. Tuttavia avrebbe potuto anche non farcela se non fosse stato per il serio richiamo rivolto al serbo per la sua abitudine di far rimbalzare le palle persistentemente, accaduto quando era in vantaggio per 3-0 e servizio nel terzo set.[…]Anche durante l’allenamento con Marin Cilic era evidente quanto Murray avvertisse l’importanza del suo match odierno di apertura a Miami contro Mario Ancic.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Time to put up or shut up in Miami , Kamakshi Tandon

With the second of back-to-back Masters Series events just under way, it’s time for some of the game’s elite to step out of the murky waters they’ve been entrenched in for some time and post results we’ve become accustomed to. For others, the Sony Ericsson Open might only augment the shifting of the guard in tennis. Here are five questions to ponder:Will Roger Federer and Rafael Nadal re-establish their stranglehold on the men’s game?If they bring their best stuff, there’s no reason they can’t battle it out in the final again. But bringing their best is something they haven’t done so far this year, and that’s the whole problem.Semifinal defeats at Indian Wells left their double-barreled dominance looking shaky for the first time in years, and marked the first time since 2004 that one of them did not win the Pacific Life Open. Federer’s exit to the zoning Mardy Fish was the most puzzling, given the one-sidedness of the match and Federer’s declaration afterward that he was “not that disappointed.” All eyes will be on him at Miami to see whether it was just a one-off or a more sustained dip in his level of play.

Click here for the full story

È tempo di emergere o di tacere a Miami

Con il secondo torneo Masters Series in corso, è giunto il momento per alcuni giocatori d’elite di uscire allo scoperto e ottenere quei risultati a cui ci hanno abituati. Per altri invece, i Sony EricssonOpen potrebbero consolidare il passaggio della guardia nel tennis. Ecco qui 5 domande da ponderare, la prima: Roger Federer e Rafael Nadal riusciranno a ristabilire il loro monopolio nel tennis maschile? Se mostreranno il loro repertorio migliore, non c’è ragione per cui non possano raggiungere ancora la finale. Ma il loro miglior tennis non si è ancora visto questo anno. E il problema è tutto qui. La doppia sconfitta in semifinale a Indian Wells ha fatto tremare il loro dominio per la prima volta dopo anni, segnando anche il fatto che per la prima volta dal 2004 nessuno di loro due ha vinto il titolo dei Pacific Life Open. L’uscita di Federer per mano di Mardy Fish ha creato le maggiori perplessità, considerando che il match è stato a senso unico e che Federer ha dichiarato nel dopo-partita che non era insoddisfatto della sua prova. Tutti gli occhi saranno puntati su di lui a Miami per vedere se questa sconfitta è stata casuale o se si tratta di un vero e proprio calo nel suo livello di gioco.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Anderson celebrates Djokovic win , eurosport.com

South African Kevin Anderson was before this month an unknown player from Johannesburg who had come to the United States to play collegiate tennis at the University of Illinois.The world number 122 is quickly making a name for himself on the ATP tour, however, upsetting defending champion and world number three Novak Djokovic 7-6 3-6 6-4 to claim his first victory over a top-10 player at the Miami Masters on Friday. After five semesters at college, Anderson decided to leave university where he was an All-American three years running and the 2007 Big 10 Player of the Year. “I think looking back I feel pretty happy with the decision I made,” the 21-year-old Anderson said. “It was really hard at first, especially the first couple of months, suddenly being by myself and knowing that I still had another year left at school. “I just felt in my heart that I was ready to play.” Taught to play the game by his father Michael, Anderson still thinks of himself as just a college kid. In fact, his thoughts were not totally on Djokovic as he knew his Illinois team mates were also heading to a big tournament.

Click here for the full story

Anderson festeggia la vittoria su Djokovic

Il sudafricano Kevin Anderson era, prima di questo mese, un giocatore sconosciuto di Johannesburg arrivato negli Stati Uniti per giocare a tennis nella squadra dell’Università dell’Illinois. Il numero 122 del mondo sta adesso diventando un nome nel circuito ATP dopo aver sconfitto il numero 3 Novak Djokovic per 7.6, 3-6, 6-4, ottenendo la sua prima vittoria su un giocatore top-ten al Masters di Miami lo scorso venerdì. Dopo 5 semestri passati al college, Anderson ha deciso di lasciare l’Università dove era stato eletto miglior giocatore del 2007. ‘Guardandomi indietro sono parecchio contento della decisione che ho preso’ ammette il giocatore ventunenne, aggiungendo anche che ‘all’inizio è stata molto dura, specialmente i primi due mesi, perché mi sono trovato da solo e con la consapevolezza di avere un intero anno di università davanti a me. Ma dentro di me ho sentito che ero pronto per questo passo’. Anderson, che ha imparato a giocare a tennis dal padre, si sente ancora come un ragazzino del college. E infatti i suoi pensieri non erano rivolti solo a Djokovic ma anche ai suoi compagni di squadra che stavano giusto andando a un altro grande torneo universitario.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Mathieu passe, Grosjean trépasse , Nicolas Cerbelle, sport24.com

Exempté de premier tour, Paul-Henri Mathieu faisait son entrée au Masters Series de Miami face à Marin Cilic, un joueur qu’il rencontrait pour la première fois sur le circuit ATP. Facile vainqueur du Belge Kristof Vliegen l’avant-veille (6/3 6/2), le Croate démarrait mieux la partie. Il profitait notamment de la panne de premières balles de l’Alsacien (48% de réussite) pour faire le break à deux reprises dans le premier set, qu’il remportait logiquement (4/6). Curieusement, le natif de Mostar s’effondrait totalement dans la manche suivante. Ne passant plus qu’une première balle sur trois, il se faisait renvoyer dans les cordes quasiment systématiquement par un PHM enfin réveillé (6/1). L’ultime acte, bien que plus disputé, tournait également en faveur de l’Alsacien (6/4). Au 3e tour, il pourrait retrouver son compatriote Nicolas Mahut, à condition que celui-ci se débarrasse de Carlos Moya. Sébastien Grosjean n’a pas connu la même réussite. S’il s’était facilement défait d’un Gustavo Kuerten en préretraite au 1er tour (6/1 7/5), il avait une tâche beaucoup plus difficile à accomplir ce vendredi contre Radek Stepanek. Tête de série n°27, le Tchèque n’a jamais cédé sa mise en jeu, malgré quatre occasions de break en faveur du Marseillais. Il s’impose logiquement en deux sets secs (6/3 6/3). C’est la première fois de sa carrière qu’il bat Grosjean après trois tentatives infructueuses.

Click here for the full story

Mathieu passa, Grosjea trapassa

Esentato dal primo turno, Paul-Henri Mathieu ha esordito al Masters Series di Miami contro Marin Cilic, un giocatore che incontrava per la prima volta nel circuito ATP. Facile vincitore del belga Kristof Vliegen due giorni prima (6/3 6/2), il Croato ha iniziato meglio la partita. Ha approfittato in particolare della difficoltà con la prima palla di servizio dell’Alsaziano ( 48 % di realizzazione) per far il break per ben due volte nel primo set che ha logicamente vinto. Curiosamente, il nativo di Mostar è crollato nel secondo parziale. Non servendo che una prima palla su tre, ha subito quasi sistematicamente la risposta al corpo di PHM, finalmente risvegliatosi (6/1). Il terzo set, molto ben giocato, andava ugualmente all’Alsaziano(6/4). Al 3° turno, potrebbe ritrovare il suo compatriota Nicolas Mahut a condizione che quest’ultimo si sbarazzi di Carlo Moya. Sébastien Grosjean non ha ottenuto lo stesso successo. Dopo essersi facilmente sbarazzato al 1° turno di Gustavo Kuerten ormai in prepensionamento (6/1 7/5), aveva un compito ben più difficile da compiere contro Radek Stepanek. Testa di serie numero 27, il Ceco non ha mia ceduto il sevizio e malgrado quattro opportunità di break in favore del Marsigliese ha finito logicamente per imporsi (6/3 6/3). E’ la prima volta della sua carriera che batte Grosjean dopo tre tentativi falliti.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Monfils encore un peu court , Florian Egly, sport24.com

Gaël Monfils s’est logiquement incliné au 2e tour du tournoi de Miami contre Roger Federer, plus réaliste (6/3 6/4). Andy Murray et David Ferrer ont également été éliminés alors qu’Andy Roddick et Nikolay Davydenko ont souffert.Federer aime les Français20. C’est le nombre de victoires consécutives décrochées par Roger Federer contre des joueurs français après son succès sur Gaël Monfils au 2e tour à Miami. A l’instar de Nicolas Mahut, balayé la semaine dernière à Indian Wells (6/1 6/1), et de tous ses compatriotes depuis Richard Gasquet à Monte-Carlo en 2005, le Parisien est tombé sous les coups du numéro 1 mondial. Vainqueur de son premier match depuis septembre 2007 au tour précédent contre John Isner, «la Monf’» n’a pas démérité, victime simplement d’une différence de réalisme, criante dans le 2e set. «J’ai essayé de jouer agressif. Je ne n’ai pas pu aller autant au filet que je le souhaitais parce qu’il s’est vraiment amélioré en deuxième service. Mais dans l’ensemble j’ai très bien volleyé, et j’ai très bien joué les points importants», commentait le Suisse après coup. Injouable dans la première manche, avec 83 % de première balle et seulement 3 points perdus sur ses engagements (6/3), le Bâlois a dû courber l’échine dans le 2e set, écartant 7 balles de break au total.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Monfils ancora un po’ scarso

Gaël Monfils si è logicamente inchinato al 2 turno del torneo di Miami di fronte a Roger Federer, più realistico (6/3 6/4). Andy Murray e David Ferrer sono stati anche eliminati mentre Andy Roddick e Nikolay Davydenko hanno soffertoFederer ama i francesi20 è il numero di vittorie consecutive colte da Roger Federer contro giocatori francesi dopo il suo successo su Gaël Monfils al 2 turno a Miami. Sul modello di Nicolas Mahut, spazzato la settimana scorsa a Indian Wells (6/1 6/1), e di tutti i suoi compatrioti da Richard Gasquet a Monte-Carlo nel 2005, il parigino è caduto sotto i colpi del numero 1 mondiale. Vincitore del suo primo incontro dal settembre 2007 al turno precedente contro John Isner, “Monf’” non ha giocato male, vittima semplicemente di una differenza di realismo, palese nel 2 set. “Ho provato a giocare aggressivo. Non ho potuto andare a rete quanto avrei voluto perché aveva migliorato molto la seconda di servizio. Ma nell’insieme ho giocato molto bene le volée, ed i punti importanti “, commentava lo Svizzero in seguito. Ingiocabile nel primo set, con l’83% di prime palle e soltanto 3 punti persi al servizio (6/3), l’abitante di Basilea ha dovuto piegarsi nel 2 set, evitando 7 palle break in totale.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Le réveil de Benneteau , Cédric Callier, sport24.com

Décevant en ce début d’année, Julien Benneteau semble en mesure de passer la vitesse supérieure à Miami après son succès au 2e tour contre Ivo Karlovic. Prochain adversaire : Jo-Wilfried Tsonga, qui s’est défait de Jurgen Melzer. Arnaud Clément, lui, a sombré.Un jeu décisif survoléJulien Benneteau va-t-il profiter de ce Masters Series de Miami pour lancer enfin sa saison ? En effet, hormis une demi-finale au mois de janvier à Auckland, le Bressan n’a guère fait d’étincelles jusqu’à présent. Un constat qu’il pourrait modifier en Floride puisqu’il vient de s’offrir le scalp d’Ivo Karlovic au terme d’une belle bataille de plus de deux heures. Pourtant, la partie n’avait pas vraiment commencé de la meilleure manière qui soit pour le Tricolore. En panne de premières balles avec un maigre pourcentage de 46%, Benneteau subissait les assauts du Croate, qui ravissait par deux fois l’engagement du Français. Et comme dans le même temps, Karlovic s’avérait intouchable sur sa propre mise en jeu en ne concédant que deux petits points lors de cette manche initiale, celle-ci filait à vitesse grand V dans l’escarcelle de la tête de série numéro 19 (3/6).

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Il risveglio di Benneteau

Deludente in quest’inizio d’anno, Julien Benneteau sembra in grado di cambiare marcia a Miami dopo il suo successo al 2 turno contro Ivo Karlovic. Prossimo avversario: Jo-Wilfried Tsonga, che ha demolito Jurgen Melzer. Arnaud Clément, invece, è colato a piccoUn tie break sorvolatoJulien Benneteau approfitterà di questi Masters Series di Miami per rilanciare infine la sua stagione? Infatti, a parte una semifinale nel mese di gennaio a Auckland, il Francese fino ad oggi non ha certo fatto scintille. Una constatazione che potrebbe cambiare in Florida perchè si è appena preso lo scalpo di Ivo Karlovic al termine di una bella battaglia di oltre due ore. Tuttavia, la partita non era realmente cominciata nel migliore dei modi per il tricolore. In affanno sulla prima palla con una magra percentuale del 46%, Benneteau subiva gli attacchi del croato, che conquistava due volte il servizio del francese. E allo stesso tempo, Karlovic risultava intoccabile al servizio, concedendo soltanto due piccoli punti in occasione di questo set iniziale, che filava a grande velocità in tasca alla testa di serie numero 19 (3/6).

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Malgré ses doutes…, Cédric Callier, sport24.com

Au terme d’un duel très serré face à la Chinoise Shuai Peng, Amélie Mauresmo a fini par s’imposer en trois sets (4/6 6/2 7/6). Une victoire plus précieuse que glorieuse pour la Saint-Germanoise.Par les temps qui courent, faire le difficile après un succès d’Amélie Mauresmo serait malvenu. Et ce, même si dans le camp d’en face l’adversaire se nomme Shuai Peng, modeste 56e joueuse mondiale. Et ce également même si la manière n’a franchement pas été au rendez-vous tout au long d’une rencontre ayant duré près de deux heures et demie et durant laquelle la Française aura alterné le bon et le très médiocre. Le très médiocre d’abord puisque symbole des doutes actuels de la Saint-Germanoise, elle concédait d’emblée sa mise en jeu pour… ne jamais plus réussir à revenir dans cette première manche, finalement perdue 4/6. Un score qui rappelait alors celui du premier affrontement entre les deux joueuses, à Pékin l’an dernier. Peng avait empoché le premier set sur une marque identique, avant de s’effondrer pour s’incliner (4/6 6/4 6/2). Ce scénario pouvait-il se reproduire à Miami ? Il était permis de le penser puisque après quatre premiers jeux où chacune laissait filer plusieurs balles de break (2-2), Mauresmo plaçait un brutal coup d’accélérateur pour prendre par deux fois le service adverse et revenir à un set partout (6/2). Las, derrière, la Tricolore n’enchaînait pas.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Nonostante i suoi dubbi…

Al termine di un duello molto serrato contro la cinese Shuai Peng, Amélie Mauresmo ha finito per imporsi in tre set (4/6 6/2 7/6). Una vittoria più preziosa che gloriosa per la Francese.Con i tempi che corrono, non è opportuno fare il difficile dopo un successo di Amélie Mauresmo. E questo, anche se dall’altra parte della rete l’avversaria si chiama Shuai Peng, modesta 56 giocatrice mondiale. E questo anche se il modo sinceramente non è stato dei migliori, nel corso di una partita che è durata quasi due ore e mezza e durante la quale la francese ha alternato il buono e il molto mediocre. Il molto mediocre inizialmente perché, a riprova dei dubbi attuali della Francese, concedeva di primo acchito il servizio per… non riuscire più a rientrare in questo primo set, perso alla fine 4/6. Un punteggio che ricordava allora quello del primo confronto tra le due giocatrici, a Pechino l’anno scorso. Peng aveva intascato il primo set su un punteggio identico, prima di crollare per inchinarsi (4/6 6/4 6/2). Questo scenario poteva riprodursi a Miami? Era lecito pensarlo perché dopo i primi quattro giochi in cui ciascuna sciupava molte palle break (2-2), Mauresmo piazzava un forte colpo d’acceleratore per prendersi due volte il servizio avversario e ritornare ad un set pari (6/2). Stanca, la tricolore non riusciva a continuare la volata.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

29 March29 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- The Evans Report: Bolt Bounces Champ , Richard Evans (Il campione uscente colpito da un fulmine a ciel sereno)- Past losses won’t deter Blake, Susan Miller Degnan, miamiherald.com (Blake dimentica le veccchie sconfitte)- The wisdom of Andy Roddick, Charles Bricker, Sun Sentinel (La saggezza di Andy Roddick)- Safin denies he will quit after Miami loss, Cnn.com (Safin nega di voler lasciare dopo Miami)- Novak Djokovic falls from pedestal as Kevin Anderson causes upset, Neil Harman, The Times (La sorpresa Anderson fa cadere Djokovic dal piedistallo)- Borg sees Nadal replacing Federer as world number one , Eurosport.co.uk (Borg vede in Nadal il successore di Federer come numero uno)- Federer turns thoughts to Beijing , Eurosport.co.uk (Federer rivolge i suoi pensieri a Pechino)- Djokovic upset at Sony , sportsillustrated.cnn.com (Djokovic sconfitto a Miami)- Kiefer gewinnt Marathon-Match, sportbild.de (Kiefer vince incontro-maratona)

The Evans Report: Bolt Bounces Champ , Richard Evans

The sensations are coming early at this year’s Sony Ericsson Championships. Mardy Fish losing to Arnaud Clement after reaching the final at Indian Wells was a shock but predictable in a way. Not so the bolt from the clear blue skies that hit the Indian Wells champion Novak Djokovic here this afternoon.The man who was the reigning champion out here on Key Biscayne; the man who won the Australian Open in January and has been breathing down the necks of Rafael Nadal and Roger Federer all year was out served and outhit by a tall, lean 21-year-old South African qualifier called Kevin Anderson 7-6(1), 3-6, 6-4.“I felt in my heart I was ready to play and, obviously, it was a tremendous experience for me,” Andersons aid. “It was tough because he was moving so well and a couple of times I was almost ready to let up because he was he was hitting so hard. But I sort of got a second wind at the start of the third set and and got a lot more confidence when he started to make a couple of mistakes.”The answer was emphatic.. Off went Anderson’s cap to reveal the sweaty blond curls as the young man held his head in his hands, trying to make sense of the thoughts that were swirling in his brain. He must have known; as we now know now, that he is going to give South Africa the tennis star it has been craving for so long.“I lost focus with the time violation and lots of things,” said Djokovic as he tried to collect himself afterwards. He deserved to win. He surprised me with the way he served because I have never seen him before. I wasn’t moving well enough on my returns and I wasn’t aggressive enough. He’s so tall you don’t expect him to move as well as he does. He has good co-ordination. He’s a good player.”Anderson, who studies at Illinois University and returns to Champagne to train, said he began realizing he could compete with some of the best players just a few weeks ago. He started playing tennis at six and was coached by his father in Johannesburg before Craig Tiley, the former South African Davis Cup captain who is now tournament directoor of the Australian Open, suggested Anderson go to Illinois where Tiley himself had coached.

Click here for the full story

Il campione uscente colpito da un fulmine a ciel sereno

Le sorprese arrivano presto quest’anno a Miami. La sconfitta patita da Mardy Fish contro Clement e’ stata sorprendente, ma in fondo uno stop piuttosto prevedibile, dopo la straordinaria settimana dell’americano a Indian Wells. Non si puo’ certo dire altrettanto della vittoria del qualificato Andersson su Novak Djokovic, accolta come un fulmine a ciel sereno. Il campione uscente, vincitore degli Australian Open e serissimo pretendente alla poltrona di numero uno mondiale, preso a pallate da un lungagnone ventunenne sudafricano. “ Dentro di me mi sentivo pronto per questa partita”, dichiara un entusiasta Andersson, “ E’ stata durissima perche’ lui si muove magnificamente sul campo e colpisce benissimo, a un certo punto stavo quasi per mollare, poi invece ha cominciato a sbagliare qualcosa e io ho preso fiducia e sono stato bravo ad approfittarne.” Possiamo tranquillamente affermare che il Sud Africa ha finalmente trovato quella stella di prima grandezza che ha atteso a lungo. Djokovic riconosce i meriti dell’avversario : “ Ha meritato di vincere. Da uno cosi’ alto non ti aspetti che sia anche così coordinato, invece e’ un ottimo giocatore. Non l’avevo mai visto e il suo servizio sinceramente mi ha sorpreso”. Andersson, studente all’Universita’ dell’ Illinois, ha confessato di aver capito di poter diventare un giocatore vero solamente poche settimane fa.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Past losses won’t deter Blake, Susan Miller Degnan, miamiherald.com

At 28, James Blake already has plenty of perspective.”There’s a lot of things that get tougher,” “There are so many differences when you’re ranked higher and getting older and all the kinds of things that go with it. It’s being able to deal with all of the differences. . . .“Obviously, if you’re Top 10, you have guys gunning for you. They have nothing to lose when they’re playing you, and they have no pressure. But you also clearly get some of the perks. You maybe get a nicer hotel room, or you get, I don’t know, a Mercedes instead of a little Geo Metro rental car. So there are perks, but there are also some of the responsibilities.“You have to understand you have a bigger fan base. In my opinion, you have to try to be a role model for them.””I have to be realistic in knowing there are going to be times in my career where I don’t play as well as I can,” Blake said after last year’s loss. “ . . . There’s always next year.””I’m just continuing to play my game,” Blake said Friday. “That’s the biggest thing that experience teaches you, learning exactly what your best game plan is and not straying from it too quickly.“For me, that’s playing kind of first-strike tennis, playing aggressive, going after guys with my forehand — instead of backing off and playing passive.”Despite falling early before in this tournament, Blake said it was a ”great” one.”I do have some fond memories,” he said. “It’s one of the first tournaments that I felt like I had done well when I beat guys like [Fabrice] Santoro and [Guillermo] Canas, and I had a pretty good match with Lleyton Hewitt.“So I have good memories, and it’s relatively close to home for me. I can actually drive from home, so I like that. There is plenty to do for the players — it’s obviously Miami and has a lot of great restaurants.“I’m happy to be playing here. I just hope I can do better than I have in the past.”

Click here for the full story

Blake dimentica le veccchie sconfitte

Raggiunti i 28 anni, James Blake vede piu’ chiaramente le sue prospettive. “ Più si va avanti più si fa difficile “, dichiara James. “ Avere una posizione di classifica alta e invecchiare comporta molte difficoltà… Devi essere bravo a gestirle. Se sei un top ten, incontri giovani avversari che ti affrontano sapendo che non hanno nulla da perdere, giocano senza pressioni. Ovviamente però ci sono anche molti vantaggi , come ottenere una camera migliore negli alberghi, ricevere una Mercedes invece che un’utilitaria…, insomma benefici ce ne sono indubbiamente, ma le responsabilità aumentano. Nonostante questo torneo non gli abbia mai portato molta fortuna, Blake ama giocare in Florida: “ E’ relativamente vicino a casa mia, posso arrivarci con la macchina, quindi mi sento a mio agio qui. Le opportunità che questo posto puo’ offrire ai giocatori sono tante, siamo a Miami…” Adesso mi sto semplicemente concentrando sul mio tennis. Oramai ho compreso che la cosa migliore per me e’ cercare di riuscire a giocare il piu’ possibile secondo le mie caratteristiche, cioè giocare aggressivo aprendomi il campo con il diritto. Spero proprio di riuscire a farlo e di migliorare il risultato che ho raggiunto l’anno scorso ”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The wisdom of Andy Roddick, Charles Bricker, Sun Sentinel

To most, Andy Roddick is still that antic guy dating various Los Angeles entertainment personalities, occasionally sassing a linesperson or chair umpire and, particularly after victories, offering up a little comic relief to reporters.But in the last couple of years he’s grown into one of the wisest and most introspective players on the ATP tour, perhaps never more than this afternoon, when he spoke at length and with great insight about the meaning of confidence in tennis.It had been suggested to Roddick that great athletes are born with confidence or somehow are gifted with it.No, said Roddick. Confidence comes with winning. It’s that simple. You don’t just turn it on.“Michael Jordan, when he first came back, he lost the series to the Orlando Magic and the ball got stolen from him with 40 seconds left. You don’t remember that because of how great he is normally. You’re probably not going to remember this stretch in Roger Federer’s career 10 years from now.“You’re only going to remember the really high moments, because that’s what gets celebrated and etched in your mind.“The thing about being an athlete, every day you come to the office, you have to beat someone. It’s not like being an actor where you have one movie and you’re celebrated forever and you don’t need to do anything, and that’s what you’re remembered for.“As an athlete, you have to come every day and beat the guy across the net. If he’s low in confidence and wins matches, I don’t see how you can say that’s not going to help.“If you lose a couple matches in a row, that’s going to affect you. I don’t care if you’re Albert Einstein at the Intelligence Olympics. It’s going to affect you.“The only thing that can get your confidence back — and I can tell you because I had a confidence crisis a couple years ago — nothing can recreate that feeling than actually going out and doing it. It’s winning matches that helps make you fell better about the situation.”

Click here for the full story

La saggezza di Andy Roddick

Per molti, Andy Roddick e’ rimasto quel ragazzo un po’ guascone che ama la bella vita e che ogni tanto fa parlare di se per aver insultato qualche giudice di linea o suscitato ilarita’ durante una conferenza stampa. Negli ultimi due anni, invece, si e’ saputo trasformare in uno dei piu’ saggi e riflessivi giocatori del circuito. Andy ha voluto esprimere un concetto davvero interessante a proposito della fiducia di un giocatore. “ La fiducia te la puo’ dare solo una vittoria.Non e’ vero che i grandi atleti ci sono nati e ce l’hanno sempre avuta. Per uno sportivo di alto livello non e’ come un attore, che puo’ indovinare un bel film ed essere ricordato per tutta la sua carriera, senza pensare a dover fare altro. A uno sportivo si presenta ogni giorno una sfida diversa. Ogni volta, ti trovi davanti un giocatore dall’altra parte della rete e tu devi batterlo. Se ti capita di iniziare a perdere un paio di partite, la tua autostima comincia a risentirne. Puoi anche essere Michael Jordan, o Albert Einstein, ma si ripercuote sul tuo morale. L’unica cosa che puo’ ridarti la fiducia e’ la vittoria. E’ quella sensazione che ti fa sentire meglio e ti spinge a scendere in campo convinto di potercela fare anche la prossima volta ”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Safin denies he will quit after Miami loss, Cnn.com

Struggling Marat Safin denied he would quit tennis after falling to a humiliating defeat at the ATP Masters Series tournament in Miami. Two-time grand slam champion Safin lost to American qualifier Bobby Reynolds 7-6 4-6 7-6 in the opening round, his fifth straight defeat in 2008 against a solitary victory.The 28-year-old Russian, who has suffered a string of injuries, said he was now healthy and not tired of tennis.“If I was tired, I would have stopped a long time ago,” he told the Associated Press.“I’m trying, and it doesn’t come out my way. But that doesn’t mean that I have to stop because I’m not winning matches. I enjoy what I’m doing. I have plenty of cash to do what I want to do, so what I want to do is play tennis.”Safin has not won a title since the 2005 Australian Open, and his ranking has fallen from 56th to 90th since the start of the year.After winning the opening set on a tiebreaker, Safin was broken for the only time in the match in the second set as Reynolds, ranked 104 in the world leveled.Safin led 3-1 in the deciding set tiebreaker but unforced errors cost him dear as Reynolds took the victory.American Mardy Fish, who beat Roger Federer on the way to a runner-up finish last week at Indian Wells, also crashed out to Frenchman Arnaud Clement, 6-3 6-3.“It’s obviously a little disappointing to go out so early here,” Fish said. “But I’m going to take a lot of memories from last week,” he told Associated Press.

Click here for the full story

Safin nega di voler lasciare dopo Miami

Molto deluso dopo la netta sconfitta subita per mano dell’americano Reynolds, Safin ha voluto smentire indiscrezioni trapelate dopo il match che lo volevano addirittura prossimo a lasciare il tennis. Il ventottenne russo dichiara anzi di essersi pienamente ripreso dall’infortunio e di non voler abbandonare: “ Se mi fossi stancato del tennis avrei lasciato molto tempo fa. Sto cercando di tornare ai miei livelli, ma per ora non mi riesce. Questo pero’ non significa che io debba alzare bandiera bianca perche’ sto perdendo alcuni match. Mi piace quello che faccio. Ho abbastanza soldi per permettermi di fare cio’ che voglio, ed e’ giocare a tennis. Safin non vince un torneo dal gennaio 2005 quando riusci’ a portarsi a casa il trofeo degli Australian Open e ha visto precipitare la sua classifica al numero 90 dell’ ATP.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Novak Djokovic falls from pedestal as Kevin Anderson causes upset, Neil Harman, The Times

Kevin Anderson had remained largely under the tennis radar until he barged his way from the qualifying competition all the way into the final of the Tennis Channel Open in Las Vegas a couple of weeks ago. Having qualified again in South Florida, he really made a name for himself as he brought down the defending champion and the man who had set off in 2008 like he wanted to blaze an unstoppable trail.Coming here from Indian Wells, where he had taken the title in bravura style, the Serb’s tank ran dry on his first appearance, although the kind of opponent he faced yesterday is one of those from a nightmare. Before Djokovic had time to adjust to the court colour, the scenery or have time to pick up the pace of the ball, it was flying around his ears and elbows, sent there by a straw-haired qualifier who stands 6ft 7in.Djokovic did not look like the best player in the world this year from the moment he stepped onto the court. Anderson simply went on doing what he obviously does best, unleashing a serve that has three different stages, clubbing his returns and never giving the world No 3 an inch from the back of the court.Anderson won 7-6, 3-6, 6-4 and, to be fair to him, Djokovic was quick to acknowledge the size of the win — and his opponent — while Anderson walked around with his hands across the top of his head, truly staggered by the immensity of his achievement. There are not many players who outmanoeuvre Djokovic from the baseline but Anderson did just that, to wild acclaim.

Click here for the full story

La sorpresa Anderson fa cadere Djokovic dal piedistallo

Kevin Andersson e’ rimasto a lungo confinato nell’anonimato del tennis prima di aver sorpreso tutti a Las Vegas raggiungendo la finale dopo essere passato attraverso le qualificazioni. Qui a Miami non solo e’ riuscito nuovamente a guadagnarsi un posto nel tabellone principale, ma aver sconfitto il campione uscente Djokovic gli permettera’ di raggiungere una inaspettata notorieta’. Reduce dal trionfo di Indian Wells, dove ha sbaragliato la concorrenza, il serbo ha dovuto arrendersi al primo ostacolo, anche se l’avversario in cui e’ incappato ieri e’ uno di quelli scomodi, da incubo.Prima che Djokovic potesse abituarsi e acclimatarsi con lo scenario di Miami, si e’ trovato seppellito dalle bordate dell’altissimo Sudafricano. Dal momento in cui ha fatto il suo ingresso in campo, Novak e’ sembrato lontano parente di quel fantastico giocatore che aveva incantato il mondo del tennis in questi primi mesi. Andersson ha semplicemente cominciato sin dall’inizio del match ad adottare la tattica piu’ congeniale per lui, ovvero sparare i suoi straordinari servizi e colpire dal fondo. Djokovic non ha cercato troppe scuse e ha semplicemente riconosciuto i meriti del suo strabiliante avversario, protagonista di una straordinaria esultanza alla fine del match. Non sono molti i giocatori capaci di sostenere i forsennati ritmi del serbo da fondocampo e di mantenerli per tutto l’incontro. Oggi Andersson lo ha fatto ed e’ giusto celebrarlo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Borg sees Nadal replacing Federer as world number one , Eurosport.co.uk

Swedish tennis great Bjorn Borg has tipped Spain’s Rafael Nadal to replace Switzerland’s Roger Federer as the world number one player in a newspaper interview published Friday. “I believe the Spaniard will be the heir to the throne,” he told Spanish sports daily AS, adding 21-year-old Nadal was “working to become a total, complete player.” Number two ranked Nadal’s physically demanding style should not be a hindrance, he said. “The same thing was said about me. That my style of play led to injuries, but I love his tennis. It’s clear that he has to take care, not play too much. But he is young and he has a great future ahead of him,” said Borg. World number three Novak Djokovic of Serbia could also aspire to the top spot “but in the future”, he said. Asked if Federer could become the greatest tennis player in history, Borg said: “Ask me again in two or three years. If he doesn’t have injuries and concentrates on tennis, is motivated, it is clear that he can.”

Click here for the full story

Borg vede in Nadal il successore di Federer come numero uno

Il grande giocatore svedese Bjorn Borg ha rivelato in un intervista pubblicata su un quotidiano che sarà Rafael Nadal il successore di Roger Federer al posto di numero uno nel tennis mondiale. ‘Penso che lo spagnolo sarà il successore al trono’ ha detto l’asso svedese, aggiungendo che il ventunenne Nadal sta lavorando sodo per diventare un giocatore veramente completo. Per lo svedese lo stile di gioco di Nadal, che richiede un grande dispendio fisico, non dovrebbe costituire un impedimento. ‘Dicevano la stessa cosa di me, che il mio tipo di gioco porta a contrarre infortuni’ ha detto Borg, ‘Amo il suo tennis. È chiaro che deve giocare con attenzione e non giocare troppo. Ma è giovane e ha una grande carriera che lo aspetta davanti a lui.’ Del numero tre in classifica, il serbo Novak Djokovic, Borg ha detto che può aspirare anche lui a raggiungere il top, ma… nel futuro. Infine, alla domanda se Federer potrà essere considerato il più grande giocatore nella storia del tennis Borg ha risposto ‘chiedetemelo di nuovo tra due o tre anni. Se non subisce infortuni e si concentra solo sul tennis ed è sufficientemente motivato, è ovvio che può farcela’.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer turns thoughts to Beijing , Eurosport.co.uk

Although the 2008 tennis season is barely three months old, Swiss world number one Roger Federer and other leading players are already turning their thoughts towards the Beijing Olympics in August. For Federer, the Olympic Games are close to the grand slams in importance while Australian Open champion Novak Djokovic believes they might rank even higher because they take place only once every four years. American Lindsay Davenport will never forget the stirring memories of her triumphant debut at the Atlanta Games in 1996 and Russian Svetlana Kuznetsova says she would prefer to win an Olympic gold medal this year over any of the grand slams. “For me, it’s a big priority of the year,” Federer, a winner of 12 grand slam titles, told reporters during the Pacific Life Open at Indian Wells this month. “The (ATP) tour actually bases its entire schedule around the Olympics Games and I follow that scheme. I want to play in this year’s Olympics and I’m going to be there.

Click here for the full story

Federer rivolge i suoi pensieri a Pechino

Sebbene la stagione tennistica 2008 sia appena iniziata, il numero uno Roger Federer e altri giocatori al comando della classifica pensano già da ora ai Giochi Olimpici che si svolgeranno a Pechino in Agosto. Federer considera i Giochi Olimpici alla stregua di un torneo del Grand Slam, mentre addirittura il campione degli Australian Open, Novak Djokovic, li considera persino più importanti di uno Slam perché si svolgono solo ogni quattro anno. L’americana Lindsay Davenport dice che non dimenticherà mai il momento del suo trionfante debutto ai Giochi di Atlanta nel 1996 e la Russa Svetlana Kuznetsova dichiara che questo anno preferirebbe vincere la medaglia d’oro Olimpica più di ogni altra prova dello Slam. Durante un’intervista al torneo Pacific Life Open appena conclusosi a Indian Wells Federer ha dichiarato che per lui le Olimpiadi sono una grande priorità questo anno. Federer ha aggiunto che il tour ATP ha pianificato tutta la sua organizzazione attorno ai Giochi Olimpici e che lui seguirà lo stesso schema.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Djokovic upset at Sony , sportsillustrated.cnn.com

Novak Djokovic often bounces the ball more than a dozen times before serving, and the tedious ritual may have cost him a match Friday. The defending champion at the Sony Ericsson Open went into a funk after being warned for taking too much time between points, then blew a third-set lead to lose his opening match. Qualifier Kevin Anderson, a 6-foot-7 former NCAA doubles champion at Illinois, beat the third-ranked Djokovic 7-6 (1), 3-6, 6-4. Djokovic won his first Grand Slam title at this year’s Australian Open and was coming off a title at Indian Wells last week. But he struggled from the start against Anderson and was rattled by the warning from the chair umpire. Serving at 2-0 in the third set, Djokovic won the next point after the warning to reach deuce, then lost 13 points in a row. Jeers from the crowd further agitated him, and by the time Djokovic collected himself, Anderson was up a break at 3-2. “I didn’t focus myself in that moment,” Djokovic said. “But, you know, that’s OK. It’s all part of the game.”

Click here for the full story

Djokovic sconfitto a Miami

Novak Djokovic spesso fa rimbalzare la palla più di una dozzina di volte prima di servire. Questo rituale tedioso può essergli costato il match di apertura di venerdì. Il campione in carica del torneo Sony Ericsson Open si è spazientito quando è stato richiamato dal giudice di sedia per aver fatto passare troppo tempo fra un punto e l’altro. Poi ha buttato via il terzo set, dove era in vantaggio, finendo per perdere il suo incontro di apertura. Kevin Anderson, il campione di doppio NCAA dell’Illinois, un ragazzone alto 6 piedi e 7 pollici proveniente dalle qualificazioni, ha battuto il numero tre Novak Djokovic col punteggio di 7-6 (1), 3-6, 6-4. Djokovic ha vinto il suo primo Grande Slam questo anno agli Australian Open ed è stato il vincitore del titolo al torneo di Indian Wells la scorsa settimana. Ma contro Anderson ha fatto fatica fin dall’inizio e si è innervosito dopo essere stato richiamato dal giudice di sedia. Sul 2-0 e servizio nel terzo set, Djokovic ha vinto il punto successivo al warning portandosi 40 pari, poi ha perso 13 punti di fila. Gli schiamazzi del pubblico lo hanno ulteriormente agitato, e quando Djokovic è tornato in se stesso Anderson ormai era avanti di un break 3-2. ‘Ho completamente perso la concentrazione in quel momento’ avrebbe detto Djokovic, ‘ma anche questo fa parte del gioco’.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Kiefer gewinnt Marathon-Match, sportbild.de

Nicolas Kiefer hat beim ATP-Masters-Turnier in Miami die zweite Runde erreicht. Der 30-Jährige besiegte in seiner Auftaktpartie Guillermo Garcia-Lopez nach 2:22 Stunden mit 4:6, 7:6 (11:9), 6:4. Der Spanier war als sogenannter Lucky Loser für Tommy Haas nachgerückt. Der Hamburger hatte wenige Stunden vorher das Duell gegen Kiefer aufgrund seiner anhaltenden Nasennebenhöhlen-Entzündung absagen müssen. “Ich stand irgendwie immer vor der Tür, bin aber nicht durchgekommen. Jetzt habe ich vielleicht die Tür durchbrochen, und es hat gezündet”, hofft der 30 Jährige, der in der zweiten Runde auf den Finnen Jarkko Nieminen trifft. (…)Ebenfalls in der zweiten Runde steht Michael Berrer aus Stuttgart. Der 27-Jährige setzte sich in seinem Auftaktduell in 85 Minuten mit 6:4, 6:4 gegen den Niederländer Robin Haase durch. In seiner nächsten Partie trifft die Nummer 64 der Weltrangliste auf Igor Andrejew aus Russland. Zuvor hatten auch schon Benjamin Becker und Angelique Kerber den Sprung in die zweite Runde geschafft. Ausgeschieden ist derweil Rainer Schüttler. Der Weltranglisten-92. verlor seine Auftaktpartie gegen Julien Benneteau aus Frankreich mit 6:1, 1:6, 2:6. Dabei dominierte der Deutsche seinen 26-jährigen Kontrahenten zunächst klar und gewann den ersten Satz nach nur 25 Minuten mit 6:1. In den Durchgängen zwei und drei verlor Schüttler jedoch insgesamt viermal sein Service und war letztlich chancenlos. Benneteau verwandelte nach 90 Minuten seinen zweiten Matchball zum Sieg.

Hier Klicken , um die ganze Nachricht zu lesen

Kiefer vince incontro-maratona

Nicolas Kiefer ha raggiunto il secondo turno del Masters Series di Miami. Il 30enne ha sconfitto nella sua partita d’esordio dopo 2 ore e 22 minuti Guillermo Garcia-Lopez, con il punteggio di 4:6, 7:6 (11:9), 6:4. Lo spagnolo era entrato in tabellone in qualità di Lucky Loser a seguito del ritiro di Tommy Haas. Il giocatore di Amburgo, qualche ora prima del duello con Kiefer, ha dovuto disdire la sua partecipazione al torneo a causa di un’infiammazione ai seni paranasali. “Era come se stessi sempre di fronte ad una porta senza riuscire ad entrare. Adesso forse ho sfondato questa porta, ed è stato come un’esplosione”, spera Kiefer (riferito al suo gioco ed alla sua condizione, N.d.T.), che al secondo turno affronterà il finlandese Jarkko Nieminen.(…) Giocherà il secondo turno anche il ventisettenne Michael Berrer. Il giocatore di Stoccarda si è imposto nel suo match d’apertura in 85 minuti sull’olandese Robin Haase, con il punteggio di 6:4, 6:4. Nel prossimo incontro sfiderà il numero 64 della classifica ATP, il russo Igor Andreev. In precedenza avevano già centrato il passaggio al secondo turno Benjamin Becker e Angelique Kerber. E’ stato eliminato invece Rainer Schüttler. Il numero 92 del ranking è uscito al primo turno perdendo dal francese Julien Benneteau con il punteggio di 6:1, 1:6, 2:6. In un primo momento il tedesco ha nettamente dominato il suo 26enne sfidante, vincendo sei giochi ad uno il primo set dopo soli 25 minuti. Nei due successivi set Schüttler ha perso complessivamente quattro volte il servizio, rimanendo rapidamente senza chances. Benneteau ha messo a segno il suo secondo matchpoint per aggiudicarsi la vittoria dopo 90 minuti di incontro.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in tedesco)

Update 28 MarchAggiornato il 28 Marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- These little guys belie conventional wisdom that bigger is better, Ravi Ubha, ESPN.com (“Più grande è meglio è!”, questi giocatori tascabili smentiscono il detto)- ‘Slump’ doesn’t faze Federer, Linda Robertson, Miami Herald (La “crisi” non turba Federer)- Back to reality for Fish , Michelle Kaufman, Miami Herald (Ritorno alla realtà per Fish)- Time for Federer to find a coach, Doug Adler, Fox Sports (Per Federer è tempo di trovare un coach)- Tour of duty takes its toll on injured Maria Sharapova , Neil Harman, The Times (Il circuito chiede il suo prezzo all’infortunata Maria Sharapova)- Roger Federer to check glandular fever , Mark Hodgkinson, Telegraph (Roger Federer farà ulteriori controlli per la mononucleosi)- Ana Ivanovic and Novak Djokovic challenge for top honours , Neil Harman, The Times(La sfida al vertice di Ana Ivanovic e Novak Djokovic)- Davydenko talks tough to anti-corruption team , Matt Scott, The Guardian (Duro Davydenko contro la commissione anti-corruzione)- President Djokovic?, Charles Bricker, Sun-Sentinel.com (Djokovic presidente?)- The trouble with Roger Federer. Signs point to a slump for Federer, not a decline , Jon Wertheim, Si.com (Il caso Roger Federer. Sono i segni di una crisi, non del declino)- Williams sisters mum on father’s controversial remarks , Charles Bricker, Sun Sentinel (Silenzio delle Williams sulle controverse dichiarazioni del padre)- Monfils sort du tunnel, Lefigaro.fr (Monfils esce dal tunnel)

These little guys belie conventional wisdom that bigger is better , Ravi Ubha, ESPN.com

Olivier RochusCountry: BelgiumAge: 27Height: 5-6Rank: 71Rochus must have donned some boots for his 2008 measurement in the player guide — he was bumped up from 5-foot-5 the season before to 5-foot-6. Still, he’s the shortest player of any note on the circuit.That Federer guy from Switzerland, yeah, he’s got game. Rochus, it seems, is up there, too.“You can’t really compare it to Roger Federer because he’s more complete, but when you talk about skills and talent, I think he has the best hands there are on the tour,” said Filip Dewulf, a French Open semifinalist in 1997 and former Davis Cup teammate.Rochus, blessed with blazing speed and, like Kohlschreiber, a sparkling one-handed backhand, hasn’t mirrored the achievements of Federer, his old friend from their junior days. But he has shown flashes of brilliance. He’s come closer than anyone else to finally ending the world No. 1’s winning streak on grass — which stands at an imposing 54 — squandering four match points in the quarterfinals of the Gerry Weber Open in Halle, Germany two years ago.Rochus strung together solid back-to-back seasons starting in 2005, reaching a career-high ranking of 24th and winning in Munich for his second career title.Perhaps inevitably, given how hard he needs to work to win points, his form dipped last year, and this campaign his record is a modest 5-7. Not helping is a lingering injury to his serving shoulder that will require surgery at the end of 2008, according to Dewulf.“I’m not sure how long he will last or if he can get to the same level that he did two years ago,” he said. “It’s going to be difficult because men’s tennis is getting more and more demanding, certainly on the physical front.”Rochus has outshone his older and slightly taller brother, Christophe. The latter cracked the top 40 in May 2006, but now hovers around 200 in the rankings and spends most of his time on the challenger circuit.

Click here for the full story

“Più grande è meglio è!”, questi giocatori tascabili smentiscono il detto

Olivier RochusPaese: BelgioEtà: 27Altezza: 5-6 piedi (circa 1,70 metri)Classifica: 71Rochus deve aver indossato degli stivali con il tacco durante le misurazioni per la stagione 2008 nella guida dei giocatori – è passato da 5 piedi e 5 dell’anno precedente a 5 piedi e 6 di quest’anno. Ma è noto che lui è il giocatore più basso del circuito.Quel ragazzo svizzero, Roger Federer, si ha un buon gioco. Ma pare che anche Rochus non sia da meno.“Non lo si può davvero paragonare a Roger Federer perché lui è più completo, ma quando si parla di abilità e talento, penso che lui abbia la mano migliore del circuito” ha detto Filip Dewulf, semifinalista agli Open di Francia nel 1997 ed ex giocatore della squadra belga di Davis.Rochus, dotato di grande rapidità e, come Kohlschreiber, di uno splendido rovescio ad una mano, non ha mai raggiunto i risultati di Federer, suo vecchio amico sin da quando erano junior. Ma Olivier ha mostrato lampi di luce, è arrivato ad un passo dall’interrompere la striscia di vittorie consecutive sull’erba del n°1 del mondo - che è arrivata a 54 - sprecando 4 match points nei quarti di finale al Gerry Weber Open ad Halle, in Germania due anni fa.Rochus sta disputando delle solide stagioni partendo dal 2005, raggiungendo la 24esima posizione in classifica, suo best ranking, e vincendo a Monaco il suo secondo titolo in carriera.Forse era inevitabile, dato quanto deve lottare per conquistarsi un punto, il suo calo di forma dello scorso anno, e questo spiega perchè il suo record è un modesto 5-7. Non ha aiutato un lieve infortunio alla sua spalla destra che ha necessitato un intervento alla fine del 2008, d’accordo con Dewulf.“Non so quanto potrà ancora durare la sua carriera o se potrà mantenere lo stesso livello di gioco di due anni fa”, dice. “Sarà difficile perchè il tennis maschile sta diventando sempre più dispendioso, soprattutto nella parte fisica.”Rochus ha superato suo fratello maggiore, di poco più alto, Christophe, che ha raggiunto la posizione 40 nel maggio del 2006, ma ora è oltre la 200esima posizione e trascorre la maggior parte del tempo nel circuito challenger.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

‘Slump’ doesn’t faze Federer , Linda Robertson, Miami Herald

If you think perhaps Roger Federer is losing sleep, losing hair or losing his cool, you would be wrong. Federer might be losing matches, but he is not losing confidence. The man is a Swiss timepiece. It’s the perfect metaphor. Precise on the tennis court, inexorable off it.What is all the hubbub, Federer would like to know, about a few losses? Why all the angst that he has not won a tournament in 2008? How come everyone is rushing to predict the end of his run?”A pity,” Federer said when describing a match that didn’t go his way. […]Federer is ranked No. 1, as he has been for four years, two months. He has a 315-25 record since 2004. He has won three Grand Slam titles in three of the past four years. At age 26, he has won 12 Slams, just two short of Pete Sampras’ record.So why is the tennis world aflutter? Why all the twittering about a slump, a word as jarring attached to Federer as a nose ring would be on the regal king.Well, he just hasn’t been himself. […]Federer was diagnosed with mononucleosis after the Australian Open, which would explain his lack of bounce and his inability to ”go from defense to offense,” he said. “That is when I realized something was just really weird.”But Federer said his bout with mono ”did not disturb me in a crazy way.” He was still able to play, and he’s not using it as an excuse. Why, then, for the first time in four years, has he failed to win a title in the first quarter of the year? […]”Roger has kind of created a monster where, similar to Tiger Woods, it’s not really a story about the guy winning, it’s about him losing last week to [Geoff] Ogilvy,” Andy Roddick said, referring to the world’s two most dominant athletes.[…]No ulcers for Federer. His fingernails are intact. He refuses to accept the notion he must win at Crandon Park reestablish his supremacy, his aura. For his friend Tiger, a loss at Doral isn’t the kind that ”distracts him too much,” Federer said. “It’s all about getting the green jacket in a couple weeks.”And for Federer, it’s all about the Grand Slams.[…]Let’s not rush to see him falter, but savor his shots and his fortitude. He won’t be No. 1 forever, but you get the feeling he will decide when to bow out as gracefully as he’s reigned.”A pity,” as Federer would say.

Click here for the full story

La “crisi” non turba Federer

Se pensate che Federer non stia dormendo la notte,stia perdendo i capelli o il suo sangue freddo, vi sbagliate. Federer starà anche perdendo partite ma non la sua fiducia. Quell’uomo è un orologio svizzero.E’ la metafora perfetta. Preciso sul campo da tennis, inesorabile al di fuori.Perché tutto questo baccano, si chiede Federer, su un paio di sconfitte? Perché tutta questa angoscia sul fatto che non abbia ancora vinto un torneo nel 2008? Come possono tutti affrettarsi in questo modo nel predire la fine della sua carriera?“Un peccato” ha detto Federer per descrivere un match che non gli è andato bene. […]Federer è il numero 1, come lo è stato per quattro anni e due mesi. Ha un record di 315 vittorie e 25 sconfitte dal 2004. Ha vinto tre titoli del grande Slam in tre dei passati quattro anni. A 26 anni, ha già vinto 12 Slams, solo due in meno del record di Pete Sampras.Allora perché il mondo del tennis è in agitazione? Perché tutto questo vociferare su una crisi, una parola così stridente se accostata a Federer almeno quanto un anello al naso del re. Semplicemente, non è stato se stesso. […]Gli è stata diagnosticata la mononucleosi dopo gli Australian Open, che spiegherebbe la sua mancanza di elasticità e la sua incapacità di “andare dalla difesa all’attacco”, dice. “E’ allora che ho capito che c’era qualcosa di molto strano”.Ma Federer dice che il suo breve periodo di mono “non mi ha disturbato in modo strano”. Era comunque in grado di giocare e non usa la malattia come scusa. Allora perché per la prima volta in quattro anni non è riuscito a vincere un titolo nel primo quarto dell’anno?[…]“Roger ha creato una specie di mostro e come nel caso di Tiger Woods, non è una storia di un ragazzo che vince, ma piuttosto di lui che ha perso la scorsa settimana da [Geoff] Ogilvy,” dice Andy Roddick, riferendosi ai due atleti più dominanti del mondo. […]Nessun’ulcera quindi per Federer. Le sue unghie sono ancora intatte. Si rifiuta di accettare l’idea che debba vincere a Crandon Park per ristabilire la sua supremazia, la sua aura. Per il suo amico Tiger, una sconfitta a Doral non è il tipo di sconfitta che “lo distrae troppo”, dice Federer. “ Si tratta di ottenere la “green jacket” fra un paio di settimane”.E per Federer si tratta invece di vincere gli Slams.[…]Non affrettiamoci nel vederlo vacillare, ma gustiamoci i suoi colpi e la sua forza d’animo. Non sarà il numero uno per sempre, ma la sensazione è che sarà lui a decidere quando ritirarsi così elegantemente come ha regnato.“Un peccato”, direbbe Federer.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Back to reality for Fish, Michelle Kaufman, Miami Herald

Mardy Fish walked onto Stadium Court on Thursday in a bright blue shirt that matched the afternoon sky, which was only fitting because that is where the 40th-ranked American had been residing for the previous five days — high above the clouds.Fish was coming off a stunning victory over Roger Federer in the semifinals at Indian Wells, the culmination of a week in which he knocked off three top-10 players. He admitted he was having a hard time coming down from the high, which partly explains how he went from beating perhaps the best player in tennis history to losing 6-3, 6-3 to 75th-ranked Arnaud Clement in the first round of the Sony Ericsson Open.Those go-for-broke groundstrokes were still there, but not enough of them. Fish had four break chances in the second set against the sunglass-wearing Frenchman and could not capitalize.”As far as the roller coaster, it’s still quite high,” Fish said. “It’s not going to be easy to come down from that quickly. It’s extremely hard to come back from such a high and try to do it all over again. Physically, I feel fine. It’s the mental part. . . . OK, now I’m in the first round again.“I really feel like beating all those great players maybe I should get a bye like maybe into the quarters or something. That’s obviously not the case. “I would love to stick around and play well here, and it’s obviously a little disappointing to go out so early, but mentally, it’s really tough.”

Click here for the full story

Ritorno alla realtà per Fish

Fish è arrivato sul campo centrale martedì indossando una maglietta azzurra intonata al cielo pomeridiano, adatta solo perché il cielo era il luogo dove era stato nei cinque giorni precedenti, in alto sopra alle nuvole.Fish arrivava da una sbalorditiva vittoria su Roger Federer nella semifinale di Indian Wells, culmine di una settimana nella quale aveva sconfitto tre top 10. Ha ammesso che è stata dura ridiscendere dai piani alti, e questo spiega in parte come gli sia stato possibile superare quello che è forse il miglior giocatore di sempre e poi perdere da Clement, numero 75 del mondo, al primo turno del Sony Ericsson Open.I devastanti colpi da fondo erano ancora lì, ma non sono bastati. Fish ha avuto quattro possibilità di fare il break nel secondo set contro il francese (che indossava gli occhiali da sole), ma non è riuscito a capitalizzarle.“Finchè le montagne russe sono ancora in alto, non è facile dover scendere velocemente”, ha detto Fish. “Dover scendere da tali altezze e ricominciare da capo è durissima. Fisicamente stavo bene, ma mentalmente…Va bene,sono di nuovo al primo turno.”“Forse avendo battuto tutti questi grandi giocatori avrei dovuto ottenere un bye per i quarti,o qualcosa del genere. Ovviamente non è accaduto.”“Mi sarebbe piaciuto giocare bene qui, e ovviamente è un po’ deludente uscire così presto, ma da un punto di vista mentale, era veramente dura”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Time for Federer to find a coach , Doug Adler, Fox Sports

When it comes to Roger Federer’s recent woes, everybody in the tennis world is talking and everyone seems to have an opinion. Some say it could be psychological, others say it’s totally physical. No one really knows what’s going on with him. It’s all a big question mark. What we do know is his ability to intimidate opponents — as he’s done for so long — is starting to diminish. Many of Federer’s matches over the past four years have been decided before he actually had to hit a ball. Most opponents have rarely produced their best against him and have been psyched out from the word “play.” That’s understandable when you’re up against greatness. Everyone else becomes very average.Not this year, though. It’s got to be so difficult to stay motivated and keep your edge when you’ve dominated the sport as long as Roger. Trust me, these are scary times regardless of how he spins it to the media. […]With this in mind, it’s time for Federer to stop the bleeding. He needs a fresh pair of eyes who can command his attention and respect — not an easy task. […]There is one man with the complete tool belt that could help Federer like no one else. He would command Roger’s respect, as he is a genius both on and off the court. He is an avid admirer of Federer’s talent and would require nothing less than excellence from the world number one — Andre Agassi.

Click here for the full story

Per Federer è tempo di trovare un coach

Quando si parla dei recenti scivoloni di Roger Federer, tutti nel mondo del tennis sembrano avere un’opinione in merito. Qualcuno può dire che la ragione sia psicologica, qualcun altro fisica. Nessuno sa realmente cosa stia succedendo. E’ un grosso punto di domanda. Quello che conosciamo davvero è che la sua capacità di intimidire gli avversari - l’ha fatto per molto tempo - sta diminuendo. Molti dei match di Federer negli ultimi 4 anni si sono decisi prima che lui dovesse colpire una sola palla. La maggior parte degli avversari raramente hanno dato il loro meglio contro di lui, e hanno perso psicologicamente fin dalla parola “play”. E’ comprensibile quando giochi contro la grandezza. Tutti diventano molto nella media.Non quest’anno, però. Dev’essere molto difficile rimanere concentrato e mantenere il tuo margine quando si domina lo sport per così a lungo come ha fatto Roger. Fidatevi, questi sono tempi temibili, non importa ciò che lui continua a dire ai media. […]Con questo in mente, è tempo per Federer di fermare l’emorragia. Ha bisogno di un paio di occhi nuovi che possano avere la sua attenzione e il suo rispetto - e non è cosa facile. […]C’è un uomo con tutti gli strumenti adatti, che potrebbe aiutare Federer come nessun altro. Avrebbe il totale rispetto di Roger, dato che è un genio sia sul campo che fuori. E’ un grande ammiratore del talento di Federer, e richiederebbe niente meno che l’eccellenza dal numero uno del mondo. E’ Andre Agassi.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tour of duty takes its toll on injured Maria Sharapova , Neil Harman, The Times

The cover of the March issue of Ocean Drive, South Florida’s coffee table glam-rock magazine, has Maria Sharapova clad in black leather perched upon a Harley-Davidson. It is a jaw-dropping image. A pity, then, that just as the ignition is about to be turned on a Masters Series tournament here that has become the epitome of sport and showbiz, her engine has spluttered to a halt.When the leading players of women’s tennis gathered on the Sony Ericsson Open’s purple welcome mat yesterday, the blonde who has just become the sponsor’s signature client was a long way back in their slipstream, although she had flown from California to show off her injured right shoulder in public.The effects of the injury were enough to persuade the Russian that putting herself through the rigours of this particular tennis extravaganza would work against her season - a motive that may be deemed as self-serving but which underscored her importance to the health and vitality of the tour in general. How can they solve the problem of a tournament without Maria?

Click here for the full story

Il circuito chiede il suo prezzo all’infortunata Maria Sharapova

Il numero di marzo di Ocean Drive, una rivista da bar della South Florida, ha in copertina Maria Sharapova in pelle nera su una Harley Davidson. E’ un’immagine che fa cascare la mascella. Un peccato, quindi, che proprio quando si sta per accendere il Masters Series che qui è diventato epitome di sport e show-biz, il motore della russa sia fermato.Quando le migliori giocatrici si sono ritrovate all’evento di benvenuto del Sony Ericsson Open ieri, la bionda che è appena diventata sponsor del marchio non è stata la protagonista, sebbene sia volata qui dalla California per mostrare al pubblico la sua spalla infortunata.Gli effetti dell’infortunio sono stati sufficienti a convincere la russa che tirarsi fuori dai rigori di questa particolare stravaganza tennistica la aiuti per il prosieguo della stagione - un motivo che può essere etichettato come egoista ma che sottolinea la sua importanza per la salute e la vitalità del circuito in generale. Come possono risolvere il problema di un torneo senza Maria?

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Roger Federer to check glandular fever , Mark Hodgkinson, Telegraph

Roger Federer disclosed yesterday that he will probably have medical tests done after the Sony Ericsson Open to check that his body is clear of the glandular fever that has complicated his season so far. Still, Federer believes that he has already made a strong recovery from the illness, saying that he was feeling good ahead of his first match in Miami.Professional tennis players cannot be too careful about staying healthy on the tour, and so Federer has also taken the precaution of monitoring his heart rate during training sessions. […]“I’ll probably go and do one more check-up, probably after Miami, just to see how I’m doing,” he said. “But really, my heart rate has been doing really well, you know. I’ve been monitoring that with my condition trainer. I’m happy the way that I’m playing out there. Things feel good. I haven’t been close to any setbacks, which is a good thing as well.”

Click here for the full story

Roger Federer farà ulteriori controlli per la mononucleosi

Roger Federer ha rivelato ieri che probabilmente sosterrà test medici dopo il Sony Ericsson Open per controllare che il suo corpo sia guarito dalla mononucleosi che gli ha fin’ora complicato la stagione. Tuttavia, Federer ritiene che abbia già fatto un forte recupero dalla malattia, dicendo che si sente bene alla vigilia del suo primo match a Miami.I tennisti professionisti devono stare attenti alla salute, e quindi Federer ha anche preso la precauzione di monitorare il battito cardiaco durante gli allenamenti. […]“Probabilmente andrò a fare un altro controllo, probabilmente dopo Miami, giusto per vedere come sto andando,” ha detto. “Ma davvero, il mio battito cardiaco è molto buono. Lo sto monitorando con il mio preparatore. Sono contento del modo in cui sto giocando là fuori. Sento che le cose vanno bene. Non sono stato vicino ad alcuna ricaduta, che è un’altra buona cosa.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Ana Ivanovic and Novak Djokovic challenge for top honours , Neil Harman, The Times

It is a long shot for 2008, but by the time next year rolls around, if the present unpredictable form lines are sustained, Ana Ivanovic and Novak Djokovic could plant the Serbian flag at the twin peaks of tennis. Established nations who have fallen on parlous times simply watch developments and wonder.Britain has tried to do its bit by the pair - there was a time when the red carpet was rolled out for the Djokovic family, tea was taken with presidential folk and the authorities wondered whether, with the secession of Montenegro from Serbia, a change of nationality might do the trick. The Djokovics declined.Similarly, the gates of the National Tennis Centre in Roehampton are thrown open for Ivanovic to practise when she is passing through London - the closest we are likely to come to rubbing shoulders with someone of her elevated status for a while.Ivanovic has reached two grand-slam tournament finals and did not take her A game to either, but she won the Pacific Life Open in Indian Wells, California, in bravura style last weekend and is bearing down on the world No1 spot. Djokovic is 425 points short of overhauling Rafael Nadal for the No2 ranking in the men’s game but is defending his crown at the Sony Ericsson Open and needs to match that to stay where he is. Equally, Nadal won all but one match last year on red clay and Roger Federer, the world No1, has a mighty stack of points to defend through the middle part of the year. Djokovic is ready to pounce.

Click here for the full story

La sfida al vertice di Ana Ivanovic e Novak Djokovic

Il 2008 è ancora lungo, ma il prossimo anno a quest’ora, se queste premesse saranno confermate, Ana Ivanovic e Novak Djokovic potrebbero piantare la bandiera della Serbia ai vertici del tennis. Nazioni più affermate ed ora cadute in disgrazia stanno a guardare e si interrogano sul perché.

I britannici hanno provato a bussare alla porta della coppia – c’è stato un tempo in cui erano stati stesi tappeti rossi alla famiglia Djokovic e le autorità si erano chieste se con la secessione del Montenegro dalla Serbia fosse immaginabile un cambio di nazionalità. Ma i Djokovic hanno rifiutato l’offerta.

Allo stesso modo, i cancelli del National Tennis Centre di Roehampton sono spalancati per gli allenamenti della Ivanovic quando passa per Londra ma al massimo potremmo arrivare ad imprimerci nella mente il suo alto livello, almeno per un po’.

Anna Ivanovic ha raggiunto due finali di Slam senza però riuscire ad aggiudicarsi il titolo. Tuttavia ha vinto in grande stile il Pacific Life Open di Indian Wells in California e sta puntando al posto di numero uno. Djokovic è a 425 punti dallo scalzare Nadal dal secondo posto, ma deve difendere la vittoria al Sony Ericsson Open e deve vincere per mantenere l’attuale posizione. Allo stesso modo Nadal lo scorso anno ha perso solo una partita sulla terra rossa e Federer, il numero uno mondiale, ha molti punti da difendere nella parte centrale dell’anno. Djokovic è pronto per l’assalto.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Davydenko talks tough to anti-corruption team , Matt Scott, The Guardian

The tennis player Nikolay Davydenko has demanded that the investigators who are probing allegations that he fixed a match should foot his legal costs before he provides any further documents to the inquiry.The Russian world No4 is contesting the validity of a request from the Association of Tennis Professionals’ anti-corruption team that he must provide records of his wife’s and brother’s telephone conversations.

Click here for the full story

Duro Davydenko contro la commissione anti-corruzione

Il tennista Nikolay Davydenko ha intimato agli investigatori, che lo accusano di aver truccato una partita, di far fronte alle sue spese legali come condizione perché lui continui a fornire documenti all’inchiesta. Il russo numero 4 del mondo contesta la validità della richiesta del team anti-corruzione dell’ATP che gli impone di fornire le conversazioni telefoniche registrate di sua moglie e di suo fratello.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

President Djokovic?, Charles Bricker, Sun-Sentinel.com

It was during a conversation a week ago with the tough little Serbian Janko Tipsarevic that he suggested, possibly seriously, that Novak Djokovic ought to be the next president of their country. […] The whole lot of the Serbians are off to a great 2008 start. Ivanovic and Djokovic are No. 2 in their rankings. Djokovic has his first Grand Slam title. Tipsarevic extended Roger Federer to 10-8 in the fifth in a third-round loss at the Australian Open. And back home Djokovic is buiilding a tennis complex, just as he promised he would a year ago. […] “He’s huge,” said Ivanovic, trying to give Americans some idea of Djokovic’s stature in Serbia. “All our people follow our results. Every single person in Serbia knows him. They wake up in the middle of the night to watch us play.”

Click here for the full story

Djokovic presidente?

La settimana scorsa il piccolo ma tenace tennista serbo Janko Tipsarevic ha suggerito, senza ironia, che il nuovo presidente della Serbia dovrebbe essere Novak Djokovic. […] Per la squadra serba il 2008 è cominciato proprio nel migliore dei modi. Ivanovic e Djokovic, rispettivamente numeri 2 e 3 dei loro ranking. Djokovic ha vinto il suo primo Grand Slam. Tipsarevic ha valorosamente perso con Federer 10-8 al quinto nel terzo turno degli Australian Open. E in patria Djokovic sta facendo costruire un centro per il tennis, proprio come promesso un anno fa. […] “È amatissimo”, ha detto la Ivanovic nel tentativo di dare agli americani un’idea dell’importanza che ha Djokovic in Serbia. “La nostra gente ci segue. Ogni singolo cittadino serbo lo conosce. Si svegliano nel cuore della notte per vederci giocare”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The trouble with Roger Federer. Signs point to a slump for Federer, not a decline , Jon Wertheim, Si.com

Federer loses a match to Novak Djokovic (while allegedly suffering from mono) in the semifinals of a Slam? Unexpected but thoroughly understandable. Federer then falls to the ascending Andy Murray? That’s a curious result, but Murray has beaten him before and plays precisely the sort of annoying, counterpunching game that puts sugar in Fed’s gas tank. Federer then musters five games against Mardy Fish at a Masters Series event? Now you’ve got our attention.

Click here for the full story

Il caso Roger Federer. Sono i segni di una crisi, non del declino

Federer perde una partita contro Novak Djokovic (forse affetto da mononucleosi) alle semifinali dello Slam? Inaspettato, ma tuttavia comprensibile. Federer poi non riesce a fermare l’ascesa di Andy Murray e perde? È un risultato curioso, ma Murray lo ha già battuto altre volte con quel suo gioco fastidioso, aggressivo, e che lo manda su tutte le furie. Federer poi raccoglie cinque game contro Mardy Fish ad un evento Master Series? Ecco, qui la cosa si fa interessante.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Williams sisters mum on father’s controversial remarks , Charles Bricker, Sun Sentinel

In their first public remarks since their father’s controversial, racially-tinged remarks to an Indian newspaper, the Williams didn’t hesitate one second with a reply.“The best person to answer that is my dad. I’m just here to play tennis and stay focused on that,” said Serena Williams when she was asked to react to her father’s views.Said Venus Williams: “I’m definitely not here to discuss that. I’ll talk about Eleven (her clothing company), tennis, my recent graduation. . .”The sisters reacted on the first day of the Sony Ericsson Open on Key Biscayne, where they are seeded No. 7 (Venus) and No. 8.In an interview with an Indian paper while his daughters were playing in Bangalore, Williams was reported to have said: “Tennis is a prejudice game. Well, I’m black and I’m prejudiced, very prejudiced. I’ll be always prejudiced as the white man. The white man hated me all my life and I hate him. That’s no secret. I don’t think Venus or Serena was ever accepted by tennis. They never will be. But if you get some litlte white no-good trasher in America like Tracy Austin or Chris Evert who cannot hit the ball, they will claim this is good.”

Neither Williams nor the family’s represenatives have denied the reported remarks.

Click here for the full story

Silenzio delle Williams sulle controverse dichiarazioni del padre

Nelle loro prime pubbliche interviste, dopo le controverse dichiarazioni a sfondo razziale rilasciate da papà Richard ad un quotidiano indiano, la replica delle sorelle Williams non si è fatta attendere: ” La miglior persona che puo’ rispondervi è mio padre. Io sono sono qui solo per giocare a tennis e voglio restare concentrata sul gioco” ha detto Serena Williams alla richiesta di reagire alle opiniioni di suo padre. Ed aggiunge Venus Williams ” Non sono qui per discutere di questi argomenti. Se volete vi posso parlare di Eleven (la sua società di abbigliamento), della mia recente laurea ..”I commenti delle due sorelle sono stati rilasciati durante la prima giornata del Sony Ericsson Open che si disputa a Key Biscane , e dove godono dello status di testa di serie n°7 (Venus) ed 8.In una intervista ad un quotidiano indiano, rilasciata durante il torneo di Bangalore, giocato da entrambe le figlie, papà Richards aveva dichiarato : ” Il tennis è un gioco pieno di pregiudizi. Io sono nero e sono soggetto ad infiniti pregiudizi. Saro’ sempre soggetto a pregiudizi da parte dei bianchi. L’uomo bianco mi odia e mi ha odiato per tutta la mia vita ed io odio lui. Nessun segreto nascosto. Non credo che Venus e Serena saranno accettate dal mondo del tennis. Anzi non lo saranno mai. Ma in America basta che si presenti una qualsiasi piccola canaglia bianca come Tracy Austin o Chris Evert che non sanno nemmeno colpire la palla che tutti diranno ma che brave”Ne Richards Williams ne altri membri della sua famiglia hanno smentito le dichiarazioni riportate dal giornale

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Monfils sort du tunnel, Lefigaro.fr

Gaël Monfils, qui n’avait plus remporté la moindre succès depuis le mois de septembre dernier et une demi-finale à Bucarest, a enfin renoué avec la victoire. A Miami, le Français s’est offert le géant John Isner, en trois manches (6/7 6/3 6/3) à l’issue d’une rencontre extrêmement ouverte où il est parvenu à sauver onze des treize balles de break contre lui. Moins à l’aise que d’habitude sur son service avec dix aces seulement et huit double fautes, John Isner s’est aussi montré assez médiocre sur sa deuxième balle. Une faiblesse plutôt fâcheuse sur l’Américain, pur serveur, qui a permis au Tricolore de convertir au bon moment cinq de ses neuf balles de break pour une victoire en 2h11 minutes. Gaël Monfils affrontera Roger Federer au prochain tour.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Monfils esce dal tunnel

Gaël Monfils, a digiuno di vittorie dal mese di settembre ed una sola semifinale al torneo di Bucarest, è riuscito finalmente a riscattarsi. A Miami, il francese ha sconfitto il gigante John Isner in tre set (6-7 6-3 6-3) alla fine di un match molto aperto, durante il quale è riuscito a salvare ben 11 su 13 palle break. Tuttavia si è sentito meno a suo agio del solito al servizio, con solo dieci ace e otto doppi falli. Anche l’avversario si è dimostrato altrettanto mediocre sulla seconda palla di servizio: una debolezza inaspettata per l’americano, il cui gioco verte proprio sul servizio, e che ha permesso al francese di convertire al momento giusto, cinque palle break su nove ottenute per chiudere l’incontro dopo due ore e 11 minuti. Al prossimo turno, Monfils affronterà Roger Federer.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

27 March27 Marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- BBC aces rivals in move to serve up Wimbledon with digital edge , Owen Gibson and Richard Jago, The Guardian (La BBC si assicura Wimbledon fino al 2014, Murray parla del suo temperamento)- Hangover, Peter Bodo, tennis.com (I postumi della sbornia)- Sharapova loses by playing safe, Linda Robertson, Miami Herald (La Sharapova perde giocando senza rischi)- Henin : “J’étais un peu à bout”, Serge Fayat, lalibre.be (Henin “Ero un po’ satura”)- Miami - Pour Kuerten, c’est dur… , lequipe.fr (Miami - per Kuerten, è dura…)- Le lifting de Santoro, Bastien Aubert, sport24.com (Il lifting di Santoro)- Dechy en patronne, Sport365.com (Dechy da padrona)

BBC aces rivals in move to serve up Wimbledon with digital edge , Owen Gibson and Richard Jago, The Guardian

The BBC has secured the rights to Wimbledon until 2014 in a deal designed to overhaul its coverage of the event for the digital age. Last week it paid an estimated £160m for the rights to formula one after ITV dropped the sport in order to secure live Champions League football until 2012.Now the BBC director of sport, Roger Mosey, has secured long-term rights to Wimbledon which, like formula one, provides a combination of high-rating peaks and a large volume of coverage that can be exploited on digital services.Rival broadcasters expected the All England Club to put the rights out to tender for the first time and had held informal talks. However, the BBC moved quickly to secure the rights to a tournament it has covered since 1927.Andy Murray, meanwhile, has admitted that he must control his temper on court. As he prepared for the ATP Masters Series tournament in Miami, the British No1 said he was concerned that his outbursts were having an adverse effect on his game.“It’s a question of keeping control of my feelings and emotions during a match, which you have to learn to do when you get a bit older,” said Murray. “When I do, I think I will be a better player.” Murray struggled to control his temper during a close win against Ivo Karlovic in Indian Wells last week. “I was disappointed with my attitude, I was getting really angry,” Murray said at the time.

Click here for the full story

La BBC si assicura Wimbledon fino al 2014, Murray parla del suo temperamento

La BBC si è assicurata i diritti di Wimbledon fino al 2014 con un pacchetto che le garantisce lo sfruttamento anche della scena digitale. Solo una settimana fa BBC aveva pagato 160.000 sterline per la Formula 1, abbandonata da ITV a favore della Champions League.Il direttore dello sport della BBC, Roger Mosey, ha assicurato all’azienda i diritti di Wimbeldon che garantisce ottimi indici di ascolto e un’ampia possibilità di sfruttare i collegamenti di tutti i campi sul web.Le altre emittenti britanniche speravano che l’All England Club per la prima volta aprisse a trattative esterne per definire i diritti dell’evento, tuttavia la BBC si è mossa rapidamente, assicurandosi ancora una volta il torneo che copre dal 1927.Nel mentre Andy Murray ammette di dover lavorare sul suo temperamento in campo. Durante la preparazione dell’ATP Masters Series di Miami, il numero 1 britannico si è detto preoccupato che i continui scatti d’ira possano influire sulle sue prestazioni.“Devo imparare a controllare le mie emozioni e le mie reazioni durante la partita, e credo che in questo invecchiare sia solo un aiuto” ha detto Murray. “Se ci penso, sono convinto che in futuro sarò un giocatore migliore”. Murray aveva fatto fatica a contenersi in un match molto combattuto vinto contro Ivo Karlovic a Indian Wells settimana scorsa. “Sono deluso del mio comportamento, mi sono arrabbiato troppo” disse Murray all’epoca.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Hangover, Peter Bodo, tennis.com

If you’ve watched enough tennis, you know that all other things being equal, style is destiny.Of course, all other things are not always equal, which is how Rafael Nadal came to be the defending champion at the Pacific Life Open this year. Courage, fitness, determination, self-control, emotions, mental strength, even old-fashioned luck almost always have a hand in shaping events. Tennis has its very own set of Murphy’s Laws: players heads explode and leave a haze of acrid smelling cerebellum hovering over the court; emotions infect the muscle memory in the arm like a really bad computer virus and cause gimme forehand winners to go whistling into the fence, instead of that seemingly vast expanse of open court begging to be partially filled with a winning placement.What a crap shoot the game can be.Today, though, it was different here at the Indian Wells Tennis Sauna. Ana Ivanovic and her Serbian countryman presented a stirring defense of Platonic reality, although each of them flirted with the dirtier version. Ivanovic opened the door to let Svetlana Kuznetsova back into the match, but thought better of the idea and slammed it shut again. And Djokovic briefly forgot the grand design and let Mardy Fish finger paint all over it before he remembered that he is presently the best hard court player on the planet.

Click here for the full story

I postumi della sbornia

Se hai guardato tennis a sufficienza, sai che - a pari capacità - lo stile farà la differenza.

Naturalmente, non sempre tutto si equivale, e questa è la ragione per cui rafael nadal si trova a dover difendere il titolo quest’anno. Coraggio, forma fisica, determinazione, autocontrollo, emozioni, forza mentale, persino la vecchia ‘fortuna’ hanno parte attiva nel modellare gli eventi. Il tennis si rispecchia nelle leggi di Murphy: le teste dei giocatori esplodono lasciando un’acre pioggiolina di cervelletto in sospensione sopra il campo; le emozioni infettano la memoria muscolare nel braccio come un feroce virus attacca i computer, facendo sì che dritti vincenti scappino sibilando dentro le siepi, invece di colmare il vasto spazio del campo che anela ad un piazzamento vincente.Il gioco può essere veramente schifoso.Oggi, comunque, qui al tennis -sauna di indian wells è stato diverso: Ana Ivanovic ed il suo serbo conterraneo hanno offerto un’energica difesa della realtà platonica, sebbene entrambi abbiano flirtato con una versione meno pulita di essa.Ivanovic ha aperto la porta alla Kutznetsova perchè rientrasse nel match, per poi ripensarci, sbattendo la stessa con forza. E Djokovic ha dimenticato per un pò il grande ‘design’ e ha lasciato che Mardy Fish dipingesse ovunque grossolanamente prima di ricordarsi di essere il giocatore più forte al mondo sulle superfici rapide.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Sharapova loses by playing safe, Linda Robertson, Miami Herald

Maria Sharapova isn’t actually playing in the Sony Ericsson Open but she was at opening day on Wednesday, promoting the brand that pays her bills, signing autographs and looking gorgeous.She was planning to attend a dinner at De Vito’s restaurant and a players’ party at Opium Garden.But she’s too tired for tennis. Sigh. Yawn. Zzzzz.”You know, it’s been work, work, work since December, end of November,” Sharapova said, explaining her decision to withdraw from the sport’s fifth-most important tournament, behind the Grand Slams.She’s feeling fatigued. It’s only March, but she needs a break. The suite life of jet-setting tennis stars is more grueling than you can imagine, what with the physical demands, the corporate obligations and the multiple time zones. Why, Sharapova once had to fly to Dubai on a private jet three hours after a match to promote the launch of Dubai Lifestyle City and IMG Academies’ newest school for sports phenoms.It’s tough being a tennis pro who has earned almost $12 million in prize money and at least that much in endorsements from Sony Ericsson, Canon, Colgate, Nike, Land Rover, Tag Heuer and Gatorade. Among the Top 10 Things That Annoy Maria on her website is No. 1: “When they don’t have the shoes I want in my size!”(She also lists, at No. 3: When someone opens the window on a flight and the whole cabin lights up. Aside from the fact that she means window shade, or everyone would die, this is a very legitimate annoyance, and all travelers appreciate her effort to raise awareness among clueless passengers.)

Click here for the full story

La Sharapova perde giocando senza rischi

Maria Sharapova, curiosamente, non giocherà il Sony Ericsson Open, sebbene mercoledì, giorno d’apertura, fosse presente per promuovere il brand che “paga le sue bollette”, firmare autografi e mostrarsi in tutta la sua bellezza.Nei piani rientrava anche che presenziasse a una cena al ristorante De Vito ed alla festa dei giocatori all’Opium Garden.Per il tennis però è troppo stanca.“Sapete, è stato lavoro lavoro lavoro da Dicembre, fine Novembre” ha affermato la Sharapova, motivando così la sua decisione di ritirarsi dal tabellone del quinto torneo più importante, dopo quelli del Grande Slam.Si sente affaticata. Sebbene sia soltanto Marzo, lei ha bisogno di una pausa. La vita regale da star del tennis è molto più estenuante di quello che possiate immaginare, con lo stress fisico, gli impegni con gli sponsor e i molteplici fusi orari. Un esempio? La Sharapova è dovuta una volta volare fino a Dubai con un aereo privato solo tre ore dopo un incontro, per promuovere il lancio del Dubai Lifestyle City e del nuovo centro per fenomeni dello sport del gruppo IMG.E’ veramente dura essere una tennista professionista che ha guadagnato quasi 12 milioni di dollari solo di montepremi ed almeno altrettanto con le sponsorizzazioni di Sony Ericsson, Canon, Colgate, Nike, Land Rover, Tag Heuer e Gatorade. Sul suo sito Maria ci fa sapere che fra le 10 cose che la infastidiscono di più al primo posto c’è: “Quando non hanno le scarpe che voglio nella mia misura!”(Elenca anche, al numero 3: “Quando qualcuno apre il finestrino dell’aereo e fa entrare la luce in tutta la cabina”. A parte il fatto che lei parla della tendina, altrimenti sarebbero tutti morti, questa è una lamentela assolutamente legittima e tutti i viaggiatori apprezzano il suo sforzo di sensibilizzare i passeggeri più sbadati.)

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Henin : “J’étais un peu à bout”, Serge Fayat, lalibre.be

Henin, qui effectue sa rentrée à Miami, espère jouer jusqu’à 28-29 ans.Elle sera l’une des grandes attractions du tournoi. Justine Henin (WTA 1) effectue cette semaine son retour sur le circuit à Miami, lors du Sony Ericsson Open, souvent baptisé cinquième levée du Grand Chelem du calendrier. Finaliste contre Serena Williams l’an passé, elle espère, sous le soleil de Floride, prendre un nouveau départ après un début de saison mi-figue mi-raisin, marqué notamment par une élimination prématurée à Dubaï contre Francesca Schiavone.“Il ne s’agissait pas vraiment d’une surprise, confia-t-elle. J’ai eu beaucoup de difficultés à me concentrer en ce début de saison. L’année 2007 avait été très éprouvante et j’étais un peu à bout. Mes vacances en Afrique du Sud avaient été trop courtes et ma base d’entraînement pas assez solide. Je souffrais également du genou, au point que j’ai même envisagé une opération. Là, ça va mieux. Après Dubaï, j’en ai profité pour me ressourcer. Je suis à Miami avec trois bonnes semaines de travail dans les jambes.”Tête de série n°1 du tableau, Justine Henin fera son entrée vendredi sur les courts en dur de Crandon Park, sur l’île de Key Biscayne, contre la modeste Allemande Angelique Kerber (WTA 80). L’adversaire idéale pour se remettre dans le bain après un mois sans compétition…

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Henin “Ero un po’ satura”

Henin che effettua il suo rientro a Miami, spera di giocare fino a 28-29 anni.Sarà una delle grandi attrazioni del torneo. Justine Henin (WTA 1) effettua questa settimana il suo ritorno sul circuito a Miami, in occasione del Sony Ericsson Open, spesso considerato quinta prova del grande Slam del calendario. Finalista contro Serena Williams l’anno scorso, spera, sotto il sole della Florida, di riprendere lo slancio dopo un inizio di stagione agrodolce, segnata in particolare da un’eliminazione precoce a Dubaï contro Francesca Schiavone. “Non si è trattato proprio di una sorpresa, ha confidato. Ho avuto molte difficoltà a concentrarmi in quest’inizio di stagione. Il 2007 è stato molto impegnativo ed io ero un po’ satura. Le mie vacanze in Sudafrica sono state troppo brevi e la mia base di allenamento non abbastanza solida. Mi faceva anche male il ginocchio, al punto che ho anche pensato a un’operazione. Da quel punto di vista va meglio. Dopo Dubaï, ne ho approfittato per riprendermi. Sono a Miami con tre buone settimane di lavoro nelle gambe.” Testa di serie n°1 del tabellone, Justine Henin farà venerdì il suo rientro sui campi in duro di Crandon Park, sull’isola di Key Biscayne, contro la modesta tedesca Angelique Kerber (WTA 80). L’avversaria ideale per rimettersi in ballo dopo un mese senza competizioni…

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Miami - Pour Kuerten, c’est dur… , lequipe.fr

La logique, rien que la logique, mercredi en ouverture du Masters Series de Miami. Au premier tour, dont sont exemptées les trente-deux têtes de série, Sébastien Grosjean a gagné le match du jour, au moins sur le plan émotionnel, face à un Brésilien Gustavo Kuerten (Photo Reuters) en pleine tournée d’adieux (6-1, 7-5), Nicolas Mahut (43e mondial) a sorti l’Allemand Florian Mayer (85e) (7-6[6], 6-3) et Marc Gicquel (54e) s’est incliné contre l’Italien Andreas Seppi (46e) (2-6, 6-4, 6-2). Fabrice Santoro, lui, n’a eu aucun mal à écarter Jonas Bjorkman (6-1, 6-0).7-5, 6-1 contre Berlocq à Costa do Sauipe, 6-1, 7-5 contre Grosjean ce mercredi. “Guga” a beau retourner le score dans tous les sens, les étapes de sa tournée d’adieux ne durent jamais très longtemps. Ca ne va pas le miner pour autant. La preuve : Grosjean et Kuerten ont annoncé juste après le match qu’ils joueraient ensemble à Roland Garros en double. Entre temps, le Brésilien se sera aligné à Monte Carlo et Hambourg. Pour le Français, cette victoire, aussi particulière soit elle, fait du bien puisqu’elle met fin à une série de trois défaites de suite au premier tour depuis Melbourne. Il affrontera le Tchèque Radek Stepanek au deuxième tour.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Miami - per Kuerten, è dura…

La logica, nient’altro che la logica, mercoledì all’apertura dei Masters Series di Miami. Al primo turno, da cui sono esentate le trentadue teste di serie, Sébastien Grosjean ha vinto l’incontro del giorno, almeno sul piano emozionale, contro il Brasiliano Gustavo Kuerten in pieno tour di addio (6-1, 7-5), Nicolas Mahut (43 mondiale) ha fatto uscire il tedesco Florian Mayer (85) (7-6[6 ], 6-3) e Marc Gicquel (54) si è inchinato contro l’italiano Andreas Seppi (46) (2-6, 6-4, 6-2). Fabrice Santoro, non ha avuto alcun male ad eliminare Jonas Bjorkman (6-1, 6-0). 7-5, 6-1 contro Berlocq a Costa do Sauipe, 6-1, 7-5 contro Grosjean questo mercoledì. “Guga” può anche rigirare il punteggio in tutti i modi, le tappe del suo tour di addio non durano mai molto a lungo. Questo non lo impensierirà più di tanto. La prova: Grosjean e Kuerten hanno annunciato appena dopo l’incontro che potrebbero giocare insieme a Roland Garros in doppio. Nel frattempo, il Brasiliano parteciperà a Monte Carlo ed Amburgo. Per il francese, questa vittoria, per quanto così particolare, fa bene poiché mette fine ad una serie di tre sconfitte di seguito al primo turno da Melbourne. Affronterà il ceco Radek Stepanek al secondo turno.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Le lifting de Santoro, Bastien Aubert, sport24.com

Facile vainqueur de Jonas Bjorkman, Fabrice Santoro a emboîté le pas de ses compatriotes en se qualifiant aisément pour le 2e tour de Miami. Nathalie Dechy est également tout sourire.Grosjean-Kuerten à Roland GarrosAvec l’émergence des jeunes loups sur le circuit, c’est un des matches qu’on ne s’attendait même plus à voir. Jonas Bjorkman vient de fêter ses 36 ans, Fabrice Santoro les célébrera en décembre prochain et les deux hommes s’affrontaient la nuit dernière au premier tour de Key Biscayne. Le duel des vétérans du circuit a tourné à l’avantage du Français. Assez nettement d’ailleurs. Le Suédois, incapable de frapper un coup gagnant digne de ce nom, s’est incliné en 48 minutes de jeu en n’inscrivant qu’un tout petit jeu (6/1 6/0) ! Et ce malgré le faible pourcentage du Tahitien sur sa première balle de service (40%) ! Ce dernier, justement, se frottera à l’un des plus gros serveurs du circuit au deuxième tour en la personne d’Ivan Ljubicic. Richard Gasquet, lui, sera encore une fois opposé à son grand rival de ce début d’année, Dmitry Tursunov. Le Russe a battu son compatriote Evgueny Korolev en tapant 16 aces (4/6 6/3 6/2).

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Il lifting di Santoro

Facile vincitore di Jonas Bjorkman, Fabrice Santoro ha inserito la stessa marcia dei suoi compatrioti qualificandosi facilmente per il 2 turno di Miami. Anche Nathalie Dechy è tutta unGrosjean-Kuerten a Roland GarrosCon l’emergenza dei giovani lupi sul circuito, è uno degli incontri che non ci si aspettava neppure più di vedere. Jonas Bjorkman ha appena celebrato i suoi 36 anni, Fabrice Santoro li compirà nel dicembre prossimo ed i due uomini si affrontavano la notte scorsa al primo turno di Key Biscayne. Il duello dei veterani del circuito è stato appannaggio del francese. Abbastanza chiaramente del resto. Lo Svedese, incapace di colpire un vincente degno di questo nome, si è inchinato in 48 minuti di gioco iscrivendo soltanto un piccolissimo gioco (6/1 6/0)! E questo nonostante la debole percentuale del Francese sulla sua prima palla di servizio (40%)! Quest’ultimo, appunto, si scontrerà con Ivan Ljubicic, uno dei più grandi server del circuito, al secondo turno. Richard Gasquet, dal canto suo, sarà ancora una volta opposto al suo grande rivale di quest’inizio d’anno, Dmitry Tursunov. Il Russo ha battuto il suo compatriota Evgueny Korolev mettendo a segno 16 aces (4/6 6/3 6/2).

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Dechy en patronne, Sport365.com

Nathalie Dechy ne sera restée que 48 minutes sur les courts de Miami. Pour son entrée en lice dans le tournoi floridien, la Française a facilement expédié mercredi la Japonaise Aiko Nakamura (6-0, 6-0).La FrancaiseIl n’y avait qu’une seule Française engagée dans cette première journée du tournoi de Miami et le moins que l’on puisse dire c’est qu’elle n’a pas traîné sur les courts. En écartant la Japonaise Aiko Nakamura en deux manches et 48 minutes et en n’ayant à convertir que huit balles de break, Nathalie Dechy s’est parfaitement lancée dans sa semaine floridienne. D’autant que la numéro 77 au classement WTA n’a laissé aucun jeu à son adversaire. Une performance rarement réalisée par la native des Abimes qui a dû attendre cinq ans pour infliger un double 6-0 dans un tournoi. Au prochain tour, elle sera opposée à la tête de série numéro 16, exemptée de premier tour, l’Israélienne Shahar Peer.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Dechy da padrona

Nathalie Dechy sarà restata soltanto 48 minuti in campo a Miami. Per la sua entrata in lizza nel torneo della Florida, il francese ha facilmente superato mercoledì la giapponese Aiko Nakamura (6-0, 6-0).La FranceseC’era soltanto una francese impegnata in questo primo giorno del torneo di Miami e il meno che si possa dire è che non ha perso tempo in campo. Battendo la giapponese Aiko Nakamura in due set e 48 minuti e dovendo soltanto convertire otto palle break, Nathalie Dechy ha perfettamente iniziato la sua settimana in Florida. Tanto più che la numero 77 della classifica WTA non ha lasciato alcun gioco alla sua avversaria. Una prestazione di rado realizzata dalla Francese che ha dovuto attendere cinque anni per infliggere un doppio 6-0 in un torneo. Al prossimo turno, sarà opposta alla testa di serie numero 16, esentata dal primo turno, l’Israeliana Shahar Peer.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

26 March26 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Two tennis tours are not better than one , Charles Bricker, South Florida Sun-Sentinel (Due tour non sono meglio di uno)- Federer, Bryan Brothers Lead ATP Award Winners , Tennis Week (Federer e i gemelli Bryan fanno incetta di premi agli ATP Awards)- Ana Ivanovic near perfect as she underlines her potential , Neil Harman, The Times (Ana Ivanovic quasi perfetta quando mette in risalto le sue potenzialità)- Slumping Federer has no regrets , The Australian (Federer in difficolta’ ma senza rimpianti)- Henin Shows Sixth Sense In Orlando , Tennis Week (Il Sesto Senso della Henin)- Serbian Double: Djokovic, Ivanovic win Indian Wells , Tennis.com (Il duo serbo vince Indian Wells)- Ivanovic put nerves behind her, set sights on grand slams , Mark Lamport-Stokes, Uk Reuters (La Ivanovic controlla i nervi e punta ai tornei dello slam)- Long, hectic effort to qualify for Sony Ericsson , Michelle Kaufman, Miami Herald (Il lungo, terribile sforzo per qualificarsi al torneo di Miami)- Milan Sterba: «La carrière de Rafael Nadal est bientôt terminée», Joëlle Charrey, lematin.ch (Milan Sterba: “la carriera di Rafael Nadal è quasi terminata”)- Direction l’Atlantique, Bastien Aubert, sport24.com (Direzione: Atlantico)- Djokovic en N.1, Henin de retour, lalibre.be (Djokovic da N.1, Henin rientra)- Miami - Federer et Henin à la relance , lequipe.fr (Miami - Federer ed Henin al rilancio)

Two tennis tours are not better than one , Charles Bricker, South Florida Sun-Sentinel

It’s one monumental step forward tennis fans keep asking for and one that seems constantly to be in Sony Ericsson Open executive Butch Buchholz’s dreams. Merger.No more WTA or ATP. One tour with one commissioner running men’s and women’s tennis. One TV contract instead of the disparate network deals for each tour. One blockbuster lead sponsor instead of Sony Ericsson over here and Mercedes-Benz over there.In short, three fewer letters in the often-confusing alphabet soup that identifies the widely scattered governing bodies of tennis. It sounds great, and it sounds natural at a time when the men and women are not only annually increasing the number of tournaments at which they perform side by side, but earning equal prize money at those events as well. But, because of heavy resistance from the people who run the two tours, it’s not likely to happen any time soon.“A lot of people in tennis believe it could be a very positive thing. Not just between the WTA and ATP, but with the Grand Slams and the ITF as well, to the degree that we can present a common face to the public,” says Larry Scott, the CEO of the WTA. “We could pool our resources. There are a lot of good reasons to merge.” Scott paused, then made his point. “If,” he added, “you were starting over. “Realistically, however, we’re not starting over and, like a lot of industries, sports tours aren’t going to merge unless there is an impetus, and fortunately for tennis right now, things seem to be going very well. There’s no driving catalyst or perceived urgent need.”

Click here for the full story

Due tour non sono meglio di uno

E’ un grande passo avanti, che gli appassionati di tennis continuano a chiedere e che sembra essere continuamente nei sogni di Butch Buchholz, direttore del Sony Ericsson Open di Miami. Fusione.Non più Wta o Atp. Un solo tour, con una gestione unica per il tennis femminile e maschile. Un solo contratto tv, invece di diversi accordi televisivi per ogni tour. Un solo sponsor principale, invece di Sony Ericsson da una parte e Mercedes-Benz dall’altra.In breve, solo tre lettere nell’indecifrabile alfabeto, che identifica il frammentato mondo delle organizzazioni che gestiscono il tennis. Sarebbe grandioso e soprattutto naturale, in un momento nel quale uomini e donne non solo stanno aumentando ogni anno il numero di tornei nel quale si esibiscono fianco a fianco, ma anche guadagnando, negli stessi eventi, montepremi identici.Ma, a causa di forti resistenze da parte di coloro che gestiscono i due tour, non è così probabile che avvenga in tempi brevi.“Molti nel mondo del tennis pensano che possa essere una cosa positiva. Non solo tra Wta e Atp, ma anche con i Grande Slam e con l’Itf, arrivare al punto di presentare una faccia comune al pubblico, “ dice Larry Scott, il CEO della Wta. “ Possiamo mettere assieme le nostre risorse. Ci sono molte buone ragioni per fonderci.” Scott ha fatto un pausa, quindi ha detto la sua. “Se,“ ha aggiunto, ” si ricominciasse da capo.” “Realisticamente, tuttavia, non ricominceremo da capo e, come molte industrie, i circuiti sportivi non si fondono senza un impulso, e fortunatamente per il tennis, le cose ora stanno andando molto bene. Non ci sono catalizzatori che spingono in questa direzione, né necessità che vengano percepite come urgenti.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer, Bryan Brothers Lead ATP Award Winners , Tennis Week

Roger Federer arrived in Miami seeking his first title of the season. And on the eve of the Sony Ericsson Open, the World No. 1 is already a big winner. Federer and twins Bob Bryan and Mike Bryan earned multiple honors in the 2007 ATP ATP Awards.For the fourth consecutive year, Federer won both the Player of the Year Award and Stefan Edberg Sportsmanship Award Presented by Stanford. Additionally, fans gave Federer the ATPtennis.com Fans’ Favorite Award Presented by RICOH for the fifth consecutive year. “I am very happy to receive three more ATP awards for 2007,” Federer said. “The Sportmanship Award is voted by my fellow players and it is a great recognition for me. It is equally important to be voted by the fans as their favorite player. 2007 was a fantastic year for me, finishing No. 1 in the South African Airways ATP Rankings for the fourth consecutive time and continuing to receive the support of the players and fans worldwide.”The Bryan brothers, who last year finished as the No. 1 doubles team for the fourth time in five years, won the Doubles Team of the Year Award Presented by Stanford for the third consecutive year. The Bryans also were voted ATPtennis.com Fans’ Favorite for the third consecutive year. “We really enjoyed playing so well last season, winning a personal-best 11 titles and capping it off with a Davis Cup victory,” Mike Bryan said. “It was a very special year. Being voted fan favorite is also very important to us. Wherever we go the fans support us and make us feel really great.”

Click here for the full story

Federer e i gemelli Bryan fanno incetta di premi agli ATP Awards

Roger Federer si presenta a Miami in cerca del primo titolo stagionale, ma alla vigilia del Sony Ericsson Open il numero 1 mondiale è già un grande vincitore.Federer ed i gemelli Bob e Mike Bryan hanno conquistato molteplici riconoscimenti agli ATP Awards 2007.Per il quarto anno consecutivo lo svizzero ha vinto sia il premio di Giocatore dell’Anno sia il Premio Sportività Stefan Edberg. Inoltre Federer è stato scelto come preferito dai fans (ATPtennis.com Fans’ Favorite) per il quinto anno di fila. “Sono molto felice di ricevere 3 ulteriori riconoscimenti per il 2007” ha dichiarato Federer “Il Premio Sportività è votato dai miei colleghi tennisti e per me è un grande risultato. Altrettanto importante è essere stato indicato dai fans come il loro giocatore preferito. Il 2007 è stato fantastico, avendo chiuso al numero 1 delle classifiche per il quarto anno consecutivo e continuando a ricevere il sostegno da parte dei giocatori e dai tifosi di tutto il mondo.”I fratelli Bryan, che hanno concluso il 2007 al primo posto delle classifiche di doppio per la quarta volta in 5 anni, si sono aggiudicati il premio di Doppio dell’Anno e quello di coppia preferita dai fans per il terzo anno di fila. “L’annata scorsa è stata densa di soddisfazioni: abbiamo realizzato il nostro personale record di 11 titoli stagionali, e come ciliegina sulla torta è arrivata anche la vittoria in Coppa Davis” ha spiegato Mike Bryan “insomma, è stato proprio un anno speciale. Anche il premio di preferiti dai fans è davvero importante per noi: ovunque andiamo a giocare i tifosi ci sostengono con grande calore.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Ana Ivanovic near perfect as she underlines her potential , Neil Harman, The Times

Aptly, the final was clinched by a crunching forehand down the line, Ana Ivanovic’s signature stroke. The top seed and No 2 player in the world won her first title of the year and did so in conditions that were the perfect backdrop to her attitude to tennis,unrelentingly sunny with ne’er a cloud to spoil the view.Ivanovic won the Pacific Life Open in Indian Wells by defeating Svetlana Kuznetsova, of Russia, 6-4, 6-3 and has anyone ever picked up a runners-up cheque for £80,000 looking such a sourpuss? (…)And there was a huge contingent of Serbian fans to roar her on, a touch too raucously for Lynn Welch, the umpire, who had to plead three times for peace during the rallies. (…)The decision of Maria Sharapova to withdraw from next week’s Sony Ericsson Open in Miami is profound in many ways, not least because the self-same tournament sponsor — the umbrella sponsor for the entire WTA Tour for a cool $80 million (around £40million) — has just become her own personal mobile phone sponsor. (…) Sharapova — the world No 5, Australian Open champion and twice a finalist in Florida — has a troublesome shoulder and apparently did not take much convincing that she should rest for a while. It is a decision that dismays the sport, which knows that for credibility’s sake it has to show off as many of its leading lights as it can at its marquee events. Miami is high on that list. (…) what penalties should be invoked against her for a no-show? The tour is working through the proposals it intends to push through in time for the 2009 season, with zero point penalties, loss of bonus pool rewards and potential heavy fines and suspensions for those who fail to do their best by the sport.

Click here for the full story

Ana Ivanovic quasi perfetta quando mette in risalto le sue potenzialità

Con competenza, la finale è stata assicurata da un fragoroso dritto sotto la linea, la firma di Ana Ivanovic ha lasciato il segno. La giocatrice più importante del torneo e numero due del mondo ha vinto il suo primo titolo dell’anno e lo ha fatto in condizioni che si sono rivelate un perfetto scenario per le sue attitudini tennistiche, cioè inesorabilmente soleggiate, senza neanche una nuvola a rovinare la visuale.La Ivanovic ha vinto il Pacific Life Open a Indian Wells battendo la russa Svetlana Kuznetsova 6-4, 6-3 (…)E c’era un consistente gruppo di tifosi serbi a sostenerla, con un pizzico di rancore per Lynn Welch, l’arbitro, che ha dovuto implorare il silenzio tre volte durante l’incontro. (…)La decisione di Maria Sharapova di ritirarsi dal Sony Ericsson Open di Miami della prossima settimana ha motivazioni profonde, non in ultimo perchè è diventata la testimonial dello stesso sponsor del torneo. (…) La Sharapova – numero cinque del mondo, campionessa di Australian Open e due volte finalista in Florida – ha una spalla dolorante ma apparentemente non ha molto convinto il fatto che dovesse fermarsi per un pò. E’ una decisione che turba lo sport, che sa bene che, per amore di credibilità, si devono sfoggiare il più possibile le stelle migliori negli eventi importanti. E Miami è in cima a questa lista. (…) quale sanzione sarà inflitta contro di lei per quest’assenza? Il tour sta lavorando alle proposte che intende portare aventi per la stagione 2009, con zero punti di penalità, perdita della ricompensa e potenziali pesanti multe e sospensioni per chi non dà il meglio.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Slumping Federer has no regrets , The Australian

WORLD No1 Roger Federer said his surprising semi-final loss to unseeded American Mardy Fish in the Indian Wells Masters Series event was just one that got away.“It’s a tough result, but what can you do?” Federer said. “It happens sometimes. The danger of best-of-three matches is it can be over in no time. Today it felt like a practice match.”The Swiss said that a walkover on Friday against ailing Tommy Haas did not help his preparation.“I was a little bit deflated yesterday, I was ready to play against Tommy. It would have really given me great rhythm if I were to win against him and come into the semis.“Maybe during the match today you could feel that, but it’s not an excuse. Mardy played incredibly well today.”Federer will head shortly for the other side of the US where the Miami Masters begins at midweek. With an 8-3 record this season, the 26-year-old knows that it is time to rev up his game.“I thought it was very good this week, I’m happy with it. But today it’s hard to judge,” he said. “All in all, I’m happy the way this week has been going for me.“The walkover is an awkward situation, but you have to take them when they come around.“A semi-final to start off with at the first Masters Series is a good thing again, and I hope I can go from here and win in Miami and on to clay.“I feel I’ve got the matches in I really wanted. So I feel better than 10 days ago, that’s for sure.”

Click here for the full story

Federer in difficolta’ ma senza rimpianti

Il numero uno mondiale Roger Federer sembra aver gia’ assorbito la sorprendente sconfitta subita nella semifinale di Indian Wells per mano di Mardy Fish. “ E’ stato un punteggio netto, ma puo’ succedere, soprattutto nei match al meglio dei tre set. Mi e’ sembrata una partita di allenamento”. Lo svizzero ritiene che l’improvvisa rinuncia di Tommy Haas non l’abbia aiutato : “ Preparare un match e poi trovarsi a non scendere in campo e’ una situazione un po’ anomala. Una vittoria contro Tommy mi avrebbe permesso di trovare la giuste sensazioni e di non interrompere il ritmo, ma questa non vuole essere una scusante, Mardy ha fatto una grandissima partita. “ Sono comunque soddisfatto del mio torneo, una semifinale al primo appuntamento con i Masters Series e’ un buon risultato, spero adesso di riuscire a vincere a Miami e sulla terra. Gli incontri che ho disputato qui mi hanno aiutato a raggiungere la migliore condizione. Ora mi sento sicuramente meglio di 10 giorni fa”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Henin Shows Sixth Sense In Orlando , Tennis Week

Justine Henin celebrated Easter Sunday with a bunny hop into her own personal history.The World No. 1 and long-time coach Carlos Rodriguez announced the launch of their 6th Sense Tennis Academy at Mission Inn Resort and Club just outside of Orlando, Florida.The 6th Sense Tennis Academy, which was founded in Belgium in November of 2007 by Henin and her coach of 12 years plans “to guide and support each player depending on their age, their level and most importantly their own projects.”Henin told the media she began playing tennis at the age of eight and learned the skills that would take her to the top of the world rankings by downsizing. She first learned by playing mini-tennis on a smaller-sized tennis court — first a 36-foot court then a 60-foot court — until she established a solid foundation to grow from. Recalling the importance playing mini-tennis had on her own development, Henin said the concept is one of the foundations for her Academy at Mission Inn Resort and Club.“The way I learned to play is different from those in the U.S., and the Academy will be a way to share my experience and bring something new to the U.S.,” Henin told the media.Cesar Villarroel, Director of Tennis at Mission Inn Resort and Club for over 20 years, has been working closely with Rodriguez and the Beucher Family (owners of the Mission Inn Resort and Club) to establish the Florida branch of the 6th Sense Tennis Academy.

Click here for the full story

Il Sesto Senso della Henin

La numero uno della Wta e il suo fedelissimo coach Carlos Rodriguez hanno presentato il lancio della “ 6th Sense Academy “ al Mission Inn Resort poco lontano da Orlando, in Florida. L’ Accademia, fondata originariamente in Belgio nel novembre 2007 dai due, mira ad essere una guida e un supporto per gli aspiranti nuovi campioni, a seconda della loro eta’, livello e soprattutto in base ai loro progetti “. Justine ha confidato ai media di aver iniziato a giocare all’eta’ di otto anni e di aver imparato le tecniche e le malizie di questo sport grazie a una politica dei piccoli passi. La campionessa belga ha iniziato con il mini tennis, giocando in un campo piccolissimo per poi crescere gradualmente, e dichiara che questo gli e’ stato di grande aiuto nello sviluppo della propria carriera. “ Il metodo che ho utilizzato io per imparare a giocare e’ diverso da quello che insegnano qui negli Stati Uniti, quindi penso di poter portare delle idee nuove a questi ragazzi “. Il direttore del circolo locale Villaroel ha lavorato strettamente in collaborazione con Rodriguez per poter portare in Florida questo progetto.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Serbian Double: Djokovic, Ivanovic win Indian Wells , Tennis.com

The two made eye contact as Ana Ivanovic walked off court having finished off her victory and Novak Djokovic was about to walk on and begin his. In that moment, they must have realized the far-fetched feat they were on the brink of accomplishing.The pair of 20-year-old Serbs who used to play practice sets and games of hide-and-seek against each other as kids are now staking Serbia’s claim as currently the most successful nation in tennis. The victories were an important demonstration of their growing ability to handle expectations.Had such a scenario been described to him as a child, Djokovic would not have believed it. “You’re joking with me. That’s what I would say,” he reflected. “We’ve been working very hard throughout all of our lives, and this is just a crown for our work.”Both say reaching the top spot is one of their ultimate career goals and recent success has given them the self-belief that it’s now within reach.“It’s been a dream start, of course,” he said. “Before I started playing this season, I said that my two goals is to be consistent with the results, I reach the Masters and hopefully win one Grand Slam. I did all that in very, very small amount of time. But again, I don’t want to stop here.”“Obviously I’m getting all things together, and I started believing in myself much more than I used to last year,” said Djokovic. “When you start winning the major events, you obviously have proved — to yourself in the first place, [and] to everybody else — that you have quality to be there at the top, and it’s just a matter of mental ability and mental strength.”With her win, the No. 2-ranked Ivanovic has now placed herself alongside Australian Open champ Maria Sharapova as one of the leading contenders to challenge Justine Henin for the No. 1 ranking this season.“That’s my goal, definitely,” said Ivanovic. “I don’t want to get overexcited about it. But I’m really enjoying my time and I’m playing some good tennis and I worked hard for it.”Unlike last year, she is going into such matches believing she can win. “My coaches obviously always believed in me by working with me, and they always said I had potential to win Grand Slams,” she said. “You know, as long as I didn’t believe it inside it was impossible for me to do it. But now slowly I believe that I can do it, and also competing against top players and beating them regularly.”Both players leave Indian Wells with one set of challenges behind them, and new ones on the horizon.

Click here for the full story

Il duo serbo vince Indian Wells

I due si sono appena incrociati nel momento in cui Ana usciva trionfalmente dal centrale e Novak si apprestava ad entrarci. In quell’istante forse si sono resi conto dell’entita’ dell’impresa che stavano portando a termine. I due ventenni ,compagni di gioco fin da piccoli, ora rappresentano il paese attualmente prima potenza mondiale del tennis. Se gli avessero prospettato un simile scenario qualche anno fa, Novak non ci avrebbe creduto. “ Avrei pensato a uno scherzo, dice Novak. “ Abbiamo lavorato duramente in carriera, questo e’ un grande riconoscimento. “ Ho avuto un inizio stagione esaltante. Mi ero posto l’obiettivo di dare continuita’ a i miei risultati e di vincere un toreno dello slam. Ho raggiunto i miei traguardi in pochissimo tempo, ma adesso non voglio fermarmi. Adesso credo molto nelle mie possibilita’ , vincere i grandi tornei ti da una grande fiducia in te stesso. Dopo la sua vittoria, Ana Ivanovic pone ufficialmente la sua candidatura come aspirante allo scettro di numero uno di Justine Henin, assieme a Maria Sharapova. “ E’ certamente il mio obiettivo “, ammette la bella Ana. “ Devo rimanere con i piedi per terra ma mi sono allenata duramente e al momento sto giocando davvero bene”. A differenza dello scorso anno, ora Ana scende in campo quasi sempre convinta di poter vincere: “ I miei coach hanno sempre creduto in me, ora ci credo anch’io “. Entrambi i giocatori lasciano Indian Wells con delle vittorie alle loro spalle, ma con dei nuovi successi all’orizzonte.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Ivanovic put nerves behind her, set sights on grand slams , Mark Lamport-Stokes, Uk Reuters

Despite feeling uneasy as top seed at the Pacific Life Open for only the second time in a WTA Tour event, Serb Ana Ivanovic signed off on a high with a composed victory in Sunday’s final.

Ivanovic, the world number two, has also set her sights on the top spot in the rankings.“I was a little bit nervous coming into this tournament because it hasn’t happened to me that many times,” the elegant Serb told reporters after capturing the first Masters Series event of the year.“It’s such a strong field and still I’m No. 1 seeded, so obviously more pressure comes into the play.“In the first few matches, I was more nervous but then I just started to focus and not even think about who I play against, just do what I have been doing in practice.“I’ve been practising really well and working hard on my fitness,” added Ivanovic, who lost to Russian Maria Sharapova in the Australian Open final in January.

“That’s something I tried to focus on when I was on the court so I was thinking technically what I had to do and, as the tournament went on and on, I played better.”Ivanovic played her first grand slam final at last year’s French Open, losing to Belgium’s Justine Henin, and has already turned her thoughts to Wimbledon and the Beijing Games in August.“Wimbledon is very traditional and I feel my game can fit very well on grass if I keep working on my volleys like I’ve been doing,” said the Serb, who reached the last four at Wimbledon for the first time last year.“But on the other hand, the Olympics are very special and you have the opportunity to play them only once in four years, so it would be really special to win a medal there.”

Click here for the full story

La Ivanovic controlla i nervi e punta ai tornei dello slam

Nonostante abbia piu’ volte dichiarato di trovarsi a disagio nel partire come favorita e prima testa di serie del torneo, Ana Ivanovic ha portato a termine con successo la finale contro la Kutnetsova. “ Ero un po’ nervosa prima del torneo perche’ non mi capita spesso di presentarmi coi favori del pronostico. Nonostante il campo di partecipazione di grande qualita’ ero io la numero uno del seeding, quindi avvertivo un po’ di pressioni, soprattutto nei primi turni. Successivamente pero’ sono riuscita a concentrarmi solo sul mio tennis, sapevo di essermi preparata bene e di trovarmi in buona condizione. Wimbledon e i giochi olimpici di Pechino sono entrati nel mirino della bella serba: “ Penso che il mio gioco possa adattarsi molto bene ai campi in erba quindi punto molto al torneo di Wimbledon, pero’ le Olimpiadi sono un ‘evento molto particolare che si disputa solo ogni quattro anni , sarebbe davvero speciale riuscire a vincere una medaglia”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Long, hectic effort to qualify for Sony Ericsson , Michelle Kaufman, Miami Herald

Unheralded Robin Haase won an event in Sunrise on Monday morning, then won a night match in Key Biscayne in his attempt to qualify for the Sony Ericsson Open.For every Roger Federer and Rafael Nadal, there are 10 Robin Haases on the tennis tour. They are the players who toil in obscurity week after week in second-tier tournaments and qualifying rounds at majors who never make headlines.Nobody on tour worked harder Monday than Haase, and his successful story deserves to be told.The 20-year-old from the Netherlands started his day in Sunrise, where he had to complete the rain-delayed final of the BMW Tennis Championships against Sebastian Grosjean. The match resumed at 11 a.m. with Haase leading 5-4, and he wound up winning the slugfest 7-5, 5-7, 6-1. He collected his $14,400 paycheck at around 1:30 p.m., smiled for a few photos, signed some autographs and then packed his stuff and high-tailed it to Key Biscayne, where he was scheduled to play a qualifying match for the Sony Ericsson Open.The ATP tour knew of his predicament, so his match against Rik De Voest was scheduled for ”no earlier than 6 p.m.” As it turned out, rain delays in Key Biscayne pushed back the schedule, so Haase didn’t step on Court 1 until 8:30 p.m. By that time, the grounds were practically cleared and only a handful of fans were in the stands to watch the second half of his double-Dutch-header.Haase’s Sony qualifier ended at 9:45 p.m., and his marathon day ended in success.He beat De Voest 6-4, 6-0, meaning Haase had the rare experience of winning one match each at two different events on the same day.

Click here for the full story

Il lungo, terribile sforzo per qualificarsi al torneo di Miami

Robin Haase vinse lunedì mattina il challenger di Sunrise e lunedì sera una partita di qualificazioni a Key Biscayne, nel tentativo di qualificarsi per Sony Ericsson Open.Per ogni Roger Federer e Rafael Nadal ci sono dieci Robin Haase sui campi da tennis. Sono i giocatori che lavorano sodo settimana dopo settimana, nell’anonimato più totale, nei tornei di seconda categoria e nelle quali dei Masters, senza titoli a caratteri cubitali sui giornali.Questo giorno di lunedì nessuno nel circuito ATP ha lavorato più sodo di Robin Haase, e la sua storia di successo merita di essere raccontata.Il ventenne olandese ha cominciato la sua giornata a Sunrise, portando a compimento molto lentamente una finale interrotta dalla pioggia quando era avanti 5-4 contro il francese Sebastian Grosjean e finita solo al terzo set 7-5, 5-7, 6-1. Alle 13:30 ha preso l’assegno del vincitore di 14 400$, ha sorriso per un paio di fotografie, ha firmato qualche autografo, ha fatto i bagagli ed è partito di corsa per Key Biscayne, dove doveva sostenere un match di qualificazione per Sony Ericsson Open.Conoscendo la sua situazione, gli organizzatori avevano programmato la partita “non prima delle 18”, di fatto grazie alla pioggia che ha scombussolato anche la giornata di Key Biscaine Haase ha messo piede in campo solo alle otto e mezza di sera, con le tribune praticamente vuote,eccezion fatta per un gruppo molto ristretto di tifosi. La sua maratona è finita alle 21:45, con il successo in due set, 6-4, 6-0 contro il sudafricano di origini olandese Rik de Voest.Robin Haase completa in questo modo la rara esperienza di vincere nello stesso giorno due partite in due tornei diversi.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Milan Sterba: «La carrière de Rafael Nadal est bientôt terminée», Joëlle Charrey, lematin.ch

Alors que Roger Federer vacille sur son trône de No 1 mondial, son dauphin est, lui aussi, mal en point. Pis, selon Milan Sterba, le No 2 mondial sera bientôt contraint de ranger ses raquettes, à l’âge de 22 ans. La faute à une blessure tenace à la cheville gauche, à un moral en berne ainsi qu’à des choix discutables. «Rafa souffre depuis plus de deux ans, raconte le Tchèque naturalisé Suisse, il n’y a aucun moyen de le soigner.» Pessimiste, Milan Sterba prédit qu’à la fin de cette année, la carrière de Nadal sera terminée.L’ancien arbitre a eu un coup de foudre amical pour le Majorquin alors que ce dernier était âgé de 15 ans. C’est tout naturellement qu’il est devenu proche du clan Nadal. Une sorte de confident. «Rafa ne s’est jamais remis de sa défaite en finale de Wimbledon contre Federer, regrette-t-il. Depuis, son tennis s’est effrité. Ses parents sont très inquiets.» Blessé, fragile mentalement, Nadal serait également trop gentil pour opérer des changements radicaux: «Rafa est victime de sa famille. Il a peur de faire de la peine à ses proches en se séparant de Tony (réd.: son oncle et coach). Cela serait pourtant une bonne chose pour lui.» L’heure des remises en question aurait donc sonné pour le gaucher de Manacor: «A 22 ans, Rafa réalise qu’il est à un tournant de sa vie. Il est un peu perdu», conclut Milan Sterba.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Milan Sterba: “la carriera di Rafael Nadal è quasi terminata”

Mentre Roger Federer vacilla sul suo trono di n. 1 mondiale, il suo delfino è, anche lui, malridotto. Peggio, secondo Milan Sterba, il n. 2 mondiale sarà presto costretto ad appendere al chiodo le sue racchette, all’età di 22 anni. Colpa di un infortunio alla caviglia sinistra, un morale sottoterra e scelte discutibili. “Rafa soffre da oltre due anni, dice il ceco naturalizzato Svizzero, non c’è alcun modo di curarlo.” Pessimista, Milan Sterba predice che alla fine di quest’anno, la carriera di Nadal sarà terminata. L’ex arbitro ha avuto un colpo di fulmine amichevole per l’abitante di Maiorca quando quest’ultimo aveva 15 anni. È così naturalmente diventato molto vicino del clan Nadal. Una sorta di confidente. “Rafa non si è mai rimesso dalla sua sconfitta nella finale di Wimbledon contro Federer, si rammarica. Da allora, il suo tennis si è esaurito. I suoi genitori sono molto ansiosi.” Ferito, fragile mentalmente, Nadal sarebbe anche troppo buono per operare cambiamenti radicali: “Rafa è vittima della sua famiglia.” Ha timore di dare un dispiacere ai suoi genitori separandosi da Tony ( suo zio ed allenatore). Questa sarebbe però una cosa buona per lui.” L’ora di rimettersi in discussione sarebbe dunque suonata per il mancino di Manacor: “A 22 anni, Rafa si rende conto che è ad una svolta della sua vita. È un po’perso “, conclude Milan Sterba.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Direction l’Atlantique, Bastien Aubert, sport24.com

Après Indian Wells, le gratin du tennis se pose à Miami pendant dix jours. Sans Maria Sharapova chez les dames, mais avec tous les gros bras du circuit masculin.Henin reprend sa placeCe n’était pourtant pas une piqûre de rappel vraiment nécessaire. En raflant les deux titres à Indian Wells, Novak Djokovic et Ana Ivanovic ont confirmé l’excellente forme du tennis serbe au niveau mondial, constat plus qu’évident depuis une grosse saison déjà. Les deux amis seront évidemment présents pour enchaîner leur fabuleuse lancée à Miami, étape du deuxième Masters Series de la saison (son équivalent Tier I chez les dames). Comme dans le désert californien, ils figureront également sur la liste des favoris mais avec un petit changement notable. Si Nole sera toujours étiqueté du statut de tête de série n°3, sa compatriote devrait endosser celui de n°2.Alors qu’elle avait opté pour une impasse à Indian Wells, afin de se reposer et soigner un genou douloureux, Justine Henin devrait en effet faire son retour sur les courts de Magic City. Passée par Orlando pour ouvrir une antenne de son académie en fin de semaine dernière, elle ne fera pas ses débuts avant vendredi. De son côté, Maria Sharapova a choisi d’obéir à un schéma contraire à celui de la n°1 mondiale.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Direzione: Atlantico

Dopo Indian Wells, la crema del tennis si trasferisce a Miami per dieci giorni. Senza Maria Sharapova tra le donne, ma con tutti i grossi calibri del circuito maschileHenin riprende il suo postoNon era un richiamo realmente necessario. Accaparrandosi i due titoli a Indian Wells, Novak Djokovic ed Ana Ivanovic hanno confermato la forma eccellente del tennis serbo a livello mondiale, constatazione più che ovvia già da più di una stagione. I due amici saranno ovviamente presenti per raddoppiare nel loro slancio fantastico a Miami, tappa dei secondi Masters Series della stagione (il suo equivalente Tier I tra le donne). Come nel deserto californiano, appariranno anche sull’elenco dei favoriti ma con un piccolo cambiamento considerevole. Se Nole sarà sempre etichettato dello statuto di testa di serie n°3, il sua compatriota dovrebbe indossare quello di n°2. Mentre aveva optato per uno stop a Indian Wells, per riposarsi e prendersi cura di un ginocchio dolorante, Justine Henin dovrebbe infatti fare il suo ritorno sui campi di Magic City. Passata per Orlando per aprire una filiale della sua accademia a fine settimana scorsa, non scenderà in campo prima di venerdì. Da parte sua, Maria Sharapova ha scelto di seguire uno schema contrario a quello della n°1 mondiale.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Djokovic en N.1, Henin de retour, lalibre.be

Vainqueur des deux plus importants tournois de l’année, l’Open d’Australie et le premier Masters Series, dimanche à Indian Wells (Californie), le Serbe Novak Djokovic aborde la défense de son titre à Miami, à partir de mercredi, comme le N.1 mondial de la saison. Comme la semaine dernière à Indian Wells à l’autre bout du pays, le tournoi floridien accueille aussi le tournoi féminin, avec notamment le retour aux affaires de la N.1 mondiale, Justine Henin, après quatre semaines de pause suite à son élimination à Dubaï.Le Suisse Roger Federer est sans conteste le N.1 mondial des 12 derniers mois, devant l’Espagnol Rafael Nadal, comme l’indique le classement ATP, mais “Djoko” est tout aussi assurément le N.1 mondial du premier trimestre… en attendant mieux. “Je sais que beaucoup de gens me voient comme le meilleur joueur du monde en ce moment. Et d’ailleurs, je pense qu’en regardant les résultats, je mérite de l’être. Mais je ne veux pas y penser pour ne pas me mettre de pression supplémentaire. J’en ai suffisamment”, avait expliqué le N.3 mondial, avant de quitter la Californie dimanche.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Djokovic da N.1, Henin rientra

Vincitore dei due più importanti tornei dell’anno, l’aperto di Australia ed i primi Masters Series, domenica a Indian Wells (California), il serbo Novak Djokovic affronta la difesa del suo titolo a Miami, a partire da mercoledì, come N.1 mondiale della stagione. Come la settimana scorsa a Indian Wells all’altro capo del paese, il torneo della Florida accoglie anche il torneo femminile, con in particolare il ritorno in campo della N.1 mondiale, Justine Henin, dopo quattro settimane di pausa in seguito alla sua eliminazione a Dubaï. Lo Svizzero Roger Federer è senza dubbio il N.1 mondiale degli ultimi 12 mesi, davanti allo spagnolo Rafael Nadal, come indica la classifica ATP, ma “Djoko” è allo stesso modo indubbiamente N.1 mondiale del primo trimestre… aspettando di meglio. “So che molta gente mi vede come il migliore giocatore del mondo attualmente. E del resto, penso che osservando i risultati, meriti di esserlo. Ma non voglio pensarci per non mettermi una pressione supplementare. Ne ho a sufficienza “, aveva spiegato il N.3 mondiale, prima di lasciare la California domenica.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Miami - Federer et Henin à la relance , lequipe.fr

Roger Federer et Justine Hénin, les deux patrons du tennis mondial depuis plusieurs saisons, entendent bien profiter du tournoi de Miami pour rétablir leur domination après des résultats décevants pour le premier, une période d’absence pour la seconde. Le Suisse, balayé en demi-finale à Indian Wells par Mardy Fish sent se préciser la rebellion emmenée par Novak Djokovic, tenant du titre et à la recherche d’un doublé pour ce deuxième Masters Series de la saison. Chez les femmes, après trois semaines de repos, la Belge fait figure de grande favorite après le forfait de Maria Sharapova, blessée à l’épaule.Federer doit réagirDepuis le début de l’année, la question taraude tous les observateurs : l’hégémonie de Roger Federer sur le tennis masculin est-elle en passe de se terminer ? Les résultats le laissent entendre. Le Suisse est certes toujours n°1 mondial, mais il n’a toujours pas remporté de titre cette saison et il a laissé à son nouveau rival Novak Djokovic le soin de glaner les deux tournois majeurs déjà disputé, l’Open d’Australie et Indian Wells. Ses deux défaites surprenantes contre Andy Murray à Dubaï, puis contre Mardy Fish la semaine dernière ont aussi fait descendre le Suisse de son piedestal, et ont écorné son image de machine à gagner quasiment invincible.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Miami - Federer ed Henin al rilancio

Roger Federer e Justine Hénin, i due padroni del tennis mondiale da molte stagioni, intendono approfittare del torneo di Miami per ristabilire la loro sovranità dopo risultati deludenti per il primo, un periodo d’assenza per la seconda. Lo Svizzero, travolto in semifinale a Indian Wells da Mardy Fish sente salire la rivolta capeggiata da Novak Djokovic, detentore del titolo ed alla ricerca di uno raddoppio in questi secondi Masters Series della stagione. Nelle donne, dopo tre settimane di riposo, la belga rientra come grande favorita dopo il forfait di Maria Sharapova, infortunata alla spalla.Federer deve reagireDall’inizio dell’anno, la questione assilla tutti gli osservatori: l’egemonia di Roger Federer sul tennis maschile è sul punto di concludersi? I risultati lo lasciano intendere. Lo Svizzero è certamente sempre n°1 mondiale, ma non ha ancora vinto titoli questa stagione ed ha lasciato al suo nuovo rivale Novak Djokovic il compito di cogliere i due tornei principali già disputati, Open d’Australia ed Indian Wells. Le sue due sconfitte sorprendenti contro Andy Murray a Dubaï, e contro Mardy Fish la settimana scorsa, hanno anche fatto scendere lo Svizzero del suo piedistallo, ed hanno infranto la sua immagine di macchina da vittorie quasi invincibile.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 25 March

Aggiornato il 25 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Sharapova: I’m so tired that I have to take a break from tennis , MALCOLM FOLLEY, Mail on Sunday (Sharapova: Sono stanca. Stop momentaneo al tennis)- Fish comes full circle, Peter Bodo, ESPN.com (Fish chiude il cerchio)- Novak Djokovic stays grounded as titles begin to stack up , Neil Harman, The Times (Novak Djokovic resta con I piedi per terra mentre i titoli aumentano)- On the upswing, Justin Gimelstob, Sports Illustrated (In ascesa)- Federer falling from grace, Tom Tebbutt, Globe and Mail (Federer perde la grazie di Dio)- Federer, Nadal losses at Indian Wells quite revealing , Joel Drucker, ESPN.com (Sconfitte rivelatrici per Federer e Nadal)- Ad-in, Ad-out; Serbian sunrise, Jon Wertheim, SportsIllustrated (Promossi-Bocciati; alba serba)- Just 18, Donald Young is growing into being a top player on the tennis circuit, Charles Bricker, sun-sentinel.com (A soli 18 anni, Donald Young sta crescendo per diventare un top player)- Jean-Claude Perrin: « Djokovic a dépassé le cap des exploits », Jean-François Paturaud, coach365.fr (Jean-Claude Perrin: “Djokovic ha superato lo stadio delle imprese”)- Miami - Marion Bartoli sans souci, Myrtille Rambion, lequipe.fr (Miami - Marion Bartoli senza preoccupazioni)- Miami - Gasquet veut rebondir , Myrtille Rambion, lequipe.fr (Miami – Gasquet vuole tornare alla ribalta)- Djokovic se rapproche Nicolas Cerbelle, sport24.com (Djokovic si avvicina)

Sharapova: I’m so tired that I have to take a break from tennis , MALCOLM FOLLEY, Mail on Sunday

Maria Sharapova, the most marketable sportswoman in the world, may be forced to take an unplanned break from tennis.After her first defeat of the year, Sharapova revealed fears that she is a victim of ‘burn-out’ and will consider withdrawing from this week’s Sony Ericsson Open in Miami, recognised as the unofficial ‘fifth’ major.Sharapova, 20, whose 18-match winning streak was broken by fellow Russian Svetlana Kuznetsova in the semi-final of the Pacific Life Open in Indian Wells, California, said: “I’m going to play it by ear. My body is hurting. I just want to be smart about the decisions I make and that’s going to be made after a good night’s rest.“At this point of the year, I can’t really be putting any pressure on myself by saying: ‘You’ve got to go out there and play next week’. If I’m not going to be ready, I’m not going to be ready. No one’s forcing me to go out there and play.”“I’m playing a lot of tennis and flying a lot,” said Sharapova. “It has pretty much been non-stop with all the tournaments and Fed Cup as well. It takes a toll on your body and your mind as well.“You feel like you have to go out on the court and spend a lot of emotion and energy out there, and sometimes you don’t have it for every match.”Currently world No 5, but the leading player in 2008, she will be under huge pressure to play in Miami, as the tournament is a flagship for the WTA’s title sponsors, Sony.The promotional campaign will have cast her in the starring role.

Click here for the full story

Sharapova: Sono stanca. Stop momentaneo al tennis

Maria Sharapova, l’atleta donna più commercializzabile al mondo, sarebbe costretta a una pausa non programmata dal tennis.Dopo la prima sconfitta dell’anno, Sharapova ha rivelato timori di andare incontro a “burn-out” (esaurimento fisico-motivazionale, ossia “scoppiata”) e potrebbe decidere di ritirarsi dal Sony Ericcson Open di Miami in programma questa settimana, evento riconosciuto come il “quinto” più importante del circuito.Sharapova, 20 anni, la cui striscia vincente di incontri è stata interrotta dalla compatriota Kuznetsova nelle semifinali di Indian Wells, California, ha dichiarato: “Vedrò come mi sento. Al momento il fisico è dolorante. Intendo prendere una decisione ponderata e avverrà solo dopo una buona nottata di riposo.”“A questo punto dell’anno, non posso proprio permettermi la pressione di dovere forzatamente scendere in campo e giocare la settimana prossima. Se non sono pronta, non sono pronta. Non c’è nessuno a costringermi a giocare.” ”Sto giocando molto a tennis e sto anche viaggiando molto,” ha continuato Sharapova. “È stata una corsa ininterrotta tra tornei con l’aggiunta della Fed Cup. Sia il corpo che la mente non possono non risentirne.”“La sensazione attuale è quella che ogni match mi consumi una parte di emozioni ed energia; non posso riservarne a sufficienza per ogni incontro.”Attualmente al n. 5 delle graduatorie mondiali, ma atleta di punta del 2008, Sharapova sarà sottoposta a forti pressioni per giocare a Miami, in quanto il torneo è un evento di cartello per lo sponsor principale della WTA, ossia la Sony.La campagna promozionale la attende come protagonista principale.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Fish comes full circle , Peter Bodo, ESPN.com

It was a great day for Serbian tennis in the Pacific Life Open at Indian Wells Sunday, but since there’s a resurrection theme to Easter Sunday for many people, let’s not write Mardy Fish entirely out of the script. He was the main story of this satisfying and bracingly competitive tournament.Fish, the 26-year-old silver medalist in singles at the 2004 Olympic Games in Athens, had an amazing run in the desert, counting upsets on a present and recent world No. 1 (Roger Federer and Lleyton Hewitt, respectively), as well as top 10ers Nikolay Davydenko and David Nalbandian. And he gave a good account of himself in the Pac Life championship match against the best player in the world at the moment, Novak Djokovic.You might wonder, why here, why now? The answer is pretty simple, although it comes in a couple of different parts that all come under one thematic roof: Fish returned to his roots at Indian Wells. He went back to the game that carried him to his best ranking ever in 2004 (No. 17), and he did it by getting back together with the coach who helped take him there, Kelly Jones. […]As Federer said, “The guy’s been top 20 before, and he’s had big matches before. … We know how good Mardy can be.”It’s great to see that Fish now remembers as well.

Click here for the full story

Fish chiude il cerchio

Domenica è stato un gran giorno per il tennis serbo al Pacific Life Open di Indian Wells, ma dato che il tema della resurrezione è importante nella domenica di Pasqua, non lasciamo fuori dal copione Mardy Fish. E’ la storia principale di questo torneo soddisfacente e terribilmente competitivo.Fish, il 26enne medaglia d’argento nel singolo ai giochi olimpici di Atene 2004, ha fatto un percorso incredibile nel deserto californiano, sconfiggendo sia il presente e un recente n.1 (Roger Federer e Lleyton Hewitt, rispettivamente), sia i top 10 Nikolay Davydenko e David Nalbandian. E ha dato buona prova di se stesso nella finale del torneo contro l’attuale miglior giocatore del mondo, Novak Djokovic.Potresti pensare, perché qui, perché adesso? La risposta è abbastanza semplice, sebbene sia in due parti che si riuniscono sotto un unico tema: Fish a Indian Wells è tornato alle sue origini. E’ tornato al gioco che l’ha portato al suo best ranking di sempre nel 2004 (n.17), e l’ha fatto tornando con il coach che l’aveva aiutato ad arrivarci, Kelly Jones. […]Come ha detto Federer, “Il ragazzo è già stato nei top 20, e ha già giocato grandi match. … Sappiamo quanto forte Mardy possa essere.”E’ grandioso vedere che adesso se lo ricorda anche Fish.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Novak Djokovic stays grounded as titles begin to stack up , Neil Harman, The Times

Novak Djokovic has a quaint way of putting it. “As a person, I’m really trying to stay with both legs on the earth and focus on the tennis, because that’s what I do, rather than be around the important people,” he said.The 20-year-old Serb had been asked if he thought that he was changing as a character, whether the fame and the adulation were in danger of going to his spiky-haired head. He had arrived here via a stopover in Hollywood to attend the famed Tonight Show with Jay Leno, in which he took second billing to Bill Cosby and had not been fazed in such exalted company.There is a lot of the showman in Djokovic. He is the prince of YouTube, he plays up but never plays unfairly and he is not Roger Federer. But what you see is a confident, resolute, fresh, talented man making prodigious strides. He is telling it like it is when he says: “A lot of people, if I can say it like that, got a little bit bored, Federer and [Rafael] Nadal winning and being so dominant throughout a couple of years already - it’s always good to see some new faces winning major events and I think the people like it.” […]Attention switches to the opposite coast for the Sony Ericsson Open, in Key Biscayne, Florida, beginning tomorrow, when Djokovic, the defending champion, has to hope that he has not used up too much of his positive energy.

Click here for the full story

Novak Djokovic resta con I piedi per terra mentre i titoli aumentano

Nova Djokovic ha un bizzarro modo per dirlo. “Come persona, sto davvero cercando di stare con entrambi i piedi per terra e concentrarmi sul tennis, perché è quello che faccio, piuttosto che andare in giro con gente importante” ha detto.Al 20enne serbo è stato chiesto se stava cambiando come personaggio, se la fama e le adulazioni potevano dargli alla testa. E’ arrivato qui dopo uno stop a Hollywood per partecipare il famoso Tonight Show di Jay Leno, dove è stato secondo ospite dopo Bill Cosby, e non è stato oscurato da tale compagnia.C’è un sacco di showman in Djokovic. E’ il principe di Youtube, scherza un sacco ma non gioca mai sporco e non è Roger Federer. Ma quello che vedete è un uomo fiducioso, risoluto, fresco e talentuoso, che fa cose prodigiose. Dice le cose come stanno quando afferma: “Un sacco di persone, se posso dirlo, si sono un po’ annoiate, Federer e Nadal così vincenti e dominanti negli ultimi due anni - è sempre bene vedere nuove facce che vincono eventi importanti e penso che alla gente piaccia.” […]Ora l’attenzione si sposta sulla costa opposta, per il Sony Ericsson Open a Key Biscayne, Florida, che inizia domani, quando Djokovic, campione in carica, dovrà sperare di non aver usato troppa della sua energia positiva.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

On the upswing , Justin Gimelstob, Sports Illustrated

A trend of contradicting columns is emerging between my colleague, Jon Wertheim, and me. We disagreed with the state of Andy Roddick’s game and character two weeks ago. This week, I take an opposing view on the health and state of tennis.Jon makes some legitimate arguments regarding the diminished television coverage and media interest in professional tennis. For the first time in many years, ESPN isn’t covering the Pacific Life Open here in the desert or the Sony Ericsson Open in Key Biscayne, Fla. next week. This is an obvious casualty of timing, considering the conflict with the ever-popular NCAA Tournament.However, Fox Sports Net eagerly picked up the coverage, and is doing an admirable job covering the event. (OK, I’m biased — I’m the lead analyst!) And the Los Angeles Times has featured tennis articles all week long. […]In regards to the assertion that “tennis is suffering,” I have some major statistics that directly contradict those claims. A record number of 715,587 spectators rushed through the turnstiles at last year’s U.S. Open.And it isn’t just one major setting attendance records, either. The ‘08 Australian Open smashed its previous high in attendance, as is the current event here in Indian Wells. Last year, the Pacific Life Open was the first event outside of a Grand Slam to surpass 300,000 in attendance and, this year, will attract more than 325,000 fans at the Indian Wells Tennis Garden.Also, let’s not minimize the importance of 20,000 fans rocking Madison Square Garden earlier this month to watch an exhibition between the two greatest tennis players of all-time: Pete Sampras and Roger Federer. Tiger Woods sitting courtside and Donald Trump relegated to a second-row seat should tell you all you need to know about the importance of bringing tennis back to the Mecca of all sporting venues.

Click here for the full story

In ripresa

Una tendenza di articoli contrastanti sta emergendo tra me e il mio collega, Jon Wertheim. Due settimane fa non eravamo d’accordo sullo stato del gioco e della personalità di Andy Roddick. Questa settimana, ho una visione opposta alla sua sullo stato e sulla salute del tennis.Jon fa alcune legittime considerazioni riguardanti la minor copertura televisiva e il minor interesse mediatico nel tennis professionistico. Per la prima volta dopo molti anni, ESPN non copre il Pacific Life Open e il Sony Ericsson Open a Key Biscayne, Florida, la prossima settimana. E’ solo una casualità di tempi, considerando la coincidenza con il sempre popolarissimo NCAA Tournament.Comunque, Fox Sports Net ha entusiasticamente preso l’impegno, e sta facendo un ottimo lavoro nel coprire l’evento. (OK, sono di parte - sono il capo opinionista!) E il Los Angeles Times ha prodotto articoli sul tennis durante l’intera settimana. […]Riguardo l’affermazione che “il tennis sta soffrendo”, ho alcune statistiche importanti che contraddicono queste tesi. Un numero record di 715.587 spettatori ha affollato fino ai tornelli gli US Open dello scorso anno. E non è l’unico record di pubblico. L’Australian Open 2008 ha demolito il suo precedente primato, come è successo anche a Indian Wells. L’anno scorso, il Pacific Life Open è stato il primo evento al di fuori degli Slam a superare le 300.000 presenze, e quest’anno ha attirato più di 325.000 tifosi all’ Indian Wells Tennis Garden.Inoltre, non minimizziamo l’importanza di 20000 tifosi che hanno messo a ferro e fuoco il Madison Square Garden, all’inizio di questo mese, per vedere un’esibizione tra i due più forti giocatori di sempre: Pete Sampras e Roger Federer. Tiger Woods che siede a bordo campo e Donald Trump relegato in un posto di seconda fila dovrebbe rendere chiara l’esigenza di riportare il tennis nella Mecca di tutti i palcoscenici sportivi.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer falling from grace, Tom Tebbutt, Globe and Mail

They are a category of fan known as the Kool-Aid Drinkers, diehards who admire and love everything about Roger Federer.The KADS are very restless after their man’s 6-3, 6-2 loss to Mardy Fish in the semi-finals of the Pacific Life Open in Indian Wells, Calif., on Saturday.Federer was remarkably passive and showed virtually no appetite for a fight in going down — the first time in 42 matches, dating to a 2003 loss to Andy Roddick in Montreal, he had been beaten by an American.On RogerFederer.com yesterday, the Federer faithful were fearful about their man’s fallibility.“Something must be wrong off the tennis court,” was a post from one fan.Others said:“Are you having fun playing any more? It does not seem your heart is there.”“Something is really fishy about this loss to Fish … and why didn’t Mirka [Vavrinec, his girlfriend] turn up?”“How many times do you have to lose to finally get a coach?”“Roger is in trouble. He can’t beat Fish, how can be beat Novak [Djokovic]?”

Click here for the full story

Federer perde il suo stato di grazia

C’è una categoria di fan conosciuta come Kool-Aid Drinkers, dei duri a morire che ammirano e amano ogni cosa che riguarda Roger Federer.I KADS sono molto irrequieti dopo la sconfitta 63 62 con Mardy Fish del loro pupillo nella semifinale del Pacific Life Open.Federer è apparso evidentemente passivo e quasi non stimolato a combattere (per la prima volta in 42 matches, dal 2003 quando perse da Roddick a Montreal, è stato battuto da un americano).Su RogerFederer.com, i fedeli di Federer erano terrorizzati circa la fallibilità del loro idolo.“Ci deve essere qualcosa che non va fuori dal campo” è stato il post di un fan.Un altro ha detto: “Ti stai ancora divertendo a giocare? Non sembra che il tuo cuore sia lì”.“C’è qualcosa di sospetto circa la sconfitta con Fish…perché Mirka non è mai comparsa?”“Quante volte dovrai perdere prima di ingaggiare finalmente un coach?”“Roger è in crisi. Non riesce a battere Fish…come può battere Novak?”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer, Nadal losses at Indian Wells quite revealing , Joel Drucker, ESPN.com

As the clock passed 1 p.m. on a warm and dry afternoon in the Coachella Valley, the menu for semifinal Saturday at the Pacific Life Open was quite appetizing.First up, Novak Djokovic and Rafael Nadal, followed by Roger Federer and Mardy Fish. The first three are holders of the four Grand Slam titles, while Fish is a resurging American with a pleasing all-court game.Who’d have thought Nadal and Federer would be eliminated by 4:15, each thoroughly waxed 6-3, 6-2?It was hard to imagine two titans could be beaten so swiftly — until one remembered that the same thing had happened at the same stage earlier this year at the Australian Open.Changing of the guard? Not quite. Shifting of the guard? Absolutely.Since 2005, Federer and Nadal have dominated tennis, between them taking 11 straight Grand Slams and 19 of 27 Tennis Masters titles. But the ascent of Djokovic has turned the top into a three-man race.

Click here for the full story

Sconfitte rivelatrici per Federer e Nadal

Sabato, alle una del pomeriggio in un caldo e secco pomeriggio nella Coachella Valley, il menù per le semifinali del Pacific Life Open era abbastanza appetitoso.Prima Novak Djokovic e Rafael Nadal, a seguire Roger Federer e Mardy Fish. I primi tre sono detentori dei quattro titoli dello Slam, è un giocatore americano risorto dal gioco piacevole.Chi avrebbe pensato che Nadal e Federer sarebbero stati eliminati in 4ore e 15minuti, dominati entrambi per 63 62?Era difficile immaginare che due giganti sarebbero stati battuti così velocemente, anche se va ricordato che la stessa cosa era accaduta sempre in semifinale agli scorsi Australian Open.Cambio della guardia? Non esattamente. Movimento della guardia? Assolutamente.Dal 2005 Federer e Nadal hanno dominato il tennis, divedendosi 11 titoli consecutivi dello Slam e 19 Masters Series su 27. Ma l’ascesa di Djokovic ha mutato i vertici della classifica, rendendola una corsa a tre.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Ad-in, Ad-out; Serbian sunrise, Jon Wertheim, SportsIllustrated

Ad-in:Novak DjokovicThe best player in men’s tennis in 2008, Serb wins another big title, taking the Pacific Life Open — his impressive run highlighted by a straight-set evisceration of Rafael Nadal. Between Djoko’s ascent and Roger Federer’s tailspin, there sure is a lot of intrigue awaiting in Key Biscayne.Ana IvanovicTop seed in Indian Wells lives up to her billing, taking out Svetlana Kuznetsova in the final and winning the biggest title of her career. What’s that sound? Ah yes, the piercing whistle of the endorsement train.Ad-out:Roger FedererThere is nothing to see here; please disperse. There is nothing to see here; please disperse.Maria SharapovaSees her undefeated streak snapped by Kuznetsova and then pulls out of Key Biscayne.

Click here for the full story

Promossi-Bocciati; alba serba

PromossiNovak Djokovic: il miglior tennista del 2008, il serbo ha vinto un altro grande titolo, conquistando il Pacific Life Open. Tra l’ascesa di Novak e il collasso di Federer, a Miami ci saranno da aspettarsi colpi di scena.Ana Ivanovic: prima testa di serie ad Indian Wells, onora al meglio la sua posizione, sconfiggendo Svetlana Kuznetsova in finale e vincendo il torneo più importante della sua carriera. Cos’è questo rumore…? Ah sì, è il penetrante fischio del treno della celebrità.Bocciati:Roger Federer: spiacenti, non c’è niente da vedere; disperso.Maria Sharapova: si vede interrompere la sua striscia di vittorie consecutive dalla Kuznetsova, e si ritira da Key Biscayne.oClicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Just 18, Donald Young is growing into being a top player on the tennis circuit, Charles Bricker, sun-sentinel.com

“They wanted me to abort Donald,” she told me, recalling the first three months of her pregnancy. “They told me I would never carry him to term. But this was my first child, and I couldn’t believe that God would give me this opportunity to have a child and not want me to take it.”So she persisted, checking in with her obstetrician weekly, monitoring her unborn baby’s progress, and it seemed to be satisfactory until the seventh month.“I don’t know why my husband came home early from work that day, but he did. Just about my whole body had shut down,” said Illona, who had to recover in the hospital along with her miracle child.Eighteen years later, his feet firmly planted in size 12s, Donald is in a very good place with every expectation that his tennis will get better.Gone are the tense days when Young, far too over-publicized by IMG, was getting punched around in regular tour tournaments when he should have been fighting his way up from the third-level Futures and second-level Challengers.A year ago he was No. 465. Since then, he’s won a Futures, won a Challenger, finished runner-up at four other Challengers and gone 4-5 in regular tour events this year. Not brilliant, but progress.

Click here for the full story

A soli 18 anni, Donald Young sta crescendo per diventare un top player

“Volevano che abortissi Donald” mi ha detto la madre, ricordando i primi tre mesi di gravidanza. “Mi hanno detto che non l’avrei mai potuta portare a termine. Ma era il mio primo figlio, e non potevo credere che Dio mi avesse dato l’opportunità di avere un bambino e loro non volevano che la cogliessi”. Così ha insistito, si è fatta visitare ogni settimana e le cose sono sembrate andare meglio dal settimo mese. “Non so perché mio marito tornò prima dal lavoro quel giorno, ma lo fece. Appena dopo mi si sono rotte le acque” ha detto Ilona, subito dopo ricoverata in ospedale con il suo bambino. 18 anni dopo, saldo nelle sue scarpe misura 44, Donald è in buona posizione e ha ottime prospettive di miglioramento. Sono passati i giorni di tensione quando, fin troppo pubblicizzato dall’IMG, veniva sbattuto fuori dai tornei del circuito maggiore quando avrebbe dovuto competere nei Futures o nei Challenger. Un anno fa era numero 465. Da allora ha vinto un Future e un Challenger, ha raggiunto la finale in quattro altri Challenger ed è entrato in tabellone in 4-5 tornei del circuito ATP. Non brillante, ma comunque in progresso.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Jean-Claude Perrin: « Djokovic a dépassé le cap des exploits », Jean-François Paturaud, coach365.fr

Chaque semaine Jean-Claude Perrin revient sur les faits marquants de l’actualité sportive. Aujourd’hui, il évoque la victoire de Novak Djokovic à Indian Wells. Et les difficultés de Federer et Nadal.Novak Djokovic a réalisé un parcours excellent à Indian Wells. A tous points préparés. En regardant le tableau, on peut dire que ça s’est bien ouvert. C’est une très belle victoire. Ce n’est pas un hasard. Je l’avais dit cet hiver et je confirme aujourd’hui. Il a dépassé le cap des exploits. Il est dans le cap des tous meilleurs du monde. Djokovic rentre maintenant dans le domaine le plus dur du professionnalisme, c’est-à-dire le côté répétitif de l’excellence. Ce que malheureusement nos garçons et nos filles ne font plus du tout.En ce qui concerne Roger Federer, il a été éliminé en 63 minutes lors des demi-finales (ndlr : défaite 6-3, 6-2 contre Mardy Fish). C’était imprévisible par rapport à ses deux derniers matchs. Il revenait bien. J’avais même été étonné de voir à quel point il était explosif après plusieurs semaines d’arrêt. C’était impensable, il y a encore quelques mois, de ne pas le voir dans une finale. Mais ce n’est pas encore inquiétant car la saison ne fait que commencer. Pour moi, il vient de rentrer dans des normes humaines.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Jean-Claude Perrin: “Djokovic ha superato lo stadio delle imprese”

Ogni settimana Jean-Claude Perrin ritorna sui fatti significativi dell’attualità sportiva. Oggi, evoca la vittoria di Novak Djokovic a Indian Wells. E le difficoltà di Federer e Nadal.Novak Djokovic ha realizzato un percorso eccellente a Indian Wells. Preparato a puntino. Osservando il tabellone, si può dire che si è aperto bene. È una vittoria molto bella. Non è un caso. Lo avevo detto quest’inverno e lo confermo oggi. Ha superato lo stadio delle imprese. È nello stadio dei migliori del mondo. Djokovic rientra ora nel settore più duro del professionismo, cioè il lato ripetitivo dell’eccellenza. Quello che purtroppo i nostri ragazzi e le nostre ragazze non fanno più. Per quanto riguarda Roger Federer, è stato eliminato in 63 minuti in occasione delle semifinali (nota: sconfitta 6-3, 6-2 contro Mardy Fish). Era imprevedibile rispetto ai suoi ultimi due incontri. Rientrava bene. Ero stato anche stupito nel vedere a quale punto fosse esplosivo dopo molte settimane di pausa. Era impensabile, ancora alcuni mesi fa, di non vederlo in una finale. Ma non c’è ancora da inquietarsi poiché la stagione è appena cominciata. Per me, è appena rientrato nelle norme umane.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Miami - Marion Bartoli sans souci, Myrtille Rambion, lequipe.fr

Forte de son statut de “Top 10″, de finaliste d’un tournoi du Grand Chelem et de participante au Masters, Marion Bartoli a logiquement déçu en ce début de saison 2008. La n°1 française n’est pas parvenue à surfer sur la vague du succès et n’a comme meilleur résultat à son actif, jusqu’à présent, qu’une demi-finale à l’Open Gaz de France. Défaite par Lindsay Davenport en huitièmes de finale du Tier1 d’Indian Wells, elle ne s’inquiète pas pour autant. «Les gens se font beaucoup de souci pour moi, dit elle. Pas moi.»«Marion Bartoli, après un début de saison «moyen», dans quel état d’esprit abordez-vous ce tournoi de Miami ?Plutôt positif en fait. Je trouve que j’ai fait deux bons matches à Indian Wells (victoires contre Elena Vesnina et Angelique Kerber avant de perdre face à Lindsay Davenport en huitièmes), j’étais assez contente de mon niveau. L’année dernière, j’avais perdu au premier tour ici à Miami, donc je n’ai aucun point à défendre (au deuxième, en fait, puisqu’elle avait bénéficié d’un bye). Et c’est un tournoi qui normalement, les années précédentes en tout cas, me réussissait bien (sourire). C’est là que j’ai obtenu mon premier gros résultat en atteignant les quarts de finale (en 2003) donc je suis contente de revenir jouer à Miami. En tout cas, je n’ai pas du tout de pression et je pense que cela va bien se passer.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Miami - Marion Bartoli senza preoccupazioni

Forte del suo statuto di “top 10″, di finalista di un torneo del grande Slam e di participante ai Masters, Marion Bartoli ha chiaramente deluso in quest’inizio di stagione 2008. La n°1 francese non è riuscita a cavalcare l’onda del successo e non ha come migliore risultato al suo attivo, fino ad oggi, altro che una semifinale agli Open Gaz de France. Demolita da Lindsay Davenport in ottavi di finale del Tier1 di Indian Wells, non si preoccupa più di tanto. “La gente si preoccupa molto per me, dice. Non io.”“Marion Bartoli, dopo un inizio di stagione” medio “, in quale stato d’animo affronta questo torneo di Miami?”Piuttosto positivo in realtà. Penso di aver giocato due buoni incontri a Indian Wells (vittorie contro Elena Vesnina ed Angelique Kerber prima di perdere contro Lindsay Davenport negli ottavi), io ero abbastanza contenta del mio livello. L’anno scorso, avevo perso al primo turno qui a Miami, dunque non ho alcun punto da difendere (al secondo in realtà perchè aveva beneficiato di bye). Ed è un torneo che normalmente, gli anni precedenti in ogni caso, me riusciva bene (sorriso). È qui che ho ottenuto il mio primo grande risultato raggiungendo i quarti di finale (nel 2003) dunque io sono contenta di ritornare giocare a Miami. In ogni caso, non ho nessuna pressione e penso che tutto andrà bene.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Miami - Gasquet veut rebondir , Myrtille Rambion, lequipe.fr

Énervé contre lui-même et un peu décontenancé après la sévère défaite (6-4, 6-2) concédée face à James Blake en huitièmes de finale du Masters Series d’Indian Wells, le Richard Gasquet (Photo L’Equipe) version Miami est déjà passé à autre chose. Le n°1 français ne veut même pas encore entendre parler du quart de finale de Coupe Davis que la France disputera à Winston-Salem en Caroline du Nord, contre les Etats-Unis, dans la foulée du Masters Series floridien. Son objectif : «bien réussir à Miami.» Avec, pourquoi pas, une finale à la clé.«Richard Gasquet, comment vous sentez-vous avant ce Masters Series de Miami ?Comme avant tous les tournois : je suis dans un bon état d’esprit. Je vais essayer d’aller le plus loin possible, de prendre match après match et de tout donner le jour J. Après, on verra bien comment ça va se passer, mais j’arrive sur le tournoi avec un bel état d’esprit.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Miami – Gasquet vuole tornare alla ribalta

International Press Clipps: March 2008 | Tennis: Servizi Vincenti

Irritato con sé stesso ed un po’imbarazzato dopo la sconfitta rigorosa (6-4, 6-2) subita da James Blake negli ottavi di finale dei Masters Series di Indian Wells, Richard Gasquet versione Miami è già passato ad altro. Il n°1 francese non vuole neppure ancora sentir parlare del quarto di finale di Coppa Davis che la Francia disputerà a Winston-Salem in Carolina del Nord, contro gli Stati Uniti, subito dopo il Masters Series di Florida. Il suo obiettivo: “Fare bene a Miami.” Con, perché no, una finale in tasca.“Richard Gasquet, come si sente prima di questi Masters Series di Miami?”Come prima di tutti i tornei: sono in un buono stato d’animo. Proverò ad andare il più lontano possibile, affrontare partita dopo partita e dare tutto il giorno cruciale (il Jour J è per i francesi l’equivalente del D Day degli inglesi : il giorno dello sbarco in Normandia, NdT). In seguito, si vedrà quello che succederà, ma arrivo al torneo con uno stato d’animo positivo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Djokovic se rapproche , Nicolas Cerbelle, sport24.com

Vainqueur du Masters Series d’Indian Wells au détriment de Mardy Fish (6/2 5/7 6/3), Novak Djokovic grappille de précieux points dans sa course au sommet. Roger Federer et Rafael Nadal sont prévenus…Finaliste malheureux la saison dernière (battu par Rafael Nadal), Novak Djokovic a pris sa revanche dimanche soir en dominant Mardy Fish, véritable surprise du tournoi. Malgré un mauvais départ, l’Américain a pourtant eu sa chance dans cette finale. Mené 6/2 4/2, il parvenait ainsi à recoller au score dans le deuxième set (4/4). A 5/5, il réalisait même un nouveau break qui lui permettait de prendre les devants. Servant pour égaliser à une manche partout, le Floridien ne craquait pas, à la différence de son adversaire qui balançait un énième retour hors des limites du court (5/7). Le premier jeu de l’ultime set constituait le véritable tournant du match. Fish se procurait d’entrée trois balles de break… C’est alors que Djokovic réagissait en véritable champion (au mental digne d’un futur n°1 mondial ?). Il claquait trois aces consécutifs pour revenir à hauteur et parvenait à conserver sa mise en jeu. «Cela a été un moment crucial, le tournant du match même. Si je n’avais pas sorti ces trois aces, les choses auraient pu tourner autrement», reconnaissait d’ailleurs le Serbe en conférence de presse.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Djokovic si avvicina

Vincitore dei Masters Series di Indian Wells a scapito di Mardy Fish (6/2 5/7 6/3), Novak Djokovic racimola punti preziosi nella sua corsa al vertice. Roger Federer e Rafael Nadal sono avvisati…Finalista sfortunato la stagione scorsa (battuto da Rafael Nadal), Novak Djokovic ha preso la sua rivincita domenica sera dominando Mardy Fish, vera sorpresa del torneo. Nonostante una cattiva partenza, l’americano ha tuttavia avuto la sua occasione in questa finale. Sotto 6/2 4/2, riusciva a rientrare nel secondo set (4/4). Sul 5/5, realizzava anche un nuovo break che gli permetteva di prendere la testa. Servendo per pareggiare il conto dei set, l’Americano non si perdeva, a differenza del suo avversario che sparava l’ennesima risposta fuori campo (5/7). Il primo gioco dell’ultimo set costituiva la vera svolta dell’incontro. Fish si procurava subito tre palle break… A quel punto Djokovic reagiva da vero campione (con il mentale degno di un futuro n°1 mondiale?). Piazzava tre aces consecutivi per ritornare a galla e riusciva a tenere il servizio. “E’ stato un momento determinante, la svolta dell’incontro stesso. Se non avessi pescato questi tre aces, le cose sarebbero potute andare diversamente “, riconosceva del resto il serbo in conferenza stampa.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 24 MarchAggiornato il 24 Marzo

- Ivanovic has the look of a winner , Bill Dwyre, Los Angeles Times (La Ivanovic ha l’aspetto di una vincente)- Djokovic keeps making statements , Lisa Dillman, Los Angeles Times (Djokovic continua a fare affermazioni forti)- McGrogan’s Heroes , Ed McGrogan, Tennis.com (Gli eroi di McGrogan)- The Evans Report: Desert Queen, tennisweek.com (I reportage di Richard Evans : Ana,la regina del deserto)- Serbians on song as Djokovic makes Fish flounder , Eleanor Preston, The Guardian (Serbi sugli scudi . Djokovic fa di Fish un pesce fuor d’acqua.)- Serbs State Their Case in the Finals at Indian Wells, Billy Witz, NY Times (I Serbi espongono le loro ragioni nelle finali di Indian Wells)- Fading Roger Federer loses aura of invincibility , Mark Hodgkinson, Telegraph (Uno spento Roger Federer perde l’aura di invincibilità)- Roger Federer’s fall: just bad days at the office or signs of a waning star? , Neil Harman, The Times (La sconfitta di Roger Federer; solo una cattiva giornata o il segno del declino?)- Defeat by Fish leaves Federer floundering, Eleanor Preston, The Guardian (La sconfitta con Fish lascia Federer in agitazione)- Klare Niederlage von Roger Federer , nzz.ch (Chiara sconfitta di Roger Federer)

Ivanovic has the look of a winner , Bill Dwyre, Los Angeles Times

The Serbian with the cover girl looks continued to demonstrate Sunday that she can play, too.Ana Ivanovic, 20 years old and already No. 2 in the world, won the women’s singles title in the Pacific Life Open on Sunday, in front of 15,860 fans at a nearly sold-out Indian Wells Tennis Garden. She beat Russian Svetlana Kuznetsova, 6-4, 6-3.Ivanovic’s looks, and sometimes even her personality, are discussed as much as her tennis. She was labeled as “more quiet” a few days ago by the other Serbian women’s star, Jelena Jankovic. Whether or not that label is correct for Ivanovic, it certainly works in comparison to Jankovic.Interestingly, Ivanovic’s victory over Kuznetsova allowed Jankovic, who lost to Ivanovic in the semifinals, to move past Kuznetsova to No. 3 in the rankings.

Click here for the full story

La Ivanovic ha l’aspetto di una vincente

La tennista serba con il look da prima pagina domenica ha dimostrato nuovamente di saper anche giocare.Ana Ivanovic, 20 anni e già numero 2 del mondo, ha vinto il titolo femminile del torneo di Indian Wells davanti ai 15860 spettatori dell’Indian Wells Tennis Garden, quasi un tutto-esaurito. Ha sconfitto la russa Svetlana Kuznetsova con il punteggio di 6-4 6-3.L’aspetto dell’Ivanovic, e talvolta anche la sua personalità, sono oggetto di discussione tanto quanto il suo tennis. L’altra stella del tennis femminile serbo, Jelena Jankovic, alcuni giorni fa l’ha descritta come “più calma”. Anche se questa non fosse una descrizione totalmente appropriata per la Ivanovic, certamente è giusta se paragonata alla Jankovic.Interessante è il fatto che la vittoria della Ivanovic sulla Kuznetsova ha permesso alla Jankovic, che ha perso dall’Ivanovic in semifinale, di superare la Kuznetsova al terzo posto della classifica mondiale.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Djokovic keeps making statements , Lisa Dillman, Los Angeles Times

Australian Open champion makes another one on court, winning title at Indian Wells, as well as a political statement about his homeland, Serbia.[…] He might as well be No. 2B, not No. 3. On paper, he is No. 3, having pulled to within 425 points of last year’s Indian Wells champion, Nadal. But he is two for two in the most important events of 2008, winning the Australian Open in January, and now the first Masters Series event.The No. 1 debate — put in long-term hibernation by Federer — is actually back in circulation. Federer may say there is no rivalry between him and the 20-year-old Djokovic, but maybe that’s because the Serb keeps saying people “got a little bit bored with Federer and Nadal winning and being so dominant.”“I’m aware of the fact that people started talking about that, and looking at me as the best player in the world this moment,” Djokovic said. “Of course, looking at the results, I think I deserve to be. But again, I don’t want to think in that direction because it creates an extra pressure.”And a word from a neutral observer — Fish, who will move from No. 98 to about No. 42 and was the fifth-lowest-ranked player to reach an ATP Masters Series final.“I think it is Roger Federer, hands down,” said Fish, who beat three top-10 players to reach the final, including Federer. “He hasn’t shown anything to say otherwise. He’s got a few results these past few weeks that are uncharacteristic for him last year to build on. I think he’s going to continue to be No. 1 for a long time.”

Click here for the full story

Djokovic continua a fare affermazioni forti

Il vincitore degli Australian Open continua a lasciare il segno sia sul campo, vincendo il torneo di Indian Wells, sia fuori dal campo attraverso un’affermazione a sfondo politico sulla sua terra natia, la Serbia.[…] Può benissimo essere considerato il n°2-B e non il n°3. Sulla carta è il n°3, essendosi issato a 425 punti di distanza dal vincitore di Indian Wells dell’anno scorso, Rafeal Nadal. Ma ha realizzato un due su due nei più importanti tornei del 2008, avendo vinto gli Australian Open a gennaio e ora il primo Master Series dell’anno.Il dibattito sul n°1 – da lungo tempo messo in ibernazione da Federer – è ora di nuovo in circolazione. Federer può anche affermare che non ci sia rivalità tra lui e il 20enne Djokovic, ma forse è perché il serbo continua ad affermare che la gente “aveva cominciato ad annoiarsi un po’ del dominio di Federer e Nadal”.“Sono cosciente del fatto che la gente abbia cominciato a parlare di ciò e a considerarmi il miglior giocatore del mondo in questo momento”, ha dichiarato Djokovic. “Certamente, guardando ai risultati, penso di meritare di esserlo. Ma tuttavia non voglio pensarla in questo modo perché crea ulteriore pressioni”.Una parola anche all’osservatore neutrale Fish che salirà dal n°98 a circa il 42 nelle classifiche ed è stato il quinto giocatore con il ranking più basso a raggiungere la finale di un Master Series.“Penso che sia Roger Federer, giù le mani”, ha detto Fish che ha battuto tre top-ten per raggiungere la finale, compreso Federer. “Non ci sono indicazioni che possano condurre ad una conclusione diversa. Ha avuto alcuni risultati nelle ultime settimane che sono inusuali per lui. Penso che continuerà ad essere il n°1 per lungo tempo”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

McGrogan’s Heroes , Ed McGrogan, Tennis.com

Novak Djokovic played spectacular tennis all week, firmly cementing himself as the player to beat in 2008. Nadal should still rule the clay, and Roger the grass, but it’s not like Djokovic is allergic to these surfaces either, as he reached the semifinals of both Roland Garros and Wimbledon last year. He will make inroads on each man at their preferred battle ground. As for hard courts - that might be Novak’s newly established turf.Djokovic’s serve, like Federer’s, is a most overlooked weapon in his arsenal, netting him precious points with frequency and dependability. This was a constant throughout the week, but it was most evident against Rafael Nadal, who looked powerless in their semifinal. Playing against someone who hit harder and with more depth, Nadal struggled just to keep the match close. And while the passing of the No. 2 ranking from Nadal to Novak hasn’t happened yet - though I predict it will soon - one passing of the torch did occur.

Click here for the full story

Gli eroi di McGrogan

Novak Djokovic ha giocato un tennis spettacolare per tutta la settimana, occupando saldamente il ruolo di ‘giocatore da battere’ del 2008. Nadal dovrebbe ancora regnare sulla terra e Roger sull’erba, ma non è che Djokovic sia allergico a queste superfici avendo raggiunto le semifinali sia al Roland Garros che a Wimbledon lo scorso anno. Sarà un rivale per entrambi sul loro terreno preferito. Per quello che riguarda i campi in cemento, questa potrebbe ormai essere la superficie che appartiene a Novak.Il servizio di Djokovic, come quello di Federer, è l’arma più sottovalutata nel suo arsenale, garantendogli punti preziosi con frequenza ed affidabilità. Questo è stato un elemento costante per tutta la settimana, ma è stato particolarmente evidente contro Rafael Nadal, che è sembrato impotente in semifinale. Giocando contro qualcuno che colpisce più forte e con più profondità, Nadal si è dibattuto per mantenere il match in equilibrio. E benchè il sorpasso di Novak nei confronti di Nadal non sia ancora avvenuto – sebbene predico avverrà presto – un passaggio della torcia è certamente avvenuto.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The Evans Report: Desert Queen, tennisweek.com

Top seed Ana Ivanovic, the runner up at the Australian Open in January, went one better here at the Indian Wells Tennis Garden by winning the Pacific Life Open to record the sixth Sony Ericsson WTA Tour title of her blossoming career.Ivanovic, the 20-year-old Serb who hides a love of Freud and philosophy behind a film star smile, defeated Svetlana Kuznetsova of Russia 6-4, 6-3 in one hour 27 minutes on a hot and sunlit day in the Californian desert.It was tough on the popular Kuznetsova, who won the U.S. Open in 2004, to have to play the bridesmaid for the second consecutive year here. Twelve months ago the girl they call “Kuzy” lost to Daniela Hantuchova in the final and once again it always look as if she was going to come off second best against an opponent who packs an enormous punch on the forehand and is fast becoming the brightest new star on the women’s tour.Ivanovic admitted that being No 1 seed for the first time in a big tournament had made her a little nervous during her early matches but that she had been practicing well and had been able to carry that form into her matches.“It was important today at 4-all in the first set when I had a chance and made a big mistake,” she said. “But I knew I had to take risks and be aggressive and I had the confidence to do that. And it paid off – I broke serve, started serving well myself and then everything worked for me.”

Click here for the full story

I reportage di Richard Evans : Ana,la regina del deserto

La testa di serie numero uno,finalista agli Australian Open in Gennaio,è riuscita a fare ancora meglio al Pacific Life Open,vincendo e aggiudicandosi così il suo sesto titolo del WTA tour della sua fiorente carriera.Ana Ivanovic,ventenne serba che nasconde il suo amore per Freud e la filosofia dietro un sorriso da star del cinema,ha sconfitto la russa Svetlana Kusnetsova 6-4 6-3 in un’ora e ventisette minuti sotto il cocente sole di ieri del deserto californiano.E’ stata dura per la popolare Kusnetsova,vincitrice agli U.S. Open nel 2004,dover giocare contro la damigella del tour per il secondo anno consecutivo qui. Dodici mesi fa “Kuzy” perse la finale da Daniela Hantuchova e ancora una volta è sembrato chiaro,durante il match,che si avviasse a divenire la miglior seconda contro un’avversaria che incamerava un’enormità di punti con il dritto e velocemente si consacrava star nascente del tour femminile.La Ivanovic ha ammesso che essere testa di serie numero uno per la prima volta in un grande torneo l’ha resa non poco nervosa durante i match ma che è riuscita ad allenarsi bene e a mantenere una buona condizione durante il torneo.“E’ stato importante oggi,quando sul 4 pari nel primo set ho avuto un’opportunità e ho commesso un grosso errore, ma sapevo ugualmente che avrei dovuto giocare in maniera aggressiva e prendere dei rischi,sono riuscita a prendere un break e ho iniziato a servire bene,questo mi ha dato molta fiducia e poi è andato tutto per il verso giusto”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Serbians on song as Djokovic makes Fish flounder , Eleanor Preston, The Guardian

Novak Djokovic followed up January’s Australian Open victory by beating Mardy Fish 6-2, 5-7, 6-3 to win the Pacific Life Open here yesterday. By picking up his third Masters Series trophy and securing one of the more prestigious titles on the ATP Tour, the Serbian offered more evidence of why it is he, rather than Rafael Nadal, who may turn out to be Roger Federer’s most convincing rival this year.(…) With the crowd behind him and the match level, Fish looked momentarily dangerous and Djokovic was forced to save break points in the opening game of the third set but, once he did so with the aid of three aces, the small but noisy band of Serbian fans in the bleachers could relax and enjoy the sight of their hero “Nole” motoring to another victory(…) Ana Ivanovic had already given the Serbian fans reason to shout by winning her sixth career singles title with a 6-4, 6-3 rout of Svetlana Kuznetsova in the women’s final. Ivanovic, who was runner-up to Maria Sharapova in Australia, made the most of the hot, sunny conditions to win her first WTA Tour trophy of the year and strengthen her position as world No2 behind Justine Henin.

Click here for the full story

Serbi sugli scudi . Djokovic fa di Fish un pesce fuor d’acqua.

Dopo la vittoria agli Australian Open del gennaio scorso, Novak Djokovic ha battuto Mardy Fish per 6-2, 5-7, 6-3 nella finale di ieri del Pacific Life Open. Alzando in aria il suo terzo trofeo Master Series e assicurandosi uno dei piu’ prestigiosi titoli del circuito ATP, ha reso ancora piu’ evidente il perche’ sia lui, piuttosto che Rafael Nadal, colui che potrebbe rivelarsi il principale rivale di Roger Federer per quest’anno.(…) Grazie al supporto del pubblico e al livello del gioco, Fish e’ stato a tratti pericoloso e Djokovic e’ stato costretto a salvare varie palle break nel game iniziale del terzo set. Ma mentre lo faceva con l’aiuto di tre aces, sugli spalti il piccolo ma rumoroso gruppo di fans serbi ha potuto rilassarsi e godersi la vista del loro eroe “Nole” che si avviava verso un’altra vittoria.(…) Ana Ivanovic aveva gia’ dato ai fans serbi motivo di gioire vincendo il sesto titolo della sua carriera con un 6-4, 6-3 su Svetlana Kuznetsova nella finale femmnile. La Ivanovic, battuta in finale da Maria Sharapova in Australia, ha tratto il massimo vantaggio dalle calde e assolate temperature per vincere il primo trofeo WTA della stagione e rafforzare la posizione di numero due al mondo alle spalle di Justine Henin.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Serbs State Their Case in the Finals at Indian Wells, Billy Witz, NY Times

The intersection of sports and politics may be an increasing rarity in the United States, but put Serbian athletes on a stage — even one as remote as this sun-baked desert oasis — and politics are sure to follow.So they did Sunday, when Novak Djokovic and Ana Ivanovic, each from Serbia, won the men’s and women’s singles finals at the Pacific Life Open. Djokovic dispatched the pesky 98th-ranked Mardy Fish, 6-2, 5-7, 6-3, and Ivanovic took care of Svetlana Kuznetsova, 6-4, 6-3.A group of about 40 Serbian fans cheered them on, waving flags, carrying signs and chanting — not only for Djokovic and Ivanovic, but also for their country, occasionally interrupting play with chants of “Ser-bi-a! Ser-bi-a!”The only dampening of their enthusiasm came near the end of Ivanovic’s victory, when tournament officials confiscated a banner that read “Kosovo is Serbia,” on the grounds that the banner was a political statement. A tournament official said the banner was returned after the matches.

Click here for the full story

I Serbi espongono le loro ragioni nelle finali di Indian Wells

L’intersezione tra sport e politica potrebbe essere una crescente rarità negli Stati Uniti, ma mettete un atleta Serbo in uno stadio e sicuramente la politica arriverà.Così è successo domenica, quando Novak Djokovic e Ana Ivanovic, entrambi serbi, hanno vinto la finale maschile e femminile del Pacific Life Open. Djokovic ha battuto il n. 98 Mardy Fish col punteggio di 62 57 63, mentre la Ivanovic “si è presa cura” di Svetlana Kuznetsova 64 63.Un gruppo di 40 tifosi serbi li incitava, sventolando le bandiere, mostrando striscioni e cantando, non solo per Djokovic e la Ivanovic, ma anche per il loro paese, interrompendo il gioco occasionalmente con i cori “Ser-bi-a! Ser-bi-a!”L’unico momento di raffreddamento del loro entusiasmo è arrivato verso la fine della vittoria della Ivanovic, quando un ufficiale di gara ha sequestrato uno striscione con su scritto “Kosovo is Serbia”, con la motivazione che lo striscione era una dichiarazione politica. L’ufficiale ha detto che a fine match lo striscione è stato poi riconsegnato.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Fading Roger Federer loses aura of invincibility , Mark Hodgkinson, Telegraph

A Roger Federer defeat has never been funnier, and not just because the man who beat him in the semi-finals of Indian Wells at the weekend was the marvellously-named Mardy Fish (they especially love him in the Midlands, where ‘mardy’ means being in a grump).What a turnaround for Federer; the locker room used to fear him, and now they can joke about his tennis.Of Federer’s three defeats this season, a year that has been complicated by glandular fever, this was the most alarming. Federer, a winner of 12 grand slam titles, isn’t supposed to lose to the world No 98 (even if Fish was once in the top 20).True, Federer was crunched in straight sets in the semi-finals of the Australian Open, by Novak Djokovic, and was bundled out of the Dubai tournament in round one, by Andy Murray, but Djokovic and Murray are two of the Bright Young Things of the men’s game. And Fish isn’t; this was a whole new category of conqueror for Federer. The Swiss said he felt healthy in Indian Wells, but he was unable to withstand the attacking tennis from Fish, and so has not even reached a final in 2008.And Fish was right about Federer, who is only 26 years old, and who has ambitions of playing on for almost another decade. We will never know what would have happened so far this year if Federer hadn’t been struck down by illness, but what is certain is that Federer’s aura of invincibility has probably gone for good.Federer’s greatest weapon was arguably the fear he put into his opponent’s mind during the warm-up, but now a growing group of players walk on court believing that they have a chance. Federer is not the invincible he seemed, even if he will still almost certainly overtake Pete Sampras’ record of 14 majors, which would establish him as the greatest of all time.

Click here for the full story

Uno spento Roger Federer perde l’aura di invincibilità

Una sconfitta di Roger Federer non è mai stata più ridicola, e non perché l’uomo che l’ha battuto nella semifinale di Indian Wells questo weekend è chiamato con il meraviglioso nome Mardy Fish (Fish è particolarmente amato nelle terre Midlands dove il suo nome Mardy significa essere in una situazione favorevole di vento forte).Che capovolgimento per Federer; è stata trovata la chiave del suo gioco per spaventarlo e ora tutti possono scherzare il suo tennis.Tre sconfitte di Federer in questa stagione, un anno difficile, complicato soprattutto dalla febbre ghiandolare (mononucleosi) che è la cosa più preoccupante.Federer vincitore di ben 12 titoli dello Slam non è pensabile e prevedibile che possa perdere dal numero 98 al mondo(persino se Fish è stato anche n. 20 in passato).E’ vero che Federer è stato sconfitto in 3 set nella semifinale degli Australian Open ad opera di Novak Djokovic ed è uscito al primo turno sconfitto da Andy Murray, ma sia Djokovic che Murray sono due giovani brillanti e forti giocatori.Fish invece non lo è, e questa sconfitta rappresenta una nuova conquista per una nuova categoria di giocatori in grado di battere Federer.Lo svizzero ha detto che si è sentito bene ad Indian Wells, tuttavia non è stato in grado di rispondere al tennis di attacco di Fish e non ha così potuto ancora raggiungere il traguardo di una finale nel 2008.Fish ha ragione quando afferma che Federer ha solo 26 anni ed è ancora molto ambizioso di giocare ancora per un altro decennio.Noi non sapremo mai che cosa è successo quest’anno a Federer e se lui si è cosi indebolito per la malattia, ma una cosa è certa; l’aura di Federer circa la sua imbattibilità si è probabilmente smarrita.La più grande arma di Federer è sempre stata indiscutibilmente la paura che riusciva a mettere a tutti i suoi avversari durante i match, ma ora un nuovo gruppo di nuovi giocatori che si stanno affacciando sui campi, credono di avere delle possibilità di sconfiggerlo.Federer non è più invincibile come sembrava in passato, perfino se quasi sicuramente riuscirà a superare il record di Pete Sampras di 14 vittorie nei tornei del grande Slam, che lo consacrerebbe come il più grande tennista di tutti i tempi.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Roger Federer’s fall: just bad days at the office or signs of a waning star? , Neil Harman, The Times

Q: Are you well, Roger?A: I’m well, yeah. How are you?Q: I don’t have to run.A: Well, I didn’t have to run much to-day, either

A pleasant piece of jousting welcomed Roger Federer into the inquisition chamber here yesterday, a place where he normally engages in a relaxed musing as to why this or that player has fallen under his spell. These will usually occur about an hour after his match, affording plenty of time for him to look perfect for the cameras.Except that recently, the world No 1 has been into the press room within 15 minutes, a touch flustered and not knowing what to expect as a question and what his answer might be. That was the case at the Pacific Life Open, after his 6-3, 6-2 defeat by Mardy Fish, the American, in the semi-finals, his worst day at the office in seven years in terms of fewest games won in a three-set match. Federer played jumpily with the microphone, much as he had done with his game on the court against Fish, a former top20 player who fell away to No 341 at the start of 2006 after a series of injuries, the worst of which, to his left wrist, required two operations the previous year.

Click here for the full story

La sconfitta di Roger Federer; solo una cattiva giornata o il segno del declino?

Q: Stai bene Roger?A: Sì, sto bene. E tu?Q: Io non devo correre…A: Beh, oggi nessuno di noi due ha avuto molto da correre.Un piacevole stralcio del benvenuto che sabato Roger Federer ha ricevuto nella “stanza dell’inquisizione”, un posto dove normalmente in maniera rilassata intraprende conversazioni sul perché questo o quel giocatore sono caduti sotto l’effeto del suo incantesimo. Questo accade solitamente dopo un’oretta dalla fine del suo incontro, dando la possibilità a Federer di apparire perfetto davanti alle telecamere.Tranne che di recente; adesso con un tocco di nervosismo non si sa cosa aspettarsi come domanda e quale potrebbe essere la risposta. Così è stato al Pacific Life Open, dopo la sconfitta 63 62 con Mardy Fish, l’americano, in semifinale, la peggior giornata in sette anni in termini di games conquistati in un match al meglio dei tre set. Federer ha giocherellato nervosamente col microfono, più di quanto ha fatto in campo contro Fish, un ex top 20, finito fino al 341mo posto all’inizio del 2006, dopo una serie di infortuni, il più grave dei quali, al polso sinistro, ha richiesto due operazioni.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Defeat by Fish leaves Federer floundering, Eleanor Preston, The Guardian

The obituaries for Roger Federer’s remarkable career have already been written, pending its imminent demise, but the men who have beaten the once omnipotent world No1 are adamant that Federer’s powers are not on the wane. Mardy Fish joined Novak Djokovic and Andy Murray to become the third man this year to get the better of Federer when he beat the Swiss 6-3, 6-2 in the semi-finals of the Pacific Life Open.Yet afterwards the American insisted Federer had not lost his edge. “No one thought that, no one in the locker room. We just kind of laugh at it,” he said.You can see Fish’s point. The Pacific Life Open was only Federer’s third tournament of the year, along with the Australian Open and Dubai. He lost to Djokovic, the eventual champion, in the semi-finals in Melbourne after preparing for the tournament by spending a week battling severe stomach problems. In Dubai he lost to Murray in the opening round, which, while pleasing for British tennis fans, was not particularly surprising given that the Briton was ranked No11 in the world and had beaten Federer before. Also in mitigation, Federer recently revealed that he had been diagnosed with mononucleosis - glandular fever - at the end of last year.

Click here for the full story

La sconfitta con Fish lascia Federer in agitazione

I necrologi per la rimarchevole carriera di Roger Federer sono stati già scritti, in attesa della sua imminente morte, ma gli uomini che hanno battuto l’onnipotente numero uno del mondo sono convinti che il potere di Federer non sia in declino. Mardy Fish si è unito a Novak Djokovic e a Andy Murray diventando il terzo giocatore capace di battere Federer in questo 2008, grazie al 63 62 con il quale ha vinto la semifinale del Pacific Life Open.Anche dopo l’americano ha insistito sul fatto che Federer non ha perso il suo dominio:”Nessuno lo pensa, neanche uno negli spogliatoi. Ci facciamo giusto una risata su.” ha detto.Il Pacific Life Open è stato solo il terzo torneo dell’anno per Federer, assieme all’Australian Open e a Dubai. Perse da Djokovic, futuro campione del torneo, in semifinale a Melbourne dopo aver preparato il torneo passando una settimana a combattere contro un serio problema allo stomaco. A Dubai ha perso contro Murray al primo turno; sconfitta non particolarmente sorprendente visto che il britannico era numero 11 al mondo e aveva già battuto Federer in precedenza. Inoltre, Federer ha recentemente rivelato che alla fine dello scorso anno gli era stata diagnosticata la mononucleosi.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Klare Niederlage von Roger Federer , nzz.ch

Roger Federer ist beim ATP-Masters-Series-Turnier in Indian Wells im Halbfinal klar gescheitert. Der Weltranglisten-Erste unterlag dem Amerikaner Mardy Fish (ATP 98) in 63 Minuten 3:6, 2:6. Fish trifft im Endspiel auf Novak Djokovic.Fish, der im Turnierverlauf mit Igor Andrejew, Nikolai Dawydenko, Lleyton Hewitt und David Nalbandian schon vier Gesetzte bezwungen hatte, spielte grossartig. Der Amerikaner prügelte auf fast alle Bälle ein und fast immer mit Erfolg. Federer kam nur bei 0:2 im ersten Satz zu einem Breakball, den er nicht nutzen konnte. “Er hat unglaublich gespielt”, anerkannte Federer, der im sechsten Spiel gegen den Amerikaner zum ersten Mal verlor. Überhaupt war es die erste Niederlage gegen einen Amerikaner seit dem Halbfinal von Montreal 2003 gegen Andy Roddick. Seither hatte er 41 Amerikaner in Serie besiegt.

Hier Klicken , um die ganze Nachricht zu lesen

Chiara sconfitta di Roger Federer

Roger Federer è naufragato nettamente in semifinale del torneo ATP-Masters-Series di Indian Wells. Il primo della lista mondiale è stato sconfitto dall’Americano Mardy Fish (ATP 98) in 63 minuti per 3:6, 2:6. Nella finale Fish incontrà Novak Djokovic.Fish, che con Igor Andreev, Nikolai Davydenko, Lleyton Hewitt e David Nalbandian aveva già “affondato” quattro seeded lungo il percorso nel torneo, ha giocato alla grande. L’Americano ha picchiato su quasi ogni palla e quasi sempre con successo. Federer è giunto sullo 0:2 nel primo gioco a procurarsi una palla break, che non ha potuto sfruttare. “Ha giocato incredibilmente”, riconosce Federer, perdente la per la prima volta dopo sei incontri con Fish. E’ stato questo il primo match perso di fronte ad un Americano dalla semifinale di Montreal nel 2003 contro Andy Roddick. Da allora aveva sconfitto 41 Americani di fila.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in tedesco)

23 March23 Marzo

- Atonement , Peter Bodo’s tennisworld (Espiazione)- Battle of the ball-bouncers, Peter Bodo, ESPN.com (Battaglia tra… rimbalzatori)- Down but not out, Jon Wertheim, SportsIllustrated (Il tennis Americano: soffrendo o morendo?)- Tennis needs to be more forward thinking , BILL DWYRE, LA Times(Il tennis ha bisogno di pensare più in avanti)- Mais que se passe-t-il ?, Cédric Callier, sport24.com (Ma che succede?)- Rafael Nadal bientôt troisième, Paul Roux, La Presse (Rafael Nadal presto terzo)- La hiérarchie bousculée , Nicolas Cerbelle , sport24.com (La gerarchia scossa)

Atonement , Peter Bodo’s tennisworld

The theme woven through this match was atonement, at a variety of levels. You can start with that ever-reliable choking theme. You can count on Mardy Fish, the skeptics have long said, he’ll always let you down. That rap is doubly cruel because the viral inability to close out matches is about the most frustrating and basically undeserved shortcoming a player can have. He’s shoved stumbling down that boulevard of broken serves before he’s seasoned enough to know it’s a career cul de sac in which you just go around and around and around.But here was Mardy Fish, a middle-aged 26 year old, tennis-wise, still swimming (I promise, no more!) in circles. But a funny thing happened here at Indian Wells. Fish took the first set from Lleyton Hewitt, had a good chance to break him early in the second, but failed to capitalize and ended up going to a third-set tiebreaker. Knots of reporters gathered around the monitors in the press room, anticipating a train wreck. Fish, after all, was an expert at blowing tiebreakers. But he surprised everyone by winning the tiebreaker and the match. Then, he played another fine third-set ‘breaker yesterday to topple Nalbandian.(. . .)So let’s get back some of these atonement motifs.First off, there’s that tiebreaker thing. After the Hewitt match, Fish admitted that he hadn’t won a tiebreaker all year. Big deal, he’d only played four (although one of them, in a third-round Australian Open match against Jarkko Nieminen, kept Fish from a taking a two-set lead in a match that he eventually lost ).But Fish was talking about tiebreakers in practice, too. Fish and his coach, Kelly Jones, laughed about that earlier in the week, and then they sat down and talked about it and arrived at an interesting conclusion: The conventional wisdom is that a tiebreaker is a roll of the dice, especially for a player like Fish, with his dangerous, powerful, anything goes kind of game. But buying into that idea, instead of blocking it out, is an invitation to disaster.As Fish said in his presser, “I was content getting to the tiebreakers and then saying, ‘Okay, this is a crapshoot. It might go my way, it might not..’ I would think, ‘Okay, my work is done. I mean, I’ve gotten there, I’ve held serve. Oh, it’s okay if you lose this set because you didn’t ever lose serve. . .’”I thought it an interesting and nuanced revelation. The solution, Fish and Jones decided, was for Mardy to remain aggressive, but within “margins”, and to focus on making first serves and warding off any tendency to negativity. Given what Fish has done here, the “conversation” with Jones is a testament to the of wise coaching. Fish hit two aces in the third-set tiebreaker against Nalbandian, plus a heavy service winer. Sometimes - in fact, most of the time - it really is the simple things.Click here for the full story

Espiazione

[…] Mardy Fish ha fatto fuori David Nalbandian al Pacific Life Open. La sua ricompensa è stata la semifinale con Roger Federer.Il tema scaturito da questo match è l’ “espiazione”, intesa sotto diversi punti di vista. Iniziamo con quello sempre attendibile della paura di vincere. “Puoi contare su Mardy Fish”, sostengono da tempo gli scettici, “finisce sempre per deluderti”.La stoccata è doppiamente crudele, perché la patologica incapacità di chiudere le partite è il limite più frustrante e se vogliamo immeritato che possa avere un giocatore. Il quale smette di farsene una ragione quando è abbastanza esperto da capire che in fondo si tratta di un cul de sac con cui nel corso di una carriera prima o poi ti ritrovi sempre a fare i conti.Ma veniamo a Mardy Fish, esperto tennista 26enne […]. A Indian Wells è accaduto qualcosa di divertente. Fish ha strappato il primo set a Lleyton Hewitt, ha avuto una buona chance per breakkarlo ad inizio del secondo, ma non ha saputo sfruttare le opportunità finendo per giocarsi tutto al tie break del terzo set. Un gruppetto di cronisti si è avvicinato ai monitor della sala stampa, pronto ad anticipare l’imminente disastro. D’altra parte Fish era un esperto nel perdere i tie break. Tuttavia, con sorpresa generale, lo ha vinto, e ha vinto la partita. E ha giocato anche un altro ottimo tie break nel terzo set contro Nalbandian.[..]Torniamo però a uno dei nostri temi. Tanto per cominciare, c’è quell’aspetto del tie break. Dopo la partita con Hewitt, Fish ammise di non aver mai vinto un tie break in tutto l’anno. Capirai, ne aveva giocati solamente quattro (anche se uno di questi, in un incontro di terzo turno al’Australian Open contro Jarkko Nieminen, gli è costato la possibilità di andare a condurre due set a zero in un match che poi ha finito per perdere).Ma Fish si riferiva anche ai tie break giocati in allenamento. Fish e il suo coach, Kelly Jones, ci avevano scherzato in settimana, per poi sedersi a un tavolo e affrontare l’argomento, arrivando a una conclusione interessante. Il comune buon senso suggerisce che il tie break sia un lancio di dadi, soprattutto per un giocatore come Fish, con il suo tennis così potente e rischioso. Ma visto in questi termini, più che un aiuto per affrontare il tie break, diventa controproducente.Come ha ammesso Fish in conferenza stampa: “Mi accontentavo di arrivare al tie break per poter dire, ‘Okay, adesso è un terno al lotto, posso vincere e posso perdere, ma la mia parte l’ho fatta. Sono giunto fin qui, ho tenuto il servizio. Oh, va bene lo stesso se perdo il set adesso perché non ho mai perso il servizio…”Ho pensato fosse una scoperta tanto sottile quanto interessante. La soluzione, hanno deciso Fish e Jones, era quella di continuare a giocare con aggressività, ma restando nei “limiti”, concentrandosi a mettere in campo la prima di servizio e allontanando qualsiasi pensiero negativo. Visto quel che Fish ha saputo fare qui, la “conversazione” con Jones è la prova di quanto può rivelarsi utile un buon allenatore. Fish ha messo a segno due ace nel tie break del terzo set contro Nalbandian, oltre a un altro servizio vincente. A volte (anzi, spesso) sono le cose semplici a fare la differenza.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Battle of the ball-bouncers , Peter Bodo, ESPN.com

One of the men’s semifinals at the Pacific Life Open is all set, and it’s going to be a battle of the ball-bouncers, although some people might describe this protracted sequence an annoyance for how they feel about Novak Djokovic and Rafael Nadal. That’s because some players get impatient and irritated with the way those top players bounce the ball endlessly (Djokovic has approached the magic 30-bounce barrier) before serving it up.Jo-Wilfried Tsonga summed up the dissidents’ sentiments pretty nicely the other night after he blew a 5-2 third sets lead to fall victim to bounce-happy, let-me-just-take-my-sweet-old-time-here Nadal. (And isn’t it weird how a kid as energetic and antsy as Nadal does a fair impersonation of an octogenarian getting aboard the No. 11 Broadway bus when it comes time to start the game with a serve?). “Sometimes [it bothers me], yes, of course,” Tsonga said. “Because when you play Rafa or Novak, it’s difficult when they put like 25 times the ball on the ground. You never know when he’s going to serve. Yeah, it’s tough, but it’s the game and there is [an] umpire here [to] respect the rule. That’s it. So I have nothing to say about it. I just have to play.”Tsonga actually took his beef with Nadal’s glacial pace of play and relentless ball-bouncing to the chair umpire the other day. But the umpire did what tennis officials so often do in such situations: nothing. Naturally, a reporter went right back to Nadal with Tsonga’s charges half-an-hour later. Nadal, sounding an awful lot like a kid who got busted by the schoolyard snitch, said, “Well, I think it’s not nice for the other player to go to the umpire and go to say you have to put [a] time violation to other player, no, because the umpire is there for this. So you don’t have to do that, no?”

Click here for the full story

Battaglia tra… rimbalzatori

Una delle due semifinali maschili al Pacific Life Open sarà una battaglia tra rimbalzatori di palline, sebbene qualcuno possa descrivere questa protratta sequenza come una seccatura, per via di quello che provano per Novak Djokovic e Rafael Nadal. Questo perché alcuni giocatori diventano impazienti e irritati per il modo in cui questi due giocatori fanno rimbalzare la palla all’infinito (Djokovic si è avvicinato alla magica barriera dei 30 rimbalzi) prima di servire.Jo-Wilfried Tsonga, l’altra sera, ha riassunto i sentimenti dei “dissidenti” abbastanza bene, dopo aver sprecato un vantaggio di 5-2 nel terzo set per poi cadere vittima di “rimbalzo felice”, “lasciatemi solo prendermi il mio tempo” Nadal. (E non è strano come un ragazzotto energico e sulle spine come Nadal, faccia una realistica imitazione di un ottantenne che sta prendendo l’autobus n.11 a Broadway, quando arriva il momento di servire?). “Qualche volta la cosa mi annoia, sì, certo,” ha detto Tsonga. “Perché quando giochi con Rafa o Novak, è difficile quando fanno rimbalzare la pallina tipo 25 volte. Non sai mai quando sta per servire. Sì, è dura, ma è il gioco e c’è un giudice di sedia qui per far rispettare le regole. E questo è tutto. Quindi non ho niente da dire in proposito. Devo solo giocare.”Tsonga in verità l’altro giorno si è lamentato con l’arbitro per il ritmo di gioco “glaciale” di Nadal e il suo infinito far rimbalzare la pallina. Ma il giudice di sedia ha fatto quello che così spesso fanno gli ufficiali del tennis in tali situazioni: nulla. Naturalmente, un’ora e mezza dopo un giornalista ha subito chiesto a Nadal a proposito dei reclami di Tsonga. Nadal, suonando terribilmente simile a un bimbo fregato dalla spia della scuola, ha detto: “Beh, penso che non sia carino che l’altro giocatore andare dall’arbitro e dire che deve richiamare per violazione di tempo l’altro giocatore, no, perché l’arbitro è lì per quello. Quindi tu non devi farlo, no?”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Down but not out, Jon Wertheim, SportsIllustrated

Just exactly who says that tennis is “struggling?” I’m getting sick of hearing about it.The U.S. Open sets new records every year, the U.S. Open Series did great, the U.S. won Davis Cup and I can think of many other good things.Oh, and I can barely get court time at the local clubs because they’re so busy. Where’s the factual basis for this constant reference to tennis being on life support in the U.S.?– Ted Nugent, Livingston, N.J.From your mouth to the network’s ears. Hate to play Gloomy Gus(tavo) here, but I see a decidedly less rosy picture. Particularly this week, as I scan in vain for ESPN coverage of the so-called fifth Slams. […]I was telling a friend that, when it comes to tennis’ health, too many people go to opposite extremes. The optimists — I’m thinking of the USTA-landed gentry here — attend the U.S. Open or the Davis Cup final. They eat catered meals and get take-home goody bags and see packed stadiums. Oblivious to the brutal television trends or the tournaments migrating overseas, they say, “This sport is hotter than American Idol!”

Click here for the full story

Il tennis Americano: soffrendo o morendo?

Chi dice che il tennis Americano si sta “tirando avanti?” Sono stufo di sentirlo.Gli US Open fanno incassi da record ogni anno, gli US Open Series vanno alla grande e gli Stati Uniti hanno vinto la Coppa Davis e ci sono tante altre cose positive.Non riesco a trovare un campo libero perché al circolo di tennis sono sempre pieni!Dov’è la prova che il tennis Americano sta andando così male? — Ted Nugent, Livingston, New JerseyPurtroppo io vedo le cose in maniera un po’ meno positiva. Almeno qui negli Stati Uniti il tennis sta facendo fatica ad attirare gli sponsor. Nemmeno l’ATP riesce, I fondi per il tennis nei college sono stati tagliati e circoli di tennis stanno sparendo sotto i cantieri immobiliari.Gli ottimisti (o meglio i VIP che una volta l’anno vanno agli US Open o alla finale della Coppa Davis) sono contentissimi di andare a mangiare gratis e a portare a casa i gadget regalati vedendo gli stadi pieni. Senza essere coscienti dei numeri calanti di telespettatori o del fatto che i tornei stanno scappando all’estero, vedono soltanto gli stadi pieni e dicono “Questo sport e più seguito dell’American Idol!”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tennis needs to be more forward thinking , BILL DWYRE, LA Times

Tennis and the Southern California desert should fit like hand in glove.In March, the desert is perfect. But is today’s game of tennis?Certainly, the balls move faster, and so do the players. The rackets are more flexible, producing more power. Balls used to fly off rackets, now they rocket.More and more, events such as this Pacific Life Open are in places like the Indian Wells Tennis Garden. The desert Taj Mahal.The sport even has its own Tiger Woods, which is a good thing, because, without Roger Federer, tennis would be hearing over and over about how badly it pales in comparison to golf.Indian Wells is tennis heaven: A 16,000-seat stadium with unobstructed sightlines and state-of-the-art suites. Matches almost always played under cloudless skies. Shopping everywhere. Restaurants, too. And Bud Collins interviewing Rod Laver for your entertainment while you munch.Nor is this tournament the exception. It is an almost-major, perhaps the sixth-most-important event of the year, depending on who’s measuring. The four Grand Slam events have all this, plus bigger stadiums and even more buzz. These tennis people really know how to put on the dog.The fan base is solid. The U.S. Open in New York measures its profits not in dollars, but in Brink’s trucks. Indian Wells is projected to attract around 320,000 fans in these two weeks, up from 303,000 a year ago.So, with all this, could there be any criticism? Matter of fact, yes.

Click here for the full story

Il tennis ha bisogno di pensare più in avanti

Il tennis e la California del sud dovrebbero sentirsi come una mano in un guanto.Nel mese di marzo il deserto è perfetto. Ma appartiene ad oggi il gioco del tennis?Certo, le palline si muovono più velocemente e lo stesso fanno i giocatori. Le racchette sono più flessibili e generano maggiore potenza. Le palline scagliate dalle racchette, ora sono dei missili. Sempre di più eventi come il Pacific Life Open si trovano in luoghi come l’Indian Wells Tennis Garden. Il desero Taj Mahal.Lo sport ha sempre i suoi Tiger Woods, ciò che è una buona cosa, perché senza Roger Federer, avremmo notizia del tennis solo riguardo a quanto impallidisce rispetto al golf.Indian Wells è il paradiso del tennis: uno stadio di 16.000 posti con visuali non ostacolate e arredi a regola d’arte. Quasi tutti gli incontri disputati sotto un cielo sereno. Shopping ovunque. Ristoranti, anche. E Bud Collins che intervista Rod Laver per intrattenervi mentre sgranocchiate qualcosa.Neanche questo torneo costituisce un’eccezione. E’ quasi un major, forse il sesto evento per importanza dell’anno, a seconda di chi fa le classifiche. I quattro eventi del Grand Slam dispongono di tutto questo, oltre che di stadi più grandi e di molto più brusio. Le persone del tennis sanno davvero come allestire la scena.La base dei tifosi è consistente. Lo U.S. Open di New York quantifica i suoi profitti non in dollari ma in camion di Brink! Indian Wells è progettato per attrarre circa 320.000 tifosi in queste due settimane, partendo dai 303.000 raggiunti lo scorso anno.Così, nonostante tutto questo, potrebbe esserci qualche critica? In verità, sì.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Mais que se passe-t-il ?, Cédric Callier, sport24.com

Alors qu’il semblait sur la voie du renouveau après sa mononucléose, Roger Federer est tombé de haut en demi-finales à Indian Wells. Une sévère défaite face à Mardy Fish qui relance le débat sur la fin de son outrageuse domination.Le règne quasi sans partage de Roger Federer sur la planète ATP approche-t-il de sa fin ? Cette question, récurrente à chaque fois que le Bâlois a le malheur de s’incliner, n’a jamais semblé autant d’actualité que depuis le début de ce millésime 2008. Et pourtant… Diminué par une mononucléose en janvier-février, le Suisse semblait avoir repris du poil de la bête en arrivant en Californie. Convaincant en entame de tournoi contre Guillermo Garcia-Lopez (6/3 6/2), Federer avait ensuite réalisé une démonstration dont il a le secret aux dépens du malheureux Nicolas Mahut, écarté sans ménagement (6/1 6/1) par une pluie de coups gagnants et un déchet proche du néant. Même copie impeccable (6/3 6/4) en 8es de finale face à un Ivan Ljubicic impuissant à inquiéter le numéro 1 mondial, et tout le monde d’ériger l’Helvète en finaliste en puissance de ce Masters Series puisque Mardy Fish, modeste 98e à l’ATP, avait eu la bonne idée d’écarter un certain David Nalbandian en quarts de finale. Soit la bête noire argentine du Suisse vaincue. En lieu et place, Federer affrontait un joueur qu’il avait déjà battu à cinq reprises en autant de confrontations. Et petit détail supplémentaire, le Bâlois n’avait plus perdu contre un joueur américain depuis 2003 et un revers contre Andy Roddick, soit 41 succès d’affilée contre des représentants de la Bannière étoilée.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Ma che succede?

Mentre sembrava sulla via della rinascita dopo la sua mononucleosi, Roger Federer è caduto dall’alto in semifinale a Indian Wells. Una sconfitta rigorosa di fronte a Mardy Fish che rilancia il dibattito sulla fine della sua sovranità oltraggiosaIl regno quasi indiscusso di Roger Federer sul pianeta ATP si avvicina alla fine? Questa domanda, ricorrente ogni volta che l’abitante di Basilea ha la disgrazia di inchinarsi, non è mai sembrata tanto d’attualità quanto dall’inizio di questo 2008. E tuttavia… Diminuito da una mononucleosi a gennaio-febbraio, lo Svizzero sembrava avere ripreso forza arrivando in California. Convincente all’inizio del torneo contro Guillermo Garcia-Lopez (6/3 6/2), Federer aveva in seguito realizzato uno show di cui solo lui conosce il segreto a spese del povero Nicolas Mahut, distrutto senza alcun riguardo (6/1 6/1) con una pioggia di colpi vincenti e errori prossimi al nulla. Stessa copia impeccabile (6/3 6/4) in ottavi di finale di fronte ad un Ivan Ljubicic che non è riuscito a preoccupare il numero 1 mondiale, e tutti e tutti a decretare già lo svizzero possibile finalista di questi Masters Series poiché Mardy Fish, modesto 98 dell’ATP, aveva avuto la buona idea di far fuori un certo David Nalbandian nei quarti di finale. Cioè era stata eliminata la bestia nera argentina dello Svizzero. Al suo posto, invece, Federer affrontava un giocatore che aveva già battuto cinque volte in altrettanti confronti. E piccolo dettaglio supplementare, l’abitante di Basilea non aveva più perso da un giocatore americano dal 2003 in una partita contro Andy Roddick, cioè 41 successi di fila contro rappresentanti della bandiera a stelle e strisce.Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Rafael Nadal bientôt troisième, Paul Roux, La Presse

À Montréal, l’été dernier, on a demandé à Rafael Nadal ce qu’il pensait des ambitions de Novak Djokovic, qui lorgnait la succession de Roger Federer. «J’espère qu’il ne deviendra pas no1 avant moi», avait-il répondu à la blague.Mais la blague est en train de tourner au cauchemar. Le Djoker n’est plus 13e, comme l’an dernier à Indian Wells, où il avait perdu contre Nadal. Il n’est plus qu’à quelques victoires du 2e rang, qu’il lui ravira bientôt.Le Serbe vient de démontrer hors de tout doute sa supériorité sur dur. Pour le Majorquin, la défaite a dû être brutale. Il a été dominé dans toutes les phases du jeu. Au service, en relance, dans les échanges. Djokovic a réussi plus d’as, plus de services gagnants, plus de coups gagnants et n’a laissé que cinq jeux à Nadal. Le grand rival du Maître, c’est désormais le Djoker.

Cliquez ici pour lire cet article

Rafael Nadal presto terzo

A Montreal, l’estate scorsa, hanno chiesto a Rafael Nadal cosa pensasse delle ambizioni di Novak Djokovic, che adocchiava la successione di Roger Federer. “Spero che non diventerà numero 1 prima di me”, aveva risposto scherzando. Ma lo scherzo si sta trasformando in un incubo. Djoker non è più 13, come l’anno scorso a Indian Wells, dove aveva perso contro Nadal. E’ soltanto a qualche vittoria dalla 2 posizione, che gli soffierà presto. Il serbo ha appena dimostrato al di là di qualsiasi dubbio la sua superiorità sul duro. Per l’abitante di Maiorca, la sconfitta deve essere stata brutale. È stato dominato in tutte le fasi del gioco. Al servizio, in risposta, negli scambi. Djokovic ha fatto più aces, più servizi vincenti, più colpi vincenti ed ha lasciato soltanto cinque giochi a Nadal. Il grande rivale del Maestro, ormai è il Djoker.

Clicca qui per leggere l’articolo (in francese)

La hiérarchie bousculée , Nicolas Cerbelle , sport24.com

Archi-dominateurs lors des saisons précédentes, Roger Federer et Rafael Nadal voient leur suprématie de plus en plus contestée. La nuit dernière, «le Maître» s’est fait surprendre par Mardy Fish (6/3 6/2) alors que le tenant du titre s’est incliné devant Novak Djokovic.Toujours pas de finale pour FedererEncore raté… Ce n’est pas ce dimanche que Roger Federer disputera sa première finale de l’année. Le Suisse avait pourtant un boulevard. Qualifié sans jouer pour les demi-finales suite au forfait de Tommy Haas, il retrouvait Mardy Fish, un adversaire qui ne lui avait jamais posé de problème jusque-là (5 victoires en autant de matches). Qui plus est, l’Américain, qui avait passé six heures de plus sur le court (5h13 disputées rien que sur les deux derniers matches), était beaucoup moins frais physiquement. Oui mais voilà, Fish est actuellement resplendissant. Son parcours depuis le début du tournoi parle pour lui : Florian Mayer, Igor Andreev, Nikolay Davydenko, Lleyton Hewitt et David Nalbandian ont successivement cédé. Soit deux Top 10 et un ancien n°1 mondial ! C’est donc en pleine confiance et soutenu par un public acquis à sa cause que le Floridien abordait la rencontre face au meilleur joueur de la planète.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

La gerarchia scossa

Arci-dominatori in occasione delle stagioni precedenti, Roger Federer e Rafael Nadal vedono la loro supremazia sempre più contestata. La notte scorsa, “il Maestro” si è fatto sorprendere da Mardy Fish (6/3 6/2) mentre il detentore del titolo si è inchinato dinanzi a Novak Djokovic.Ancora nessuna finale per FedererAncora fallita… Non è questa domenica che Roger Federer disputerà la sua prima finale dell’anno. Lo Svizzero aveva tuttavia una strada apertissima. Qualificato senza giocare per le semifinali in seguito al forfait di Tommy Haas, incontrava Mardy Fish, un avversario che non gli aveva finora mai posto problemi (5 vittorie in altrettanti incontri). Ancor più, l’americano, che aveva passato sei ore di più in campo (5.13 giocate solo negli ultimi due incontri), era molto meno fresco fisicamente. Sì ma ecco, Fish è attualmente sfolgorante. Il suo percorso dall’inizio del torneo parla per lui: Florian Mayer, Igor Andreev, Nikolay Davydenko, Lleyton Hewitt e David Nalbandian hanno ceduto in successione. Cioè due top 10 ed un ex n°1 mondiale! È dunque in piena fiducia e sostenuto da un pubblico acquisito alla sua causa che l’Americano affrontava la partita contro il miglior giocatore del pianeta.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

22 March22 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Fatigued Sharapova considers time away from the court , Mark Lamport-Stokes, Uk Reuters (Un’affaticata Sharapova considera l’ipotesi di una pausa)- Fairly normal Wta Parents , Kamakshi Tandon, Tennis.com (Genitori normali nella Wta)- Mother Davenport has dual concerns about back injury , Mark Lamport-Stokes, Uk Reuters (Il problema alla schiena un doppio problema per mamma Davenport)- Defending champion moves into semifinals , Leighton Ginn , The Desert Sun (Il campione uscente approda in semifinale)- Jim Pierce: Mary’s almost ready for come back , Charles Bricker, Sun-Sentinel (Mary e’ prossima al rientro)- Djokovic Passes Swiss Test in Quarterfinals , Pacific Life Open.com (Djokovic passa l’esame di svizzero)- Dix neuf, impair et perd, Florian Toumit, sport365.fr (Diciannove, numero dispari e sconfitta)

Fatigued Sharapova considers time away from the court , Mark Lamport-Stokes, Uk Reuters

A jaded Maria Sharapova said she might take another break from the game after being beaten 6-3 5-7 6-2 by fellow Russian Svetlana Kuznetsova in the semi-finals of the Pacific Life Open on Friday.The Australian Open champion took a brief holiday earlier this month after realising she had clocked just under 50,000 miles since the start of the year and jested she might skip next week’s Sony Ericsson Open in Miami.“It’s pretty much been non-stop with all the tournaments I’ve been playing, and Fed Cup as well. It takes a toll on your body and your mind as well.“You feel like you have to go out on the court and spend a lot of emotion and energy out there, and sometimes you just don’t have it for every match.”Sharapova jetted into Israel for the Fed Cup immediately after her Australian Open triumph in January. After a short break, she travelled to Doha where she won her 18th WTA title before having to withdraw from Dubai three weeks ago because of a viral illness.Asked when she was planning to take time off, the Russian world number five replied with a smile: “I don’t know, maybe next week.“I’m going to play it by ear. My body is kind of hurting a little bit. I just want to be smart about the decisions I make and that’s going to be made after a good night’s rest.“At this point of the year, I can’t really be putting any pressure on myself by saying: “You got to go out there and play next week. “If I’m not going to be ready, I’m not going to be ready. No one’s forcing me to go out there and play.“This year is so young and I still have so many big tournaments ahead of me and so many goals that I want to achieve,” added Sharapova, a winner of three grand slam titles.“As a 20-year-old, I’ve got to kind of stand up and make some mature decisions that will help me throughout my career, you know

Click here for the full story

Un’affaticata Sharapova considera l’ipotesi di una pausa

Dopo la sconfitta subita dalla connazionale Kutnetsova, Maria sta pensando di prendersi un altro periodo di riposo dal tennis. La campionessa di Melbourne si era gia’ concessa qualche giorno di riposo a inizio mese, ora sembra aver bisogno di staccare nuovamente : “ Tutti gli impegni che ho avuto quest’anno, inclusa la Fed Cup, mettono a dura prova sia il mio fisico che la mia mente. Hai sempre bisogno di mettere la massima energia in ogni incontro che giochi, ma non sempre ci puoi riuscire. La Sharapova si era recata in Israele per disputare l’incontro di Fed Cup immediatamente dopo il suo successo agli Australian Open. “ Potrei fermarmi gia’ settimana prossima”, dichiara Maria “ Voglio rifletterci bene e prendere la decisione giusta. Non voglio dovermi trovare costretta a giocare settimana dopo settimana. Se non mi sento preparata, devo fermarmi. Non c’e’ nessuno che mi obbliga a giocare. Siamo solo all’inizio della stagione e ci sono ancora moltissimi traguardi che voglio raggiungere. Ho 20 anni, e devo essere in grado di prendere una decisione matura per il bene della mia carriera “.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Fairly normal Wta Parents , Kamakshi Tandon, Tennis.com

When it comes to tennis parents, Sharapova’s dad Yuri has the highest profile of anyone except perhaps Richard Williams. Her mother, meanwhile, is conspicuous by absence. When talking about her mother at the Australian Open, Sharapova said she was the one who made her keep up her studies in school and now arranges museum visits and sightseeing trips when travelling with her daughter during pre-tournament weeks.Both Ana Ivanovic and Jelena Jankovic travel with their mothers, and both say dad is the indulgent one.IChildhood has effect in forming the personality and how much it’s important that you have actually nice control — parents, they can show you what’s right, what’s wrong, you can build your morals and personality of it,” Ivanovic said. “So now looking back, my parents did a great job, and I really admire. I start thinking, it’s lots of pressure now on me to be a good role model for my kids in the future.”Ivanovic tends to analyze things herself, she said. “I like sometimes to be philosophical, and my mom and coach they sometimes joke, ‘just relax, just enjoy the dinner.’ I try to be too philosophical and talk too much.”Jankovic, meanwhile, turns to her mom for the deep thinking. “My mom had an interest in philosophy, and she’s my main philosopher, you know, in my life,” she said. “She’s the one who’s teaching me so many things, because she had the biggest influence in my life. She has taught me so many things, and I think without her I wouldn’t be where I am at the moment.”Like her daughter, Snezana Jankovic is an outgoing personality not afraid to socialize with a wide cross-section of fellow travellers on tour. What makes her mother a “very special tennis parent,” said Jankovic, is that she never pushed her to play tennis. “Maybe that’s the difference between my mom — and my parents — and maybe some of the others which push their kids to play the game and maybe become famous and make money and have a great life.”Ivanovic and Jankovic have a civil relationship but not a friendly one.. “We played doubles together and we work well on the court. We manage to win that match and we had fun out there. But obviously we still have different interests and different personalities,” she said. “So I can’t say it made us become best friends, but, you know, just — we did the job like we had to, and we played well in doubles.”“We are very, very different girls,” observed Jankovic. “Ana is more quiet; I am a little bit more open. I tend to speak my mind a lot, she’s more kind of conservative. She wouldn’t say much, and if she would say, it would be very little. That’s what my opinion is about her. She’s more of a shy girl.“But that doesn’t matter. I mean, we’re all individuals and those things don’t matter with the tennis game.”

Click here for the full story

Genitori normali nella Wta

Se parliamo di genitori delle migliori giocatrici del circuito Wta, non c’e’ dubbio che siano Yuri Sharapov e Richard Willams i due piu’ chiacchierati. Della mamma di Maria invece , conosciamo poco. La campionessa di Melbourne ha pero’ dichiarato che e’ stata lei a persuaderla a continuare gli studi e aiutarla a non pensare solo al tennis. Sia Ana Ivanovic che Elena Jankovic viaggiano per il circuito assieme alla loro mamma,ed entrambe sostengono che sia il padre quello piu’ indulgente. “ A volte sono un po’ troppo filosofica e mia mamma riesce sempre a sdrammatizzare con qualche battuta. dice la Ivanovic. “ I genitori sono fondamentali perche’ ti insegnano fin da piccoli la differenza tra cio’ che e’ giusto e cio’ che e’ sbagliato”, “ Li ammiro moltissimo per quello che hanno fatto per me. Mi auguro di riuscire ad essere un modello altrettanto positivo per i miei figli, in futuro “. Anche per la Jankovic la madre assume un ruolo fondamentale : “ Senza di lei non sarei qui adesso. Mi ha insegnato tantissime cose e ha una grande influenza sulle mie scelte di vita. Mi rivolgo a lei per qualsiasi cosa. A differenza di molte, mia mamma non mi ha mai messo pressioni per diventare ricca e famosa, non mi ha spinto lei a giocare a tennis”. Le due campionesse serbe hanno un buon rapporto ma non sono grande amiche. “ Abiamo giocato dei doppi assieme e questo ha cementato il nostro rapporto, ma siamo un po’ troppo diverse. Ana e’ molto tranquilla e riservata, io molto piu’ espansiva. Parla poco , e’ piuttosto timida, ma e’ normale, ognuno e’ fatto a suo modo”, le parole della Jankovic.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Mother Davenport has dual concerns about back injury , Mark Lamport-Stokes, Uk Reuters

Although Lindsay Davenport was sad to withdraw from the Pacific Life Open due to a back injury on Thursday, she was more concerned with her inability to perform 100 percent as a mother.The former world number one, who returned to the court last September after an 11-month absence to have a baby, said her problem back prevented her from carrying her son.“It’s been a tough couple of weeks in that regard,” the 31-year-old American told reporters after retiring hurt from her quarter-final with third-seeded Serb Jelena Jankovic.“I haven’t been able to lift him up out of his crib, out of the stroller or out of the car seat so I’ve been feeling like kind of a bad mom in that regard.“I’m hoping it gets better in the next few days and not be just the mom giving orders to everybody,” added the Tour veteran who gave birth to son Jagger last June.Davenport, who has shocked the tennis world by winning four WTA titles since returning to the game, said she initially hurt her back 12 days ago.“I was getting treatment and everything and it got way better and was manageable,” she added.“I still have a lot more positive things coming for the rest of the year. That’s the beauty about this game. It’s like you have a setback but you have more opportunities coming your way in the coming months.”

Click here for the full story

Il problema alla schiena un doppio problema per mamma Davenport

Sebbene costretta a ritirarsi dal torneo, il maggior timore per Lindsay sembra essere quello di non riuscire ad essere una buona madre. L’infortunio alla schiena infatti, non l’ha solamente costretta ad abbandonare il campo contro la Jankovic, ma anche a non potersi prendersi cura pienamente del figlioletto. “ Il mal di schiena mi impedisce di prenderlo in braccio e di sollevarlo dalla culla. Non poterlo fare mi deprime e mi fa sentire come una cattiva madre. Mi auguro davvero che il dolore possa svanire nei prossimi giorni e tornare efficiente al 100%, non voglio dover dipendere dall’aiuto di qualcun altro. Adesso mi sto curando e le cose stanno andando meglio. Ci sono ancora tanti mesi davanti e molti traguardi che voglio raggiungere “

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Defending champion moves into semifinals , Leighton Ginn , The Desert Sun

Judging by Rafael Nadal’s celebration following match point, this was not any other match.Nadal dropped to his knees, shaking both fists as he beat James Blake for the first time ever.“This thing is not beating James, no?” Nadal said. “The thing is being in semifinal and beating two big players like (Jo-Wilfried) Tsonga and Blake in quarterfinals. So for me, it was two very important matches.”Nadal, the defending champion, advances to the semifinals here for the third consecutive year. He will face Novak Djokovic on Saturday in a rematch of last year’s final.A victory over Blake was his first in four meetings. Blake won their last meeting two years ago in the semifinals here, beating Nadal in straight sets.Blake said he felt like he was able to dictate play throughout the match against the game’s best defender. However, the margin of error was small.“I figured it was going to come down to who is going to play a couple of big points better,” Blake said. “I think he probably only had two break points in the third set. I maybe only had one, and he took advantage, and I didn’t.”“My game has to be aggressive to beat him,” Blake said. “I’ve heard a million times so-called tennis insiders telling me to be more cautious. I’ve heard it on TV, I’ve heard it in papers, and it’s almost laughable to me, because they honestly would never be talking about me if I played that game, because I’d be retired by now.”

Click here for the full story

Il campione uscente approda in semifinale

A giudicare dall’esultanza di Rafa Nadal in occasione del match point poi trasformato, per lo spagnolo non si e’ trattato di una vittoria qualunque. “ Sì, ma non per aver battuto James “ dichiara Nadal . “ La cosa che mi ha reso davvero felice e’ stato essere in grado di superare due top players come Tsonga e Blake e di raggiungere le semifinali ancora una volta. Per me e’ molto importante. Lo spagnolo e’ fra i primi quattro del torneo per il terzo anno consecutivo ed e’ riuscito a superare Blake per la prima volta dopo averci sempre perso,l’ultima volta proprio nella semifinale di Indian Wells due anni fa. L’americano sembra pero’ non avere troppi rimpianti rispetto alla partita giocata: “ Sapevo che sarebbe stato un match deciso da pochi colpi. Lui e’ stato piu’ bravo di me nei punti decisivi. Contro di lui devo giocare molto aggressivo se voglio batterlo. Ho sentito molte volte degli pseudo esperti di tennis consigliarmi di adottare una tattica prudente… Beh, e’ molto curioso, perche’ se li avessi ascoltati, adesso non sarei qua, mi sarei gia’ ritirato”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Jim Pierce: Mary’s almost ready for come back , Charles Bricker, Sun-Sentinel

Ordinarily, I don’t take everything Jim Pierce tells me to the bank, though I’ll give him about an 85 percent rating on accuracy and authenticity, and that’s pretty high for the fantasy world of sports.But his announcement that his daughter, 33-year-old, two-time Grand Slam winner Mary Pierce, is ready to come back from knee surgery has the ring of truth. Primarily because a lot of what he tells me is backed by her good friend, men’s pro Sebastien Grosjean.Mary has been cleared by her orthopedic surgeon to resume practice.She has informed her high-profile father that when she’s ready to get back on court, he’s the coach, with her brother, David, assisting.That it will take him two months, maybe two and a half months to get her into shape to get back on tour. “I have to see how she responds to the knee,” said Pierce. “But the way I will get her back in shape ordinarily would take two months. I’m not one of those country club training programs.”According to Pierce, Mary is in Paris seeing one more orthopedic specialist and, if cleared there, she’ll be ready to resume a career which was painfully interrupted in Linz in October of 2006, when she collapsed on court with an anterior cruciate ligament injury.According to Grosjean, she has been doing some preliminary hitting at Roland Garros, site of the French Open.Some have said Mary Pierce would never play again, especially at her age, but her father vehemently reacted to that. “I’m 72. Thirty-three is young,” he said, giving me a slight laugh.In fact, Mary has played some of her best tennis since she turned 30, reaching the final at the French and U.S. Opens in 2005 and making the quarters at Wimbledon the same year.She’s had a tendency when she was younger to put on too much weight during her injury down periods, but Pierce says she’s only gained perhaps six or seven pounds. “That will come off the first week of practice,” he said.Mary wants to play on the French Olympic team, but that seems like a longshot. If she starts serious training, probably at Bollettieri’s in Bradenton, in April, we’re talking about her first tournament back in June.

Click here for the full story

Mary e’ prossima al rientro

Le dichiarazioni di Jim Pierce vanno sempre prese con benficio d’inventario. Questa volta pero’, anche secondo le indiscrezioni che trapelano dall’ambiente francese, sembra che il focoso papa’ abbia ragione. Mary Pierce ha ricevuto il via libera dal proprio ortopedico e tornera’ a giocare. Suo coach sara’ ovviamente il vulcanico Jim, che si avvalera’ dell’aiuto dell’altro figlio , David. “ Ovviamente tutto dipendera’ da come reagira’ il suo gionocchio alle sollecitazioni, ma penso di poter dire che ci vorranno due mesi per rivedere mia figlia a un buon livello “, afferma Jim. Secondo Grosjean, Mary si sta’ gia’ allenando sui campi in terra battuta del Roland Garros. In molti avevano sostenuto che la Pierce non sarebbe piu’ tornata a giocare. “ 33 anni sono pochi…Io ne ho 72 ! “, l’ironica provocazione di Jim. La carriera di Mary si era bruscamente interrotta nell’Ottobre del 2006 al torneo di Linz, nel corso del quale la francese si ruppe il legamento crociato. La Pierce ha dichiarato di voler far parte della squadra francese ai prossimi giochi olimpici, ma al momento sembra un azzardo. Se riuscira’ ad effettuare una buona preparazione, potremmo rivederla tornare sui campi da gioco nel mese di Giugno.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Djokovic Passes Swiss Test in Quarterfinals , Pacific Life Open.com

World No. 3 Novak Djokovic passed his quarterfinal test against Swiss No. 2 Stanislas Wawrinka on Thursday afternoon at the Pacific Life Open, prevailing 7-6(5), 6-2 to set up a rematch of last year’s Indian Wells with defending champion Rafael Nadal. Wawrinka was forced to play catch-up in the tie-break after falling behind 3-0 and managed to draw even at five points piece, but Djokovic took the mini-break and then won a spectacular rally that ended with the Swiss rifling his forehand return wide.Djokovic, who accordingly fell to his knees and pounded his chest in celebration, said: “As you could see by the reaction, it was probably the most important point of the game.”“It’s normal to have some difficult stages in the tournament and sets and matches,” said Djokovic. “This was the one. This was really a test for me. I’m happy to win such a difficult match. We played over two hours only two sets; the time [shows] that we had such long rallies. But in the end I won, and that’s what matters.”Wawrinka pointed to Djokovic’s mental strength as the differentiating factor: “When you play the important points, he knows exactly how to play and he does it well.”“I take a lot of positive things from the match,” he said. “I was close to winning the first set, and then I was playing very well. So I’m happy with my game and with this tournament.”

Click here for the full story

Djokovic passa l’esame di svizzero

Il numero tre mondiale Novak Djokovic ha superato il difficile ostacolo rappresentato dallo svizzero Wawrinka e puo’ provare a ripetere la vittoria contro Nadal nella semifinale di oggi. Djokovic ha risolto la partita grazie anche a uno spettacolare scambio nelle fasi conclusive del tiebreak del primo set. “ Come avrete capito dall’esultanza, quello e’ stato probabilmente il punto piu’ importante del match”, dichiara il serbo. “ Questo era un test molto indicativo per me e sono contento di averlo superato. E’ stato un match molto lungo e complicato, ma alla fine cio’ che conta e’ che sono riuscito a vincerlo”. Wawrinka riconosce i meriti dell’avversario : “ Mentalmente e’ fortissimo, quando si devono giocare i punti decisivi lui sa sempre come giocarli al meglio . Sono comunque molto soddisfatto, sono andato vicino a vincere un set e nel complesso ho fatto un ottimo torneo”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Dix neuf, impair et perd, Florian Toumit, sport365.fr

Après 18 succès consécutifs, Maria Sharapova a concédé sa première défaite en 2008. La lauréate de l’Open d’Australie s’est inclinée en demie contre Svetlana Kuznetsova. Cette dernière rencontrera pour le titre la Serbe Ana Ivanovic.Deux petits duels comme à la maison. Entre les deux meilleures joueuses de Russie d’un côté, et la Serbie de l’autre. Tête de série n°1, et n°2 mondiale, Ana Ivanovic a pris le meilleure sur Jelena Jankovic. Le match s’est joué en grande partie dans le premier set, où les joueuses se sont départagées au jeu décisif. Plus agressive et inspirée, Ivanovic a viré en tête au terme d’un tie break rondement mené, 7 points à 3. Après la perte de ce set, Jankovic a été immédiatement lâchée et n’a pu revenir face à la finaliste de l’Open d’Australie qui a conclu le set et le match 6-3. « C’était un match difficile » a commenté la vaincue. Mon service et mon retour n’étaient pas très bons. Quand les échanges s’engageaient je me sentais mieux, mais malheureusement j’ai fait trop d’erreurs dans le jeu décisif et elle s’est échappée. »N°2 russe et n°5 mondiale au classement WTA, Maria Sharapova était plutôt la numéro 1 mondiale bis, invaincue sur le terrain depuis le début de l’année. Mais Svetlana Kuznetsova lui a rappelé combien le circuit féminin est compétitif. Ce qui donne encore plus de reflet à la série d’invincibilité de Sharapova, et à la victoire de Kuznetsova. « Il y a eu plusieurs moments importants dans le match qui auraient pu faire tourner les choses autrement, mais elle a fini par gagner ces points là », a analysé la triple vainqueur en Grand Chelem défaite 6-3, 5-7, 6-2. Ça lui a donné confiance et dans le troisième set elle était comme un rouleau compresseur. » Une impression appuyée par une volonté clairement affichée et par son jeu, souvent surprenant, parfois déroutant, tout en puissance, qui a fini par avoir raison de la confiance sans faille de la Sibérienne.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Diciannove, numero dispari e sconfitta

Dopo 18 successi consecutivi, Maria Sharapova ha concesso la sua prima sconfitta del 2008. La recente vincitrice degli Australian Open è stata sconfitta in semifinale da Svetlana Kuznetsova. Quest’ultima affronterà la serba Ana Ivanovic per la vittoria finale.Due duelli, da una parte le due migliori giocatrici russe e dall’altra le due migliori serbe. La testa di serie numero 1, e numero 2 del mondo, Ana Ivanovic ha sconfitto Jelena Jankovic. Il match è durato praticamente un solo set, nel quale le due giocatrici hanno combattuto fino al tiebreak. Più aggressiva ed ispirata, la Ivanovic è passata in testa grazie al gioco decisivo conquistato abbastanza nettamente 7 punti a 3. A causa della perdita del set, la Jankovic si è lasciata andare e non è riuscita a rientrare in partita permettendo alla finalista dell’Australian Open di concludere il set ed il match 6-3. “È stato un match difficile” ha commentato quest’ultima. “Il mio servizio e le risposte non erano ottime. Duranti gli scambi lunghi mi sentivo più a mio agio, ma purtroppo ho commesso troppi errori durante il tiebreak e lei ha preso il largo.”Nonostante sulla carta sia numero 2 russa e 5° giocatrice mondiale WTA, Maria Sharapova in questo periodo è parsa una numero uno bis, imbattuta dall’inizio dell’anno. Ma Svetlana Kuznetsova le ha ricordato quanto sia competitivo il circuito WTA. Ciò rende ancor più onore alla serie di invincibilità della Sharapova e alla vittoria della Kuznetsova. “Ci sono stati vari momenti importanti durante la partita che avrebbero potuto cambiarne le sorti, ma lei è sempre riuscita ad avere la meglio nei punti-chiave” ha analizzato la tre volte campionessa nei tornei del Grande Slam. “Ciò le ha dato fiducia e nel terzo set è diventata una sorta di rullo compressore”. Questa grande determinazione è frutto di una volontà espressa nel suo gioco durante tutta la partita: spesso sorprendente, a volte incredibile, potente; è così che ha avuto la meglio sulla impeccabile fiducia della Siberiana.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 21 MarchAggiornato il 21 Marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Lindsay about Monica (Lindsay parla di Monica)- New protocol established on line-call challenges, The Times (Stabilito un nuovo protocollo sui “Challenges”)- Andy Murray dreams of Wimbledon after Tommy Haas nightmare, Neil Harman, timesonline.co.uk (Andy Murray sogna Wimbledon dopo l’incubo Tommy Haas)- Serbs Jankovic and Ivanovic ease into last four , Mark Lamport-Stokes (Le serbe Ivanovic e Jankovic in semifinale)- The Evans Report: Serbian Semifinal, Richard Evans, tennisweek.com (Il Rapporto Evans: semifinali serbe)- Let the New Rivalry Begin , Steve Tignor , tennis.com (Cominciano le nuove rivalità)- French phenom Tsonga replete with power but often too passive , Joel Drucker, espn.com (Il fenomeno francese Tsonga è un concentrato di potenza ma spesso troppo passivo)- Haas defeat won’t keep Murray from sweet dreams , Eleanor Preston, guardian.com (La sconfitta contro Haas non impedisce a Murray di sognare)- Federer celebrates Ljubicic’s birthday with a win , pacificlifeopen.com (Federer festeggia il compleanno di Ljubicic con una vittoria)- Tebbutt: The perfect place for tennis, Tom Tebbutt, Globe and Mail (Il posto perfetto per il tennis)- Nadal finally breaks free against Blake , Bill Dwyre, LA Times (Alla fine Nadal scappa contro Blake)- Le carré parfait , Nicolas Couet, sport365.fr (Il quadrato perfetto)- Nadal a vaincu son démon, Nicolas Couet, sport365.fr (Nadal ha vinto il suo demone)

Lindsay about Monica

From Lindsay Davenport’s interview (Indian Wells 20.03.08)

Q. What were your thoughts on Monica’s performance the other night?LINDSAY DAVENPORT: Yeah, well, I know she can do better. (laughter.) I actually didn’t think she even had another dance, and someone told me that they dance again on Monday. So, yeah, I think I hope she does better.Still, it’s so difficult to go out there and do something you’re completely unfamiliar with. I couldn’t even walk across this room in high heels, let alone try and do a dance number.So, you know, it’s going to take her some time. Hopefully in the next few days her and her partner will come up with a good I think if they do a Salsa or Samba or something. She’ll come out all spicy for that.

Dall’intervista a Lindsay Davenport (Indian Wells 20.03.08)

Q. Cosa ne pensi della prestazione di Monica l’altra sera?LINDSAY DAVENPORT: Beh, so che può fare meglio. (Risata). Effettivamente non pensavo che avesse anche un altro ballo, e qualcuno mi ha detto che ballano ancora lunedì. Così, si, penso che - spero che farà meglio. Tuttavia, è così difficile presentarsi sulla scena e fare qualcosa che non ti è per nulla familiare. Io non potrei neanche camminare per questa stanza con i tacchi alti, figuriamoci se provassi ad esibirmi in un numero di ballo. Le servirà un po’ di tempo. Magari nei prossimi giorni lei ed il suo partner riusciranno a fare qualcosa di buono – che so, se fanno una Salsa o un Samba o qualcosa del genere. Si rivelerà un peperino.

Cliccate qui per leggere un’intervista di Ubaldo Scanagatta a Monica SelesCliccate qui per leggere un articolo di Giorgio Spalluto sul ventilato ritorno in campo di MonicaCliccate qui per leggere il racconto di Cino Marchese su Monica

New protocol established on line-call challenges, The Times

Togetherness is becoming a refreshing trend in international tennis. Whereas the effect of years of mutual antipathy was a sport where fragmented thinking and chronic aversion to change prevailed, there are increasing signs of a bonding of thought processes that can only help tennis to fix its problems and enhance its strengths.Quite possibly it will not sit well with Roger Federer, the world No 1, who remains opposed to anything that spoils the innate goodness of the game and takes every chance he has to let rip at line-calling technology, but the four governing bodies that have a say in tennis have agreed to establish a unified challenge system at all professional tournaments and team competitions.As with the setting up of the new Integrity Unit to combat suspicions of match-fixing and a one-size-fits-all antidoping procedure, the willingness to work together is profound. Since the arrival of electronic line-calling review systems - of which Hawk-Eye is the most innovative and has caught the public’s imagination, whatever reservations the 12-time grand-slam champion has - the technology has been utilised in various ways, from unlimited challenges in a match to a limited number of unsuccessful challenges per set.A common protocol was agreed yesterday by the ITF, the grand-slam tournaments, the ATP and the Sony Ericsson WTA Tour that allows a player/ team a maximum of three unsuccessful challenges per set with a further unsuccessful challenge in the event of a tie-break. For those tournaments without tie-breaks, at six games-all players/ teams will start again, with a maximum of three unsuccessful challenges every 12 games thereafter. They will continue to have an unlimited number of successful challenges.“I’m no fan of such exercises that play with the visual aspect of the game,” Federer said. “The only way it would work is if it is seen through TV, for the fans at home and the players don’t have to see it. I don’t like things that play with the integrity of the game. It was the same with round-robin. That was bad. Hawk-Eye - was it necessary? I don’t think tennis is that boring or bad to have to put banners and stuff all over the court.”

Click here for the full story

Stabilito un nuovo protocollo sui “Challenges”

L’unità di intenti sta diventando una nuova tendenza nel tennis internazionale. Laddove gli effetti di anni di reciproca antipatia lo hanno reso uno sport nel quale sono prevalse opinioni frammentate e avversione al cambiamento, vi sono ora segnali crescenti di una ricerca di unità di vedute che può solo aiutare il tennis a superare i suoi problemi incrementandone le forze.Probabilmente non farà piacere a Roger Federer, il numero uno mondiale, da sempre contrario a qualsiasi cosa possa intaccare l’innata sacralità del gioco e sempre pronto a cogliere ogni occasione per lamentarsi della tecnologia applicata alle chiamate dei giudici di linea, tuttavia i quattro organi che hanno voce in capitolo nel tennis hanno concordato di fissare regole uniformi nelle contestazioni delle chiamate da applicarsi a tutti i tornei pro e nelle gare a squadre.Così come si è verificato nella elaborazione del nuovo sistema per combattere il sospetto di partite combinate o nell’unificazione delle procedure antidoping, la volontà di collaborazione è massima. Da quando sono disponibili sistemi elettronici per la verifica delle chiamate - dei quali Hawk-Eye (“occhio di falco”) è il più innovativo e quello che ha fatto presa nell’immaginario collettivo, checché ne pensi il 12 volte vincitore di tornei del grande slam – la tecnologia è stata utilizzata in vari modi, da un illimitato numero di possibilità di chiamata per partita ad un numero massimo di contestazioni errate per set.Ieri è stato concordato un protocollo comune tra l’ITF, i tornei del grande slam, l’ATP e la WTA il quale consente ai giocatori un massimo di tre contestazioni errate per set ed un’ulteriore possibilità di errore qualora si vada al tie-break. Per i tornei nei quali non c’è tie-break, sul sei pari i giocatori avranno nuovamente tre possibilità di errore ogni dodici giochi. I giocatori continueranno ad avere un numero illimitato di contestazioni se si rivelano fondate.“Non sono un fan di questi esperimenti che si basano con gli aspetti visuali del gioco” ha detto Federer. “L’unico modo in cui tutto ciò funzionerebbe è se si vedesse solo in TV, per i fan a casa e se non fosse visibile ai giocatori. Non mi piacce tutto ciò che influisce sull’integrità del gioco. E’ stato lo stesso con il round-robin. E’ stato un errore. Hawk-Eye – era necessario? Non mi pare che il tennis sia così noioso o così brutto da dover disseminare il campo con banner o altro.”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Andy Murray dreams of Wimbledon after Tommy Haas nightmare, Neil Harman, timesonline.co.uk

He had a dream. And not just any old dream, either. As he booked out of his hotel, the Hyatt Grand Champions, yesterday, Andy Murray had a sense of his grand-slam tournament destiny, even if he could not quite recall where it was, who he was playing or who presented him with the prize.The British No 1 was digesting the disappointment of his exit from the Pacific Life Open - a tournament blessed with the presence of the four form horses of the men’s game, Roger Federer, Rafael Nadal, Novak Djokovic and David Nalbandian - when he was asked what would be an acceptable performance at Wimbledon this year. Usually, sighing and shrugging their shoulders at the same time, players babble a few words, suggesting that it is far too early to presume what may happen three months hence.But Murray let it slip that he could see himself lifting one of the sport’s top trophies and that a couple of nights back he had dreamt that he was a grand-slam champion. “I kind of woke up and now I feel like I’m ready to go on and get deep into the slams,” he said. “God, I want to win it [Wimbledon].”“You never know in grand-slams. You can get some tough draws, like I got in Australia [Jo-Wilfried Tsonga, of France, the eventual runner-up, in the first round], and sometimes the draws open up for you.”One was tempted to suggest that such a scenario had presented itself to Murray here in an area known, presumptuously, as the Inland Empire. He had Tommy Haas, the 29-year-old German who may have passed the prime of his tennis life, rocking in the opening set of his fourth-round match and if only Murray he had been able to sustain his grip, he would be playing Federer in today’s quarter-finals. That would have been a match to get all dreamy about.

Click here for the full story

Andy Murray sogna Wimbledon dopo l’incubo Tommy Haas

Ha fatto un sogno. Ma non un sogno qualsiasi. Lasciando ieri il suo hotel, lo Hyatt Grand Champions, Andy Murray ha avuto la sensazione del suo destino da vincitore di un torneo del Grande Slam, anche se non riusciva a ricordare bene dove fosse, contro chi stesse giocando o chi gli consegnasse il trofeo.Il numero uno britannico stava ancora digerendo la delusione per la sua eliminazione dal Pacific Life Open - torneo nobilitato dalla presenza dei quattro cavalli in forma del circuito maschile, Roger Federer, Rafael Nadal, Novak Djokovic e David Nalbandian – quando gli hanno chiesto quale sarebbe stata una performance accettabile a Wimbledon di quest’anno. Solitamente i giocatori in questi casi, sospirando e alzando le spalle, farfugliano qualche parola dicendo che è troppo presto per predire cosa potrebbe succedere fra tre mesi.Invece Murray si è fatto scappare che si vedrebbe alzare uno dei trofei più importanti del suo sport e che un paio di notti prima aveva sognato di essere un campione di un grande slam. “Mi sono svegliato e ora sento di essere pronto per andare avanti e fino in fondo negli slam, ” ha detto. “ “Dio, voglio vincerlo [Wimbledon].” […]“Nei grandi slam non si sa mai. Puoi avere un tabellone difficile come quello che ho avuto in Australia [primo turno contro il francese Jo-Wilfried Tsonga, futuro finalista del torneo], oppure a volte il tabellone ti si apre davanti. “Si era tentati di pensare che uno scenario del genere si fosse presentato a Murray qui, in un’area presuntuosamente nota come Inland Empire. Ha trovato Tommy Haas, 29enne tedesco che sembrava avesse superato lo splendore della sua carriera tennistica, barcollante in apertura di set del match di quarto turno e se solo Murray fosse stato in grado di mantenere il controllo di sè, avrebbe giocato contro Federer nei quarti di oggi. Quello sì che sarebbe stato un match di cui tutti avremmo sognato. […]

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Serbs Jankovic and Ivanovic ease into last four , Mark Lamport-Stokes

Third seed Jelena Jankovic reached the last four at the Pacific Life Open when American Lindsay Davenport retired from their quarter-final because of a back injury on Thursday.The 31-year-old Davenport, twice former champion at Indian Wells, summoned her trainer when trailing Serb Jankovic 4-1 before deciding to withdraw after losing the first set 6-2.“My back was injured before I came here but I got it better, got it better and then this morning woke up and just couldn’t move,” Davenport told reporters.It was pretty obvious to me after two games that I was pretty sore out there and it was quite hard to rotate.“I was hopeful with all the medication I took and the treatments, but it just didn’t happen,” added the former world number one, champion at Indian Wells in 1997 and 2000.Jankovic, who will face compatriot Ana Ivanovic in the semi-finals, was unaware of Davenport’s injury before the start of the match.“I just came out on the court with the goal I wanted to play her really aggressive and take the initiative from the first strike, and that’s what I did today,” the 23-year-old said.“But I had no idea that she had some problems. I wish her to recover as fast as possible and to come back.”

Click here for the full story

Le serbe Ivanovic e Jankovic in semifinale

La terza testa di serie, Jelena Jankovic ha raggiunto martedì le semifinali del Pacific Life Open, approfittando del ritiro di Lidsay Davenport; l’americana ha accusato problemi alla schiena.La Davenport (31 anni), due volte campionessa ad Indian Wells, ha chiamato il fisioterapista sul 4-1 per la Jankovic, prima di decidere di ritirarsi alla fine del primo set, perso 6 -2.“La schiena mi faceva già male prima di arrivare qui,e stava migliorando, ma quando mi sono svegliata stamattina,proprio non riuscivo a muovermi”, ha detto la Davenport ai giornalisti.“Dopo i primi due games ho capito che il dolore era forte e mi era abbastanza difficile muovermi”“Speravo molto nei trattamenti medici e nelle cure, ma non sono serviti”, ha aggiunto la ex numero uno del mondo, campionessa a Indian Wells nel 1997 e nel 2000.La Jankovic,che affronterà la compatriota Ana Ivanovic in semifinale, prima della partita non sapeva nulla dell’infortunio della Davenport.“Sono entrata in campo con il solo obiettivo di aggredirla prendendo l’iniziativa dal primo colpo,ed è quello che ho fatto” ha detto la ventitreenne serba.“Proprio non sapevo avesse dei problemi. Le auguro di recuperare e di rientrare al più presto”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The Evans Report: Serbian Semifinal , Richard Evans, tennisweek.com

“…Earlier, on a lovely morning blessed with blue skies mixed with the most delicate, wispy cloud patterns that resembled the feathers of a giant bird, the equally lovely Ana Ivanovic had an easier time of it than she had in the previous round, beating Russia’s Vera Zvonareva 6-1, 6-4. Ivanovic had been a little perturbed by her performance against Italy’s Francesca Schiavone under the lights as the 2-6, 7-6, 6-2 score line might suggest. But her shrewd adviser, Sven Groeneveld, had been there to talk her through the problems she had faced and everything was back in place and in working order against Zvonareva who did her best to stay in the match at the end of the second set but was never quite penetrating enough to puncture the Serb defenses.Learning that a player of her class does not have to play at her very best to win matches has been something Ivanovic has learned recently with the Schiavone match a case in point.“Working with Sven in the off season, he made realize some things and one of his things was that,” she said. “I think its such an important thing because I used to (start) with too much emotions and wanted to start in fifth gear. I wanted to play perfect tennis. But you realize maybe it’s not necessary and you can save this energy that can help you later in the tournament. That’s something I am now very comfortable with.”

Click here for the full story

Il Rapporto Evans: semifinali serbe

“…In precedenza, in una splendida mattinata baciata da un cielo azzurro e con nuvole delicate e che ridisegnavano le piume di un uccello gigante, l’ugualmente splendida Ana Ivanovic era più tranquilla che nel turno precedente, battendo la russa Vera Zvonareva 6-1, 6-4. La Ivanovic era un po’ turbata per la prestazione contro l’italiana Francesca Schiavone sotto le luci dei riflettori, dato che il punteggio 2-6, 7-6, 6-2 lo poteva suggerire. Ma il suo intelligente allenatore part-time, Sven Groenefeld, era li a discutere con lei dei problemi che stava fronteggiato e tutto è tornato al suo posto, e ha funzionato tutto contro la Zvonareva che ha fatto del suo meglio per restare in partita alla fine del secondo set ma non è mai stata abbastanza pungente per penetrare le difese serbe.“Un giocatore di classe non deve giocare al suo massimo per vincere le partite” è una lezione che l’Ivanovic ha recentemente imparato nel match contro la Schiavone nel caso le servisse.“Lavorare con Sven durante la pausa mi ha fatto capire alcune cose e una questa è una di quelle” dice. “Penso che sia una cosa molto importante perché di solito partivo molto emozionata e volevo partire in quinta. Volevo giocare il tennis perfetto. Ma a volte capisci che forse non è necessario e puoi preservare le tue energie che possono aiutarti più avanti nel torneo. E’ qualcosa che mi fa sentire a mio agio.“

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Let the New Rivalry Begin , Steve Tignor , tennis.com

It’s hard not to get up early here. Between the never-ending sun, the remnants of jet lag, and the sound of tennis balls being smacked outside my hotel window, I’ve been working on about 5-6 hours of sleep a night so far. Feels good, too—it’s amazing what you can get done when you’re not required to spend all day in an office, or on your couch watching TV, or parked on a stool in a bar.This morning I woke up to a loud “pop…pop…pop” and looked out to see two card-carrying members of Tennis World, Andrew Friedman and Andrew Burton, batting them back and forth. I was impressed by the cannon-fire sounds their shots were making—it felt like a tennis air war was being waged a few feet away. But when I saw Friedman this morning, he said it was just the acoustics. “I like playing on that court because every time you hit the ball, it sounds like you killed it.” That’s the kind of court I’m going to build in my (imaginary) backyard someday.[…]One mark of a well-conceived tennis arena is that it feels right when virtually any level of pro plays in it. Last night as I was walking off the grounds, I heard the words, “Game, set, match, Ivanovic” come from Stadium 2. A whoop went up from the crowd as people began to file out.[…]No tennis tournament would be complete without a long line of white tents promoting pretty much anything. Indian Wells is no exception. Here, among the fans who have escaped the sun by sprawling—or perhaps collapsing—under a shade tree, one can peruse shops for Mercedes, Ralphs grocery, Magic Teeth Whitening, Mamacita’s Tacos, Jeffrey Scott Fine Magnetics, and Canine Companies for Indepedence. What this list says about the purchasing tendencies, or world views, or tennis fans I have no idea. And I don’t think I want to know.

Click here for the full story

Cominciano le nuove rivalità

E’ facile svegliarsi presto ad Indian Wells. Tra le giornate di sole senza fine, i colpi di coda del jet lag ed il rumore delle palle da tennis proprio sotto la mia finestra è incredibile quante cose si riescono a fare in una giornata in cui te ne stai lontano dall’ufficio, senza per questo affossarti nel divano davanti alla TV. Per il mio risveglio mattutino devo ringraziare il “pok pok ” dei colpi di dritto e di rovescio di due amici giornalisti di Tennis World. Giocavano nel campo proprio sotto la mia finestra e quando più tardi li ho ringraziati per il servizio sveglia, uno di loro Andrei Friedman mi ha detto ” Sai giochiamo li solo per l’acustica. Ogni volta che colpisci una palla sembra che tu stia per distruggerla…” Me ne sono proprio accorto, ma non è proprio un problema iniziare presto in una giornata che offre come programma Nadal-Tsonga, Murray-Haas, Gasquet-Blake, Nalbandian-Ferrero e come match minore un Hewitt- Fish che comunque promette un bello spettacolo. Ovviamente fino alle 11 di mattina non c’è niente da fare, ma andiamo lo stesso. […]Che lo stadio d’Indian Wells sia ben fatto basta a dimostrarlo il solo fatto che ieri seraall’annuncio “Gioca, partita incontro Ivanovic” proveniente dal campo n°2 insieme agli applausi degli spettatori un un oh di ammirazione si è levato anche dalla gente in fila per uscire.[…]Come ogni torneo che si rispetti anche Indian Wells ha la sua distesa di stand che cercano di venderti praticamente tutto e nulla. Per gli appassionati che sono riusciti a sopravvivere al sole cocente si offre la possibilità di fare acquisti presso tutta una serie di stand ben forniti tra cui Mercedes, Ralph’s Grocery, Magic Teeth Whitening, Mamacita’s Taco , Jeffrey Scott Fine Magnetics e Canine Companies fo Indipendence. Se queste presenze siano indicative di una tendenza di mercato o di una qualche preferenza degli appassionati di tennis non mi interessa ne lo voglio sapere.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

French phenom Tsonga replete with power but often too passive , Joel Drucker, espn.com

Jo-Wilfried Tsonga: Speak softly, carry a big stick.Having burst into prominence by reaching the finals of the Australian Open, this 22-year-old Frenchman is making a highly popular North American splash. Fans at the Pacific Life Open are flocking to his practice courts and matches — the first two took place on the intimate Stadium 2 court — with high hopes. There’s an excitement and raw energy Tsonga brings to tennis that the game has rarely seen. At a big-sized 6-foot-2, 200 pounds, he smothers his opponents with physicality, power and speed. “Like about the guy? What don’t I like about the guy?” asked Pancho Segura, the Hall of Fame player and coach often regarded as the greatest strategic mind in tennis history. “First, I like the fact that he’s elastic — his body is supple, agile. He can run, he can attack and his strokes are clean and simple.” Segura’s among the many who believe Tsonga’s best next step is to improve his offense. Though he covers the court quite well, at times he can play more passive than he should, inadvertently creating defensive situations for himself. “He should punish more second serve returns, plant doubt in his opponent’s head and come to net more,” Segura said. The occasional serve-and-volley would also round out his game.

Click here for the full story

Il fenomeno francese Tsonga è un concentrato di potenza ma spesso troppo passivo

Jo-Wilfried Tsonga: parla dolcemente, ma trasporta un grande peso.Esploso all’attenzione dopo aver raggiunto la finale degli Australian Open, il ventiduenne francese sta diventando molto popolare in Nord America. Il pubblico al Pacific Life Open corre a vedere le sue sessioni di pratica e i suoi matches con grande speranza. Tsonga porta al tennis eccitazione e un’energia pura che raramente si vede durante il gioco. Con i suoi 6 piedi e 2 pollici di altezza e 200 libbre di peso, Tsonga demolisce il suo avversario con le sue prestazioni fisiche, la sua velocità e la sua forza. ‘Cosa mi piace e non mi piace in quel ragazzo?’ chiede Pancho Segura, giocatore della Hall of Fame e coach riconosciuto come una delle menti più strategiche della storia del tennis. ‘Prima di tutto mi piace il fatto che sia elastico, è agile, flessibile. Corre, attacca, i suoi colpi sono semplici e puliti.’ Segura è uno di coloro che pensano che il prossimo passo di Tsonga deve essere di migliorare il suo gioco offensivo. Perché, anche se copre il campo molto bene, a volte gioca più passivamente di come dovrebbe, trovandosi senza volerlo in difesa piuttosto che in offesa. Segura sostiene che dovrebbe aggredire maggiormente le seconde palle di servizio dell’avversario, facendo nascere insicurezza nella testa dell’avversario e scendendo più spesso a rete. Il serve and volley occasionale completerebbe ulteriormente il suo gioco.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Haas defeat won’t keep Murray from sweet dreams , Eleanor Preston, guardian.com

A few nights ago, as he lay in a hotel bed in southern California, Andy Murray had a dream. It would not take much psychoanalysis to work out what it meant, nor to understand that, as far as Murray is concerned, it was not so much a far-fetched fantasy as a prophesy. “I actually dreamt for the first time in my life about winning a grand slam, actually winning match point at a grand slam about two days ago,” said Murray. “I woke up a few hours later and I was unbelievably disappointed. I just remember being on the floor in the last point. You know what dreams are like, they tend to be a bit strange and you can wake up and not quite understand what happened, but I definitely, definitely won a grand slam.” Given that Murray had just lost 2-6, 7-5, 6-3 to Tommy Haas in the fourth round of the Pacific Life Open Masters Series event, it was a peculiar time to start sharing his dreams with a room full of journalists, but Murray is nothing if not candid in such situations.

Click here for the full story

La sconfitta contro Haas non impedisce a Murray di sognare

Qualche serata fa, nel letto di un hotel nel sud della California, Murray ha fatto un sogno. Non ci vuole uno psicoanalista per capire il significato di quel sogno o per capire che non si è trattato di una fantasia improbabile ma piuttosto di una profezia. ‘Per la prima volta nella mia vita ho sognato di vincere uno Slam, di vincere proprio il match point di un torneo del Grand Slam, due giorni fa.’ ha detto Murray. ‘Mi sono svegliato qualche ora dopo veramente frustrato. Mi ricordo soltanto di essere disteso a terra dopo il match point. Sapete come sono i sogni, a volte sono un pò strani, poi ti svegli e non capisci bene cosa sia successo, ma io ho davvero sognato di vincere uno slam.’ Dal momento che Murray ha appena perso 2-6, 7-5, 6-3 contro Tommy Hass al quarto turno del Pacific Life Open, si trattava di un momento abbastanza particolare per cominciare a parlare dei suoi sogni in una stanza piena di giornalisti. Ma Murray è davvero aperto in queste situazioni.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer celebrates Ljubicic’s birthday with a win , pacificlifeopen.com

World No. 1 Roger Federer continued his impressive campaign to reclaim his Pacific Life Open title, showing no mercy in his fourth round match against birthday boy Ivan Ljubicic on Wednesday in Indian Wells. Federer, who posted straight sets wins over Guillermo Garcia-Lopez and Nicolas Mahut in his first two matches, broke Ljubicic three times in 11 chances en route to the 6-3, 6-4 win. He improved his career record against the 29-year-old Ljubicic to 12-3, including wins in their last nine meetings. The 26-year-old Swiss won three consecutive titles in Indian Wells from 2004-06 before bowing out in his second round opener last year against Argentine Guillermo Canas. Federer is looking to win his first title of the 2008 ATP season after falling in the semifinals at the Australian Open and the first round in Dubai.

Click here for the full story

Federer festeggia il compleanno di Ljubicic con una vittoria

Il numero uno Roger Federer continua la sua impressionante campagna per rimpossessarsi del titolo del torneo Pacific Life Open. Mercoledì notte si è imposto nel match di quarto turno contro Ivan Ljubicic a Indian Wells senza mostrare ombra di misericordia. Federer, che ha vinto senza perdere un set i suoi due precedenti incontri contro Guillermo Garcia-Lopez e Nicolas Mahut, ha strappato il servizio a Ljubicic ben tre volte durante la sua corsa verso la vittoria con il punteggio di 6-3, 6-4. Federer ha migliorato il suo record di vittorie sul ventinovenne portandosi 12-3, dopo aver vinto gli ultimi 9 incontri consecutivi. Lo svizzero ha vinto il titolo a Indian Wells per tre volte di fila dal 2004 al 2006 prima di uscire al secondo turno lo scorso anno per opera dell’argentino Guillermo Canas. Federer sta cercando di vincere il suo primo titolo della stagione ATP 2008, dopo le sconfitte nella semifinale degli Australian Open e a Dubai.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tebbutt: The perfect place for tennis , Tom Tebbutt, Globe and Mail

Mention tennis in the desert in southern California and everyone knows you’re talking about the Pacific Life Open in Indian Wells, Calif.Desert here isn’t real desert, it is more like sagebrush, most of which in the Coachella Valley from Palm Springs to Indio (including Indian Wells) has been transformed into a populated area of over 400,000 inhabitants with wide-boulevard roadways running through a variety of exclusive gated communities and 124 golf courses.The Pacific Life Open is situated (with the possible exception of the Masters Series event in Monte Carlo) in the prettiest setting of all the major events on the tour.Last week, when Roger Federer was practising with Tommy Haas on one of the more obscure outside courts, the craggy San Jacinto mountains, palm trees and tumbleweed provided the picture-postcard backdrop.

Click here for the full story

Il posto perfetto per il tennis

Parla di tennis nel deserto del sud della California e tutti capiranno che stai parlando del Pacific Life Open a Windian Wells.Il deserto qui, ricco di piante di rosmarino selvatico, non è un vero deserto; per gran parte nella Coachella Valley da Palm Springs fino a Indo (incluso Indian Wells) è stato trasformato in un’area popolata da oltre 40000 abitanti, è ora attraversato da grandi strade, e ci sono 124 campi da golf.Il Pacific Life Open, con la possibile eccezione del Masters di Montecarlo, è situato nel posto più carino tra tutti gli eventi major.La scorsa settimana, mentre Federer e Haas si allenavano in uno dei campi all’aperto più oscuri, i cespugli e le palme fornivano uno sfondo da cartolina

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Nadal finally breaks free against Blake , Bill Dwyre, LA Times

Somewhere around 9:23 p.m. Thursday, in a tennis stadium nearly filled with perhaps 14,000, Rafael Nadal shook a giant weight off his shoulders.

He got rid of an ongoing toothache, blew away a cloud that had been hanging around for some time now.Nadal, the man who makes Roger Federer’s heart beat slightly faster — probably the only one — finally won a match against James Blake, a noted Nadal-killer.

His 7-5, 3-6, 6-3 victory, in a quarterfinal of the Pacific Life Open, ended with a 120 mph ace. That was followed immediately by a collapse to his knees and a ball smash into the second deck. If this was just another win, Nadal had a funny way of showing it.

Click here for the full story

Alla fine Nadal scappa contro Blake

Intorno alle 21,23, in uno stadio di tennis riempito da circa 14000 persone, Rafale Nadal si è scrollato di dosso un enorme gigante che stava sulle sue spalle.Si è liberato da un continuo mal di denti, ha soffiato via una nuvola che era stata sospesa per diverso tempo.Nadal, l’uomo che fa battere il cuore di Roger Federer leggermente più veloce, probabilmente l’unico, alla fine ha vinto il match contro James Blake, un noto “Nadal-killer”.La sua vittoria per 75 36 63, nei quarti di finale del Pacific Life Open, è terminata con un ace a 120 mph. Poi è stato seguito immediatamente da un crollo sulle ginocchia e una palla lanciata in tribuna; se fosse stata solo una vittoria come le altre, Nadal avrebbe avuto un modo curioso per mostrarlo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Nadal a vaincu son démon, Nicolas Couet, sport365.fr

Vainqueur de Blake (7-5, 3-6, 6-3) pour la première fois en quatre confrontations, Nadal s’est qualifié jeudi pour les demi-finales. Le tenant du titre aura pour prochain adversaire Djokovic, tombeur de Wawrinka.Rafael Nadal n’en finit plus de solder ses comptes à Indian Wells. Vingt-quatre heures après être revenu de 5-2 au troisième set pour s’imposer face au Français Jo-Wilfried Tsonga, qui l’avait proprement exécuté en demi-finale de l’Open d’Australie, l’Espagnol a enfin trouvé la clé face à James Blake. En trois confrontations sur le circuit, l’Américain avait en effet systématiquement pris le dessus sur le numéro deux mondial. Pour mettre fin à cette série noire et se hisser en demi-finale du Masters Series californien, le Majorquin a tout de même dû batailler ferme.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Nadal ha vinto il suo demone

Vincitore su Blake (7-5, 3-6, 6-3) per la prima volta in quattro confronti, Nadal si è qualificato giovedì per le semifinali. Detentore del titolo, avrà come prossimo avversario Djokovic, che ha battuto Wawrinka.Rafael Nadal ne non la smette più di saldare i suoi conti a Indian Wells. Ventiquattro ore dopo essere risalito da 5-2 al terzo set per imporsi sul francese Jo-Wilfried Tsonga, che lo aveva giustiziato in semifinale all’Australian Open, lo spagnolo ha infine trovato la chiave contro James Blake. In tre confronti sul circuito, l’americano infatti aveva sistematicamente preso il sopravvento sul numero due mondiale. Per porre fine a questa serie nera ed issarsi in semifinale del Masters Series californiano, il Maiorchino ha lo stesso dovuto combattere duramente.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Le carré parfait, Nicolas Couet, sport365.fr

Les quatre premières têtes de série seront en demi-finales. Après les Russes Sharapova et Kuznetsova, ce sont les Serbes Ivanovic et Jankovic qui ont rallié le dernier carré grâce à un succès contre Zvonareva et l’abandon et Davenport.Ana Ivanovic s’est qualifiée pour les demi-finales du tournoi d’Indian Wells en balayant la Russe Vera Zvonareva, jeudi (6-1, 6-4). Tout est allé très vite dans ce quart de finale. Dès le premier set, la Serbe a mis une pression énorme sur Zvonareva, jamais en mesure d’inquiéter la dernière finaliste du dernier Open d’Australie. Il n’aura fallu que 22 minutes à la tête de série n°1 pour prendre la mesure de son adversaire dans une manche à sens unique (6-1). Après avoir sauvé trois balles de break dès l’entame du deuxième set, Zvonareva a semblé beaucoup mieux en place. La Russe a retrouvé son service, le temps de faire douter Ivanovic, beaucoup plus fautive que lors de la première manche.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Il quadrato perfetto

Le prime quattro teste di serie saranno in semifinale. Dopo le Russe Sharapova e Kuznetsova, sono le serbe Ivanovic e Jankovic che hanno raggiunto l’ultimo quadrato grazie ad un successo contro Zvonareva e l’abbandono di Davenport.Ana Ivanovic si è qualificata per le semifinali del torneo di Indian Wells battendo la Russa Vera Zvonareva, giovedì (6-1, 6-4). Tutto è andato molto rapidamente in questo quarto di finale. Fin dal primo set, la serba ha messo una pressione enorme su Zvonareva, mai in grado di preoccupare l’ultima finalista dell’ultimo Open di Australia. Saranno stati necessari soltanto 22 minuti alla testa di serie n°1 per prendere le misure alla sua avversaria in un set a senso unico (6-1). Dopo avere salvato tre palle break all’inizio del secondo set, Zvonareva è sembrato molto più centrata. La Russa ha ritrovato il servizio, giusto il tempo per fare dubitare Ivanovic, molto più fallosa che in occasione del primo set.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

20 March20 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Sharapova labours after Hantuchova eases through , Mark Lamport-Stokes, The Guardian (La Sharapova fatica a star dietro alla Hantuchova)- The Lion Sleeps Tonight , Peter Bodo’s Tennis.com (Questa notte il leone dorme)- Andy Murray’s ambitions tempered by painful loss to rejuvenated Tommy Haas , Neil Harman, The Times (Le ambizioni di Andy Murray indebolite dalla dolorosa sconfitta contro un ringiovanito Tommy Haas)- Haas, Fish and Nadal advance at Pacific Life Open , Lisa Dillman, Los Angeles Times (Haas, Nadal e Fish avanzano ad Indian Wells)- A year on, Murray pays the price for hassling Haas, Eleanor Preston, The Guardian (Un anno dopo Murray paga lo scotto per aver disturbato Haas)- The Evans Report: Desert Drama, Richard Evans, Tennisweek (“Desert Drama”)- Tsonga can’t climb over Nadal , Bill Dwyre, LA Times (Tsonga non riesce a scavalcare Nadal)- Federer conquers the french again, Lisa Dillman, Los Angeles Times (Federer conquista ancora i francesi)- Murray squanders early lead to fall to Haas rally , Derrick Whyte, The Independent (Murray sperpera il vantaggio iniziale e cade sotto i colpi di Haas)- Indian Wells - Deux de chute, lequipe.fr (Indian Wells - Due di cadute)- Tsonga rend les armes , Cédric Callier, sport24.com (Tsonga rende le armi)- Gasquet s’en va aussi , Florian Egly, sport24.com (Se ne va anche Gasquet)- Sharapova implacable, Mathieu Bahuet, sport365.fr (Sharapova implacabile)- Davenport montre les dents , Serge Fayat, La Dernière Heure (Davenport mostra i denti)- Haas dank «Toiletten-Taktik» im Viertelfinale, sueddeutsche.de (Haas nei quarti grazie alla «tattica del bagno»)- Federer machte Geschenke erst nach Spiel, nzz.ch (Federer ha fatto regali solo dopo il match)

Sharapova labours after Hantuchova eases through , Mark Lamport-Stokes, The Guardian

INDIAN WELLS, California - Australian Open champion Maria Sharapova, holder Daniela Hantuchova and second seed Svetlana Kuznetsova reached the Pacific Life Open quarter-finals in contrasting styles on Tuesday.Fourth seed Sharapova, winner at Indian Wells Tennis Garden in 2006, maintained her perfect start to the season but had to work hard to beat Ukrainian Alona Bondarenko 6-2 5-7 6-4.Twice champion Hantuchova beat India’s Sania Mirza 6-1 7-6 in the first match of the day before Kuznetsova swept past 17-year-old Caroline Wozniacki of Denmark 6-2 6-3.

Click here for the full story

La Sharapova fatica a star dietro alla Hantuchova

La campionessa degli Australian Open Maria Sharapova, la detentrice del titolo Daniela Hantuchova e la seconda testa di serie Svetlana Kuznetsova , martedì sono arrivate ai quarti di finale dei Pacific Life Open con stili contrapposti.La quarta testa di serie Sharapova, vincitrice agli Indian Wells Tennis Garden del 2006, ha continuato il suo brillante inizio di stagione, ma ha dovuto lavorare sodo per battere l’ucraina Alona Bondarenko 6-2 5-7 6-4.La due volte campionessa Hantuchova ha battuto l’indiana Sania Mirza 6-1 7-6 nella prima partita del giorno, prima che la Kuznetsova spazzasse via la diciassettenne danese Caroline Wozniacki 6-2 6-3.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The Lion Sleeps Tonight , Peter Bodo’s Tennis.com

It has often struck me that there are disconcerting elements and challenges that come with the territory of pro tennis, one of the chief among them is the obvious but still easily overlooked randomness of the game. As a tour player, you’re one in the pool of roughly 200 players who end up populating most of the tournaments, and you never really know who among those 200 you’re going to have to face from one week to the next. […]Jet Boy dropped a gem in one of his typically disarming pressers, when he was asked if he thought Tsonga could get to the top level of the game. He said, “I know the same like you. I don’t know. What do you think? Because for to be in the top positions, you have three, four matches during the season, and if you win (them) you going to have your chances to be in the top level.“If you lose, you going to fight for another things. . . But if you lose third round or be in quarterfinals or semifinals, is big difference. So you always in one, two matches, change your qualifications. And your ranking, no? So depends on this. This is my opinion. He has a very good shot for to be there.”I couldn’t help follow that one up by asking Nadal to confirm what seemed, to me, the not very well buried subtext in his reply: “Are you saying that he needs to win matches like he lost today to be at that level?”Jet Boy must have thought I was inviting him to patronize Tsonga, or perhaps he didn’t get my drift, because he replied: “No, I didn’t say that, no? I say if he, during the year, win these matches, he is going to be there.”

Click here for the full story

Questa notte il leone dorme

Una cosa che mi ha sempre stupito del tennis è che ci sono degli elementi sconcertanti di sfida nel circuito del tennis professionistico, uno dei maggiori tra questi è la ovvia, ma comunque da non sottovalutare, casualità dei sorteggi. Come giocatore del tour mondiale, uno dei quasi 200 giocatori che finiscono con il partecipare alla maggior parte dei tornei, non sai mai davvero chi, fra questi 200 dovrai affrontare di settimana in settimana. […]Nonostante questo Jet Boy (Nadal) ieri ne ha sparata una delle sue in uno dei suoi disarmanti discorsi alla stampa, quando gli hanno chiesto se pensasse che Tsonga poteva arrivare al massimo livello possibile di gioco. Ha detto: “Ne so quanto te. Non lo so. Tu cosa dici? Per arrivare in cima alle classifiche, hai tre o quattro partite durante la stagione e se le vinci hai l’occasione di arrivare ai massimi livelli.“Se perdi, puoi ambire ad altri traguardi… Ma se perdi al terzo turno o ai quarti di finale o in semifinale, fa una bella differenza. Quindi di solito in una o due partite ti giochi la tua posizione. E il tuo posto in classifica, no? Quindi dipende da questo. Questa è la mia opinione. Tsonga ha tutte le carte per arrivarci”.Non ho potuto a questo punto resistere alla tentazione di chiedere a Nadal di confermarmi quello che a me sembrava esserci, neanche poi tanto nascosto, tra le righe della sua risposta: “Stai dicendo che Tsonga ha bisogno di vincere partite come quella che ha perso oggi per arrivare ad alti livelli?”Jet Boy deve aver pensato che lo stessi invitando a dare il suo sostegno a Tsonga, o forse non ha proprio capito la mia battuta, perché mi ha risposto: “No, non ho detto questo, no? Dico solo che se durante l’anno, se vince queste partite, ce la puoi fare”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Andy Murray’s ambitions tempered by painful loss to rejuvenated Tommy Haas , Neil Harman, The Times

The demons he hoped he had rid from his system returned yesterday and Andy Murray’s hopes of reaching the quarter-finals of the Pacific Life Open ended with his side of the court in a deep, mournful shadow.This was a real pity, a 2-6, 7-5, 6-3 defeat by Tommy Haas, of Germany, the man he had hauled himself from the floor to beat in the last eight here last year in a match defined by the Scot’s heroics when he was hurting in every part of his body. Last night, his heart was aching more than anything else.Haas is on a roll, having beaten Andy Roddick in the opening round with a mixture of the cunning and craft that highlighted the early phase of a career that is enjoying a real renaissance as he approaches his 30th birthday. Those elements were in full flow again, with Murray left to rue the fact that he let four break points slip in the fifth game of the final set, when he looked to be in the driving seat.

Click here for the full story

Le ambizioni di Andy Murray indebolite dalla dolorosa sconfitta contro un ringiovanito Tommy Haas

Sperava di essersi liberato dai demoni, invece ieri sono tornati e le speranze di Andy Murray di arrivare ai quarti di finale del Pacific Life Open sono svanite a bordo campo, lasciando un segno profondo e doloroso.È stato un vero peccato, una sconfitta 2-6, 7-5, 6-3 con il tedesco Tommy Haas, lo stesso che aveva a fatica sconfitto nei quarti l’anno scorso, sempre qui, in una partita definita eroica dallo scozzese, dolorante in ogni parte del corpo. Ieri notte era il suo cuore a fargli male più di qualsiasi altra cosa.Haas è nel suo momento magico, ha battuto Andy Roddick al suo esordio con quel misto di furbizia e abilità che aveva segnato la fase iniziale della sua carriera che ora vive una piena rinascita, mentre si avvicina il suo trentesimo compleanno. Furbizia e abilità del tedesco sono tornate in pieno, con Murray lì a pentirsi delle quattro palle break perse nel quinto game dell’ultimo set, quando sembrava già vicino alla vittoria.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Haas, Fish and Nadal advance at Pacific Life Open , Lisa Dillman, Los Angeles Times

Career Revival Day, male tennis division, intersected quite nicely with the Pacific Life Open at Indian Wells.But there was one distinct problem Wednesday . . . way too many options. Everywhere you turned there seemed to be someone getting off the ground, pulling a tennis career back from the abyss.Door No. 1: Tommy Haas. Haas might as well be a baseball pitcher, having had his third shoulder surgery late last year. He beat Andy Roddick here and took another big step forward, defeating No. 11 Andy Murray, 2-6, 7-5, 6-3, in the fourth round. “In some ways you have to look at that and be pretty proud of it,” said Haas, who lost to Murray in a third-set tiebreaker here last year in the quarterfinals. “I mean, it’s incredible . . . playing a great week until now and hopefully more. It’s worth going through a lot of pain.”Door No. 2: Mardy Fish. Fish made his first Indian Wells quarterfinal in dramatic fashion, beating Lleyton Hewitt, 7-5, 3-6, 7-6 (4). Fortunately, for Fish, he had a conversation here with his coach Kelly Jones about his shortcomings in tiebreakers.”I hadn’t won a tiebreaker the entire year, practice or match,” Fish said. “I knew that, and we actually sat down and had a conversation about it. You know, ‘Why do you think this? Why do you think it’s like this?’ ”Door No. 3: Rafael Nadal. OK, the third choice is a joke, or a huge leap in logic. But the second-seeded and defending champion Nadal, who has not won a title in 2008, did get off the ground. Then again, he was the one who dropped to his knees in open glee and relief after avenging his Australian Open semifinal loss to Jo-Wilfried Tsonga, winning their compelling fourth-round match, 6-7 (4), 7-6 (3), 7-5. He rallied from a 2-5 third-set deficit, taking the final five games and winning the final six points of the match, which lasted just more than three hours. Nadal, so lost in Melbourne, found his game in the desert. “The victory is important for me, but the victory like this is always special and gives me confidence,” said Nadal, who will play James Blake in the quarterfinals.

Click here for the full story

Haas, Nadal e Fish avanzano ad Indian Wells

É il giorno delle riscosse nel tabellone maschile del Pacific Life Open di Indian Wells. Con un unico problema: troppa scelta. Ovunque guardavi c’era l’impressione che ci fosse qualche giocatore pronto a resuscitare la gloriosa carriera ora in difficoltà.

No. 1: Tommy Haas. Haas potrebbe tranquillamente essere un lanciatore di baseball, giunto alla sua terza operazione alla spalla l’anno passato. Qui ha battuto Andy Roddick, per poi sconfiggere la testa di serie No. 11 Andy Murray, 2-6, 7-5, 6-3 negli ottavi. “C’è da essere orgogliosi”, parole di Haas, l’anno scorso qui sconfitto proprio da Murray nei quarti al tiebreak. “Voglio dire, è incredibile… sto giocando benissimo finora e spero di continuare. Ne è valsa la pena soffrire e superare il dolore”.No. 2: Mardy Fish. Fish ha raggiunto i quarti sudando quattro camicie per battere Lleyton Hewitt, 7-5, 3-6, 7-6 (4). Fortunatamente si era confrontato con il suo allenatore Kelly Jones relativamente agli scarsi risultati nei tiebreak. “In tutto l’anno non avevo vinto un tiebreak neanche in allenamento” ha raccontato Fish. “Per questo mi sono seduto ad un tavolo con il mio allenatore e abbiamo cercato di farcene una ragione”.No. 3: Rafael Nadal. Ok, la terza scelta è evidentemente uno scherzo, o quanto meno un bel salto di logica. Ma la testa di serie No. 2, nonché campione uscente, non ha ancora vinto un titolo nel 2008. E, a dimostrazione del momento difficile, Nadal si è gettato in ginocchio sollevato e raggiante di aver vendicato la sconfitta subita da Jo-Wilfried Tsonga negli ottavi in Australia. In ritardo 2-5 nel terzo, Nadal ha vinto cinque giochi consecutivi e gli ultimi sei punti del match, durato alla fine, poco più di tre ore. Così perso in Australia, Nadal ha ritrovato il suo gioco nel deserto. “Vincere è importante per me, ma farlo in questo modo è importante per il morale” ha detto Nadal, che nei quarti affronterà James Blake.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

A year on, Murray pays the price for hassling Haas, Eleanor Preston, The Guardian

Some matches stick in the memory longer than others, particularly for those who play them. This time last year, Andy Murray beat Tommy Haas here in the Pacific Life Open quarter-finals in the sort of circumstances which neither man is likely to forget. Yesterday’s rematch for a place in the quarters, which Haas won 2-6, 7-5, 6-3, was not nearly so full of incident but will linger in the German’s mind as a moment of sweet revenge.The 2007 version of Murray versus Haas was marked by the Scot tripping over in mid-point, ricking his hip and his ankle in the process and causing enough damage to himself to require a nine-minute injury time-out. He somehow recovered from that to save a match point and the German, whose perennially injured shoulder cannot be helped by the hefty chip he carries on it, clearly took a grudge into yesterday’s encounter.

Click here for the full story

Un anno dopo Murray paga lo scotto per aver disturbato Haas

Alcuni matches rimangono nella memoria più di altri, soprattutto in quella di coloro che li hanno giocati. L’anno scorso, Andy Murray sconfisse Tommy Haas qui al Pacific Life Open nei quarti di finale in circostanze che nessuno probabilmente ha dimenticato. La partita di ieri per un posto nei quarti, che Haas ha vinto per 26 75 63, non è stata così piena di episodi, ma rimarrà nella testa del tedesco come un momento di dolce rivincita.La versione 2007 di Murray-Haas fu segnata da un infortunio a Murray, che dopo essere inciampato durante una fase di gioco, si infortunò anca e caviglia tanto da dover ricorrere a 9 minuti di time out per ricevere cure mediche. Ripresosi in qualche modo riuscì anche a salvare un match point al tedesco, perennemente infortunato ad una spalla, che ieri si è potuto vendicare.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The Evans Report: Desert Drama, Richard Evans, Tennisweek

Rafael Nadal’s win over Jo-Wilfried Tsonga will linger in the memory. It was not perfect tennis but it provided the kind of athletic drama, sprinkled with moments of breathtaking quality that draws people to the game and helps them realize what level of skill is required to compete at this level.Obviously Tsonga was disappointed afterwards but he was a bit too hard on himself when he said, “Yes, it was a very important match for me because I would like to show everybody that my run in the Australian Open is not lucky. I want to prove to everybody that I can play this level, so yeah, I am disappointed about this.”The disappointment was natural but, in fact, even in defeat, the 22-year-old Frenchman did show everyone that he belongs at the top of the game and has the weapons and the ability to make a run for the top ten in the very near future. He will learn from this defeat and showed in his comments afterwards that he had already done so.Click here for the full story

“Desert Drama”

La vittoria di Nadal contro Tsonga rimarrà nella memoria di molti. Non è stato un tennis perfetto, ma ha saputo mostrare una sorta di dramma atletico, cosparso di momenti di straordinaria qualità, quei momenti che avvicinano la gente a questo sport e fanno capire quale grado di talento sia richiesto per poter competere a questi livelli.Ovviamente Tsonga dopo la partita era deluso, ma forse è stato un po’ troppo duro con sé stesso quando ha detto:” Sì, era molto importante per me questo match perché avrei voluto mostrare a tutti che la mia cavalcata all’Australian Open non era stata un colpo di fortuna. Volevo dimostrare a tutti che io posso giocare a quei livelli, sono quindi molto deluso”.La delusione è naturale, ma anche nella sconfitta, il 22enne francese ha mostrato a tutti di appartenere al gruppo dei migliori giocatori e di possedere le armi e il talento per poter puntare ai top ten in un futuro molto prossimo. Imparerà da questa sconfitta, ed ha già dimostrato nelle dichiarazioni post gara di averlo già fatto.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tsonga can’t climb over Nadal , Bill Dwyre, LA Times

Stripped to its basics, tennis is no different than a bunch of 6-year-olds playing king of the hill. You get to the top, then you defend your territory.

Which is what it was all about Wednesday, at the Pacific Life Open, when Rafael Nadal sank to his knees after a 3-hour 3-minute match, pounded on his chest and celebrated, along with perhaps 12,000 excited and emotionally drained fans, who had watched on Center Court at the Indian Wells Tennis Garden.[…]Tennis will have several moments each year that tell a tale of significance. Most of those moments will be in Grand Slam events and tournaments in the Tennis Masters Series, such as Indian Wells.Nadal-Tsonga II Wednesday was one of them.That’s why, no matter how casual he was about it later, Nadal ended up on his knees, pounding his chest.Body language can speak volumes, especially about tennis hills and slippery slopes.

Click here for the full story

Tsonga non riesce a scavalcare Nadal

Ridotto alla sua essenza, il tennis non è diverso da un gruppo di bambini di 6 anni che giocano al re della collina; chi raggiunge la cima poi difende il suo territorio.Questo è ciò che è successo mercoledì al Pacific Life Open quando Nadal si è abbassato sulle sue ginocchia dopo 3 ore e 3 minuti di partita, ha colpito il suo petto ripetutamente ed ha festeggiato, assieme a circa 12000 eccitati ed emozionato fans, che avevano assistito al match del Campo Centrale di Indian Wells. […]Ogni anno il tennis è ricco di momenti molto significativi, molti dei quali avvengono durante i tornei dello Slam o i tornei Masters Serier, come Indian Wells.Nadal-Tsonga “2” è stato uno di quei momenti.Ecco perché Nadal alla fine è crollato sulle sue ginocchia e si è battuto il petto; il linguaggio del corpo spesso parla molto chiaramente, specialmente se si ha a che fare con la collina del tennis e le discese scivolose.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer conquers the french again, Lisa Dillman, Los Angeles Times

Streaks on the line, Part I:Roger Federer vs. the French. Federer extended his winning streak to 19 consecutive matches against Frenchmen, beating Nicolas Mahut, 6-1, 6-1, in the third round of the Pacific Life Open.“Look, I’ve always enjoyed playing against the Frenchmen,” the top-seeded Federer said Tuesday at Indian Wells Tennis Garden.During his 19-match streak, he has treated the French like a 16th-seeded team in the NCAA tournament.“They have good techniques, playing style, unbelievable shot-making,” said Federer, who could have been talking about himself. “It sometimes tends to be easier playing against them. They make you play better tennis than, for instance, the Spaniards, who are just going to throw the ball into play.”Poor Mahut, who managed to win only one point off Federer’s serve in the first set. “I was feeling like a junior today,” Mahut said.Streaks on the line, Part II:Maria Sharapova vs. the world. The fourth-seeded Sharapova had to fight long and hard to maintain her unblemished record in 2008. Now she is 17-0 after needing 2 hours 45 minute to secure the latest win, 6-2, 5-7, 6-4 over No. 15 Alona Bondarenko of Ukraine in the fourth round.It was the third time in 17 matches she lost a set.Sharapova, who will play fifth-seeded defending champion Daniela Hantuchova today in the quarterfinals, provided an interesting description of her woes against the hard-hitting Bondarenko.“I felt like I was pretty close to being down and out because I wasn’t able to produce good points for a long period of time,” Sharapova said. “I was like a little kid that would make — I was doing like a beaded bracelet.“I would put four beads together and they would all fall down and then I’d start all over again.”Unfamiliarity with Bondarenko, whom she’d never played, may have prolonged Sharapova’s discomfort. That won’t be a problem against Hantuchova. Sharapova is 6-1 against the Slovakian.

Click here for the full story

Federer conquista ancora i francesi

Serie di vittorie, parte primaRoger Federer contro i francesi. Federer ha allungato a 19 la serie consecutiva di match vinti contro i francesi, battendo Nicolas Mahut 61 61 al terzo turno del Pacific Life Open.‘Sai, ho sempre amato giocare contro avversari francesi’, ha dichiarato lo scorso martedì il numero 1 del seeding all’indian Wells Tennis GardenHanno buona tecnica, giocano con stile, realizzano colpi incredibili, dice Federer, che avrebbe potuto parlare anche di se stesso.A volte giocare contro di loro può essere più facile. Ti tirano fuori un gioco migliore rispetto agli spagnoli, per esempio, che tendono solo a mettere in gioco la palla.Povero Mahut, che è riuscito a vincere solo un punto contro il servizio di Federer nel primo set. ‘Oggi mi sentivo come un giovane juniores , dice MahutSerie di vittorie, parte secondaMaria Sharapova contro il mondo. La siberiana, quarta del seeding, ha dovuto lottare con forza e a lungo per mantenere il suo immacolato record nel 2008. Ora è a 17 a zero, sebbene le siano servite 2 ore e 45 minuti nel quarto turno per assicurasi l’ultima vittoria sulla numero 15 Alona Bondarenko, atleta ucraina. Si tratta della terza volta su 17 incontri che perde un set.Sharapova, che giocherà oggi ai quarti di finale contro Daniela Hantuchova, numero cinque del seeding e detentrice del trofeo dello scorso 2007, ha fornito un’interessante descrizione delle difficoltà contro la potente Bondarenko. Mi sentivo come se fossi vicina alla sconfitta perchè non riuuscivo a costruire buoni punti a lungo nel match. Mi sentivo come una bambina che faceva — facevo come un braccialetto di corallini. Mettevo quattro corallini insieme, loro cadevano e così ricominciavo tutto da capo’. La scarsa familiarità con la Bondarenko, con cui non aveva mai giocato, può aver prolungato il disagio della Sharapova. Non sarà un problema contro la Hantuchova. Il confronto diretto con la slovacca è di 6 a 1 per Maria.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Murray squanders early lead to fall to Haas rally , Derrick Whyte, The Independent

Andy Murray, Britain’s No 1, was knocked out of the Pacific Life Open in Indian Wells, California last night, squandering a one-set lead over Tommy Haas to lose their fourth round encounter 6-2, 5-7, 3-6.The 20-year-old Scot had looked in control after easing through the first set, but Haas, ranked 36 in the world to Murray’s 11, battled back to take the next two and reverse the result of their quarter-final meeting a year ago. Roger Federer or Croat Ivan Ljubicic await the German in the last eight this time.Defending champion Rafael Nadal came from a set down and 3-5 behind in the third to scrape past Frenchman Jo-Wilfried Tsonga 6-7 7-6 7-5.In a repeat of this year’s Australian Open semi-final in which Tsonga upset the Spaniard, Nadal gained revenge by winning a fluctuating encounter in just over three hours. The second seed claimed the last four games as Tsonga’s high-risk strategy ultimately backfired.

Click here for the full story

Murray sperpera il vantaggio iniziale e cade sotto i colpi di Haas

Andy Murray, numero uno britannico, è stato eliminato la scorsa notte dal Pacific Life Open di Indian Wells in California, sprecando un vantaggio iniziale di un set su Tommy Haas e finendo per perdere il suo incontro di quarto turno con il punteggio di 6-2, 5-7, 3-6.Il ventenne scozzese, numero 11 al mondo, sembrava avere la situazione sotto controllo dopo essersi aggiudicato agevolmente il primo set, ma Haas, numero 36 nella classifica mondiale, ha saputo reagire vincendo i due set successivi e rovesciando il risultato del loro incontro di quarti di finale di un anno fa. Il tedesco troverà questa volta nei quarti il vincente fra Roger Federer e il croato Ivan Ljubicic.Il campione in carica Rafael Nadal ha recuperato da un set sotto e ancora da 3-5 nel terzo set, per avere la meglio del francese Jo-Wilfried Tsonga con il punteggio di 6-7 7-6 7-5.In una ripetizione della semifinale dell’ultimo Australian Open, in cui Tsonga sconfisse lo spagnolo, Nadal ha ottenuto la sua rivincita vincendo in poco più di tre ore un incontro altalenante. La seconda testa di serie ha vinto gli ultimi quattro giochi con Tsonga che è stato alla fine tradito dalla sua condotta di gioco ad alto rischio.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Indian Wells - Deux de chute, lequipe.fr

Il n’y a plus de Français à Indian Wells. Rafael Nadal s’est qualifié mercredi pour les quarts de finale du Masters Series au dépens de Jo-Wilfried Tsonga, à l’issue d’une lutte de très haut niveau (6-7 [3], 7-6 [4], 7-5 en 3h03), tandis que Richard Gasquet a été dominé par James Blake (6-4, 6-2).Les habitudes sont faites pour être rompues. James Blake vient d’en apporter la preuve. Par deux fois, il avait trouvé Richard Gasquet sur sa route, en 2006 à Toronto et en 2007 à Bercy. Par deux fois, l’Américain s’était incliné en deux sets. Si le sort de cette nouvelle confrontation s’est encore joué en deux manches, le Tricolore n’en est pas sorti vainqueur. Car peu inspiré sur ses relances, malgré un pourcentage de première balle pas extraordinaire de la part de son adversaire (48% sur l’ensemble du match), et aussi rapidement mis en danger sur ses mises en jeu, Gasquet ne trouve pas toujours les bons enchaînements, et se fait parfois mitrailler sur ses deuxièmes balles de service. Le natif de Béziérs sauve cinq balles de break… sur sept.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Indian Wells - Due di cadute

Non ci sono più francesi a Indian Wells. Rafael Nadal si è qualificato mercoledì per i quarti di finale dei Masters Series a spese di Jo-Wilfried Tsonga, al termine di una lotta di altissimo livello (6-7 (3), 7-6 (4), 7-5 nelle 3h03), mentre Richard Gasquet è stato dominato da James Blake (6-4, 6-2). Le abitudini sono fatte per essere cambiate. James Blake ne ha appena dato prova. Per due volte, aveva trovato Richard Gasquet sulla sua strada, nel 2006 a Toronto e nel 2007 a Bercy. Per due volte, l’americano si era inchinato in due set. Se questo nuovo confronto si è ancora giocato in due set, il tricolore ne non è però uscito vincitore. Poiché poco ispirato sulle risposte, nonostante una percentuale di prima palla non straordinaria da parte del suo avversario (48% su tutto l’incontro), e anche messo subito in pericolo sul servizio, Gasquet non trova sempre le giuste costruzioni del punto, e si fa a volte mitragliare sulle seconde palle di servizio. Il nativo di Béziérs salva cinque palle di break… su sette.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Tsonga rend les armes , Cédric Callier, sport24.com

Plus de trois heures de jeu ont été nécessaires à Rafael Nadal pour venir à bout d’un coriace Jo-Wilfried Tsonga à qui il aura manqué un peu de lucidité en fin de match (6/7 7/6 7/5).Confirmation ou revanche ? Telle était la question alors que Jo-Wilfried Tsonga retrouvait Rafael Nadal, deux mois après son incroyable démonstration à Melbourne, lorsqu’il avait littéralement mis KO l’Espagnol en demi-finales (6/2 6/3 6/2). Un match qu’aucun des deux hommes n’avait oublié évidemment, pour différentes raisons. En particulier le Taureau de Manacor, dont l’orgueil s’accommodait fort mal de ce lourd revers. Désireux de démontrer que celui-ci n’était qu’un simple accident, Nadal débutait ainsi ce 8e de finale à Indian Wells le pied au plancher et réussissait un break d’entrée, dès sa première opportunité. Mais Tsonga ne se laissait pas démonter et dans la foulée, il rendait la monnaie de sa pièce à son adversaire (1-1). Commençait alors un formidable bras de fer entre un Espagnol désireux de se montrer plus agressif qu’en Australie et un Français encore plus entreprenant. A tel point que c’était lui qui dictait les échanges, accumulant points gagnants et… fautes grossières. Mais sans conséquences toutefois. Mieux même, à 6-5 en sa faveur, il s’octroyait deux balles de set, qu’un bras un brin tétanisé ne lui permettait pas de convertir. Le genre de manque de réalisme qui pouvait coûter cher face à Nadal…

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Tsonga rende le armi

Oltre tre ore di gioco sono state necessarie a Rafael Nadal per venire a capo del coriaceo Jo-Wilfried Tsonga al quale sarà mancata un po’di lucidità alla fine dell’incontro (6/7 7/6 7/5).Conferma o rivincita? Questa era la domanda quando Jo-Wilfried Tsonga ritrovava Rafael Nadal, due mesi dopo la sua incredibile dimostrazione a Melbourne, quando aveva letteralmente messo KO lo spagnolo in semifinale (6/2 6/3 6/2). Un incontro che nessuno dei due uomini aveva dimenticato ovviamente, per varie ragioni. In particolare il toro di Manacor, il cui orgoglio si adattava molto male a questa pesante sconfitta. Desideroso di dimostrare che quest’ultima era soltanto un semplice incidente, Nadal cominciava così questo ottavo di finale a Indian Wells con i piedi per terra e riusciva il break iniziale, alla prima opportunità. Ma Tsonga non si lasciava smontare e sullo slancio, rendeva la pariglia al suo avversario (1-1). Cominciava allora un arduo braccio di ferro tra uno spagnolo desideroso di mostrarsi più aggressivo che in Australia ed un francese ancora più intraprendente. Al punto che era lui che dettava gli scambi, che accumulava punti vincenti e… errori madornali. Ma tuttavia senza conseguenze. Ancora meglio, sul 6-5 a suo favore, si guadagnava due “set ball”, che un braccino non gli consentiva di convertire. Il tipo di mancanza di realismo che poteva costare caro contro Nadal…

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Gasquet s’en va aussi , Florian Egly, sport24.com

Il n’y a plus de Français à Indian Wells. Richard Gasquet n’a jamais pu contester James Blake en 8es de finale (6/4 6/2). Roger Federer et Novak Djokovic ont impressionné.Gasquet impuissantAprès deux tours très convaincants contre Robin Soderling et Juan Ignacio Chela, Richard Gasquet est tombé sur un os en la personne de James Blake. Le Biterrois était pourtant invaincu jusque-là (2-0) face à l’Américain. Mais le choc entre les têtes de série numéro 8 et 9 a facilement tourné à l’avantage du plus vieux des deux joueurs. Le résident floridien a notamment fait parler sa puissance et sa capacité à bien retourner. Malgré un pourcentage de premières balles correct (68 %), le Français concédait ainsi 7 balles de break dans le premier set, ne gagnant que 64 % de points sur son premier service. Sur ces 7 opportunités, deux étaient concrétisées par Blake, qui, de son côté, ne perdait sa mise en jeu qu’à une seule reprise. Résultat, une première manche dans l’escarcelle de l’Américain (6/4) et surtout un net avantage psychologique pour aborder la deuxième. En dépit d’un pourcentage encore moyen sur son engagement (58 %), le finaliste du Masters 2006 ne laissait aucune ouverture à son adversaire. Ne concédant que trois petits points sur son service durant tout le deuxième acte, Blake réalisait encore deux breaks pour s’imposer en 1h06 (6/4 6/2).

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Se ne va anche Gasquet

Non ci sono più francesi a Indian Wells. Richard Gasquet non è mai riuscito ad impensierire James Blake negli ottavi di finale (6/4 6/2). Roger Federer e Novak Djokovic hanno impressionatoGasquet impotenteDopo due turni molto convincenti contro Robin Soderling e Juan Ignacio Chela, Richard Gasquet è caduto su un avversario ostico nella persona di James Blake. Il Francese era tuttavia imbattuto (2-0) contro l’americano. Ma lo scontro tra le teste di serie numero 8 e 9 è facilmente girato a vantaggio del più anziano dei due giocatori. L’Americano in particolare ha fatto parlare la sua potenza e la sua capacità di rispondere bene. Nonostante una percentuale di prime palle apprezzabile (68 %), il francese concedeva così 7 palle break nel primo set, guadagnando soltanto il 64% di punti sulla prima di servizio. Di queste 7 opportunità, due venivano concretizzate da Blake, che, da parte sua, perdeva il servizio soltanto una volta. Risultato, un primo set nel sacco per l’americano (6/4) e soprattutto un netto vantaggio psicologico per abbordare il secondo. Nonostante una percentuale ancora media al servizio (58 %), il finalista dei Masters 2006 non lasciava alcuna apertura al suo avversario. Concedendo soltanto tre punticini sul suo servizio in tutto il secondo set, Blake realizzava ancora due break per imporsi in 1h06 (6/4 6/2).

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Sharapova implacable , Mathieu Bahuet, sport365.fr

Tenante du titre, la Slovaque Daniela Hantuchova a été éliminée en quarts de finale mercredi par la Russe Maria Sharapova, qui s’impose en deux sets : 7-6, 6-1. La n°5 mondiale affrontera pour une place en finale sa compatriote Svetlana Kuznetsova.Maria Sharapova est tout simplement irrésistible en ce début de saison. En l’absence de Justine Henin, la Russe est une remarquable n°1 mondiale bis vu le niveau de jeu déployé depuis le mois de janvier : victoires à l’Open d’Australie sans perdre le moindre set, puis succès à Doha. Cette fois, c’est la tenante du titre elle-même qui a fait les frais de la tornade russe. Lauréate en 2007, la Slovaque Daniela Hantuchova s’est accrochée un set, le premier, concédé au tie break. La suite a viré au récital avec un 6-1 net et sans bavure. « Au premier set, je jouais comme je ne l’avais fait sur ce court, a expliqué la Moscovite après le match. J’ai finalement retrouvé mon agressivité et j’ai réussi à m’en sortir. Pour être honnête, elle faisait tout mieux que moi au premier set, et quand je l’ai gagné, cela m’a donné beaucoup de confiance. A la fin de ce set, j’ai commencé à mieux jouer, et le deuxième set était bon. »

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Sharapova implacabile

Detentrice del titolo, la slovacca Daniela Hantuchova è stata eliminata nei quarti di finale mercoledì dalla Russa Maria Sharapova, che si impone in due set: 7-6, 6-1. La n°5 mondiale affronterà per un posto in finale la sua compatriota Svetlana Kuznetsova.Maria Sharapova è semplicemente irresistibile in quest’inizio di stagione. In mancanza di Justine Henin, la Russe è una notevole n°1 mondiale bis visto il livello di gioco mostrato dal mese di gennaio: vittorie all’Open di Australia senza perdere il minimo set, quindi successo a Doha. Questa volta, è la detentrice del titolo che ha fatto le spese del tornado russo. Vincitrice nel 2007, la slovacca Daniela Hantuchova ha lottato per un set, il primo, ceduto al tie break. Il seguito si è trasformato in un recital con un 6-1 netto e senza sbavature. “Nel primo set, giocavo come non avevo mai fatto su questo campo”, ha spiegato la Moscovita dopo l’incontro.” Ho infine ritrovato la mia aggressività e sono riuscita ad uscirne. Per essere onesta, faceva tutto meglio di me nel primo set, e quando lo ho vinto, mi ha dato molta fiducia. Alla fine di questo set, ho iniziato a giocare meglio, e il secondo set era buono.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Davenport montre les dents , Serge Fayat, La Dernière Heure

Maman Lindsay épate aussi à Indian WellsIl paraît que son fils Jagger lui a fait vivre un cauchemar ces derniers jours car il commence à faire ses dents, mais sur le court, c’est elle qui en fait voir de toutes les couleurs à ses adversaires… Lindsay Davenport (WTA 36), 31 ans, continue son épatante remontée vers les sommets du tennis féminin à l’occasion de l’important tournoi d’Indian Wells. L’Américaine, maman depuis le mois de juin dernier, a cette fois battu, mardi soir, Marion Bartoli (WTA 10), la finaliste de Wimbledon, 6-2, 7-5 pour se hisser en quart de finale.“J’ai dû l’amener chez le médecin du tournoi, car il avait beaucoup de fièvre, raconta-t-elle. J’étais même un peu gênée, car je me disais qu’il y aurait peut-être un joueur ou une joueuse qui attendait. Heureusement, il n’y avait personne. Il avait des rougeurs partout et il était très agité. C’était la première fois que je le voyais ainsi. On m’a expliqué que c’est parce qu’il était en train de faire ses dents et que je ne devais pas m’inquiéter.”Beaucoup se demandent comment Lindsay Davenport est parvenue à retrouver aussi rapidement un tel niveau de jeu après sa grossesse. S’il est clair qu’il existe partout dans le monde des millions de mamans qui travaillent à plein-temps, réussir la combinaison avec un sport de haut niveau n’est pas donné à toutes. Il y a une part de don, de talent, bien entendu, mais aussi et peut-être surtout une notion de plaisir et de joie d’être encore en mesure de pratiquer son sport favori en tant que maman.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Davenport mostra i denti

Mamma Lindsay stupisce anche a Indian WellsSembra che suo figlio Jagger le abbia fatto vivere un incubo questi ultimi giorni perchè inizia a mettere i dentini, ma in campo, è lei che ne fa vedere di tutti i colori alle sue avversarie… Lindsay Davenport (WTA 36), 31 anni, continua la sua straordinaria risalita verso i vertici del tennis femminile in occasione dell’importante torneo di Indian Wells. L’americana, mamma dal giugno scorso, ha questa volta battuto, martedì sera, Marion Bartoli (WTA 10), la finalista di Wimbledon, 6-2, 7-5 per issarsi ai quarti di finale. “Ho dovuto portarlo presso il medico del torneo, perché aveva molta febbre, ha detto.” Ero anche un po’ imbarazzata, perché mi dicevo che ci sarebbero potuti essere un giocatore o una giocatrice che aspettavano. Fortunatamente, non c’era nessuno. Aveva rossori ovunque ed era molto agitato. Era la prima volta che lo vedevo così. Mi ha spiegato che è perché stava mettendo i dentini e che non dovevo preoccuparmi.” Molti si chiedono come Lindsay Davenport sia riuscita a ritrovare così rapidamente un tale livello di gioco dopo la gravidanza. Se è chiaro che esistono ovunque nel mondo milioni di mamme che lavorano a tempo pieno, riuscire a combinarlo con uno sport di alto livello non è da tutte. C’è una parte di dono, di talento, naturalmente, ma anche e forse soprattutto una nozione di piacere e di gioia di essere ancora in grado di praticare il proprio sport preferito in qualità di mamma.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Haas dank «Toiletten-Taktik» im Viertelfinale, sueddeutsche.de

Indian Wells/Boston (dpa) - Dank einer erfolgreichen «Toiletten- Taktik» hat Thomas Haas seine Siegesserie beim ATP-Masters-Turnier in Indian Wells ausgebaut und darf sich nun auf ein Viertelfinal-Duell mit Roger Federer freuen.Der gebürtige Hamburger Tennisprofi schlug im Achtelfinale Andy Murray mit 2:6, 7:5, 6:3 und revanchierte sich bei dem Schotten für die Drei-Satz-Niederlage vor einem Jahr im Viertelfinale an gleicher Stelle. Dabei war Haas, der wie Murray nach seinem Drittrundenmatch nur 16 Stunden Pause hatte, gegen den Weltranglisten-Elften zunächst chancenlos und verlor den ersten Satz nach 33 Minuten klar mit 2:6.«Ich war überhaupt nicht zufrieden mit meiner Leistung, habe dann eine Toiletten-Pause eingelegt und mir dabei gesagt, dass ich einfach aggressiver auftreten muss - das hat dann geklappt», sagte der 29-Jährige, der sich im zweiten Durchgang nicht davon irritieren ließ, dass er bei einer 5:3-Führung sein Service verlor.

Hier Klicken , um die ganze Nachricht zu lesen

Haas nei quarti grazie alla «tattica del bagno»

Indian Wells/Boston (dpa) - Con un’efficace «tattica del bagno», Tommy Haas ha costruito la sua serie di vittorie al torneo ATP-Masters di Indian Wells ed ora può rallegrarsi del duello nei quarti con Roger Federer.Il nativo di Amburgo ha sconfitto negli ottavi Andy Murray per 2:6, 7:5, 6:3, prendendosi la rivincita sullo smacco che lo Scozzese gli inflisse un anno fa ai quarti del medesimo torneo. Nel primo set Haas, che dopo un match di tre ore ha potuto osservare come Murray una pausa di sole 16 ore, non ha avuto alcuna speranza contro l’undicesimo della classifica mondiale, e l’ha perso chiaramente dopo 33 minuti per 3:6.«Non ero assolutamente soddisfatto della mia prestazione, mi sono poi concesso una pausa-toilette durante la quale mi sono detto che sarei dovuto rientrare in gioco con maggiore aggressività - ciò che poi è avvenuto e con successo», ha affermato il ventinovenne, il quale nel secondo gioco non si è lasciato irritare quando ha perso il servizio sul 5:3.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in tedesco)

Federer machte Geschenke erst nach Spiel, nzz.ch

Roger Federer blieb auch im dritten Spiel in Indian Wells ungefährdet. Der Weltranglisten-Erste zog durch ein 6:3, 6:4 in 76 Minuten gegen Ivan Ljubicic (Kro/23) in die Runde der letzten Acht ein, wo er auf Tommy Haas (De/ATP 36) trifft.Geschenke machte Federer erst nach dem Spiel. Gemeinsam mit den Fans sang er Ljubicic ein “Happy Birthday” zum 29. Geburtstag und überreichte ihm auch eine Torte.

Hier Klicken , um die ganze Nachricht zu lesen

Federer ha fatto regali solo dopo il match

Roger Federer non ha corso pericoli neppure in occasione della sua terza partita a Indian Wells. Grazie alla vittoria in 76 minuti contro Ivan Ljubicic 6:3 6:4, il primo del ranking mondiale è entrato nel turno degli ultimi 8, dove incontrerà Tommy Haas.Federer ha concesso regali solo dopo il gioco. Insieme coi fans ha cantato a Ljubicic un “Happy Bithday” per il suo ventinovesimo compleanno e gli ha offerto anche una torta.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in tedesco)

Update 19 MarchAggiornato il 19 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Davenport beats Bartoli to advance at Indian Wells, Bill Dwyre, Los Angeles Times (La Davenport batte la Bartoli e avanza ad Indian Wells)- Andy Murray defeats Karlovic in Indian Wells , Vicki Hodges, Telegraph (Andy Murray batte Karlovic ad Indian Wells)- Grosjean tunes up with first-round win over Luczak, Charles Bricker, sun-sentinel.com (Grosjean scalda i motori con la vittoria al primo turno su Luczak)- Going gaga for Lindsay, Peter Bodo, ESPN.com (Diventando pazzi di Lindsay)- In 53 Minutes, Federer Shows He’s Back in Form, Billy Witz, New York Times (In 53 minuti, Federer mostra che è tornato in forma)- Davenport finding perfect balance between motherhood and competition, Greg Garber, ESPN.com (La Davenport sta trovando il perfetto equilibrio tra maternità e competizione)- People in the tennis world are prejudiced, R Satya, Deccan Herald (Nel mondo del tennis c’è chi subisce pregiudizi)- Federer sans pitié, Sophie Danger, sport365.fr (Federer senza pietà)- Hantuchova continue son chemin , Sophie Danger, sport365.fr (Hantuchova continua il suo percorso)- Nadal et Tsonga vont au clash! , Serge Fayat, La Dernière Heure (Nadal e Tsonga vanno allo scontro!)- Ça sera sans les Françaises , Sophie Danger, sport365.fr (Sarà senza le Francesi)- Elena Dementieva : “Je pense en effet qu’il n’y a pas de plan B chez les filles” , grandchelem.net (Elena Dementieva : «Penso che in effetti non esista un piano B tra le donne»)

Davenport beats Bartoli to advance at Indian Wells, Bill Dwyre, Los Angeles Times

In her fourth round match, one that began just before 11 p.m. on center court, she took out sixth-seeded Marion Bartoli of France. But it wasn’t really an upset, even though Davenport is seeded 24th here.Bartoli’s success story is her appearance in last year’s Wimbledon final. Davenport’s includes titles in three of the four majors, the Australian, Wimbledon and U.S. Open, not to mention 89 careeer titles, including singles and doubles. She missed most of 2007 but continues to gather ratings points now.Against Bartoli, who hits two-handed from both sides, Davenport ran through the first set and then stumbled as bit as Bartoli went to a 5-3 lead. The French woman, serving at that point, lost a challenge when the electronic Hawkeye machine rule Davenport’s shot good on the baseline. That got her to break point, she converted and then held serve easily for 5-5.Now, like somebody in a rush to catch a bus, she broke Bartoli at love, then served three aces at 6-5 and got the match point with a 109 mile-an-hour first serve and a forehand winner off Bartoli’s return.Davenport’s next match will be a real test. She will face No. 3 Jelena Jankovic of Serbia.

Click here for the full story

La Davenport batte la Bartoli e avanza ad Indian Wells

Indian Wells- Nel suo incontro di quarto turno, iniziato appena prima delle 23 italiane sul campo centrale, ha eliminato la francese Marion Bartoli, testa di serie numero 6 del tabellone. Non è stata in realtà una grossa sorpresa, nonostante la Davenport sia qui accreditata della ventiquattresima testa di serie. La fama della Bartoli è dovuta alla finale raggiunta a Wimbledon lo scorso anno. Il palmares della Davenport include tre dei quattro titoli dello Slam (Australian Open, Wimbledon e Us Open), per non citare gli ottantanove titoli in carriera, tra singolare e doppio. Assente dal circuito per gran parte del 2007, continua comunque a raccogliere punti. Contro la Bartoli, che colpisce bimane da entrambi i lati, la Davenport ha sbrigato la pratica primo set per poi inciampare nel secondo in cui in un attimo la Bartoli si è trovata a condurre 5-3. La francese, che serviva in quella situazione di punteggio, ha perso un punto dopo aver chiamato in causa l’Occhio di falco su un buon colpo della Davenport sulla riga di fondo. Conquistata la palla break, la Davenport l’ha convertita e ha poi tenuto il servizio facilmente per il 5-5. A questo punto, come qualcuno che si affrettava a prendere l’autobus, ha strappato il servizio a zero alla Bartoli, ha servito tre ace sul 6-5 e ottenuto il match point con una prima di servizio a 109 miglia orarie e un dritto vincente sulla risposta della Bartoli. Il prossimo incontro per la Davenport sarà un test impegnativo.Affronterà la numero 3 serba Jelena Jankovic.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Andy Murray defeats Karlovic in Indian Wells , Vicki Hodges, Telegraph

British No 1 Andy Murray is through to the last 16 of the Pacific Life Open in Indian Wells after narrowly edging out world No 20 Ivo Karlovic.The 20-year-old set-up a fourth-round meet with Tommy Haas following his 7-6 (9/7), 6-7 (3/7), 6-3 victory over the 6ft 10ins Croatian.

The match was predictably short of rallies, but Murray’s flair eventually enabled him to prevail.Both players held their opening service games but Murray, who was the winner of the only previous meeting in the SAP Open final in San Jose last year, then threw in a sloppy game, handing an early first break to Karlovic when he netted a forehand.The big-serving Croat comfortably held to open up a 3-1 lead, with Murray responding in kind in a match containing predictably short rallies.Three blistering returns helped the Scot to break back in the sixth game before he retained his next service game to love.Neither could force a further break as the first set went to a tie-break, with Murray squandering two set points before prevailing at the third attempt.

Click here for the full story

Andy Murray batte Karlovic ad Indian Wells

Il numero uno britannico Andy Murray è approdato agli ottavi di finale del Pacific Life Open di Indian Wells dopo aver superato di stretta misura Ivo Karlovic, numero 20 mondiale.Il ventenne scozzese si è garantito un match di quarto turno con Tommy Haas grazie alla vittoria per 7-6 (9/7) 6-7 (3/7) 6-3 sul gigante croato.Com’era prevedibile l’incontro ha presentato pochi scambi, ma alla fine il talento di Murray ha fatto la differenza.Entrambi i giocatori hanno tenuto i rispettivi servizi d’apertura ma Murray, vincitore dell’unico precedente in finale a San Josè l’anno scorso, ha concesso il primo break della partita a Karlovic dopo un game scialbo concluso da un diritto in rete.Il grande battitore croato si è quindi comodamente portato sul 3-1, con Murray pronto a rispondere colpo su colpo in un match prevedibilmente impostato sugli scambi brevi.Tre risposte brucianti hanno consentito allo scozzese di fare il controbreak nel sesto game, per poi tenere il proprio servizio a zero.Da lì in avanti nessuno dei due è riuscito a strappare la battuta all’avversario e si è così giunti al tie-break, dove Murray ha sprecato due set points prima di concretizzare alla terza opportunità.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Grosjean tunes up with first-round win over Luczak, Charles Bricker, sun-sentinel.com

The well-known caution etched into the side-view mirror of Sebastien Grosjean’s new $240,000 F430 Ferrari reads, “Objects in mirror are closer than they appear.”Not for long, however, and not, it has been heavily suggested by fellow players, the way Grosjean has been wheeling this sleek, black missile around South Florida.“You can’t say how fast. They will arrest me,” Grosjean joked Tuesday after winning his first-round match at the BMW Championship.To those who don’t know the expatriate Frenchman, who has been settled into Boca Raton with his wife, Marie, and two American-born children for eight years, he might look like a Renault station wagon guy.Not even close. There’s a Porsche at his French home in Marseille, and now he’s got the car of his dreams here, even if his spouse disapproves.“She wasn’t too happy,” Grosjean said, doing a poor job of suppressing a smile as he recalled her reaction to his announcement that he was buying the Ferrari.“She can’t understand. For men, this is like jewelry. You get into the driver’s seat. You start the engine. You listen to it.” Grosjean seemed close to swooning. “It’s great,” he finally concluded.Grosjean had been toying, and that is the appropriate word, for a year with the idea of buying a Ferrari, but didn’t pull the trigger on the deal until after last season. The car was delivered to his home on Dec. 27, while he was playing in Australia.It couldn’t have been easy focusing on his tennis, knowing there was a Ferrari parked in his driveway, begging for a little run up Florida’s Turnpike.About 5 p.m., Grosjean walked to his car, inserted the key, punched the red “engine start” button on the steering wheel and 490 horses roared to life. He wasn’t going to be speeding anywhere, however, in the late afternoon commute traffic back to Boca.

Click here for the full story

Grosjean scalda i motori con la vittoria al primo turno su Luczak

La ben nota avvertenza incisa sugli specchietti retrovisori della nuova Ferrari F430 da 240 mila dollari di Sebastien Grosjean recita: “Gli oggetti nello specchio sono più vicini di quanto sembrino”.Non per molto, tuttavia, e non nel modo in cui, come insinua qualche giocatore, Grosjean ha scorrazzato per il sud della Florida con questo lucido e nero bolide.“Non puoi dire a che velocità. Mi arresterebbero,” ha scherzato Grosjean martedì, dopo la sua vittoria di primo turno al BMW Championship di Sunrise.Per coloro che non lo conoscessero, il tennista francese, che si è trasferito a Boca Raton con sua moglie e i due figli, nati in America, da otto anni, potrebbe sembrare il tipico ragazzo da station-wagon Renault.Ma non si è neppure vicini alla realtà. C’è una Porsche nella sua casa di Marsiglia, ed ora possiede l’automobile dei suoi sogni, anche se sua moglie non approva.“Non ne era troppo felice”, ha detto Grosjean, non riuscendo a nascondere un sorriso nel ricordare la reazione della moglie all’annuncio che stava per comprare una Ferrari.“Non può capire. Per gli uomini è come gioielleria. Ti siedi al posto di guida. Fai partire il motore. Lo ascolti.” Grosjean sembrava vicino allo svenimento. “E’ fantastica”, ha concluso.Grosjean ha giocherellato, questa è la parola giusta, con l’idea di comprarsi una Ferrari per un anno, ma non l’ha concretizzata prima della fine della stagione passata. La macchina gli è stata consegnata a casa il 27 dicembre, mentre si trovava a giocare in Australia.Non deve essere stato facile concentrarsi sul tennis, sapendo che c’era una Ferrari parcheggiata nel vialetto di casa propria, in attesa di essere guidata per le autostrade della Florida.Verso le 5 del pomeriggio, Grosjean si è diretto verso la sua auto, ha inserito la chiave, ha premuto il pulsante rosso dell’accensione del motore sul volante e 490 cavalli hanno iniziato a ruggire. Ma non poteva correre da nessuna parte, nel traffico pomeridiano dei pendolari di ritorno a Boca.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Going gaga for Lindsay , Peter Bodo, ESPN.com

Lindsay Davenport has been writing an engaging feel-good story for some five months now. How often does a new mother cut short her projected maternity leave and rush back to the job, even if her vocation as a tennis player is, admittedly, a little more alluring than vetting health-insurance claims forms for cheating?Everyone, it seems, has been gaga for Lindsay ever since the fall of 2007, when she began her astonishing — and improbable — comeback (she gave birth to a son, Jagger Leach, in June). And Davenport has lost just two matches this year. Maria Sharapova hammered her, giving up just four games, in the second round of the Australian Open. And in a real shocker, Germany’s Sabine Lisicki upset Lindsay in a Fed Cup match in San Diego.About two weeks ago in New York, Lindsay told me that she felt “weird” about those two losses. “For the most part, I’ve felt great, but something happened and I still don’t know what. … I’m glad things went really well after the Fed Cup in Memphis, but that was a fast court, and indoors, which was really ideal for me. We’ll just see what the rest of the year brings.”In other words, Lindsay herself isn’t convinced that she is back in the mix at the top. In that regard, she’s facing a real test here in Indian Wells at the Pacific Life Open. Given that Davenport will not play on the European clay-court circuit this spring, she needs to do well here, and in Miami in two weeks, in order to feel like a contender at the majors later this year. Remember, she’s won just one match at the Grand Slam or Tier I level this year.

Click here for the full story

Diventando pazzi di Lindsay

Lindsay Davenport sta scrivendo un’appassionante storia di serenità da circa 5 mesi. Quanto spesso una neo-madre lascia in fretta la sua maternità e torna di corsa al lavoro, anche se la sua vocazione di giocatrice di tennis è, bisogna ammetterlo, un po’ più spiccata di quella di impiegata?Tutti, sembra, sono diventati pazzi di Lindsay dall’autunno del 2007, quando ha iniziato uno stupefacente e improbabile ritorno (ha dato alla luce un figlio, Jagger Leach, in Giugno). E la Davenport ha perso 2 match quest’anno. Maria Sharapova l’ha schiacciata, lasciandole solo 4 game, nel secondo turno degli Australian Open. E con grande sorpresa, la tedesca Sabine Liscki ha sconfitto Lindsay in Fed Cup a San Diego.Circa due settimane fa a New York, Lindsay mi ha detto che si sentiva “strana” a proposito di quelle due sconfitte. “Per la maggior parte, mi sono sentita benissimo, ma qualcosa è successo e ancora non so cosa… sono contenta che le cose siano andate molto bene a Memphis dopo la Fed Cup, ma quello era un campo veloce, indoor, che era davvero l’ideale per me. Vedremo cosa porta il resto dell’anno.”In altre parole, Lindsay stessa non è convinta di essere tornata al livello delle top. A questo proposito, sta affrontando un vero test qui a Indian Wells al Pacific Life Open. Dato che la Davenport non giocherà la stagione europea sulla terra battuta questa primavera, ha bisogno di fare bene qui, e a Miami tra due settimane, per sentirsi come una vera contendente ai titoli dello Slam più avanti nella stagione. Bisogna ricordare che ha vinto solo un match a livello Slam o Tier I quest’anno.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

In 53 Minutes, Federer Shows He’s Back in Form , Billy Witz, New York Times

It was hard to tell Tuesday afternoon what was causing more people to sweat: a beating sun that had washed away the last gasp of winter, or the sight of Roger Federer looking ready, willing and able to resume his reign over men’s tennis.Federer arrived at the Pacific Life Open on a two-match losing streak, rehabilitating from a bout with mononucleosis and fending off questions of whether his five-year standing as the top player in the world is nearing its end. He continued to flick away those doubts as easily as he did Nicolas Mahut of France in an effortless 6-1, 6-1 victory that took 53 minutes.“When he’s playing like that, he’s the best,” Mahut said. “There’s maybe two or three players that have a chance, but not much of one. He can play every shot. He was just too good.”Mahut, ranked 44th in the world, shook his head at his futility. “I was feeling like a junior today,” he said.

Click here for the full story

In 53 minuti, Federer mostra che è tornato in forma

E’ difficile dire cosa facesse sudare più persone, martedì pomeriggio: un sole cocente che ha spazzato via l’ultimo colpo di tosse dell’inverno, o la vista di un Roger Federer che sembra pronto, deciso e capace di ristabilire il suo regno sul tennis maschile.Federer è arrivato al Pacific Life Open con una striscia di due sconfitte, cercando di riprendersi dalla mononucleosi, e schivando domande sulle possibilità che il suo dominio di cinque anni sta giungendo a termine. Ha continuato a scavalcare quei dubbi tanto facilmente come ha fatto con il francese Nicolas Mahut in una vittoria senza sforzo per 61 61 durata 53 minuti.“Quando gioca così, è il migliore,” ha detto Mahut. “Ci sono forse due o tre giocatori che hanno un possibilità, ma non più di una. Può giocare ogni colpo. Oggi era semplicemente troppo forte.”Mahut, n.44 del mondo, ha scosso la testa davanti alla sua impotenza. “Mi sono sentito come uno junior oggi,” ha detto.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Davenport finding perfect balance between motherhood and competition , Greg Garber, ESPN.com

It’s 80 degrees and the relentless midday sun is wreaking havoc with Lindsay Davenport’s big, looping serve and just killing her overheads. The wind swirls little twisters of white sand into her eyes and Argentina’s Gisela Dulko, routinely running games into four-deuce territory, isn’t cooperating, either.Well, honestly, these all fall into the category of minor irritations, compared to the real challenge in Davenport’s life. His name is Jagger Jonathan Leach and, at 9 months old, he is a wriggling, curious handful.“It’s getting a little tougher,” Davenport admitted earlier this month. “I flew with him home from Melbourne. It was just him and me for 14 hours. I was fine. And then flying a three-hour flight with my nanny and Jagger in his own seat and it was way more difficult. He just wants to move and see what’s going on and kicking the chair in front of him.“Certainly, tennis takes such a huge backseat now to overall daily life. I used to take really good care of my body, have free time, stretch, try and relax. Now it’s like come home, I’ve got him full-time, worried about him, trying to get errands done.”

Click here for the full story

La Davenport sta trovando il perfetto equilibrio tra maternità e competizione

Ci sono 27 gradi e l’instancabile sole del pomeriggio sta causando distruzione nell’ampio movimento del servizio di Lindsay Davenport, e semplicemente uccide i suoi smash. Il vento alza nei suoi occhi piccoli mulinelli di sabbia bianca e l’argentina Gisela Dulko, che di routine porta i game ai vantaggi, non aiuta, lo stesso.Beh, onestamente, tutto ciò cade nella categoria delle scocciature più insignificanti, comparandole alla vera sfida nella vita della Davenport. Il suo nome è Jagger Jonathan Leach, e all’età di 9 mesi, è un vivace e curioso pugnetto. “Sta diventando un po’ più dura” ha ammesso la Davenport all’inizio di questo mese. “Ho volato con lui a casa da Melbourne. Siamo stati solo io e lui per 14 ore. Stavo bene. Poi per fare un volo di tre ore con la badante e Jagger nel proprio sedile è stato molto più difficile. Voleva solo muoversi e vedere cosa gli succedeva intorno e dare calci alla poltrona di fronte. Di sicuro, il tennis adesso prende un posto inferiore nella mia vita nel complesso. Una volta mi prendevo molta cura del mio corpo, cercare di avere tempo libero, allenarmi, fare stretching, rilassarmi. Adesso è più “tornare a casa”, avere il mio bambino a tempo pieno, preoccuparmi per lui, cercare di fare le commissioni.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

People in the tennis world are prejudiced, R Satya, Deccan Herald

Just like his daughters Venus and Serena, Richard Williams is a familiar figure at most tennis centres across the world.While his daughters make headlines with their brand of tennis, father Williams does so with his statements. Unafraid to speak his mind, Williams, who was in the Garden City last week for the Bangalore Open, spoke to Deccan Herald on Venus and Serena’s early years and about a life beyond the baseline. (…)The two never did well at the same time, especially in the Grand Slams, what was the problem?I think it might have been the media. I think it might have been the players in the media. When my girls win, they always said they won too much.When they didn’t win, something was wrong with them. I think this is the worst media job that they have done on any human being in the world.If I was them I would have quit. They made enough money, they have enough money. When Venus plays or Serena plays, they draw more people than anyone in the world. It doesn’t matter if they are No 1 or No 301, they always draw people. If someone else was No 1, it was good for tennis, if it was Blacks, it was not. I think it was ridiculous what they did to my two girls.How did it affect you and your family?It didn’t affect us. We were trained for something like that. Tennis is a prejudice game. Well, I’m Black and I’m prejudiced, very prejudiced. I’ll be always prejudiced as the White man. The White man hated me all my life and I hate him. That’s no secret. I’m not even an American, it just so happens that I was born in America. People are prejudiced in tennis. I don’t think Venus or Serena was ever accepted by tennis. They never will be.What’s your opinion on the depth in women’s tennis?I haven’t seen the best players yet. The best players are in the ghetto here in India and in the ghetto in Compton. Those kids don’t get a chance.If you could teach them tennis, maybe in ten years you will see real tennis players. If you give the ghetto players the opportunities, you see better tennis players, better soccer players and you will see the best of the best.I don’t think no one is interested in poor people.

Click here for the full story

Nel mondo del tennis c’è chi subisce pregiudizi

Proprio come le sue figlie Venus e Serena, Richard Williams è una figura familiare nella maggior parte dei centri di tennis del mondo. Mentre le sue figlie fanno notizia con il loro marchio di tennis, il padre Williams fa lo stesso con le sue dichiarazioni. Senza paura di esprimere il suo pensiero, Williams, che era nella Garden City la settimana scorsa per il Bangalore Open, ha parlato al Deccan Harald dei primi anni di Venus e Serena e della vita al di là della linea di fondo.Le due non hanno mai fatto bene nello stesso momento, soprattutto nei Grandi Slam, quale era il problema?Penso che possa essere dipeso dai mezzi di comunicazione. Penso che possa essere dipeso dai giocatori nei mezzi di comunicazione. Quando le mie ragazze vincono, dicono sempre che hanno vinto troppo. Quando non vincono, c’è qualcosa che non va in loro. Penso che questo sia il peggiore lavoro che i mezzi di comunicazione hanno fatto su qualunque essere umano nel mondo. Fossi stato loro avrei abbandonato. Hanno fatto soldi a sufficienza, sono ricche a sufficienza. Quando Venus gioca o Serena gioca, attirano più persone di nessuno altro al mondo. Non importa se sono Numero 1 o Numero 301, attirano sempre la folla. Se qualcun’altra era Numero 1, era una cosa buona per il tennis, se erano Neri, non lo era. Penso che sia stato ridicolo quello che hanno fatto alle mie due ragazze.Come tutto questo ha influenzato lei e la sua famiglia?Non ci ha toccati. Eravamo preparati a qualcosa di simile. Il tennis è un gioco di pregiudizio. Bene, sono Nero e sono oggetto di pregiudizi, forti pregiudizi. Sarò sempre oggetto di pregiudizi come il Bianco. Il Bianco mi ha odiato tutta la vita e io l’odio. Non è un segreto. Non sono neanche americano, è un caso che sia nato in America. Ci sono persone oggetto di pregiudizio nel tennis. Non penso che Venus o Serena siano mai state accettate dal tennis. Non lo saranno mai.Quale è la sua opinione sulla profondità del tennis femminile?Non ho ancora visto le migliori giocatrici. Le giocatrici migliori sono nel ghetto qui in India e nel ghetto a Compton. Quei bambini non hanno nessuna opportunità. Se lei potesse insegnare loro il tennis, forse in dieci anni vedrebbe dei veri tennisti. Se lei desse delle opportunità ai giocatori di ghetto, vedrebbe dei tennisti migliori, calciatori migliori e avrebbe il meglio del meglio. Non penso che nessuno sia interessato ai poveri.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer sans pitié, Sophie Danger, sport365.fr

Le Suisse Roger Federer n’a fait qu’une bouchée du Français Nicolas Mahut mardi lors du troisième tour du Masters d’Indian Wells. L’Argentin David Nalbandian poursuit lui aussi sa route après être passé tout près de la correctionnelle.Le FrançaisDire qu’il n’y a pas eu match n’est pas faire injure aux protagonistes. Il n’y a pas eu match non pas parce que Nicolas Mahut a laissé filer son troisième tour californien, il n’y a pas eu match tout simplement parce que son adversaire était intouchable. Que ce dernier se nomme Roger Federer explique tout ou partie du score, sec, encaissé par le Français. Six jeux à un dans la première manche. Et des statistiques qui se passent de tout commentaire : 100% de réussite derrière sa première balle de service, 80% quand il faut s’agit de la deuxième, 5 aces, 94% de points gagnés sur sa mise en jeu et pas une balle de break concédée durant la petite demi-heure nécessaire pour mettre un pas en huitièmes de finale. Comment faire face à la perfection ? Difficile d’y répondre pour un Mahut bien incapable d’exister face à pareil monstre et qui devait se contenter, bien malgré lui, des quelques miettes laissées en chemin par le maître.

Click here for the full story

Federer senza pietà

Lo Svizzero Roger Federer ha fatto soltanto un boccone del francese Nicolas Mahut martedì al terzo turno dei Masters di Indian Wells. Anche l’Argentino David Nalbandian prosegue la sua strada dopo essere passato molto vicino alla sconfitta.I FrancesiDire che non c’è stata partita non è fare torto ai protagonisti. Non c’è stata partita non perché Nicolas Mahut ha lasciato sfuggire il suo terzo turno californiano, non c’è stata partita semplicemente perché il suo avversario era intoccabile. Che quest’ultimo si chiami Roger Federer spiega tutto o parte del punteggio, secco, incassato dal francese. Sei giochi ad uno nel primo set. E delle statistiche che fanno a meno di qualsiasi commento: 100% di successi sulla sua prima palla di servizio, 80% sulla seconda, 5 aces, 94% di punti vinti al servizio e nessuna palla break concessa durante la mezz’oretta necessaria per andare agli ottavi di finale. Come affrontare la perfezione? Difficile rispondere per Mahut perfino incapace di esistere di fronte a un simile mostro e che ha dovuto accontentarsi, pur non volendolo, di alcune molliche lasciate sul suo cammino dal maestro.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Hantuchova continue son chemin , Sophie Danger, sport365.fr

Daniela Hantuchova s’est qualifiée mardi pour les quarts de finale en éliminant l’Indienne Sania Mirza. La Slovaque (n°5) aura pour prochaine adversaire la Russe Sharapova.C’est Daniela Hantuchova qui, ce mardi, pénétrait la première sur les courts californiens. Tenante du titre, la Slovaque affrontait, pour la deuxième fois de sa carrière, le prodige indien Sania Mirza. Une balade de santé pour la championne sortante qui débutait sur les chapeaux de roues, alignant cinq jeux consécutifs avant de plier la première manche 6-1. Un scénario sans accroc pour la Slovaque qui allait néanmoins devoir composer avec une toute autre adversaire lors du second acte. Toujours en délicatesse au service, la 32eme joueuse mondiale faisait néanmoins montre de plus d’agressivité pour conserver sa mise en jeu et pousser sa rivale dans ses retranchements. Il fallait attendre le onzième jeu de la deuxième manche pour voir l’issue de la rencontre se dessiner. Coupable d’un léger relâchement, Mirza concédait un break fatal.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Hantuchova continua il suo percorso

Daniela Hantuchova si è qualificata martedì per i quarti di finale eliminando l’indiana Sania Mirza. La slovacca (n°5) avrà come prossima avversaria la Russa Sharapova.È Daniela Hantuchova che, questo martedì, entrava per prima sui campi californiani. Detentrice del titolo, la slovacca affrontava, per la seconda volta in carriera, il prodigio indiano Sania Mirza. Passeggiata di salute per la campionessa uscente che cominciava alla grande, allineando cinque giochi consecutivi prima di chiudere il primo set 6-1. Uno scenario senza imperfezioni per la slovacca che doveva tuttavia aver a che fare con ben altra avversaria in occasione del secondo set. Sempre problematica al servizio, la 32a giocatrice mondiale faceva tuttavia prova di maggiore aggressività per tenere il servizio e spingere la sua avversaria ai ripari. Occorreva attendere l’undicesimo gioco del secondo set per vedere prendere forma la conclusione della partita. Colpevole di un leggero rilassamento, Mirza concedeva un break fatale.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Nadal et Tsonga vont au clash!, Serge Fayat, La Dernière Heure

Duel de poids lourds dans le désert à Indian WellsRafael Nadal (ATP 2) est prêt à régler ses comptes avec Jo-Wilfried Tsonga (ATP 17) dans ce qui constituera, ce mercredi, le premier grand clash du tournoi d’Indian Wells, au stade des huitièmes de finale. L’Espagnol aspire à prendre une revanche dans le désert californien, où il est tenant du titre, contre le Français qui l’avait saoulé de coups pour le priver d’une accession en finale à l’Australian Open.“Cette défaite m’avait fait très mal”, confia le Majorquin, mis K.-O. en trois sets par le Manceau. “Il est clair que je vais devoir mieux jouer cette fois-ci. Il sera important de bien servir car son service est impressionnant, et il faudra aussi que je me montre plus agressif du fond du court. En Australie, il avait eu le contrôle de la balle tout le temps. Je vais essayer de ne pas répéter ce scénario…” ironisa-t-il. (…)Jo-Wilfried Tsonga, dont le faciès n’est pas sans rappeler celui d’un certain Muhammad Ali, s’était boxé un chemin vers la gloire en battant Rafael Nadal à l’Australian Open. Retombé de son nuage depuis et ayant pris le temps de soigner son dos, toujours fragile, le Français est ravi de la perspective offerte de rééditer son exploit.“Il est orgueilleux. Il aime les défis. J’ai la possibilité de montrer que l’Australie n’était pas de la chance, s’est-il réjoui. J’ai besoin d’être motivé pour être au top. Ma qualité n’est pas le tennis pur. Mais je gagne beaucoup de matches avec la motivation. Dans ma tête, le favori, c’est moi.”

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Nadal e Tsonga vanno allo scontro!

Duello di pesi massimi nel deserto a Indian WellsRafael Nadal (ATP 2) è pronto a regolare i conti con Jo-Wilfried Tsonga (ATP 17) in quello che costituirà, questo mercoledì, il primo grande scontro del torneo di Indian Wells, nella fase degli ottavi di finale. Lo spagnolo aspira a prendere una rivincita nel deserto californiano, in cui è detentore del titolo, contro il francese che l’aveva ubriacato di colpi per privarlo dell’accesso alla finale all’Australian Open. “Questa sconfitta mi aveva fatto molto male”, ha confidato lo Spagnolo, messo KO in tre set dal Francese. “È chiaro che dovrò giocare meglio questa volta. Sarà importante servire bene poiché il suo servizio è impressionante, ed occorrerà anche che mi mostri più aggressivo da fondo campo. In Australia, aveva avuto il controllo della palla tutto il tempo. Proverò non a ripetere questo scenario… ” ha ironizzato. (…)Jo-Wilfried Tsonga, il cui aspetto ricorda quello di un certo Muhammad Ali, si era aperto a suon di colpi un cammino verso la gloria battendo Rafael Nadal all’Australian Open. Ricaduto dalla sua nuvola da allora ed avendo avuto tempo di occuparsi della sua schiena, sempre fragile, il francese è onorato dalla prospettiva offertagli di ripetere la sua impresa. “È orgoglioso. Ama le sfide. Ho la possibilità di dimostrare che l’Australia non è stata un caso, si è rallegrato. Ho bisogno di essere motivato per essere al top. La mia qualità non è il tennis puro. Ma vinco molti incontri con la motivazione. Nella mia testa, il favorito, sono io.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Ça sera sans les Françaises , Sophie Danger, sport365.fr

Marion Bartoli éliminée, il n’y a plus de Françaises à Indian Wells. Avec les cinq premières têtes de série, le tournoi offre néanmoins un plateau alléchant pour les quarts de finale.La FrançaisePas de chance pour Marion Bartoli. Des six premières têtes de série engagées pour les huitièmes de finale du tournoi américain, la Française est la seule à avoir chuté. Il faut dire que la finaliste du dernier Wimbledon se trouvait opposée à une cliente. Lindsay Davenport, certes loin de son meilleur niveau, n’est jamais facile à manœuvrer. Surtout quand en face, on n’affiche pas toutes les garanties, et c’est le cas de Bartoli ces dernières semaines. Du coup, la tête de série numéro 6 en a payé le prix fort en s’inclinant 6-2, 7-5. Face à la puissance de l’Américaine, la Française n’a jamais pu rivaliser. Auteur de 17 aces, celle qui s’est déjà imposée à deux reprises dans le tournoi et qui a atteint la finale deux fois supplémentaires, confirme qu’elle est plus qu’à l’aise du côté d’Indian Wells.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Sarà senza le Francesi

Marion Bartoli eliminata, non ci sono più francesi a Indian Wells. Con le prime cinque teste di serie, il torneo offre tuttavia un piatto appetitoso per i quarti di finale.La FranceseNessuna opportunità per Marion Bartoli. Delle prime sei teste di serie impegnate negli ottavi di finale del torneo americano, la francese è la sola ad essere caduta. Occorre dire che la finalista dell’ultimo Wimbledon si trovava opposta ad una bella cliente. Lindsay Davenport, certamente lontana dal suo migliore livello, non è mai facile da gestire. Soprattutto quando contro di lei, non si utilizzano tutti i propri mezzi, ed è il caso di Bartoli in queste ultime settimane. Di colpo, la testa di serie numero 6 ne ha pagato il caro prezzo inchinandosi 6-2, 7-5. Contro la potenza dell’americana, la francese non ha mai potuto rivaleggiare. Autrice di 17 aces, quella che si è già imposta due volte nel torneo e che ha raggiunto la finale altre due volte, conferma che si trova più che a suo agio dalle parti di Indian Wells.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Elena Dementieva : “Je pense en effet qu’il n’y a pas de plan B chez les filles” , grandchelem.net

Dernière témoin de notre grand dossier “Tennis féminin”, Elena Dementieva a elle aussi dû essuyer les piques du questionnaire Wilander. L’occasion pour la Russe la plus francophile du circuit de rendre hommage au tennis complet de Justine Hénin et d’Amélie Mauresmo, enfin Amélie Mauresmo 2006. Signalons également un scoop en sortie d’entrevue sur ce petit problème de poids chez madame la WTA: chez les filles, quand on est stressé, on mange du sucre. Et quoi de mal à ça ?Le tennis féminin est-il aussi spectaculaire que le tennis masculin ?C’est une question complexe. Tout d’abord parce que je suis une femme et j’aime en être une alors je vais toujours me mettre du côté des femmes ! Il y a de très beaux matches chez les hommes et de très spectaculaires chez les femmes. Mais je pense qu’il y a plus de tension dramatique dans le tennis féminin. Personne ne peut prédire qui va gagner et vous ne savez pas non plus à quel moment le match va tourner. Du coup, je pense que les gens apprécie plus cela dans les matchs féminins. Lorsqu’il y a un favori dans le circuit masculin, il va gagner à 99%, pas sur le circuit féminin.L’année dernière Mats Wilander a lourdement critiqué le tennis féminin en disant que ce tennis était trop monolithique, campé sur la ligne de fond et que les filles n’avaient pas de plan B quand le plan A ne marchait pas. Qu’en penses-tu ?Je pense qu’en effet la plupart du temps il n’y a pas de plan B chez les femmes. Elles aiment jouer à leur manière. Si la joueuse est agressive, elle va appliquer un jeu agressif jusqu’à la fin du match. Et d’ailleurs je ne trouve pas cela complètement illogique, vous jouez votre jeu. Chacune a son style de jeu et c’est vrai que souvent cela manque de variation. C’est très agréable de voir quelqu’un comme Justine Hénin ou Amélie Mauresmo qui ont énormément de « coups » dans leur raquette, qui peuvent varier leur jeu à l’infini et faire la différence en un seul coup.Penses-tu qu’il y a un problème de surpoids chez les joueuses?Je pense que les joueuses ont un rapport très particulier avec le stress et ont tendance à gérer cela avec des choses sucrées. Mais c’est aussi pour cela que j’aime le tennis, peu importe si vous êtes fine ou carrée, petite ou grande vous avez des chances de gagner.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Elena Dementieva : «Penso che in effetti non esista un piano B tra le donne»

Ultima testimone del nostro grande dossier “tennis femminile”, Elena Dementieva ha così dovuto rispondere alle cattiverie del questionario Wilander. L’occasione per la Russe più francofila del circuito di rendere omaggio al tennis completo di Justine Hénin e di Amélie Mauresmo, cioè Amélie Mauresmo 2006. segnaliamo anche un scoop in fine d’intervista su questo piccolo problema di peso della signora WTA: tra le ragazze, quando si è sotto stress, si mangia zucchero. E che male c’è?Il tennis femminile è spettacolare quanto il tennis maschile?È una questione complessa. Innanzitutto perché sono una donna e sono felice di esserlo quindi io sarò sempre a favore delle donne! Ci sono molti begli incontri tra gli uomini e molto spettacolari tra le donne. Ma penso che ci sia più tensione drammatica nel tennis femminile. Nessuno non può prevedere chi vincerà e non si sa neppure in quale momento l’incontro potrà girare. Di fatto, penso che la gente apprezzi di più questo negli incontri femminili. Quando c’è un favorito nel circuito maschile, vincerà al 99%, non nel circuito femminile.L’anno scorso Mats Wilander ha criticato molto il tennis femminile dicendo che questo tennis era troppo monolitico, inchiodato sulla linea di fondo e che le ragazze non avevano un piano B quando il piano A non andava. Cosa ne pensi?Penso che sia vero che di solito non ci sia di piano B nelle donne. Amano giocare secondo il loro stile. Se la giocatrice è aggressiva, applicherà un gioco aggressivo fino alla fine dell’incontro. E del resto non lo trovo completamente illogico, si giocate il proprio gioco. Ciascuna ha il suo stile di gioco ed è vero che spesso manca di varietà. È molto piacevole vedere qualcuno come Justine Hénin o Amélie Mauresmo che hanno molti “colpi” nella loro racchetta, che possono variare il loro gioco all’infinito e fare la differenza in un colpo solo.Pensi che ci sia un problema di sovrappeso tra le giocatrici?Penso che le giocatrici abbiano una relazione molto particolare con lo stress ed abbiano tendenza a gestirlo con cose zuccherate. Ma è anche per questo che amo il tennis, poco importa se sei sottile o quadrata, bassa o alta hai possibilità di vincere.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 18 MarchAggiornato il 18 Marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Tennis pro Tsonga looks like Ali, hits like him too , Bill Dwyre, Los Angeles Times (Il tennista Tsonga assomiglia ad Ali e colpisce anche come lui)- Murray faces giant obstacle in Karlovic clash , Eleanor Preston, Guardian.uk (Murray di fronte ad un gigante ostacolo nello scontro con Karlovic)- Dellacqua keeps on winning , The Daily Telegraph (Dellacqua continua a vincere)- Davenport advances at Indian Wells, Lisa Dillman, Los Angeles Times (La Davenport avanza a Indian Wells)- Rafael Nadal knocks out Donald Young at Pacific Life Open, Patti Myers, Desert Sun (Nadal mette ko Young al Pacific Life Open)- The Young Mr. Young, Nina Rota, MVN.com (Giovane… di nome e di fatto)- Finding Focus , Richard Evans, tennisweek.com (Cercando la concentrazione)- Sveta doesn’t need the spotlight to feel content on, off the court, Ravi Ubha, ESPN.com (Sveta non ha bisogno dei riflettori per sentirsi soddisfatta dentro e fuori dal campo)- Federer peace pact puts smile on Murray’s face, Alix Ramsay, Telegraph (La pace con Federer mette un sorriso sul viso di Murray)- LTA seeking single sponsor , Paul Newman, The Independent (La LTA cerca uno sponsor)- The Evans Report: Mother Superior, Richard Evans, tennisweek.com (I reportage di Richard Evans : Lindsay, la madre superiore)- Indian Wells, le désert des Belges , Paolo Leonardi, lesoir.be (Indian Wells il deserto dei belgi)- Hoferlin : “L’opération d’Oli en fin d’année est inévitable” , Thibaut Vinel, La Dernière Heure (Hoferlin: “l’operazione di Rochus alla fine dell’anno è inevitabile”)

Tennis pro Tsonga looks like Ali, hits like him too , Bill Dwyre, Los Angeles Times

Because Jo-Wilfried Tsonga looks so much like Muhammad Ali, you expect his tennis game to float like a butterfly and sting like a bee. Instead, he delivers mostly uppercuts and roundhouses.When Tsonga took the court in the Pacific Life Open on Monday, it was clear that those who buy tickets to this event had been paying attention. The Frenchman had come out of nowhere, No. 212 at the start of 2007, to make the final of this year’s first major tournament, the Australian Open. He beat Rafael Nadal in the semifinals, then lost to Novak Djokovic in the final.Monday, they put him on Stadium Court 2 in the late afternoon, and the people found him, packed the place and loved the show.Tsonga is not yet a star, but he’s certainly a fascination.Will he be the next Roger Federer? Or will it be more like the next Thomas Johansson, the Swedish player who came out of nowhere to win the Australian in 2002 and then returned whence he came?

Click here for the full story

Il tennista Tsonga assomiglia ad Ali e colpisce anche come lui

Dato che Jo-Wilfried Tsonga assomiglia così tanto a Muhammad Ali ci si potrebbe aspettare che il suo tennis fluttui come una farfalla e punga come un’ape. Invece colpisce principalente con ganci e montanti.Quando Tsonga è sceso in campo lunedì al Pacific Life Open era chiaro che coloro che hanno comprato i biglietti per questa partita avevano prestato attenzione. Il francese era venuto fuori dal nulla, n°212 all’inizio del 2007, per poi raggiungere la finale degli Australian Open, il primo torneo dello slam di quest’anno. Ha prima battuto Rafael Nadal in semifinale e poi ha perso contro Novak Djokovic in finale.Lunedì lo hanno messo sul campo n°2 nel tardo pomeriggio, il pubblico lo ha notato ha riempito lo stadio ed ha amato lo spettacolo.Tsonga non è ancora una stella, ma sicuramente emana fascino.Sarà il prossimo Roger Federer? O sarà invece piuttosto il prossimo Thomas Johansson, il tennista svedese che venne fuori dal nulla nel 2002, vinse gli Australian Open e poi ritornò da dov’era venuto?

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Murray faces giant obstacle in Karlovic clash , Eleanor Preston, Guardian.uk

Bad puns about tall orders and dizzy heights can be used liberally today when Andy Murray plays Ivo Karlovic in the third round of the Pacific Life Open in California. Karlovic is six foot ten in his stocking feet. He is also rather good at tennis.[…] Though Murray has beaten Karlovic in their only previous encounter - in the final of San Jose just over a year ago - he did so only with the aid of a third set tiebreaker, the sword by which the giant Croatian lives and dies.“Pretty much all of his matches are roughly 50-50 matches,” said Murray. He can beat some of the best players and lose to guys that you expect him to win against purely because the match can come down to three or four points.”

Click here for the full story

Murray di fronte ad un gigante ostacolo nello scontro con Karlovic

Facili battute a proposito di altezze vertiginose e di alti ordini possono essere usate liberamente oggi quando Andy Murray giocherà contro Ivo Karlovic al terzo turno del torneo di Indian Wells in California. Karlovic è alto 208 cm ed è sufficientemente bravo nel giocare a tennis.[…] Anche se Murray ha sconfitto Karlovic nell’unico loro precedente – nella finale di San Josè poco più di un anno fa – lo ha fatto solo al terzo set grazie ad un tie-break, l’arma grazie al quale il gigante croato può vivere o morire.“Quasi tutti i suoi match sono intorno al 50 e 50”, ha dichiarato Murray. “Può battere alcuni dei migliori giocatori e perdere contro tennisti che sulla carta dovrebbe battere, semplicemente perché il match spesso si decide in pochi punti”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Dellacqua keeps on winning , The Daily Telegraph

Australia’s Casey Dellacqua moved into the fourth round of a WTA event for only the second time in her career today.The 23-year-old West Australian progressed from the third round of the Indian Wells Masters as Austrian teenager Tamira Paszek retired through illness, trailing 6-1 4-0.Dellacqua also made the fourth round at the Australian Open, where she upset seeds Amelie Mauresmo and Patty Schnyder in front of her home fans.Serbian world No.4 Jelena Jankovic, who knocked Dellacqua out of the Open, also cruised through to the fourth round today while two-time champion Lindsay Davenport had to work a little harder.Jankovic shrugged off gusting winds to sweep aside Ai Sugiyama of Japan 6-1 6-1 before American Davenport battled to a 6-4 5-7 6-2 win over Taiwan’s Chan Yung-Jan.Top-seeded Serb Ana Ivanovic, the world No.2, also progressed with great ease, dispatching Italy’s Tathiana Garbin 6-3 6-0 in the late match.

Click here for the full story

Dellacqua continua a vincere

Per la seconda volta nella sua carriera, Casey Dellacqua si qualifica al 4 turno di un torneo WTA.La 23enne australiana supera al 3 turno del torneo WTA di Indian Wells la giovanissima austriaca Tamira Paszek, 6-1 4-0 abbandono.Dellacqua era arrivata al quarto turno anche agli Australiana Open, dove ha battuto davanti al proprio pubblico le teste di serie Amélie Mauresmo e Patty Schnyder, prima di essere eliminata da Jelena Jankovic.Anche la serba, numero 4 del ranking mondiale, ha superato agevolmente il terzo turno, 6-1 6-1 contro le raffiche di vento e contro la giapponese Ai Sugiyama, mentre l’americana Lindsay Davenport, due volte vincitrice del torneo, ha dovuto lottare duramente per assicurarsi la vittoria in tre set 6-4 5-7 6-2 sulla taiwanese Chan Yung-Jan.Passa il turno anche Ana Ivanovic, testa di serie numero 1, che nell’ultima partita della giornata ha lasciato solo 3 games all’italiana Tathiana Garbin, risultato finale 6-3 6-0.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Davenport advances at Indian Wells, Lisa Dillman, Los Angeles Times

Though her mind was on her young son’s fever, she still manages to beat Yung-Jan Chan, 6-4, 5-7, 6-2, in the third round.The number on Lindsay Davenport’s mind was 101 degrees.And it had nothing to do with temperature readings in the desert. Her 9-month-old son Jagger fell sick for the first time in his young life and Davenport took him to the tournament doctor at the Pacific Life Open on Sunday.“I was stressed out of my mind, yelling at my husband because my son has a fever and he’s not sleeping,” Davenport said. ” . . . I think it was mostly because he’s teething they think. But he has a rash all over his body and he’s really cranky. It’s the first time it happened. It was a nightmare yesterday.”In any event, stress is all relative. In the old days, it probably meant a lousy practice or going three sets against an untested teenager, not trying to calm a crying infant.This doesn’t mean the old stresses aren’t capable of creating moments of anxiety. A day after Jagger’s woes, his mother was locked in a third set against an 18-year-old from China, summing it up: “Just kind of drawing everything out. It was like a slow death.”But Davenport won the last four games, beating Yung-Jan Chan, 6-4, 5-7, 6-2, in the third round Monday, and will next play Marion Bartoli.Of the eight women’s matches, Davenport’s was the only three-setter.

Click here for the full story

La Davenport avanza a Indian Wells

Preoccupata dal pensiero del figlioletto febbricitante, supera comunque la Yung-Jan Chan per 64 57 62 al terzo turnoIl numero ricorrente nella mente di Lindsay era fisso su 38.5°.Niente a che vedere tuttavia con le temperature registrate nel deserto. Si trattava del figlioletto Jagger di 9 mesi, che alla sua prima malattia era stato visitato domenica dal medico del Pacific Life Open.“Ero in uno stato di una grande tensione, alzavo la voce con mio marito perché vedevo Jagger con la febbre e incapace di prendere sonno”. La Davenport continuava – “sembra che sia dovuta allo spuntare dei primi dentini. Ma ha anche un’eruzione cutanea su tutto il corpo ed è molto indebolito. È la prima volta che succede. Ieri ho vissuto un vero incubo.”In ogni caso, una tensione tutta relativa. In passato, sarebbe stata da addebitarsi a un allenamento noioso o a un incontro protratto al terzo set con una giovane emergente; non alla necessità di curare un bimbo in lacrime.Ciò non significa che le care vecchie tensioni non possano ridestare motivi di preoccupazione. Il giorno dopo la malattia di Jagger, la madre ha avuto necessità del terzo set per battere una diciottenne cinese. Così la Davenport ha riassunto l’incontro: “È stato un protrarsi all’infinito, un’agonia.”Ma la Davenport ha infine vinto gli ultimi quattro giochi battendo la cinese Yung-Jan Chan per 64 57 62 al terzo turno e affronterà ora Marion Bartoli.Delle otto partite del tabellone femminile disputate, si è trattato dell’unico incontro terminato al terzo set.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Rafael Nadal knocks out Donald Young at Pacific Life Open, Patti Myers, Desert Sun

Indian Wells - American teen Donald Young was the youngest player remaining in the Pacific Life Open at 18 years and seven months old.His opponent Monday, Rafael Nadal, is also young and both players are left-handed, but that’s where the similarities end.Young was no match for Nadal who rolled to a 6-1, 6-3 victory.“Growing up, I played with lefties all the time, but lately I have not been playing with lefties much,” said Young. “It’s different, different spin. They hit it the way you hit it.“It’s like playing myself and I wouldn’t want to play myself.”Nadal said he thought Young may have some nerves at the start of the match.“I didn’t play my best tennis,” said Nadal, who will face Frenchman Jo-Wilfried Tsonga in the fourth round, a rematch of the Australian Open semifinal. “But I didn’t play bad. I think the start (Young was) very nervous, you see the score, 4-0.“I think he is young. I know if I start the match well and have some distance on the score, it’s difficult.”Young admitted stepping onto Stadium Court here for the first time and playing the No. 2 player in the world was daunting.“It’s not the first time I’ve played in front of a lot of people, but the first time I played No. 2 in the world,” he said. “In the second set, I felt I played a little better. I felt I had a couple of chances, but got a little overanxious and missed a shot.”

Click here for the full story

Nadal mette ko Young al Pacific Life Open

Indian Wells – L’americano Donald Young, con i suoi 18 anni e sette mesi, era il più giovane giocatore rimasto in tabellone al Pacific Life Open. Il suo avversario, Rafael Nadal, è anche lui giovane, e sono entrambi mancini, ma le somiglianze finiscono qui. Young non ha mai impensierito Nadal, che ha vinto 6-1 6-3. “Negli anni ho giocato molto spesso contro avversari mancini, ma ultimamente mi è capitato meno” ha detto Young. “È diverso, perché colpiscono la palla come te. È come giocare contro te stesso, e io non vorrei giocare contro me stesso”. Nadal ha detto di pensare che Young possa essere stato un po’ nervoso in avvio di match. “Non ho giocato il mio miglior tennis”, ha ammesso Nadal, che affronterà il francese Tsonga al quarto turno, nella rivincita della semifinale degli Australian Open. “Ma non ho giocato male. Credo che in avvio (Young fosse) molto nervoso, basta guardare il punteggio, 4-0. Penso sia giovane. Lo so che se parto bene e prendo un po’ di vantaggio, diventa difficile”. Young ha confessato che trovarsi catapultato qui sul centrale per la prima volta e affrontare il numero 2 al mondo lo ha un po’ intimidito. “Non è la prima volta che ho giocato davanti a tanta gente, ma non mi ero mai trovato di fronte il numero 2 del mondo” ha detto. “Credo di aver giocato un po’ meglio nel secondo set. Penso di aver avuto anche un paio di chances, ma mi è salita un po’ troppa ansia e ho perso l’occasione”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The Young Mr. Young , Nina Rota, MVN.com

Donald Young 18 years old and he’s made it into the top 100, but he’s still a young player.Here’s the first indication that Donald Young is still young. Like most teenagers, late is the same as being on time and when he did wander into the media interview room after his straight set loss to Rafael Nadal today, his parents accompanied him.Like most youngsters, he’s very anxious to prove himself. After a miserable first set in which he held service once, he stayed with Nadal till the middle of the second set then he dropped his serve again. In the next game he had Nadal down 0-30 on his serve then proceeded to make two straight errors by going for too much and lost his advantage. I asked him if he overhit because he felt pressure to break back:I don’t know about feeling the pressure, probably I just wanted to win the game so bad.That’s how it is when you’re young: you try to do too much to show the world that you can play with the big boys. It almost cost Young his career because he struggled through 11 straight ATP losses when he should have been playing Futures and Challenger events.

Click here for the full story

Giovane… di nome e di fatto

Donald Young ha 18 anni ed è nei top 100, ma è ancora un giocatore giovane.Il primo segnale di ciò è arrivato ieri. Come per la maggior parte dei teenager, essere in ritardo o essere puntuali è la stessa cosa, e quando finalmente è arrivato in sala interviste dopo la sua sconfitta in due set con Rafael Nadal, i suoi genitori l’hanno accompagnato.Come molti giovanotti, è molto ansioso di mettersi alla prova. Dopo un miserabile primo set dove ha tenuto una volta il servizio, è rimasto vicino a Nadal fino alla metà del secondo set, poi ha perso il servizio di nuovo. Nel gioco successivo ha messo sotto Nadal 0-30 sul suo servizio, poi ha proceduto con due errori gratuiti di fila cercando di strafare, e ha perso il suo vantaggio. Gli ho chiesto se ha giocato male perché sentiva la pressione di dover ribreakkare: “Non so se ho sentito la pressione, probabilmente solo volevo tantissimo vincere quel gioco.”Così è quando sei giovane: cerchi di fare troppo per dimostrare al mondo che puoi giocare con i grandi nomi. Ciò è quasi costato a Young la sua carriera, perché è passato attraverso a 11 sconfitte ATP consecutive quando avrebbe dovuto giocare i Futures e i Challenger.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Finding Focus , Richard Evans, tennisweek.com

Clarity of vision returned to the Indian Wells Tennis Garden as men’s action moved in to the third round at the Pacific Life Open. The weekend storms had passed and the air was crystal clear under bright blue skies as James Blake set about trying to beat Carlos Moya in their twelfth meeting.Not anything has ever been very clear cut between these two with matches tending to be roller coaster affairs but this time it was different. Blake shrugged off the loss of serve early in the first set to clean up in grand style, hitting winners all over the place to wrap it up 6-3, 6-4.“Normally nothing goes very smoothly between us,” said Blake afterwards. “I have played him more than anyone else in my career and our matches always seem to be break up; break down; saving match points. But when I beat him here for the first time here (in 2003) it was a big step in my career because it showed me that I could beat the really big players.”And Moya, lest people forget, was one of the biggest. This event was still being played down the road at the Grand Champions Resort in 1999 and it was by reaching the final that year that the tall Spaniard ensured he would rise to No. 1 in the world. He lost to Mark Philippoussis in the final but the tournament still baked him a cake and we watched as this quiet, charming man blew out the single candle.Now the man from Mallorca is not even No. 1 on his island but he is still a welcome force in the game and he did enough to make sure that Blake had to work hard for his victory.

Click here for the full story

Cercando la concentrazione

La visibilità è tornata all’ Indian Wells Tennis Garden, mentre il tabellone maschile si sposta al terzo turno al Pacific Life Open. I temporali del weekend sono passati e, mentre James Blake cercava di battere Carlos Moya nel loro dodicesimo incontro, l’aria era cristallina sotto un cielo blu e terso.Nulla è mai stato molto chiaro invece tra questi due, con match tendenti sempre a essere degli ottovolanti, ma questa volta è stato diverso. Blake si è scosso dal break subito quasi in apertura nel primo set per uscire in grande stile, colpendo vincenti da tutto il campo per concludere 6-3 6-4.“Di solito niente va via liscio tra noi due,” ha detto Blake in seguito. “Ho giocato contro di lui più volte che contro chiunque altro nella mia carriera, e i nostri match sono sempre qualcosa come un break sopra, un break sotto, match point salvato e così via. Ma quando l’ho battuto qui per la prima volta (2003) è stato un grande passo nella mia carriera perché mi ha mostrato che potevo battere i grandi giocatori.”E Moya, per chi l’avesse dimenticato, era uno dei più grandi. Questo torneo nel 1999 si giocava ancora alla fine della strada, al Grand Champions Resort, e fu raggiungendo la finale di quell’anno che lo spagnolo si assicurò la prima posizione mondiale. Perse da Mark Philippoussis nella finale ma il torneo gli fruttò comunque una torta e guardammo quest’uomo tranquillo e affascinante spegnere una singola candelina.Adesso l’uomo di Maiorca non è più il numero uno nemmeno nella sua isola, ma è ancora una forza benvenuta nel tennis, e ha fatto a sufficienza per assicurarsi che Blake lavorasse duro per la conquistare la vittoria.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Sveta doesn’t need the spotlight to feel content on, off the court , Ravi Ubha, ESPN.com

Rafael Nadal has been asked incessantly about Roger Federer in the past few years. Almost without fail, he seems to mention Federer is No. 1 on the court and off it. Svetlana Kuznetsova could become the women’s equivalent to the Swiss — and Federer just happens to be a fan.Kuznetsova already has the off-court bit down. When the women’s tour needs the bubbly Russian, affectionately known as “Sveta,” to spend time with sponsors, no problem. Tournament directors worried about late pullouts don’t sweat over the 22-year-old. The week after winning the U.S. Open four years ago, for instance, she kept her word and took part in a tiny event in the Indonesian resort of Bali, sticking around to claim the title.“I think you have to stay to your word,” said the world No. 3 and the latest campaign’s Indian Wells finalist. “I try to stay to it as much as I can.”Worried about a surly response, sulking or excuses following a tough loss? Don’t be. Kuznetsova, tennis-reared at the Barcelona academy run by Spanish Davis Cup captain Emilio Sanchez and Sergio Casal, won’t bite and doesn’t show up at postmatch press conferences simply to avoid fines.“As a human being, she’s great,” was how her coach, Stefan Ortega, put it.

Click here for the full story

Sveta non ha bisogno dei riflettori per sentirsi soddisfatta dentro e fuori dal campo

A Rafael Nadal è stato chiesto a proposito di Roger Federer in modo incessante negli ultimi anni. Praticamente sempre, ha definito Federer come il n.1 sul campo e fuori. Svetlana Kuznetsova potrebbe diventare l’equivalente femminile dello svizzero - e si da il caso che di Federer sia una fan.La Kuznetsova possiede già la parte “fuori dal campo”. Quando il tour femminile ha bisogno della spumeggiante russa, affettuosamente conosciuta come “Sveta”, di spendere del tempo con gli sponsors, nessun problema. I direttori dei tornei che si preoccupano per i ritiri dell’ultimo minuto, non devono sudare freddo per la 22enne. La settimana successiva alla sua conquista degli US Open 4 anni fa, per esempio, ha mantenuto la parola e ha preso parte a un piccolo torneo in quel di Bali, finendo per conquistare il titolo. “Penso tu debba mantenere la parola data,” ha detto la numero 3 del mondo, e ultima finalista di Indian Wells. “Cerco di mantenerla il più possibile.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer peace pact puts smile on Murray’s face , Alix Ramsay, Telegraph

Andy Murray is on a roll - his brother has forgiven him for not playing in the Davis Cup, John Lloyd cannot wait to get Britain’s top man back into that team and even Roger Federer has made up with the Scot after having a swipe at him in Dubai.When Murray beat Federer in the first round of the Dubai event two weeks ago, the Swiss grumbled that his opponent merely kept the ball in play and waited for someone to make a mistake. Unused to losing so early and playing his first match since coming back from illness, the normally charming Federer was clearly in a foul mood. Now pencilled in for a quarter-final appointment with Murray at the Pacific Life Open, the world No 1 is keen to make amends. “I wasn’t criticising him,” Federer said. “And if I was, it was at a very high level, so I’m sure he knows that. All I said was I thought he was a more aggressive player, and all he was doing was just keeping the ball in play. He can do both. I know it and he knows it, so I don’t think we hate each other. We had a chat, so everything’s OK.”Murray can deal with Federer later - first there is Ivo Karlovic to negotiate today. Known as ‘Lurch’, the 6ft 10in Croat has built a career on serving like a howitzer and hoping no one makes him move.“It’s just a matter of whether you win the big points. Last time I played against him I managed to,” Murray said.

Click here for the full story

La pace con Federer mette un sorriso sul viso di Murray

Andy Murray è in una “striscia vincente”: suo fratello l’ha perdonato per non aver giocato in Davis Cup, John Lloyd non vede l’ora di riavere il suo uomo di punta in squadra e persino Roger Federer ha fatto pace con lo scozzese dopo averlo sminuito a Dubai.Quando Murray ha battuto Federer nel primo turno di Dubai due settimane fa, lo svizzero ha brontolato che il suo avversario si era limitato a tenere la palla in gioco e aveva aspettato l’errore dell’altro. Non abituato a perdere così presto e avendo giocato il suo primo match dopo la malattia, il normalmente affascinante Federer era chiaramente di pessimo umore. Ora che si prevede un suo nuovo scontro con Murray nei quarti di finale del Pacific Life Open, il numero uno del mondo è pronto a fare ammenda. “Non lo stavo criticando,” ha detto Federer. “E se lo stavo facendo, era a un livello molto alto, quindi sono sicuro che lui lo sappia. Tutto ciò che ho detto è che pensavo fosse un giocatore più aggressivo, e che tutto ciò che stava facendo era tenere la palla in gioco. Sa fare entrambe le cose. Io lo so e lui lo sa, quindi non penso che ci odiamo a vicenda. Abbiamo avuto una chiacchierata, quindi è tutto apposto.”Murray potrà pensare a Federer più avanti - prima c’è Ivo Karlovic da sistemare, oggi. Il croato di 2 metri e 7 ha costruito una carriera servendo come un cannone e sperando che nessuno lo faccia muovere. “E’ semplicemente questione di vincere i punti importanti. L’ultima volta che ci ho giocato contro ci sono riuscito.” Ha detto Murray.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

LTA seeking single sponsor , Paul Newman, The Independent

One of the longest running sponsorships in British sport will come to an end after this summer’s pre-Wimbledon tournament at Queen’s Club. Stella Artois, the lager produced by InBev UK, has been title sponsor of the event for 30 years, but in a change of policy the Lawn Tennis Association is seeking a single sponsor for all the summer grass-court tournaments.“As part of our new commercial strategy we are looking to market the sport as a complete package, rather than as a series of individual events and programmes,” Roger Draper, the LTA’s chief executive, said. “The association with Stella Artois has been extremely successful and rewarding for British tennis and the LTA is very grateful to InBev for the long-standing support and investment provided over the last 30 years.”

Click here for the full story

La LTA cerca uno sponsor unico

Una delle più lunghe sponsorizzazioni dello sport britannico giungerà a termine dopo il torneo pre-Wimbledon del Queen’s Club di quest’estate. Stella Artois, la birra prodotta da InBev UK, è stata lo sponsor principale del torneo per 30 anni, ma in un cambio di politica federale la Lawn Tennis Association sta cercando uno sponsor unico per tutti i tornei estivi sull’erba.“Come parte della nostra nuova strategia commerciale stiamo cercando di vendere lo sport come un unico pacchetto, piuttosto che una serie di singoli eventi e programmi” ha detto Roger Draper, capo della LTA. “L’associazione con Stella Artois è stata di grande successo e ha gratificato il tennis britannico, e la LTA è molto grata alla InBev per il supporto duraturo e gli investimenti fatti negli ultimi 30 anni.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The Evans Report: Mother Superior, Richard Evans, tennisweek.com

Lindsay Davenport, the game’s Mother Superior, didn’t really need to show how having babies is no hindrance to winning tennis matches — or even tennis titles — when her opponent, Gislea Dulko of Argentina, defaulted after losing the first set 6-2 in the second round of the Pacific Life Open here at the Indian Wells Tennis Garden.Dulko, who had had her right thigh strapped at 2-3 in that first set, quit when it became obvious that lack of ability would get her nowhere against such an experienced opponent.Davenport was back in familiar territory in the Coachella Valley. This was her 14th main draw appearance at a tournament that was being played down Highway 111 at the Grand Champions resort when she first appeared on the tour. The tall California won the ninth title of her burgeoning career at Grand Champions in 1997 and then added another here in 2000 — the first year that Charlie Pasarell’s second creation was opened in all its 16,000 seat Stadium Court splendor.Davenport pounded out a stunning 4-6, 6-4, 6-0 victory over top seed Martina Hingis on that occasion and if she is not quite back at that kind of level her performances this year have sent out a warning call to the rest of the tour. No matter how much sleep she is or isn’t getting, depending on young Jagger’s nocturnal needs, it seems to have had remarkably little impact on her tennis. Prior to Indian Wells Davenport won two of the three events she played, in Auckland just before the Australian Open (where she lost in the second to Maria Sharapova) and then Memphis where she collected her 54th career title — a number that tied her at No 7 with Virginia Wade amongst the all-time title winners on the women’s tour.Today, the cool, blustery wind was never going to allow a classic performance but Davenport was relatively unbothered during a first set against an opponent who was not in her class — injured or not.

Click here for the full story

I reportage di Richard Evans : Lindsay, la madre superiore

Lindsay Davenport,la madre superiore del tennis,non ha avuto nemmeno il tempo di dimostrare che avere dei bambini non costituisce un ostacolo per vincere –partite e anche tornei- ,che la sua avversaria,l’argentina Gislea Dulko,si è ritirata dopo aver perso il primo set per 6-2 al secondo turno del Pacific Life Open all’Indian Wells Tennis Garden.La Dulko,che ha subito uno strappo muscolare alla coscia destra sul 2-3 nel primo set,ha abbandonato quando le è parso ovvio che non avrebbe potuto opporre resistenza in quelle condizioni ad un’avversaria di tale esperienza.La Davenport è tornata ad un luogo a lei familiare,quello di Coachella Valley. Questa è la sua quattordicesima apparizione nel tabellone principale di un torneo che la prima volta che giocò si svolgeva nell’ Highway 111 al Grand Champions Resort. Giunone vinse il nono titolo della sua grandiosa carriera al Grand Champions nel 1997,al quale se ne aggiunse un altro nel 2000 –l’anno in cui la seconda creazione di Charlie Pasarell –il centrale di Indian Wells,con le sue 16.000 sedute- venne aperto al pubblico in tutto il suo splendore.La Davenport in quell’occasione battè con uno spendido 4-6 6-4 6-0 l’allora numero uno Martina Hingis,e sebbene non sia tornata a quei livelli le sue performance quest’anno hanno lanciato un chiaro segnale nel tour. Non importa quanto riesca a dormire,a seconda dei bisogni del piccolo Jagger. Tutto ciò pare non influire sul suo tennis. Prima di esordire a Indian Wells Lindsay ha vinto due dei tre tornei ai quali ha partecipato,ad Auckland poco prima degli Australian Open (dove perse da Maria Sharapova al secondo turno) e a Memphis,dove ha conquistato il cinquantaquattresimo trofeo della carriera,raggiungendo la settima posizione in classifica,insieme a Virginia Wade,tra le giocatrici più vincenti di tutti i tempi.Oggi il vento freddo e fastidioso non ha permesso la solita brillante performance della Davenport,ma il primo set è stato gestito con relativa tranquillità da Lindsay,contro un’avversaria non della sua stessa classe –infortunata o meno.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Indian Wells, le désert des Belges , Paolo Leonardi, lesoir.be

Il n’y a déjà plus de joueurs belges en Californie où le vent est venu jouer les trouble-fête.Un petit tour et puis s’en vont. Les deux Belges engagés à Indian Wells ont été battus à quelques heures d’intervalle dès le deuxième tour samedi. Lors d’une journée fortement perturbée par le vent, Olivier Rochus et Xavier Malisse ont été battus par David Ferrer et Philipp Kohlschreiber.Programmés sur des courts annexes, les deux Belges ont pu constater que ces terrains jouissent d’une moins bonne exposition que les courts pourvus de tribunes. Le vent amenait sur ces aires de jeu… le sable du désert voisin.La défaite de l’Auvelaisien était malheureusement prévisible. Ferrer est nº5 mondial et il restait sur quatre victoires consécutives face au cadet des Rochus. Ce dernier fut balayé sur un double 6-2.Malisse semblait avoir davantage de chances face à Kohlschreiber, un Allemand encore relativement méconnu mais qui fait partie des joueurs qui ont le plus progressé en 2007. Classé 27e mondial, Kohlschreiber (qui avait battu Roddick au dernier Open d’Australie) l’a emporté en trois sets : 6-2, 5-7, 6-4.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Indian Wells il deserto dei belgi

Non ci sono già più giocatori belgi in California dove il vento è venuto a fare il guastafeste.Un giretto e se ne va. I due belgi impegnati a Indian Wells sono stati battuti sabato con un intervallo di alcune ore fin dal secondo turno. In occasione di un giorno fortemente perturbato dal vento, Olivier Rochus e Xavier Malisse sono stati battuti da David Ferrer e Philipp Kohlschreiber. Programmati su campi vicini, i due belgi hanno potuto constatare che questi terreni usufruiscono di un’esposizione meno buona dei campi forniti di tribune. Il vento portava su queste superfici di gioco… la sabbia del deserto accanto. La sconfitta di Rochus era purtroppo prevedibile. Ferrer è nº5 mondiale e restava su quattro vittorie consecutive di fronte al più giovane dei fratelli. Quest’ultimo è stato spazzato con un doppio 6-2. Malisse sembrava avere ulteriori possibilità contro Kohlschreiber, un tedesco ancora relativamente trascurato ma che fa parte dei giocatori che hanno progredito maggiormente nel 2007. Classificato 27 mondiale, Kohlschreiber (che aveva battuto Roddick all’ultimo Open di Australia) ha vinto in tre set: 6-2, 5-7, 6-4.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Hoferlin : “L’opération d’Oli en fin d’année est inévitable” , Thibaut Vinel, La Dernière Heure

Bien dans le coup, Olivier Rochus voit son année perturbée par une douleur lancinante à l’épauleAu second tour à Indian Wells, Olivier Rochus (ATP 67) n’a pu éviter sa septième défaite de la saison, la seconde consécutive des oeuvres de David Ferrer. Mais ce revers concédé samedi soir lui laisse un goût amer. “Les cinq premiers jeux de la partie ont duré 40 minutes , analyse Julien Hoferlin. Oli a eu des occasions à tous les jeux. Il restait sur un magnifique match face à Arnaud Clément qu’il n’avait jamais battu. Mais, à la fin de son premier tour, il a senti que l’inflammation revenait. Il ne peut pas être en permanence sous infiltration. Il en a déjà subi trois depuis décembre.”Et il est là, le problème actuel d’Olivier Rochus. Si son tennis est bien en place depuis trois mois, son corps ne suit plus et plus précisément son épaule. “La frustration est énorme. Quand un sportif joue mal, il est toujours possible de rectifier le tir. Mais, lorsqu’il s’agit d’une blessure, il faut prendre son mal en patience. Face à l’Espagnol, j’ai tout de suite compris que la perte du premier set lui serait fatale. Sa tête a refusé de poursuivre , poursuit, dépité, Julien Hoferlin. II a a alors retiré la prise, sentant que toute sa saison 2008 se déroulerait sur ce rythme.”

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Hoferlin: “l’operazione di Rochus alla fine dell’anno è inevitabile”

Partito bene, Olivier Rochus vede la sua stagione perturbata da un dolore lancinante alla spallaAl secondo turno a Indian Wells, Olivier Rochus (ATP 67) non ha potuto evitare la sua settima sconfitta della stagione, la seconda consecutiva ad opera di David Ferrer. Ma questa sconfitta di sabato sera gli lascia un gusto amaro. “I primi cinque giochi della partita sono durati 40 minuti, analizza Julien Hoferlin.” Oli ha avuto occasioni in tutti i giochi. Restava su uno splendido incontro contro Arnaud Clément che non aveva mai battuto. Ma, alla fine del suo primo turno, ha sentito che l’infiammazione stava tornando. Non può essere permanentemente sotto infiltrazione. Ne ha già subite tre da dicembre.” Ed è questo il problema attuale d’Olivier Rochus. Se il suo tennis sta bene da tre mesi, il suo corpo non segue più e più precisamente la sua spalla. “La frustrazione è enorme. Quando uno sportivo gioca male, è sempre possibile aggiustare la mira. Ma, quando si tratta di un infortunio, occorre prendere il proprio male con pazienza. Di fronte allo spagnolo, ho immediatamente capito che la perdita del primo set gli sarebbe stata fatale. La sua testa ha rifiutato di proseguire, continua, con disappunto, Julien Hoferlin. Allora ha mollato la presa, sentendo che tutta la sua stagione 2008 si sarebbe svolta con questo ritmo.”Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 17 MarchAggiornato il 17 Marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Murray grinds out three-set win , Eleanor Preston, The Guardian (Murray ottiene un’altra vittoria in tre set)- Monica Seles to compete in Dancing with the stars, Bob Larson’s Tennis News (Monica Seles partecipa a “Dancing with the stars”)- Tennis continues battle against corruption, Eleanor Preston, The Guardian (Il Tennis continua la sua lotta alla corruzione)- Murray brothers make their peace at the Pacific Life Open , Neil Harman, The Times (I fratelli Murray hanno fatto pace al Pacific Life Open)- Federer snaps streak - of losses at Pacific Life Open tennis tournament, The Desert Sun (Vittoria convincente e scaccia crisi di Federer al Pafic Life Open)- Tennis-Smiles for Federer after winning start at Indian Wells, Mark Lamport-Stokes, Uk Reuters (La bella partenza regala un sorriso a Federer)- Small town plays host to world’s top players, Tom Tebbutt, Globe and Mail (Una cittadina diventa casa dei campioni )- Should U.S. fear France at Pacific Life Open tennis tournament? Leighton Ginn ,The Desert Sun ( La Francia fa paura agli Stati Uniti? )- Roddick exits loudly, Federer rebounds quietly, Lisa Dillman, Los Angeles Times ( L’uscita di Roddick sorprende, l’ingresso di Federer no)- Eager Hewitt eyes Olympic challenge, the Australian ( Hewitt mette gli occhi sulle olimpiadi )- Mauresmo prend une claque, Florian Egly, sport24.com (Mauresmo prende uno schiaffo)- Xavier Malisse sort du désert , Serge Fayat , lalibre.be (Xavier Malisse esce dal deserto)- Murray frise la correctionnelle, Mahut passe , Sophie Danger, sport365.fr (Murray sfiora la sconfitta, Mahut passa)

Murray grinds out three-set win , Eleanor Preston, The Guardian

Life is seldom perfect for any player, even in the picturesque setting of the Pacific Life Open, a Californian idyll usually as drenched in sun as it is in wealthy retirees’ money. Instead, Andy Murray woke up yesterday to threatening clouds and icy winds and his performance against Jürgen Melzer was as patchy as the weather.Murray, seeded 11th at the first Masters Series of the season, eventually beat the 85th-ranked Austrian 3-6, 6-3, 6-3 but he had been 4-0 down in 11 minutes and repeatedly berated himself for being too passive, misjudging the wind on the exposed outside court and generally not living up to his exacting standards. As much as he still tends to huff on court when he feels he is not doing everything right, that is not necessarily a bad sign, for the 20-year-old has learned to grind out wins. His former coach Brad Gilbert may be persona non grata these days but yesterday’s victory was a fine embodiment of Gilbert’s catchphrase “winning ugly”.

Click here for the full story

Murray ottiene un’altra vittoria in tre set

Per un giocatore la vita e’ di rado perfetta, anche nel pittoresco scenario del Pacific Life Open, un’oasi californiana di solito immersa tanto nel sole quanto nei soldi dei suoi facoltosi pensionati. Invece ieri Andy Murray si e’svegliato con nuvole minacciose e venti gelidi e la sua prestazione contro Jurgen Melzer e’ stata tanto incostante quanto il tempo.Murray, numero 11 del seeding nel primo master di questa stagione, e’ riuscito a battere l’austriaco numero 85 del ranking per 3-6, 6-3, 6-3 dopo essere stato sotto 0-4 dopo i primi 11 minuti. Si e’ più volte rimproverato di essere troppo passivo, di interpretare male il vento che soffiava sul campo all’aperto e, in generale, di non aver giocato all’altezza dei suoi standard. Per quanto ancora tenda ad arrabbiarsi sul campo quando sente di non star facendo la cosa giusta, questo non e’ necessariamente un brutto segno, perchè il ventenne ha imparato a macinare vittorie.Il suo ex allenatore Brad Gilbert potrebbe anche essere persona non grata in questi giorni, ma la vittoria di ieri ha perfettamente rappresentato il suo slogan: “winning ugly”, vincere sporco.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Monica Seles to compete in Dancing with the stars , Bob Larson’s Tennis News

Tennis Channel to go Behind the Scenes with Monica Seles on Dancing With the StarsMonica Seles, retired tennis champion, will chronicle her upcoming experiences as a contestant on ABC’s hit series Dancing with the Stars through weekly interviews and Q&A videos on Tennis Channel and its Web site, www.tennischannel.com.(…)”I’m excited to have this opportunity with Tennis Channel to tell fans about my experiences on Dancing With The Stars each week,” said Seles. “It’s great to have an outlet to stay in touch with the tennis community while I’m on the show, and I’m thankful for the network’s support during the competition.”Popular www.tennischannel.com fan blogger James La Rosa also will be on the Dancing with the Stars scene, offering his offbeat observations of Seles and the series. Tennis Channel will give one fan two tickets into the show’s Los Angeles studio audience, through a sweepstakes on www.tennischannel.com.

Click here for the full story

Monica Seles partecipa a “Dancing with the stars”

Tennis Channel va dietro le quinte di “Dancing with the Stars” (versione americana di “Ballando con le Stelle”) con Monica Seles.Monica Seles, campionessa di tennis a riposo, racconterà le sue prossime esperienze come concorrente del programma di successo della ABC “Dancing with the Stars”, attraverso interviste e botta-e-risposta settimanali su Tennis Channel e sul relativo sito web www.tennischannel.com.(…) “Sono entusiasta di avere questa opportunità con Tennis Channel di raccontare ai fan le mie esperienze con Dancing with the Stars ogni settimana” ha dichiarato la Seles. “E’ bello avere un modo per restare in contatto col popolo del tennis mentre partecipo allo spettacolo, e sono grata al network per il sostegno dimostratomi durante la competizione”.Anche il curatore del fan blog di www.tennischannel.com, James La Rosa, sarà sulla scena di “Dancing with the Stars”, regalando le sue bizzarre osservazioni sulla Seles e sul programma. Inoltre partecipando a una lotteria su www.tennischannel.com, Tennis Channel regalerà due biglietti per entrare nello studio di registrazione di Los Angeles.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tennis continues battle against corruption, Eleanor Preston, The Guardian

‘The good thing is that it’s eyes wide open and we’re addressing it’This year’s French Open could mark a turning point in tennis’s battle to rid itself of the stench of corruption. That’s when a specially-commissioned report into match-fixing is due to be delivered to the sport’s governing bodies, and when both they and the wider world will find out exactly how far the integrity of the sport has been undermined. […]Ben Gunn and Jeffrey Rees, both ex-Scotland Yard, were appointed in January and have spent the first three months of the year travelling to tennis tournaments around the world to interview players, coaches, officials and tournament staff to assess whether matches are being fixed.

Click here for the full story

Il Tennis continua la sua lotta alla corruzione

“C’è di buono che teniamo gli occhi ben aperti e ci stiamo impegnando”Quest’anno gli Open di Francia potrebbero fare la differenza nella lotta per liberarsi dalla piaga della corruzione. Un rapporto speciale sulle scommesse sta per essere consegnato ai consigli di amministrazione e così loro stessi e il mondo intero scopriranno fino a che punto sia stata minata l’integrità dello sport. […]Ben Gunn and Jeffrey Rees, entrambi ex di Scotland Yard, designati a gennaio, hanno passato i primi tre mesi dell’anno a spasso tra i tornei di tennis di tutto il mondo interrogando giocatori, allenatori, impiegati e lo staff dei tornei per verificare se le partite fossero oggetto di scommesse.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Murray brothers make their peace at the Pacific Life Open , Neil Harman, The Times

There are no outward signs of physical contact - no bruises or abrasions - so it is safe to assume the long-awaited reunion between Jamie and Andy Murray went without a blow being struck. Jamie, peeved that Andy did not play in the Davis Cup in Argentina last month, is quite prepared to accept his younger brother’s explanation that he risked aggravating a troublesome knee. He is not even too upset that Andy is playing doubles here with Eric Butorac, Jamie’s former partner of “Booty and Stretch” fame. We can get back to Happy Families.Feel-good feelings are rare enough in the British game but there is a genuine sense that the partnership between Jamie and Max Mirnyi, of Belarus, is fusing and that Andy is ever more secure with his standing as one of the sport’s leading players - “I’ve been in the top 15 for a long time now and it’s definitely time to get my ranking higher,” the British No 1 said yesterday.

Click here for the full story

I fratelli Murray hanno fatto pace al Pacific Life Open

Non ci sono segni evidenti di contatto fisico – nessuna ferita o abrasione – quindi possiamo affermare con una certa sicurezza che il tanto atteso incontro tra Jamie e Andy Murray si sia concluso senza incidenti di percorso. Jamie, infastidito perché Andy non aveva giocato la Coppa Davis in Argentina il mese scorso, è stato abbastanza pronto ad accettare le spiegazioni del suo fratellino: avrebbe rischiato di aggravare le condizione del suo già problematico ginocchio. Non è nemmeno troppo dispiaciuto che Andy giochi in doppio qui con Eric Butorac, il vecchio compagno di Jamie della gloriosa coppia “Booty and Stretch”. MA torniamo a parlare del gioco delle coppie.Il buonismo è molto raro nel gioco inglese, ma si sente un vero legame nella coppia Jamie e Max Mirnyi, bielorusso, sono molto uniti e Andy sembra essere più sicuro che mai, con il suo fare da grande giocatore - «Sono nella top 15 da un sacco di tempo ed è davvero arrivata l’ora di far salire la mia classifica», ha detto ieri il britannico numero uno.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer snaps streak - of losses at Pacific Life Open tennis tournament, The Desert Sun

INDIAN WELLS - For the second consecutive year, Roger Federer had a streak broken in his opening match at the Pacific Life Open. The one Sunday was not as historic.Federer snapped his two-match losing streak by beating Guillermo Garcia Lopez of Spain 6-3, 6-2 with the kind of precision people are accustomed to from Federer.He had 34 winners to 16 unforced errors with six aces and no double faults.But Federer didn’t declare himself fully ready to go.“One match and I don’t know. I guess I was never away either,” Federer said.There were some questions about Federer coming in. He was diagnosed with mono after a slow start to the season.Federer said at one point, they wanted to keep him in the hospital.“I said, ‘Roger Federer doesn’t stay in the hospital for this,’” Federer said. “If I have a problem I’ll come back, but let me first get worse.”Federer comes to Indian Wells in a weird position - He has no titles in 2008.Even Federer said he played more conservatively than he usually would.“I could have taken more chances today and I could have won more easily,” Federer said. “But the way it went, I was very happy.”

Click here for the full story

Vittoria convincente e scaccia crisi di Feder al Pafic Life Open

Per il secondo anno consecutivo, Roger Federer ha vinto il suo match d’apertura al torneo americano di Indian Wells Pacific Open.La giornata di domenica non ha registrato alcuna sorpresa per Federer.Federer ha vinto il suo secondo match demolendo lo spagnolo G.Garcia Lopez per 6-3 6-2 con una tale precisione, da tutti riconosciuta, solo il miglior R. Federer sa fare. Egli ha fatto registrare 34 vincenti contro 16 errori non forzati con 6 aces e nessun doppio fallo.Ma Federer ha dichiarato lui stesso, di non essere completamente pronto per il torneo.“E’ solo un match e non so”. Penso di non essere mai stato fuori dal match” Federer ha rispostoTuttavia ci sono alcune domande circa Federer che devono ancora trovare risposte. A Federer è stata diagnosticata la mononucleosi dopo la lenta partenza di questa stagione.Federer a un certo punto ha ricordato che i medici volevano trattenerlo in ospedale.“Ho detto ‘ R. Federer non può stare in ospedale per questo’” ha raccontato Federer: “Se avrò problemi ritornerò ma prima lasciate che peggiori”.Federer è venuto a Indian Wells con una bizzarra posizione. Egli non vinto alcun titolo nel 2008.Federer ha persino detto che oggi ha giocato in modo molto più conservativo rispetto al suo solito.“Oggi potevo concretizzare molte più possibilità e potevo vincere molto più facilmente” Federer ha dichiarato.Ma il modo in cui sono andate le cose è molto positivo e sono molto soddisfatto.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tennis-Smiles for Federer after winning start at Indian Wells, Mark Lamport-Stokes

Swiss world number one Roger Federer, back in action after recovering from a recent viral problem, smiled broadly after easing through his opening match at the Pacific Life Open on Sunday.“I’m happy the way it went today,” a beaming Federer told reporters after breaking his opponent three times on the Stadium Court to wrap up victory in 68 minutes.“I came up with some nice plays at the right moments so I was very pleased with my performance today. I wouldn’t play too risky but I got off to a good start and could have taken many more chances, I think.The 26-year-old Swiss said he moved pretty quickly on court.“I was happy with that. No breathing problems, no pains or aches, so everything was fine.”“I haven’t played much and I think this is the difficulty,” said Federer, a winner of 12 grand slam titles.“But then again, every first round you play in a big tournament, or any tournament, is always a bit of pressure if you’re No. 1 seed.“You just don’t feel at ease like you do feel in a second or third round. When you start a tournament and you start it well, you get on a roll. I guess for the second round I’ll be much more relaxed.”

click here for the full story

La bella partenza regala un sorriso a Federer

Il numero uno mondiale Roger Federer , superati i problemi virali che l’hanno colpito nelle ultime settimane, puo’ tornare a sorridere. “ Sono soddisfatto di come sono andate le cose oggi “, ha dichiarato lo svizzero dopo aver disposto piuttosto agevolmente dello spagnolo Garcia. “ Ho saputo tirar fuori delle ottime giocate nei momenti nevralgici e quindi sono contento della mia prestazione. Sono partito molto bene quindi ho preferito non prendere troppo rischi durante il match. L’aspetto piu’ positivo e’ stato non aver accusato nessun problema di natura fisica. Respiravo bene e questo mi ha consentito di muovermi sul campo con leggerezza. Ho giocato poco ultimamente e quindi qualche timore l’avevo. Il primo turno di un grande torneo e’ sempre abbastanza stressante, soprattutto se ti presenti come il primo favorito. Dalla prossima partita in poi saro’ piu’ rilassato.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese )

Small town plays host to world’s top players, Tom Tebbut, Globe and Mail

The population of Indian Wells is only 4,000,” said Charlie Pasarell, the driving force behind the Pacific Life Open, with a loud laugh. “How do we get 22,000 [at the tournament] in a city that has 4,000 residents?”The answer is Indian Wells is just one of several communities in California’s Coachella Valley, which extends from Palm Springs in the west to Thermal in the east.“The valley has grown enormously,” said Pasarell, the former No. 1-ranked (1967) American. “When I came here in 1974, there were 30,000 permanent residents, now it’s in excess of 300,000.”One of nine ATP Masters Series events and one of only two (with the Sony Ericsson Open in Miami) that are mixed, the Pacific Life Open also features many of the top women players.About the event’s success, tournament chairman Pasarell said: “I keep saying that the balls are hit in Indian Wells [a 21/2-hour drive from Los Angeles] but our primary market is southern California, which is 181/2 million people.”Long a resort and retirement haunt for the rich and famous, with roadways named after the likes of Frank Sinatra, Bob Hope and Gerald Ford, the Coachella Valley is located between two mountain ranges and has more golf courses per square mile than anywhere in the world.

Click here for the full story

Una cittadina diventa casa dei campioni

“Indian Wells puo’ contare 4000 abitanti “, dice Charlie Pasarell, la mente dietro l’organizzazione del Pacific Life Open, “ Come facciamo a portare 22000 spettatori ad assistere al torneo ? Indian Wells e’ una delle numerose comunita’ della Coachella Valley, che si estende da Palm Springs ,nella parte Ovest, fino a Thermal, nella Est. “ La valle e’ cresciuta in maniera esponenziale” ha dichiarato Pasarell, ex numero uno americano. “ Quando arrivai nel 1974 c’erano 3000 residenti, ora superiamo i 300.000. A proposito del crescente successo della manifestazione, Pasarell afferma : “ Il nostro segreto e’ puntare principalmente sull’area Californiana, che vanta piu’ di 18 milioni di abitanti, sono quelli i tifosi che cerchiamo di attirare”. Il resort di Coachella Valley e’ situato tra due asperita’ montane ed e’ tuttora una destinazione’ appettita da gente famosa e facoltosa.Inoltre puo’ vantare piu’ campi da golf per miglia quadrata di qualsiasi altra localita’ al mondo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese )

Should U.S. fear France at Pacific Life Open tennis tournament? Leighton Ginn • The Desert Sun

Not only does Jo-Wilfried Tsonga look like Muhammad Ali, but apparently he has his mouth too, according to Andy Roddick.And Roddick showed he can give as good as he gets.Tsonga, the French sensation who reached the Australian Open finals in January, is hoping to be on his country’s Davis Cup team that faces the United States at Winston-Salem, N.C., on April 11-13.Apparently, Tsonga said the U.S., which is the defending champion, should be afraid of the young French team.“Last time I checked, we were the champions,” Roddick said. “Of course we respect them, but I think I might be able to get out there and play a tennis match without shaking. … And I think he still has to earn a spot. Last I checked, there’s two guys ahead of him in France.”“I think there’s a little bit of a question right now over who the second player is,” Roddick said. “I’m sure there might be some implications there. You might want to plant that seed, you guys (media), with the pressure that might be on that match. Be sure to ask them about that.”

Click here for the full story

La Francia fa paura agli Stati Uniti?

Secondo Andy Roddick, le somiglianze tra Jo- Wilfried Tsonga e Muhammad Ali non si limitano a quelle fisiche, ma anche a una certa…esuberanza dialettica. Tsonga, la straordinaria rivelazione degli Australian Open, conta di far parte della squadra francese di Coppa Davis che sfidera’ gli Stati Uniti a Winston Salem dall’11 Aprile. Pare che il giovane francese abbia dichiarato che gli americani dovrebbero avere timore della squadra transalpina. “ A me risulta che i campioni in carica siamo noi ”, risponde seccamente Roddick. “ Non mancheremo di rispettarli, pero’ credo che saremo in grado di scendere in campo senza tremare. In quanto a Tsonga, non vorrei sbagliarmi ma mi pare ci siano due francesi piu’ in alto di lui in classifica… Quanto alla nostra squadra,sento parlare di incertezza riguardo al secondo posto di singolarista all’interno della squadra.. Mi auguro che i media non vogliano mettere troppo enfasi su questa vicenda.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese )

Roddick exits loudly, Federer rebounds quietly, Lisa Dillman, Los Angeles Times

The desert giveth, and the desert taketh.

Any momentum Andy Roddick had carefully constructed — mostly by virtue of his recent tournament title in Dubai — abruptly vanished in racket-smashing anger Sunday at Indian Wells at the Pacific Life Open with a 6-4, 6-4 second-round loss to unseeded Tommy Haas.Then you had the B side.Newly vulnerable Roger Federer — which sounds faintly ridiculous — took the first step in rebounding from consecutive losses, the most recent coming against Andy Murray in Dubai. The top-seeded Federer looked unfettered in a routine 6-3, 6-2 second-round victory against Guillermo Garcia-Lopez.“It just sort of takes you back to reality,” said Federer, who has won this title three times. “But in some ways it was good for me too. I guess because I was winning so much.”This year, physical vulnerability has been a real issue for Federer, who came down with mononucleosis. Still he had his limits, drawing the line at hospitalization.“They wanted to keep me there,” Federer said. “But I said, ‘Roger Federer doesn’t stay in the hospital for this.’ If I have a problem, I’ll come back, but let me first get worse.”As for last year’s loss, Federer mentioned how difficult it was to go out so early and have almost “two weeks to kill” before the next event in Miami and spoke about what had happened to Roddick here.Though Haas beating the sixth-seeded Roddick appeared to be an upset on paper, he has defeated Roddick seven times in 10 meetings. And Haas had one other new weapon in his arsenal, or, more accurately, his camp: Roddick’s former coach, Dean Goldfine.“I don’t feel like I hit the ball badly,” said Roddick, who suffered his earliest loss here in six appearances. “I maybe didn’t play as well as I should have on the points I should have won . . . Whenever that happens and someone is in form and plays a good match, you’re going to get beat. That being said, I’ve been playing very, very well for the last month, and so I’m not going to freak out over this loss and forget everything I’ve been able to kind of work toward in the last month. ”Roddick’s resurgence in Dubai — where he beat No. 2 Rafael Nadal and No. 3 Novak Djokovic — had been an intriguing story line heading into this tournament, and appeared to make his quarter here with Federer and No. 11 Murray look like a mini group of death.

Click here for the full story

L’uscita di Roddick sorprende, l’ingresso di Federer no

Il deserto da’ e il deserto prende. Tutto cio’ di buono che Andy Roddick era riuscito a costruire, grazie al suo sorprendente successo a Dubai, e’ crollato in un attimo assieme alla sconfitta in due set subita dal tedesco Haas. Poi abbiamo il lato B. L’improvvisamente vulnerabile Federer , reduce da due brutte e consecutive sconfitte nel 2008, ha fatto il suo ingresso nel torneo nel migliore dei modi. “ “Questo nuovo scenario mi ha fatto tornare coi piedi per terra ed e’ meglio così”, ha dichiarato Roger. “ Stavo vincendo talmente tanto…” Quest’anno le condizioni fisiche sono state una vera preoccupazione per Federer, colpito da mononucleosi e costretto a un breve soggiorno in ospedale. “ Volevano tenermi li’, ma mi sono rifiutato. Roger Federer non puo’ fermarsi in ospedale…per cosi’ poco ! Nonostante i precedenti favorevoli al tedesco, la vittoria di Haas contro Roddick e’ stata una vera sorpresa. Andy non sembra preoccuparesene eccessivamente : “ Sicuramente non ho giocato al meglio i punti importanti e questo nel tennis di oggi lo paghi a caro prezzo,ma non ho fatto una brutta partita. Nell’ultimo mese ho giocato molto bene e non sara’ questa sconfitta a demoralizzarmi. Devo continuare così”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese )

Eager Hewitt eyes Olympic challenge, the Australian

FORMER world No.1 Lleyton Hewitt is eager to represent Australia at this year’s Olympic Games.But Hewitt, who missed the 2004 Games in Athens, said he fully understood why American Andy Roddick had opted not to go to Beijing.“At this stage, I am planning on playing in Beijing,” Hewitt told reporters.“It’s exciting to play in the Olympics and to play for Australia whenever possible.”Roddick said on Tuesday he would miss the Games to defend his Washington Open title from Aug 11-17 and help his build-up for the US Open which begins two weeks later.“I can totally understand Andy’s reasons,” the 27-year-old Adelaide native said during preparation for this week’s Pacific Life Open.“I did not play in the Athens Olympics due to the schedule lead-up to the US Open and what I thought was the best preparation for me to have.“I can identify with Andy’s decision not to play if he thinks his best chance of success is by playing in Washington on the same surface and in the same conditions as the US Open.”

click here for the full story

Hewitt mette gli occhi sulle olimpiadi

L’ex numero uno del mondo Lleyton Hewitt e’ molto onorato di poter difendere i colori australiani ai prossimi giochi olimpici di Pechino. “ Fa sicuramente parte dei miei programmi”, dice Lleyton. “ Giocare per l’Australia e’ sempre un emozione e farlo in un ‘olimpiade ancora di piu’. Riguardo la decisione di Roddick di saltare l’evento di Pechino, Lleyton si dimostra comunque solidale : “ Capisco la decisione di Andy, evidentemente lui ritiene di avere piu’ chances di far bene nei tornei sul cemento americano per preparare al meglio gli Us Open, e’ quella la sua priorita’.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese )

Mauresmo prend une claque, Florian Egly, sport24.com

Amélie Mauresmo a été sévèrement corrigée par Alona Bondarenko au 3e tour à Indian Wells (6/1 6/2). Chez les hommes, Nicolas Mahut s’est mis en valeur alors que c’est déjà fini pour Andy Roddick.Mauresmo passe à côtéCe n’est pas encore à Indian Wells qu’Amélie Mauresmo trouvera les réponses aux questions qu’elle se pose depuis presqu’une année. Arrivée seule aux Etats-Unis dans la quête de repères et de certitudes après un début de saison chaotique, la Française a rapidement déchanté. Son premier match face à la modeste Roumaine Edina Gallovits (6/2 6/4) annonçait du mieux mais simplement parce que son adversaire n’était pas au niveau. Face à des joueuses du calibre d’Alona Bondarenko, révélée la saison dernière et tête de série numéro 15, Mauresmo devient une tenniswoman comme les autres, moyenne, munie d’armes qui ne fonctionnent plus comme autrefois. Contre la jeune Ukrainienne, la Saint-Germannoise n’a tout simplement pas vu le jour, concédant 9 des 10 premiers jeux (6/1 3/0). Les prémices d’une réaction ne lui servaient qu’à éviter la roue de bicyclette. Sèchement battue (6/1 6/2), l’ancienne numéro 1 mondiale poursuit son chemin de croix et les questions se font de plus en plus nombreuses.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Mauresmo prende uno schiaffo

Amélie Mauresmo è stata severamente battuta da Alona Bondarenko al 3 turno a Indian Wells (6/1 6/2). Tra gli uomini, Nicolas Mahut si è messo in mostra mentre è già finita per Andy Roddick.Mauresmo ci passa accantoNon è ancora a Indian Wells che Amélie Mauresmo troverà le risposte alle domande che si pone quasi da un anno. Arrivata da sola negli Stati Uniti alla ricerca di riferimenti e di certezze dopo un inizio di stagione caotica, la francese ha rapidamente perso le sue illusioni. Il suo primo incontro di fronte alla modesta rumena Edina Gallovits (6/2 6/4) preannunciava qualcosa di meglio ma semplicemente perché la sua avversaria non era al livello. Di fronte a giocatrici della misura di Alona Bondarenko, rivelata la stagione scorsa e testa di serie numero 15, Mauresmo diventa una tennista come le altre, media, fornita di armi che non funzionano più come nel passato. Contro la giovane Ucraina, la Francese non ha semplicemente iniziato a giocare, concedendo 9 dei primi 10 giochi (6/1 3/0). Gli inizi di una reazione gli servivano soltanto ad evitare la ruota di bicicletta. Crudamente battuta (6/1 6/2), l’ex numero 1 mondiale prosegue la sua via crucis e le domande si fanno sempre più numerose.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Xavier Malisse sort du désert , Serge Fayat, lalibre.be

“X-Man” a remporté son premier match après deux mois de disette.C’est toujours ça de pris sur l’ennemi… Xavier Malisse (ATP 350) a gagné son premier match depuis deux mois, jeudi soir à Indian Wells, pour sortir quelque peu du désert où il se retrouve ensablé. Le Flandrien, qui participe au premier tournoi “Masters Series” de l’année avec un classement protégé lié à ses blessures de l’an dernier, a battu en trois sets le Français Florent Serra (ATP 97) 6-7 (5/7), 6-2 et 6-0.Xavier Malisse avait bien besoin d’une victoire pour retrouver un peu de confiance et de moral après un début d’année assez pénible. Depuis un quart de finale encourageant à Chennai, début janvier, le Courtraisien n’avait ainsi cessé d’accumuler les déceptions, subissant notamment trois défaites au premier tour qui l’avaient fait plonger dans les tréfonds de la hiérarchie mondiale.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Xavier Malisse esce dal deserto

“X-Man” ha vinto il suo primo incontro dopo due mesi di penuria.È sempre qualcosa di strappato al nemico… Xavier Malisse (ATP 350) ha vinto il suo primo incontro da due mesi, giovedì sera a Indian Wells, per uscire un po’dal deserto dove si trova. Il belga che partecipa al primo torneo “Masters Series” dell’anno con una classifica protetta legata ai suoi infortuni dell’anno scorso, ha battuto in tre set il francese Florent Serra (ATP 97) 6-7 (5/7), 6-2 e 6-0. Xavier Malisse aveva bisogno di una vittoria per trovare un po’di fiducia e morale dopo un inizio d’anno abbastanza penoso. Da un quarto di finale incoraggiante a Chennai, all’inizio di gennaio, non aveva cessato di accumulare le delusioni, subendo in particolare tre sconfitte al primo turno che lo avevano fatto sprofondare negli abissi della gerarchia mondiale.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Murray frise la correctionnelle, Mahut passe , Sophie Danger, sport365.fr

Andy Murray s’est qualifié non sans difficultés pour le troisième tour du Masters d’Indian Wells, obligé de batailler trois manches pour venir à bout de l’Autrichien Jurgen Melzer. Le Français Nicolas Mahut qualifié.Les FrançaisLe tennis français se porte, décidemment bien. Côté garçon particulièrement. Et Nicolas Mahut en apporte, ce dimanche, une preuve supplémentaire. Opposé à Nicolas Almagro au deuxième tour du tournoi d’Indian Wells, l’Angevin est venu grossir le rang des Bleus invités à poursuivre l’aventure, portant leur nombre à quatre avant l’entrée en lice de Gilles Simon. Un joli coup pour le 44eme joueur mondial qui réussissait à cadenasser la partie d’emblée, faisant course en tête sans faillir lors de la première manche, empochant le gain de ce premier acte après un tie-break extrêmement bien négocié.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Murray sfiora la sconfitta, Mahut passa

Andy Murray si è qualificato non senza difficoltà per il terzo turno dei Masters di Indian Wells, obbligato a combattere tre set per venire a capo dell’austriaco Jurgen Melzer. Il francese Nicolas Mahut qualificato.I FrancesiIl tennis francese sta decisamente bene. Tra gli uomini in particolarmente. E Nicolas Mahut ne è, questa domenica, una prova supplementare. Opposto a Nicolas Almagro al secondo turno del torneo di Indian Wells, è venuto ad ampliare la schiera degli ospiti blu che proseguono l’avventura, portando il loro numero a quattro prima dell’entrata in lizza di Gilles Simon. Un bel colpo per il 44 giocatore mondiale che riusciva mettere sotto chiave la partita dal primo istante, facendo corsa in testa senza fallire in occasione del primo set, intascandolo dopo un tie-break estremamente ben negoziato.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 16 MarchAggiornato il 16 Marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Sharapova Time , Tennis Week (E’ l’ora di Sharapova)- James Blake has that Olympic fever , Leighton Ginn ,The Desert Sun (James Blake ha una febbre olimpica)- Rafael Nadal closing the gap on No. 1, Mike Fowler ,The Desert Sun (Rafa Nadal si avvicina al numero uno)- Sharapova eyes a return to the top , MATTHEW CRONIN, FOXSports.com (La Sharapova punta a tornare in vetta)- Andy Murray flies flag for Britain in desert , Neil Harman, The Times (Andy Murray tiene alta la bandiera Britannica)- Angela Haynes courts success again , Lisa Dillman, Los Angeles Times (Angela Haynes torna al successo)

Sharapova Time , Tennis Week

Maria Sharapova will take the court well-armed with a prestigious second hand in Indian Wells.The reigning Australian Open champion recently completed a photo shoot for a new ad campaign for TAG Heuer, the prestigious Swiss watch.. Sharapova signed on as TAG Heuer female brand ambassador in December of 2004, following fellow former top-ranked players Boris Becker and Monica Seles as ambassadors for the brand.It has been Sharapova’s time every time she’s stepped on court this season. She enters this week’s Pacific Life Open with a 14-0 record on the season. Plagued by chronic pain in her serving shoulder throughout much of last season, Sharapova withdrew from seven tournaments last season, took pain killers to subdue the sharp sting in her shoulder and saw her once formidable serve to degenerate into disarray at times last season.“Basically the whole last year and even before last year, the whole offseason, all the Grand Slams and a few others, I was playing with like pain killers before every single match,” Rest, recovery and a training regimen strengthened her shoulder in the offseason and Sharapova has played some of the best tennis of her career at the start of this season.“It gives me more confidence that I did come through,” Sharapova said. “If I ever do have a serious injury again or if I do have any gaps, some frustrating losses or I don’t produce the kind of tennis I know I can produce, I know that I can come back and play even better tennis than I did before.”

Click here for the full story

E’ l’ora di Sharapova

La campionessa degli Australian Open Maria Sharapova ha terminato la campagna pubblicitaria che l’ha vista protagonista quale testimonial della prestigiosa marca di orologi Tag Heuer. Maria collabora con l’azienda svizzera dal 2004 , percorrendo la strada gia’ percorsa in passato da Boris Becker e Monica Seles. La fuoriclasse russa si presenta al torneo di Indian Wells con un impressionante ruolino di 14 vittorie e zero sconfitte. Tormentata da un fastidioso dolore alla spalla per buona parte della scorsa stagione, la Sharapova e’ stata spesso costretta a far uso di antidolorifici per poter scendere in campo. “ E’ successo molto spesso, anche durante i tornei del grande slam”, ammette Maria. Un periodo di riposo e un allenamento specifico hanno permesso alla russa di recuperare perfettamente e di presentarsi quest’anno in splendida forma. “ Aver superato il problema mi da’ molta sicurezza. Se mi capita di incappare in giornate storte e di non riuscire a esprimere il mio miglior tennis, non mi scoraggio perche’ ho sempre la convinzione di poterlo ritrovare al piu’ presto “

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

James Blake has that Olympic fever , Leighton Ginn ,The Desert Sun

James Blake said he understands why fellow American Andy Roddick would take a pass at the Olympics to prepare for the U.S. Open, but the world’s No. 9 player said he’s willing to take that chance. On Wednesday, Roddick said he would not play in the Olympics, electing to stay in the United States to prepare for the U.S. Open.Blake said he doesn’t blame Roddick for making that decision, but he sees it differently.In 2004, Blake suffered a neck injury as well as illness and could not compete in the Athens Olympics.“This is probably a once-in-a-lifetime opportunity for me,” said the 28-year-old Blake,. “In 2012, I hope I’m still relevant in the tennis world, but careers have ended much quicker than that. I know realistically, this might be my only shot to play in the Olympics.“I’ve had some opportunities in the U.S. Open already and I hope I have plenty more. I want to do well there and I want to do well at the Olympics, so I’m going to take my chances at both of them and see how I’ll do.”Blake has represented the U.S., as well as Roddick, in the Davis Cup. With Roddick and Bob and Mike Bryan, Blake helped the U.S. win its first Davis Cup title since 1995, when they beat Russia in December.“It would be an absolute thrill to represent this country again,” Blake said. “It gives me goose bumps every time I do that (for the Davis Cup), but to do it for the Olympics, and be around all those other great athletes I know it doesn’t carry the same weight in tennis like it does in other sports, but I think that will be part of the joy of going, seeing so many sports where it’s bigger than the Super Bowl.”

Click here for the full story

James Blake ha una febbre olimpica

James Blake sostiene di comprendere i motivi che hanno spinto Roddick a rinunciare al torneo olimpico, ma si dichiara pronto ad affrontare l’avventura. Nel 2004 Blake fu colpito da un infortunio al collo che gli impedì la partecipazione ai giochi di Atene. “ Credo che questa sia l’ultima opportunita’ per me “, ammette James. “ Mi auguro di essere ancora ad alti livelli nel 2012, ma e’ piu’ verosimile ritenere che rimarra’ questa la mia unica partecipazione ai giochi. “ Tengo moltissimo agli Us Open e penso di avere buone possibilita’ di fare bene in quel torneo, ma ho grandi aspettative anche per Pechino, quindi non voglio rinunciare a nessuno dei due eventi. Blake, come Roddick, ha gia’ vestito i colori della squadra statunitense da protagonista nella scorsa finale di Davis. “ Sara’ entusiasmante rappresentare di nuovo il mio paese. Farlo per la Coppa Davis mi da’ i brividi, ma le sensazioni che ti da l’atmosfera dei giochi olimpici, dividere il villaggio con gli atleti di tutte le discipline, sara’ un ‘emozione indimenticabile”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Rafael Nadal closing the gap on No. 1, Mike Fowler ,The Desert Sun

“It’s closer in the rankings, but not closer if you know exactly what I have to defend right now,” said Nadal, who made the semifinals here in 2006 and has a 12-2 record in the desert. “People speak a lot about that, but the truth is everything is very difficult now. I have to defend the title here.“Maybe this is not the right moment for No. 1, that’s for sure.”He’s right, of course. It would be impossible for Nadal to gain ground here. He won the event last year, and Federer went out in the opening round. But depending on how they do during the next 10 days, the top position could be up for grabs later this month at the Sony Ericsson Open in Key Biscayne.Both Nadal and Federer have held their current rankings for record lengths: Nadal at No. 2 for 138 consecutive weeks; Federer on top for 215.“I don’t like to think about that,” Nadal said. “I only watch the (ATP) Race. The Race is important. Now I’m No. 3, so I’ll continue to try and play well.”“If I play good I can play more aggressive,” he said. “Against Roddick, I felt I was very close. I feel more comfortable on clay, but on other surfaces I have won tournaments, and important tournaments.”After defeating Djokovic in the finals of the Pacific Life Open last March, Nadal went on to win five titles in eight finals and three in a row after he left Indian Wells.He won his third consecutive French Open and followed it up with his second consecutive runner-up finish on the grass at Wimbledon.Nadal said he doesn’t see why he can’t do the same this year.“Why not, no?” he said. “I have for the last three years been No. 2 in the world with amazing results. So, why not play at the same level. The thing is to try to be there every day. And if I win two matches, maybe I can get the confidence to finish the (Pac-Life) like last year.

Click here for the full story

Rafa Nadal si avvicina al numero uno

“ Mi sto avvicinando, ma adesso arriva il difficile perche’ devo difendere un sacco di punti “, afferma Nadal circa l’evolversi della classifica Atp. “ Non credo che questo sia il momento piu’ propizio per puntare al primo posto” . Ad Indian Wells il campione spagnolo dovra’ difendere il titolo vinto nel 2007. Sia lui che Federer hanno mantenuto inalterata la loro posizione nel ranking per un numero impressionante di settimane. “ Non penso a questi record”, dichiara Rafa. “ Penso che la classifica della Race sia molto importante. Al momento sono numero tre e devo continuare su questi livelli. Dopo aver sconfitto Djokovic nella finale dell’edizione dello scorso anno, Nadal ha portato a casa 5 tornei su otto finali disputate nel corso del 2007, compresa il terzo successo a Parigi e la finale a Wimbledon. Lo spagnolo pensa di essere in grado di poter ripetere quegli exploit: “ Perche’ no ? In fondo sono numero due del mondo da tre anni, ormai. Non vedo per quale motivo io non possa confermarmi anche quest’anno. L’importante e’ affrontare match dopo match e acquisire sempre piu’ fiducia nelle mie possibilita’ “

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Sharapova eyes a return to the top , MATTHEW CRONIN, FOXSports.com

Maria Sharapova doesn’t dream like she once did as a teenager, as she’s firmly stuck in her highly successful tennis reality.But the 20-year-old Sharapova will never deny herself an opportunity to think positively about her chances, and when FOXSports.com asked her whether she could boldly go where the greatest women’s player ever, Steffi Graf, did back in 1988, when the German won the Golden Slam (all four majors plus the Olympics), she hesitated, but wouldn’t count herself out.“Lets not get carried away,” Sharapova said with a laugh. “Winning 14 matches in a row doesn’t mean I’m going to win the Golden Slam. But anything is possible. I don’t know if I’m ready and capable of doing it, but it can happen.”And even though the Russian has looked dominant this year, not losing a match and winning the Australian Open, two matches in Fed Cup and the title in Doha, there are a handful of terrific players eyeing the same major titles.One of those is Serbian Ana Ivanovic, another 20-year-old who has grabbed the world No. 2 ranking and no longer feels that she’s still too immature to make a serious charge at No. 1 — Sharapova bested the charismatic Ivanovic in the Australian Open final, but Ivanovic is the top seed at this week’s Pacific Life Open at Indian Wells, Calif., and says that she’s very close to hitting her top form.Current No. 1 Justine Henin, who is skipping the tournament, must be wary of Ivanovic, as must the fifth-ranked Sharapova, who is the hottest player right now, but still has a lot of ground to make up after a mediocre first seven months of 2007.“Obviously being second in world, that’s as close as you can get,” Ivanovic said. “I learned in Australia that I have a few things (to) improve, but it’s possible now and I believe in it. Everything I do is to achieve my goal of becoming No. 1. This year will be interesting because so many girls are playing better and it will be tough for Justine to remain in that position. It’s going to be a huge competition for that position.”

Click here for the full story

La Sharapova punta a tornare in vetta

La Sharapova non fa piu’ gli stessi sogni che faceva da bambina. Oggi e’ un ‘affermata campionessa e le sue vittorie una splendida realta’. Quando pero’ Foxsports le chiede se si ritiene in grado di emulare gli straordinari successi di Staffi Graf, capace nel 1988 di portare a termine il “ Golden Slam “ (4 major + olimpiade ), Maria non si tira indietro e fa volare la sua immaginazione : “ Intendiamoci, il fatto che io quest’anno sia ancora imbattuta non vuol dire che riusciro’ a fare il grande slam, ma la ritengo una cosa possibile. Ci sto pensando. Non so se saro’ mai in grado di farlo, ma ci provero’ “. Sebbene sia apparsa a tutti in condizioni straripanti, sono molte le rivali da cui Maria dovra’ guardarsi nel corsi di questo 2008. Una di loro e’ certamente Ana Ivanovic, numero due mondiale che si sente pronta e matura a puntare alla prima posizione: “ In Australia ho capito che devo ancora migliorare tanto, ma non sono lontana dal top e sono molto motivata. Quest’anno ci sara’ una bellissima lotta per la conquista del primo posto perche’ ci sono davvero tante ragazze fortissime. Per Justine Henin non sara’ facile mantenere la sua posizione “

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Andy Murray flies flag for Britain in desert , Neil Harman, The Times

And so, again, there is a lone survivor. Andy Murray flies the British flag for as many of the next ten days as his increasingly powerful legs will carry him in this oasis, which is going to have to batten down its hatches this weekend, with storm-force winds forecast. Such a buffeting is familiar for those beavering away to improve the fortunes of British tennis.The four players who attempted to join Murray in the main draws for the Pacific Life Open - the first of the nine Masters Series tournaments; one step away from the grand slams - were beaten in qualifying and so Alex Bogdanovic, Jamie Baker, Katie O’Brien and Anne Keothavong must continue to fight for recognition at levels far removed from this stature.All of which makes a gathering in Warwick today one of the more significant for years, where those British coaches who have borne the brunt of the criticism for the country’s lack of international presence join forces. Mike Lynch, the chief executive of the BTCA, said: “We have had too many people saying that British coaches are the root cause of the ills of the game here and what I’ve done quietly over the past few months is to ask these coaches what they believe in and why they should have a voice.“We are keen to move forward on this without any sense of confrontation with the LTA. We want to work with them on this and if they are happy to work with us, that’s fine. We all want the same outcome, a successful British game.”

Click here for the full story

Andy Murray tiene alta la bandiera Britannica

E’rimasto solo. Ancora una volta. Per i prossimi dieci giorni sara’ ancora Andy Murray a difendere i colori della Gran Bretagna in un torneo importante. Uno scenario non certo inedito per quanti sono abituati a seguire le sorti tennistiche del nostro paese. I quattro giocatori che hanno provato a far compagnia ad Andy ad Indian Wells si sono tutti fermati al turno di qualificazione, pertanto i vari Alex Bogdanovic, Jamie Baker, Katie O’Brien e Anne Keothavong dovranno cercare altrove la via d’uscita dall’anonimato. L’associazione dei coach britannici, riunitisi dopo essere stati accusati di essere una delle principali cause del fallimento del movimento tennis , non ci sta, come dichiara il suo presidente Mike Lynch : Troppe persone danno la colpa a noi, ma non e’ così.Stiamo parlando con i dirigenti della Lta, ma non so se saranno disposti a collaborare con noi. Speriamo che vogliano seguirci nel nostro progetto. In fondo miriamo entrambi ad ottenere lo stesso obiettivo, cioe’ ridare competitivita’ al tennis britannico”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Angela Haynes courts success again , Lisa Dillman, Los Angeles Times

Haynes, raised in Compton and now living in Irvine, has practically been absent from the main WTA Tour the last couple of years, and her colleagues were wondering what physical reason was behind it when she resurfaced at the Pacific Life Open at Indian Wells. After all, she is anything but old in tennis years, all of 23.“People have been asking me where I’ve been,” Haynes said. “Have I been hurt? No, I’ve just been playing challengers.”Haynes, a wild-card entrant, was talking Wednesday in the media center, not long after a deeply satisfying first-round victory. Not that most wins don’t hold that distinction, but this one will give her a shot at defending champion and fifth-seeded Daniela Hantuchova in the second round.Moreover, at this time last year she was getting ready to play a $25,000 challenger in Orange. Now her 7-5, 6-2 victory over Sara Errani of Italy represented her biggest of the year, in terms of a big-event platform and her ranking.“I felt if I can get one game and get my nerves down and get something going, I felt I was going to be OK. She was playing well. I was just giving her too many free points.”“Being here now, you just have to work hard and when you get to where you want to be, you have to work even harder to keep it. I definitely know that now.”What happened to Haynes is understandable. Her brother Dontia, who played tennis at San Diego State, was killed in a motorcycle accident in 2005.Their bond went beyond the closeness of a brother and sister. They were trained by their father, Fred, and Angela joked at Wimbledon how angry Serena Williams used to get at losing to Dontia when they were kids growing up in Compton.Not long after Dontia’s death, father and daughter were back on the road.“It’s brought us a lot closer, especially after what happened to my brother,” she said. “I respect my dad a whole lot more. He went back with me on the road a month after my brother passed away, which was the hardest thing for him.”“It was very tough. My mom needed him the most and he came with me.”She spoke about the long struggle to pull herself together.“My mind has really, really been gone,” Haynes said. “I’ve had a lot of setbacks. I’ve tried to get it back and my mind was gone again.“But, this year I feel good. My head is there. I’ve got to leave it behind me and move forward.”

Click here for the full story

Angela Haynes torna al successo

Angela Haynes, nativa di Compton, risultava assente dal circuito Wta praticamente da due anni. Molte delle sue colleghe si chiedevano quali fossero i guai fisici che l’avevano tenuta cosi’ a lungo lontano dai campi da gioco. La Haynes ha solo 23 anni. “ La gente continuava a chiedermi che fine avessi fatto e se ero infortunata, ma io ho continuato a giocare, solo a livello di challengers “. Cio’ che e’ capitato ad Angela e’ piuttosto umano e comprensibile. Suo fratello Dontia,anch’egli discreto giocatore, ha perso la vita seguito un incidente stradale. Il legame tra i due andava al di la’ di quello canonico tra fratello e sorella. I due ragazzi sono cresciuti insieme e sono entrambi stati allenati dal padre Fred. “ Mi sono riavvicinata moltissimo a mio padre dopo la scomparsa di Dontia “, dichiara Angela. “ Per lui non e’ stato facile , e neanche per me. La mia mente era altrove, non riuscivo a concentrarmi sul tennis. Quest’anno invece mi sento meglio e sono molto piu’ concentrata. Devo imparare a mettere questa triste storia un un angolo e andare avanti.“

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

14 March14 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Murray banks on ‘horrendous’ device to straighten out knee, Eleanor Preston, The Guardian (Murray conta su un “orrendo” congegno per sistemare il ginocchio)- Parallel Universe Quarters , Peter Bodo, tennis.com (L’universo Parallelo dei Quarti di Finale)- New hairdo, stellar results, rosy outlook thus far for Sharapova , Greg Garber, ESPN.com (Nuova acconciatura, risultati stellari, prospettive rosse finora per la Sharapova)- Something to Lose in a Just-for-Fun Match , Harvey Araton, nytimes.com (Qualcosa da perdere in un match giocato per puro divertimento)- Indian Wells: Help Wanted, Will Travel , Kamakshi Tandon, tennis.com (Indian Wells: cercasi aiuto, disposto a viaggiare)- Moving on up: Quick post- Connors Start for Roddick , Bill Scott, tennis.com (Risalendo in alto: una rapida partenza per il dopo-Connors di Roddick)- Indian Wells : Sharapova toujours prête à briller, myfreesport.fr (Indian Wells: Sharapova sempre pronta a brillare)- Pin: “Mon objectif: les JO”, Julien Giovanella, eurosport.fr (PIN: “Il mio obiettivo: le Olimpiadi”)- À Indian Wells, Jo-Wilfried Tsonga reprend du service, Cécile Soler, lefigaro.fr (A Indian Wells, Jo-Wilfried Tsonga riprende servizio)- Sharapova: “J’ai déjà collecté 50.000 air miles”, Serge Fayat, La Dernière Heure (Sharapova: “Ho già collezionato 50.000 miglia”)- Tatiana Golovin opérée avec succès, Jonathan Louis, myfreesport.fr (Tatiana Golovin operata con successo)

Murray banks on ‘horrendous’ device to straighten out knee, Eleanor Preston, The Guardian

Andy Murray has a new addition to his tour bag and it is not a racket. Instead he has spent around £1,000 on a small metal box with a button on it. It sounds like a rather sinister device and looks “horrendous” according to Murray, but the portable ultrasound machine his physiotherapist, Andy Ireland, advised him to buy may be a shrewd investment if it helps the chronic problem with his right knee.[…]He was forced to rest for six months when the problem was diagnosed when he was 16 and it continues to trouble him, most recently before Great Britain’s Davis Cup trip to Argentina.

Click here for the full story

Murray conta su un “orrendo” congegno per sistemare il ginocchio

Andy Murray ha fatto un’aggiunta nella sua borsa da tennis ma non è una racchetta. Invece ha speso circa 1000£ per una piccola scatoletta di metallo con un bottone sopra.Sembra un congegno sinistro e a detta di Murray è “orrendo” , ma la macchina ad ultrasuoni portatile che il suo fisioterapista, Andy Ireland, gli ha consigliato di comprare potrebbe essere un accorto investimento se servisse ad aiutarlo con i suoi problemi al ginocchio destro.Fu costretto a rimanere fermo sei mesi quando aveva 16 anni ed il problema gli fu diagnosticato e adesso continua a tormentarlo, più recentemente prima della trasferta di Coppa Davis in Argentina.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Parallel Universe Quarters , Peter Bodo, tennis.com

Daniela Hantuchova begins her title defense at Indian Wells today, which got me thinking about two things: how much things can change in 12 months, and the degree to which every tournament, every year, is a whole new shootin’ match - a parallel universe, compared to the year before. Tennis is full of surprising results that, in retrospect, can make even the most astute fan scratch his or her head. This doesn’t even seem unusual, because it happens from week-to-week, and so much happens in any 52 week stretch that we often forget what happened just 12 months earlier. But it’s worth pondering.So this year, instead of handicapping the chances of the top seeds, why don’t we look at last year’s Top 8 (quarterfinalists) in either draw, and rate their chance of reaching the same round as the previous year on a scale of 1 to 10.

Click here for the full story

L’universo Parallelo dei Quarti di Finale Daniela Hantuchova comincia la sua difesa del titolo ad Indian Wells, e mi ha portato a pensare a due cose; quante cose possono cambiare in 12 mesi, e il livello con il quale ogni torneo, ogni anno, è interamente una nuova avventura, quasi un universo parallelo, comparato a quello dell’anno prima. Il tennis è pieno di risultati a sorpresa che, retrospettivamente, possono fare anche far perdere la testa al più astuto fan. Ciò non sembra inusuale, perché succede di settimana in settimana, e succede così tanto spesso durante tutte le 52 settimane in cui a volte ci dimentichiamo cosa era successo appena 12 mesi prima. Ma vale la pena rifletterci.Così quest’anno, invece di soffermarci sulle chances dei primi in classifica, perché non guardare a coloro che l’anno scorso arrivarono nei quarti di finale nei rispettivi gironi, e valutare in una scala da 1 a 10 le sue possibilità di raggiungere il medesimo risultato?

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

New hairdo, stellar results, rosy outlook thus far for Sharapova , Greg Garber, ESPN.com

Maria Sharapova chatted amiably with the media Wednesday at the Pacific Life Open, sporting an arresting new haircut. It features blonde bangs, bluntly chopped straight across the eyebrows, and was described by those who know about these things as a Kate Moss Fringe.

On the court so far in 2008, there is only one perfect player left in all of professional tennis. That would be Sharapova, who has won the Australian Open, two Fed Cup matches in Israel and, despite a mysterious virus, the Doha tournament in late February. She is 14-0 and has dropped only two sets; 3 ½ months into the season she has yet to lose.

Click here for the full story

Nuova acconciatura, risultati stellari, prospettive rosse finora per la Sharapova

Maria Sharapova ha chiacchierato amabilmente con I media mercoledì al Pacific Life Open, sportiva e attraente con la nuova pettinatura. La linea bionda che dritta attraversa le sopracciglia è stata descritta da chi si intende di queste cose come una “frangia alla Kate Moss”.Sul campo finora nel 2008 c’è stato un solo giocatore perfetto nel tennis professionistico. Sarebbe a dire la Sharapova, che ha vinto l’Australian Open, i due match di Fed Cup in Israele, e malgrado un misterioso virus, il torneo di Doha lo scorso Febbraio. Il suo parziale è di 14 vittorie e nessuna sconfitta, solo due set lasciati per strada, in tre mesi e mezzo di stagione deve ancora perdere.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Something to Lose in a Just-for-Fun Match , Harvey Araton, nytimes.com

There was a point in the second-set tie breaker when Pete Sampras timed Roger Federer’s first serve and clocked a forehand down the line. A step inside the baseline, Federer could only watch the ball land, a clean winner, and turn away in dismay. Was it an improvised response, part of the theatrics? Only the expert eye might identify the staged from the serious, but something told me right then that Federer did not really wish to be extended Monday night, pushed into a third set, all the way to having to rally from 2-5 down to win, 6-3, 6-7 (4), 7-6 (6), no matter the post-match spin.“To play against a childhood hero in Madison Square Garden was a great honor for me,” Federer said. Classy, as usual, but the question lingers: What besides a payday and a friendship with his hero did Federer have to gain by meeting Sampras on Sampras’s turf, in front of a raucous sell-out crowd that included Federer’s good buddy, Tiger Woods?

Click here for the full story

Qualcosa da perdere in un match giocato per puro divertimento

C’è stato un momento nel tie-break del secondo set quando Pete Sampras ha impattato con una tempistica perfetta il servizio di Roger Federer e ha risposto con un diritto lungo linea caduto giusto giusto sulla linea di fondo. Federer non ha potuto fare altro che guardare la palla cadere e fare il punto e girarsi dall’altra parte costernato. Si è trattato di una risposta improvvisata? di una parte dello show? Soltanto un occhio esperto può distinguere un gesto teatrale da uno vero, ma qualcosa mi dice che Federer non volesse prolungare il match fino al terzo set nella serata di lunedì, e addirittura risalire da 2-5 prima di chiudere con un 6-3, 6-7 (4), 7-6 (6), qualunque siano state le dichiarazioni del dopo partita. “Giocare contro un eroe della mia infanzia al Madison Square Garden è stato un grande onore per me” ha detto Federer, sfoderando la consueta classe. Ma la domanda rimane: a parte un giorno di paga e l’amicizia con il suo eroe, cosa aveva Federer da guadagnarci giocando contro Sampras, nel territorio di Sampras, di fronte a una folla vociante che includeva pure il buon Tiger Woods, uno degli amici di Federer?

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Indian Wells: Help Wanted, Will Travel , Kamakshi Tandon, tennis.com

Even with a few interesting up-and-comers like Kei Nishikori and Caroline Wozniacki on court, few people spend much time at the stadium court at Indian Wells on opening day.……It’s also the day the top women’s seeds do their pre-tournament interviews. While it might be apropos for any one of them to open with the following statement, in retrospect it could really only have come from Jelena Jankovic.“Yes, I’m healthy.”Of course — Jankovic being Jankovic — it turns out that’s a bit of a stretch, rather like her constant promises to cut down on the tournaments she plays this year. So far, the ‘reduced’ schedule has meant playing Sydney, the Australian Open, Fed Cup, Doha, Dubai, and Bangalore with Indian Wells and Miami to follow — and a grand total of two weeks’ rest in between.Naturally, the rationale for (theoretically) cutting back was to focus on quality over quantity — playing fewer events but being better prepared for the ones she did play. Jankovic’s philosophy: “You do everything you can to feel fresh when you’re starting the tournament.”And really, how better to put this into practice than to come from Bangalore to Indian Wells by going through Dubai, Frankfurt, Washington and LA?A mere 21 hours of flying time, plus the odd layover or four. It’s no surprise that by the time she finally got off the plane in Los Angeles, Jankovic felt “like I went from Australia and back.”……..Of course — Jankovic being Jankovic — that isn’t the end of the story.

Click here for the full story

Indian Wells: cercasi aiuto, disposto a viaggiare

Anche con individui come Kei Nishikori e Caroline Wozniacki in campo, poche persone si intrattengono nei campi da tennis a Indian Welles il giorno di apertura.….Questo è anche il giorno in cui le teste di serie del tabellone femminile rilasciano le loro interviste pre-torneo. Sebbene possa essere appropriato per chiunque di loro esordire in questo modo, in retrospettiva ci potrebbe essere solo una giocatrice che comincia con “Si sto bene”, e quella giocatrice è Jelena Jankovic. Essendo la Jankovic, naturalmente viene fuori che le cose sono più difficili di quello che sembra, come la sua costante promessa di diminuire i tornei da giocare questo anno. Fino adesso la programmazione ridotta ha incluso Sydney, gli Australian Open, la Fed Cup, Doha, Dubai, Bangalore i tornei di Indian Wells e Miami, con un periodo di riposo totale pari a due settimane. Ovviamente la motivazione (teorica) della riduzione del numero dei tornei era di concentrarsi sulla qualità invece della quantità, e cioè giocare meno tornei per essere meglio preparata per quelli in cui effettivamente si compete. La filosofia della Jankovic è” fare tutto quello che si può per sentirsi fresca quando si comincia un nuovo torneo”. Quindi, quale migliore modo di mettere in pratica questa filosofia che quello di andare da Bangalore a Indian Wells passando attraverso Dubai, Francoforte, Washington e Los Angeles? 21 ore di viaggio e 4 di attesa negli aeroporti. Non è quindi una sorpresa se la Jankovic una volta uscita dall’aereo a Los Angeles ha dichiarato che si sentiva come fosse avesse fatto un viaggio di andata e ritorno dall’Australia.…..Ma, essendo la Jankovic, la storia non finisce qui.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Moving on up: Quick post- Connors Start for Roddick , Bill Scott, tennis.com

Less than two weeks after the not-entirely-unexpected departure of coaching guru Jimmy Connors, it’s business as usual for Team Roddick. Roddick made an ideal debut in the desert by winning the title at the Barclays Dubai Tennis Championships and defeating world No. 2 Rafael Nadal and world No. 3 Novak Djokovic on the way. Roddick admits that he was initially taken aback by the break-up of the coaching relationship after less than two years, but the adjustment had been quick because Connors was a peripheral - if key - part of the mix. “It’s always been [brother] John and [trainer] Doug [Spreen] on the road anyway,” said Roddick, who appears to have caught fire since parting ways with the eight-time Grand Slam champion. “This week has not been a lot different than most of them, minus a phone chat or two with Jimmy. The last time I worked with him was at the Australian Open.”

Click here for the full story

Risalendo in alto: una rapida partenza per il dopo-Connors di Roddick

Due settimane dopo la non inaspettata separazione dal coach Jimmy Connors, è di nuovo tempo di affari nel team di Roddick. Roddick ha fatto un ottimo debutto nel deserto vincendo il titolo ai Barclays Dubai Tennis Championships e sconfiggendo lungo il percorso il n. 2 Rafael Nadal e il n. 3 Novak Djokovic. Roddick ha rivelato che inizialmente è stato colto di sorpresa dall’interruzione del suo rapporto con il coach Connors dopo nemmeno due anni, ma che abituarsi è stato abbastanza facile perché Connors era una figura periferica, anche se chiave, del suo team. “Ci sono sempre stati John (il fratello) e Doug (l’allenatore) con me”, ha detto Roddick, che sembra tutto un fuoco dopo essersi separato dall’8 volte campione di Grand Slams. “Questa settimana non è stata molto diversa da tutte le altre, a parte una telefonata o due in meno a Jimmy. L’ultima volta che abbiamo lavorato insieme è stato in occasione degli Australian Open”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Indian Wells : Sharapova toujours prête à briller, myfreesport.fr

La Russe, toujours invaincue cette saison, s’estime suffisamment en confiance pour poursuivre sa série victorieuse lors du Masters Series (ATP et WTA) qui a tranquillement débuté mercredi avec le premier tour dames.Exempte de ce tour d’ouverture, comme les 31 autres têtes de série, Maria Sharapova, la gagnante de l’Open d’Australie, qui a remporté ses 14 premiers matches en 2008, dont deux en Fed Cup, affrontera pour son entrée en lice la Française Stéphanie Cohen-Aloro (23 ans) qui a battu l’Américaine Lilia Osterloh (6-1, 6-2). “Je me sens vraiment en confiance en ce moment”, a expliqué la grande Russe, qui avait eu une saison 2007 perturbée par une blessure à l’épaule.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Indian Wells: Sharapova sempre pronta a brillare

La Russa, ancora mai battuta in questa stagione, si ritiene sufficientemente fiduciosa di proseguire la sua serie vittoriosa in occasione del Masters Series (ATP e WTA) che è tranquillamente cominciato mercoledì con il primo turno femminile. Libera da questo turno d’apertura, come le 31 altre teste di serie, Maria Sharapova, la vincitrice dell’Open di Australia, che ha vinto i suoi primi 14 incontri nel 2008, di cui due in Fed Cup, affronterà per la sua entrata in lizza la francese Stéphanie Cohen-Aloro (23 anni) che ha battuto americana Lilia Osterloh (6-1, 6-2). “mi sento realmente in fiducia attualmente”, ha spiegato la Russa, che aveva avuto una stagione 2007 turbata da un infortunio alla spalla.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Pin: “Mon objectif: les JO”, Julien Giovanella, eurosport.fr

Camille Pin, 78e mondiale et numéro 9 française, vainqueur à Las Vegas (ITF 50.000 dollars) dimanche, se confie avant son entrée en lice à Indian Wells, jeudi, face à sa compatriote Aravane Rezaï.Camille, vous venez de remporter à Las Vegas votre 8e victoire en tournoi ITF, la 4e sur le sol américain. Comment vous êtes-vous sentie?Camille Pin: Je joue souvent bien aux Etats-Unis parce que la surface des tournois me convient parfaitement en règle générale. En tout cas, ce n’est pas à cause de leur nourriture immonde (rires)!Vous avez fait une bonne tournée australienne (5 victoires pour 3 défaites) où vous avez bien résisté à Vaidisova (Sydney) et à Venus Williams (Melbourne). C’est une satisfaction je suppose…C.P: J’ai eu de très bonnes sensations en Australie, sur ma surface préférée, ce qui est bien pour les tournois de reprise après une longue préparation hivernale. J’étais bien physiquement. En plus, je commence à adorer la Rod Laver Arena donc j’ai pu jouer mon meilleur tennis contre Venus sans aucun complexe. Ce n’est pas passé très loin…

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

PIN: “Il mio obiettivo: le Olimpiadi”

Camille Pin, 78 mondiale e numero 9 francese, vincitrice a Las Vegas (ITF 50.000 dollari) domenica, si confida prima della sua entrata in lizza a Indian Wells, giovedì, contro la sua compatriota Aravane Rezaï. Camille, ha appena vinto a Las Vegas la sua ottava vittoria in un torneo ITF, la quarta sul suolo americano. Come si è sentita?Camille Pin: Gioco spesso bene negli Stati Uniti perché normalmente la superficie dei tornei mi si addice perfettamente. In ogni caso, non è a causa del loro cibo immondo (risate)!Ha fatto una buona tournée australiana (5 vittorie su 3 sconfitte) dove ha resistito bene alla Vaidisova (Sydney) e a Venus Williams (Melbourne). È una soddisfazione suppongo…C.P: Ho avuto sensazioni molto buone in Australia, sulla mia superficie preferita, cosa buona per i tornei di ripresa dopo una lunga preparazione invernale. Stavo bene fisicamente. Inoltre, inizio ad adorare la Rod Laver Arena dunque ho potuto giocare il mio miglior tennis contro Venus senza alcun complesso. Non ci sono andata molto lontana…

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

À Indian Wells, Jo-Wilfried Tsonga reprend du service, Cécile Soler, lefigaro.fr

Après une pause, le finaliste de l’Open d’Australie revient à la compétition au tournoi d’Indian Wells, qui débute jeudi soir.Un mois. C’est le temps qui s’est écoulé depuis la dernière apparition de Jo-Wilfried Tsonga en compétition. Une pause rendue indispensable par la fatigue et les émotions fortes de son envolée australienne en janvier. Suivie de son entrée victorieuse en équipe de France en Coupe Davis contre la Roumanie, début février.Après sa défaite surprise au premier tour du tournoi de Marseille devant Mario Ancic, le Manceau a posé sa raquette pendant une dizaine de jours. Ayant profité de cette parenthèse pour effectuer un court retour aux sources dans la famille de son père, au Congo, il s’est ensuite remis au travail. «Nous avons profité de ces quinze jours pour refaire un travail sur les fondamentaux du jeu et remettre physiquement en route la machine», explique Eric Winogradsky, l’entraîneur de Tsonga.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

A Indian Wells, Jo-Wilfried Tsonga riprende servizio

Dopo una pausa, il finalista dell’Open di Australia ritorna alla competizione al torneo di Indian Wells, che comincia giovedì sera. Un mese. È il tempo che è passato dall’ultima comparsa di Jo-Wilfried Tsonga in gara. Una pausa resa indispensabile dalla stanchezza e le emozioni forti del suo decollo australiano in gennaio. Seguita dal suo debutto vittorioso nella squadra della Francia in Coppa Davis contro la Romania, all’inizio di febbraio. Dopo la sua sconfitta a sorpresa al primo turno del torneo di Marsiglia contro Mario Ancic, il francese ha posato la sua racchetta per una decina di giorni. Avendo approfittato di questa parentesi per effettuare un breve ritorno alle origini nella famiglia di suo padre, in Congo, si è in seguito rimesso al lavoro. “abbiamo approfittato di questi quindici giorni per rifare un lavoro sui fondamentali del gioco e rimetterlo fisicamente in carreggiata”, spiega Eric Winogradsky, l’allenatore di Tsonga.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Sharapova: “J’ai déjà collecté 50.000 air miles”, Serge Fayat, La Dernière Heure

INDIAN WELLS Maria Sharapova (WTA 5) sera la joueuse à battre ces dix prochains jours au tournoi mixte sur dur d’Indian Wells, deuxième grand rendez-vous de la saison après l’Australian Open. La blonde Sibérienne reprend du service dans le désert californien après avoir soigné une infection virale et compte bien parfaire son brevet d’invincibilité en l’absence de rivales comme Justine Henin et les soeurs Williams.“J’avais le sentiment que mon corps avait besoin de marquer une pause, confia-t-elle. J’ai passé énormément de temps dans les avions ces dernières semaines et cela finit par se payer. Je me suis laissé dire que j’avais déjà collecté près de 50.000 air miles depuis le début de l’année (NdlR : elle a déjà visité quatre continents et huit pays différents). J’en ai profité pour prendre un peu de repos et j’espère remonter sur le court avec un état d’esprit tout frais.”Maria Sharapova a une revanche à prendre à Indian Wells. Lauréate en 2006, elle avait été battue dès les huitièmes de finale par sa compatriote Vera Zvonareva l’an dernier, abandonnant du même coup la première place mondiale à Justine Henin, qui l’occupe toujours depuis. Cette défaite avait, en outre, initié le début d’une traversée du désert pour la Russe, marquée par une blessure à l’épaule et de grosses déceptions à Wimbledon et à l’US Open.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Sharapova: “Ho già collezionato 50.000 miglia”

INDIAN WELLS Maria Sharapova (WTA 5) sarà la giocatrice da battere in questi prossimi dieci giorni al torneo misto su duro di Indian Wells, secondo grande appuntamento della stagione dopo l’Australian Open. La bionda Siberiana riprende servizio nel deserto californiano dopo essersi ripresa da un’infezione virale ed intende perfezionare il suo brevetto di invincibilità in mancanza di rivali come Justine Henin e le sorelle Williams. “Avevo la sensazione che il mio corpo avesse necessità di fare una pausa, ha confidato. Ho passato molto tempo negli aerei in queste ultime settimane e questo si finisce per pagare. Mi sono stancata a dire che avevo già raccolto quasi 50.000 miglia dall’inizio dell’anno (NdR: ha già visitato quattro continenti ed otto paesi diversi). Ne ho approfittato per prendere un po’di riposo e spero di tornare in campo con uno spirito rinnovato.” Maria Sharapova ha una rivincita da prendere a Indian Wells. Titolata nel 2006, era stata battuta negli ottavi di finale dalla sua compatriota Vera Zvonareva l’anno scorso, lasciando allo stesso tempo il primo posto mondiale a Justine Henin, che lo occupa ininterrottamente da allora. Questa sconfitta, inoltre, aveva segnato l’inizio di una traversata del deserto per la Russa, segnata da un infortunio alla spalla e grandi delusioni a Wimbledon ed all’US Open.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Tatiana Golovin opérée avec succès, Jonathan Louis, myfreesport.fr

Opération réussie pour Tatiana Golovin. Le mercredi 12 mars, elle a été opérée d’un kyste de 6 cm situé au niveau du bassin qui la faisait souffrir à chaque entraînement.Tatiana Golovin va bien. L’opération qui visait à lui extraire un kyste situé au niveau du bassin a été un succès. La Française a déclaré: “Je souhaite tout d’abord remercier les gens de leur soutien et leurs pensées. L’opération s’est très bien passée. Les médecins ont enlevé l’appendice en plus du kyste car ils pensaient que c’était aussi la source de mes douleurs. Je pense rentrer en France dès que mon état le permet afin de récupérer auprès de ma famille et mes proches.”Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Tatiana Golovin operata con successo

Operazione riuscita per Tatiana Golovin. Mercoledì 12 marzo, è stata operata di una ciste di 6 cm situata al livello del bacino che la faceva soffrire ad ogni allenamento. Tatiana Golovin sta bene. L’operazione che mirava ad estrarle una ciste situata al livello del bacino è stata un successo. La francese ha dichiarato: “Desidero innanzitutto ringraziare la gente del sostegno e della partecipazione. L’operazione è andata molto bene. I medici oltre alla ciste hanno tolto l’appendice poiché pensavano che potesse essere anche essa la causa dei miei dolori. Penso di rientrare in Francia appena il mio stato lo permetterà per recuperare presso la mia famiglia ed i miei parenti.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 13 MarchAggiornato il 13 Marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

Federer and Sharapova eye resurgence at Indian Wells, Mark Lamport-Stokes, Reuters (Federer e Sharapova in cerca di rivincite ad Indian Wells)Ivanovic hopes to continue run, The Australian (La Ivanovic vuole proseguire la sua corsa)Tomic named hitting partner, Fox sports (Tomic promosso sparring partner)Murray battles wounded knee at Indian Wells, Eleanor Preston, The Guardian(Murray combatte l’infortunio al ginocchio ad Indian Wells)Pete Sampras hints at Wimbledon date with Roger Federer, Neil Harman, The Times (Pete Sampras invita Federer a Wimbledon)- The world through Jimmy’s eyes a very difference place, Joel Drucker, ESPN.com (Il mondo attraverso gli occhi di Jimmy è un posto molto differente)- ‘Ashamed’ Navratilova regains Czech nationality , Justin McCurry, The Guardian (La “sdegnata” Navratilova recupera la nazionalità Ceka)- Sampras, Federer to put on a show, Tom Tebbutt, Globe and Mail (Sampras, Federer per fare uno spettacolo)- Federer bien servi, Mathieu Idiart, sport24.com (Federer ben servito)- Un tableau difficile pour Federer?, Paul Roux (Un tabellone difficile per Federer?)- Virginia Ruzici : “Je recommande que les finales dames de Grand Chelem se joue en 5 sets”, grandchelem.net (Virginia Ruzici: “Raccomando che le finali femminili di Grande Chelem si giochino in 5 set”)

Federer and Sharapova eye resurgence at Indian Wells, Mark Lamport-Stokes, Reuters

World number one Roger Federer and Australian Open champion Maria Sharapova are eager to rediscover their best form at this week’s Pacific Life Open in Indian Wells after shrugging off viral problems.Federer, who has competed in only two tournaments this season, succumbed to mononucleosis (glandular fever) at the end of last year.Sharapova, who clinched the 18th WTA title of her career at last month’s Qatar Open, was forced to pull out of the Dubai Championships two days later due to a viral illness.The duo appear to have shaken off their respective ailments and return this week to the imposing, state-of-the-art Indian Wells Tennis Garden where they both triumphed in 2006.“It’s always exciting to come back to a place where I’ve won,” three-times champion Federer told reporters in the build-up to the opening Masters Series event of the season. “I have great memories and the stadiums are great here.The 26-year-old Swiss, a winner of 12 grand slam singles titles, accepts he needs to improve his fitness after he was finally diagnosed with mononucleosis after the Australian Open in January.“I already feel strong again but the main issue now is to get 100 percent fit and make up for all the training I missed,” Federer told his Web site (www.rogerfederer.com). I have quite some catching up to do in terms of fitness as I am not in the physical state I would normally be in at this time of the year.”The globe-trotting Sharapova, who racked up around 50,000 air miles in January and February, decided to take a week’s holiday after withdrawing from Dubai.“I felt my body needed a rest,” said the 20-year-old Russian, who attributed her viral problems to her gruelling tournament schedule.“I think it’s just a lot of flying and one way or another it’s going to take a toll. After taking a week off my goal is to come out with a fresh frame of mind.”

Click here for the full story

Federer e Sharapova in cerca di rivincite ad Indian Wells

Il numero uno del mondo Roger Federer e la campionessa di Melbourne Maria Sharapova sono impazienti di misurare la loro forma sui campi di Indian Wells. Federer, che ha preso parte a due soli tornei quest’anno e’ stato affetto da mononucleosi. Un virus ha invece costretto La Sharapova a ritirarsi dal torneo di Dubai. Oggi sembrano entrambi aver superato i loro problemi fisici e sperano di poterlo dimostrare gia’ da questa settimana. “ E’ sempre un ‘emozione tornare in un posto in cui ho gia’ vinto”, dichiara Roger. “ Conservo dei bellissimi ricordi e poi gli impianti sono fantastici qui. La mia preoccupazione principale e’ tornare in fretta al 100% della forma e recuperare quella condizione che inevitabilmente ho smarrito in quest’ultimo periodo. Solitamente a questo punto della stagione sono molto piu’ avanti nella preparazione. La stakanovista Sharapova ha invece optato per una settimana di pausa dopo il forzato forfait dal torneo di Dubai. “ Il mio fisico aveva l’esigenza di fermarsi”, ha dichiarato la russa, che attribuisce i problemi fisici riscontrati all’ attivita’ troppo frenetica degli ultimi tempi. “ Dopo tutti quei voli avanti e indietro per il mondo avevo bisogno di staccare. Questa settimana mi servira’ per ripropormi ai grandi appuntamenti con la mente sgombra”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese)

Ivanovic hopes to continue run, The Australian

IF Ana Ivanovic hopes to make good on a vow to capture a Grand Slam, she first needs to show she has what it takes to win a tier one event like the Pacific Life Open.The 20-year-old Ivanovic is the top seed in the hardcourt tournament which starts Wednesday and she has been steamrolling her way through the women’s rankings in the past year.The young Serbian burst onto the scene last season in dynamic style, winning three tournaments at Berlin, Los Angeles and Luxembourg. She also reached the finals of the French Open.Ivanovic, of Belgrade, vaulted into a career-high ranking of number two in the world by reaching the finals of the Australian Open earlier this year.Both 2008 Australian Open winners Novak Djokovic and Maria Sharapova are also expected to take part in the first major tennis event of the season on American soil.Ivanovic is in the top half of the draw and will face either China’s Yuan Meng or Romanian Ioana Raluca Olaru in her first match.Fourth seeded Russian Sharapova is scheduled to meet either American Lilia Osterloh or a qualifier in her opener.

Williams and her sister Venus are skipping the event, making good on a promise never to return to the Palm Springs-area event after in 2001 fans booed them when a semi-final showdown between the sisters became a walkover with Venus complaining of tendinitis in her knee.Serena went on to win the title, but she was jeered by fans who felt they had been denied a special match because of a dubious injury.World number one Justine Henin is also skipping the event to concentrate on the Miami tournament which begins later this month.

Click here for the full story

La Ivanovic vuole proseguire la sua corsa

Se Ana Ivanovic vuole davvero puntare a portarsi a casa un trofeo del grande slam, dovra’ necessariamente essere in grado di dimostrare di poter vincere un torneo importante come quello di Indian Wells. La fuoriclasse serba si presentera’ come prima testa di serie ed e’ attesa a confermare i recenti progressi compiuti. L’esplosione tecnica della serba e’ avvenuta nel corso del 2007, stagione in cui e’ stata capace di vincere tre tornei ( Berlino, Los Angeles e Lussemburgo )e di raggiungere la finale al Roland Garros. Identico risultato ha ottenuto agli Australian Open, traguardo che le ha consentito di issarsi al secondo posto del ranking Wta. La Ivanovic e’ collocata nella parte alta del tabellone . Le sorelle Williams, non venendo meno a cio’ che si erano ripromesse, non prenderanno parte all’evento. Nell’edizione del 2001 infatti le due erano state protagoniste di una semifinale molto discussa e da cui erano scaturite molte polemiche. Il forfait di Venus prima della partita non aveva infatti convinto il pubblico californiano che avrebbe poi dimostrato il proprio disappunto subissando di fischi la stessa Serena. Anche la numero uno del mondo Justine Henin saltera’ l’appuntamento avendo preferito risparmiare le forze in vista del prossimo torneo di Miami.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese)

Tomic named hitting partner, Fox sports

TEENAGER Bernard Tomic has been named as the Australian Davis Cup team hitting partner for the upcoming tie against Thailand in Townsville next month.Tomic, 15, has been rewarded for his success after winning the Australian Open boys’ singles title and recording a win in the first round of the Australian Open main draw qualifying.

Lleyton Hewitt and Chris Guccione are former Davis Cup hitting partners and Tomic said it was something he had always dreamt of.

“It will be a great thing to hit with all the senior guys up there. I am really looking forward to it, it is going to be a terrific experience,” Tomic said.

The winner of the Davis Cup Asia/Oceania Zone Group One second round tie will qualify for the World Group play-offs in September and have the opportunity to win their way back into the elite World Group in 2009.

Click here for the full story

Tomic promosso sparring partner

La giovane promessa Bernard Tomic fara’ parte della squadra australiana impegnata in Coppa Davis nel match contro la Tailandia . La convocazione e’ un premio per il successo di Bernard nell’edizione junior degli Australian Open. Anche gli attuali singolaristi Lleyton Hewitt e Chris Gruccione hanno avuto un passato da sparring partner all’interno della squadra australiana. Per Tomic e’ la realizzazione di un sogno : “ Non vedo l’ora, sara’ un’ esperienza incredibile”. Il team che uscira’ vincitore da questo confronto avra’ poi l’opportunita’ di disputare il playoff per tornare nella massima serie.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese)

Murray battles wounded knee at Indian Wells, Eleanor Preston, The Guardian

There is a large and very well stocked shopping mall an hour’s drive from Indian Wells, where Andy Murray is playing this week, but the British No1 has so far resisted the temptation to go there. Instead he has spent around £1,000 on a small metal box with a button on it.It sounds like a rather sinister device and looks “horrendous” according to Murray, but the portable ultrasound machine his physiotherapist, Andy Ireland, advised him to buy could be a shrewd investment if it helps the chronic problem he has with his right knee. Murray was forced to rest for six months when the problem was first diagnosed when he was 16 and it continues to trouble him from time to time, most recently before Great Britain’s ill-starred Davis Cup trip to Argentina. The furore surrounding his brother Jamie’s very public criticism of his younger sibling for not travelling to Argentina overshadowed just how serious the knee problem might have been.Thankfully, it proved to be a short-lived bout of inflammation - and Murray has the scans to prove it for those who suggested it was merely a convenient excuse to write on his Davis Cup sicknote - but it served as a reminder that he must take the utmost care of his knee to avoid too many reoccurrences.“I had a couple of problems with the knee last week in Dubai but it’s one of those things, especially on the hard courts as well, if I don’t look after it properly it can flare up,” said Murray. “When I was younger I had a lot of pain because I was growing and playing too much tennis. It got to the point where I couldn’t walk. Now, when I do have a bit of pain I make sure I look after it a lot more.It’s never going to be perfect but it should help it get better.”

Click here for the full story

Murray combatte l’infortunio al ginocchio ad Indian Wells

C’e’ un vasto e fornitissimo centro commerciale nelle vicinanze di Indian Wells, ma Andy Murray ha resistito alla tentazione di visitarlo.Il numero uno britannico ha invece optato per l’acquisto di un sofisticatissimo macchinario dal valore di 1000 sterline che dovrebbe aiutarlo a risolvere il suo cronico fastidio al ginocchio sinistro. Il problema fisico venne diagnosticato ad Andy gia’ all’eta’ di 16 anni, costringendolo a uno stop dell’attivita’ per sei mesi. Da allora il dolore torna saltuariamente a tormentarlo, l’ultima volta in occasione del match di coppa Davis contro l’ Argentina, evento cui lo scozzese non ha preso parte suscitando piu’ di una polemica all’interno della squadra britannica. Fortunatamente non si e’ trattato di nulla di grave ma e’ stato sufficiente a mettere in allerta il giocatore. “A Dubai ho avvertito dei dolori al ginocchio e non devo sottovalutarli. Quando ero piu’ giovane ho avuto molti problemi perche’ giocavo talmente tanto che sollecitavo eccessivamente il mio ginocchio. Facevo addirittura fatica a camminare. Per questo motivo, non appena sento qualcosa che non va cerco di approfondire la cosa e di prendermene cura con la massima attenzione”.Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese)

Pete Sampras hints at Wimbledon date with Roger Federer, Neil Harman, The Times

Pete Sampras dropped the L word. “Maybe another in London,” the seven-times Wimbledon champion said after his exhibition match with Roger Federer in New York, as the five-times champion at SW19 nodded his approval. And where better to hold such a fantasy grass-court match than the supreme fantasy venue for all tennis dreamers?The Sampras of old rarely faltered with the balls in his hand and the finishing line in sight, but when you have spent four years without competitive thrill as a routine adrenalin rush, the killer instinct diminishes and, although the 36-year-old was three times within two points of the match, he could not prevail. The final score - 6-3, 6-7, 7-6 to Federer.Arlen Kantarian, the entrepreneurial head of the United States Tennis Association, said that the match should not be labelled an “exhibition” for fear of driving off potential custom. He was happy to accept that he could not have been more wrong. Sampras. will come out to play so long as Federer is the man who asks him - and the No1’s commitments are massive - and the venue is appealing. That’s why his eyes brightened when talk shifted to a potential date in London, where they have celebrated their most marked sporting hours.“Roger has more important things to worry about than playing me,” Sampras said. “That he is out here at all shows how special he is. I like the fun of these occasions, I didn’t do fun when I was playing for real.”From here, it is back to the real world for the Swiss, the Pacific Life Open in Indian Wells, California, where Federer will be favourite and Sampras may just pop in to have a look.

click here for the full story

Pete Sampras invita Federer a Wimbledon

Pete Sampras l’ha semplicemente buttata li’: “ Magari un ‘altra volta a Londra “ le parole dell’americano alla conclusione dell’ultimo match giocato contro l’amico Federer a New York. E quale scenario migliore della verde erba di Wimbledon potrebbe esserci per ospitare una nuova sfida ? Arlen Kantarian, il dirigente a capo della USTA, ci tiene ad affermare che l’incontro tra i due non debba essere etichettato come semplice esibizione, perche’ cio’ potrebbe tenere lontano una parte di pubblico. Sinora invece gli spettatori sono accorsi numerosi. Compatibilmente con i pressanti impegni di Federer, Sampras ha fatto sapere di rendersi sempre disponibile per le prossime eventuali partite, soprattutto in sedi accattivanti come quelle di Wimbledon. “ Roger ha cose piu’ importanti da fare che pensare alle nostre esibizioni. Il fatto che trovi il tempo per parteciparvi dimostra che persona speciale che sia. Io in queste occasioni mi diverto un sacco, quando ero professionista non era’ così ! “

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese)

The world through Jimmy’s eyes a very difference place , Joel Drucker, ESPN.com

“Alone in his already decaying pleasure palace, aloof, seldom visited, never photographed &” — From the film, “Citizen Kane”All the better for both parties when Andy Roddick earned his most impressive tournament title in 18 months the same week he announced the resignation of Jimmy Connors as a coach. Memories of the Roddick-Connors relationship will fade rapidly, aided by the rocket fuel-like burst of energy gained from his victorious run last week in Dubai.Like all relationships, no one will ever know precisely what factors triggered their breakup. Roddick’s announcement that Connors had resigned, however, carried the tinge of orchestration. The magnanimous Roddick was willing to declare that Connors had vacated his post. Far be it from the reticent Connors to issue any statement on his own behalf. Even if Roddick’s comments implied a mutual parting, the notion that Connors had resigned — allegedly therefore, strictly on his own terms — in no way implied any disenchantment on the pupil’s part. Roddick surely wouldn’t have minded having Connors nearby at more tournaments and events he holds dear, such as the Davis Cup. […]The conventional approach to coaching is that in order to effect change the coach must first see the world through his player’s eyes. Connors’ approach to Roddick differed: You will see the world through my eyes. And as Roddick implied — but never discussed in particular detail — the view was spectacular.

Click here for the full story

Il mondo attraverso gli occhi di Jimmy è un posto molto differente

“Da solo nel suo già decadente palazzo del piacere, isolato, raramente con compagnia, mai fotografato” - Dal film “Citizen Kane”.Tutto il meglio per entrambi le parti è arrivato quando Andy Roddick ha conquistato il suo torneo più prestigioso in 18 mesi, la stessa settimana in cui ha annunciato le dimissioni di Jimmy Connors come coach. I ricordi della relazione Roddick - Connors svaniranno rapidamente, aiutati dall’esplosione di energia guadagnata dal suo vittorioso percorso a Dubai la scorsa settimana.Come tutte le relazioni, nessuno saprà mai precisamente quali fattori hanno contribuito alla rottura. L’annuncio di Andy Roddick, comunque, ha portato una sfumatura di macchinazione. Il magnanimo Roddick voleva dichiarare che Connors lasciava libero il posto. Distante dal reticente Connors il far sapere qualcosa sul suo comportamento. Anche se i commenti di Roddick implicavano una mutua separazione, il fatto che Connors si sia dimesso - quindi presumibilmente, strettamente alle sue condizioni - in alcun modo implica qualsiasi disincanto da parte del pupillo. A Roddick sicuramente non sarebbe dispiaciuto avere Connors vicino a più tornei a cui tiene molto, come la Davis Cup. […]L’approccio convenzionale all’allenamento è che per sortire effetti l’allenatore deve prima vedere il mondo attraverso gli occhi dei giocatori. L’approccio di Connors a Roddick è stato differente: Tu vedrai il mondo attraverso i miei occhi. E come Roddick ha sottointeso - ma discusso nei particolari - la vista è stata spettacolare.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

‘Ashamed’ Navratilova regains Czech nationality , Justin McCurry, The Guardian

Martina Navratilova, the nine-time Wimbledon champion, has regained her Czech nationality after saying she was “ashamed” of George Bush.Speaking to reporters in Tokyo, where she is due to play in an exhibition tournament, Navratilova confirmed she had again become a citizen of the country of her birth, 33 years after she fled communist Czechoslovakia to live in the US.“I lost [Czech citizenship] at the time I defected. I got it back on February 9,” she said, adding that she had decided to retain her US nationality.In an interview last year with a Czech newspaper, Lidove Noviny, the tennis player said she was as ashamed of the US under Bush as she once was about Czechoslovakia, which split into the Czech Republic and Slovakia after communism fell in 1993.“The thing is that we elected Bush,” she said. “That is worse! Against that, nobody chose a communist government in Czechoslovakia.”

Click here for the full story

La “sdegnata” Navratilova recupera la nazionalità Ceka

Martina Navratilova, nove volte campionessa a Wimbledon, ha ripreso la sua nazionalità Ceka dopo aver detto di essersi vergognata di Gerge Bush.Parlando ai giornalisti a Tokyo, dove è impegnata in un torneo di esibizione, la Navratilova ha confermato che è diventata di nuovo una cittadina del paese nel quale è nata, 33 anni dopo la sua fuga dalla Cecoslovacchia comunista per vivere negli Stati Uniti.“La persi (la nazionalità Ceka) nel momento in cui me ne andai. L’ho ripresa il 9 Febbraio” ha detto, aggiungendo che ha deciso di mantenere la sua nazionalita Americana.In un’intervista dell’anno scorso, la tennista disse di essersi vergognata dell’America di Bush così come si era vergognata della Cecoslovacchia, che si è divisa in Repubblica Ceka e Slovacchia dopo la caduta del regime comunista nel 1993.“Il bello è che Bush lo abbiamo eletto” ha detto. “Questo è il peggio! Al contrario nessuno aveva scelto il governo comunista in Cecoslovacchia”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Sampras, Federer to put on a show, Tom Tebbutt, Globe and Mail

It is either a case of rampant nostalgia or New Yorkers losing their hard-edged skepticism. How else to explain a sold-out Madison Square Garden for tonight’s Pete Sampras-Roger Federer exhibition match?Sampras has been out of tennis for 51/2 years and hardly touched a racquet for three of them. He cannot seriously be viewed as a threat to Federer.The world No.ƒ|1, age 26 to Sampras’s 36, has dominated men’s tennis as no one else in history over the past four years, winning 11 out of a possible 16 Grand Slam titles between 2004 and 2007.Sampras got back into tennis in 2006 by playing a few World Team Tennis matches and followed with a couple of senior tour events after spending most of his retirement playing golf, pickup basketball and poker.

Click here for the full story

Sampras, Federer per fare uno spettacolo

O è un caso di nostalgia incontrollata oppure i New Yorkesi hanno perso il loro ampio margine di scetticismo. Come spiegare altrimenti il tutto esaurito al Medison Square Garden per l’esibizione tra Roger Federer e Pete Sampras?Sampras si è ritirato dall’attività agonistica da 5 anni e mezzo e difficilmente ha toccato una racchetta per tre di questi. Non può seriamente essere visto come una minaccia per Federer.Il numero uno del mondo, 26 anni rispetto ai 36 di Sampras, ha dominato il tennis maschile negli ultimi quattro anni come mai nessuno aveva fatto prima nella storia, vincendo 11 Slam su 16 tra il 2004 e il 2007.Sampras è tornato al tennis giocato nel 2006 partecipando a qualche matches del World Team Tennis e ad un paio di eventi del senior tour dopo aver speso gran parte del suo tempo dopo il ritiro giocando a golf, pickup basketball e poker.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer bien servi, Mathieu Idiart, sport24.com

Avec Tommy Robredo pour principale tête de série dans sa partie de tableau, Roger Federer connaîtra un début serein dans son fief d’Indian Wells. Le tirage a été un peu moins clément pour les Français.Tsonga retrouve Nadal ?Trois fois vainqueur à Indian Wells entre 2004 et 2006, Roger Federer retrouve avec envie le Pacific Life Open. Son élimination l’an passé par Guillermo Cañas n’est pas la seule motivation pour le Suisse qui n’a pas encore remporté le moindre tournoi en 2008. Si le Suisse s’est peu présenté sur les courts en ce début d’année, cela a de quoi tout de même inquiéter d’autant qu’une mononucléose l’affaiblirait selon son entourage. Malade ou pas, il n’en reste pas moins que le trône de Federer n’a jamais autant vacillé. Détenteur de la casaque de numéro 1 mondial depuis le 2 février 2004, soit 215 semaines de suite, le Suisse dispose d’une marge sur Nadal qui n’a jamais été aussi étroite depuis de longs mois. L’Helvète doit donc engranger des points aux Etats-Unis pour éloigner le danger mais également se rassurer. Le tirage au sort lui a réservé un début de parcours en douceur avec au deuxième tour Garcia-Lopez ou Roitman puis en têtes de série possibles à affronter Almagro, Ljubicic ou Robredo. La suite se compliquera avec Andy Roddick qu’il pourrait retrouver en quarts de finale. Dans la partie basse du tableau, Rafael Nadal se voit proposer des adversaires supposés plus coriaces. Après un deuxième tour à sa main (Eschauer ou un qualifié), le Majorquin devrait retrouver son ami Feliciano Lopez, finaliste à Dubaï, puis Tsonga ou Mathieu.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Federer ben servito

Con Tommy Robredo come principale testa di serie nella sua parte di tabellone, Roger Federer avrà un inizio sereno nei suoi possedimenti ad Indian Wells. Il sorteggio è stato un po’meno clemente per i francesiTsonga ritrova Nadal?Tre volte vincitore a Indian Wells tra il 2004 ed il 2006, Roger Federer torna con la voglia di far bene al Pacific Life Open. La sua eliminazione l’anno passato per mano di Guillermo Cañas non è la sola motivazione per lo Svizzero che non ha ancora vinto il benché minimo torneo nel 2008. Se lo Svizzero si è fatto vedere poco in campo in questo inizio d’anno, c’è lo stesso di che preoccuparsi, tanto più che una mononucleosi lo avrebbe indebolito, a sentire il suo clan. Ammalato o non, il trono di Federer non ha mai vacillato tanto. Detentore del rango di numero 1 mondiale dal 2 febbraio 2004, cioè 215 settimane di seguito, lo Svizzero dispone di un margine su Nadal che non è mai stato così esiguo da lunghi mesi. Lo Svizzero deve dunque guadagnare punti negli Stati Uniti per allontanare il pericolo ma anche per rassicurarsi. L’estrazione a sorte gli ha riservato un tranquillo inizio di percorso con al secondo turno Garcia-Lopez o Roitman quindi tra le teste di serie che potrebbe affrontare ci sono Almagro, Ljubicic o Robredo. Il seguito si complicherà con Andy Roddick che potrebbe trovare nei quarti di finale. Nella parte bassa del tabellone, Rafael Nadal si vede proporre avversari teoricamente più coriacei. Dopo un secondo turno a suo favore (Eschauer o un qualificato), l’abitante di Maiorca dovrebbe trovare il suo amico Feliciano Lopez, finalista a Dubaï, quindi Tsonga o Mathieu.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Un tableau difficile pour Federer?, Paul Roux

Le tableau de Roger Federer n’est pas si exigeant qu’on pourrait croire de prime abord, à Indian Wells. Certes, il devrait jouer au 3e tour contre Nicolas Almagro, vainqueur de deux tournois cette année. Mais le Suisse n’a jamais perdu en cinq rencontres contre l’Espagnol. Ensuite, les choses se corsent avec un des Andy, Roddick ou Murray. Mais n’oublions pas qu’il s’agit d’un Masters.Rafael Nadal, champion l’an dernier – il a donc beaucoup de points à perdre –, aura un parcours plus miné. Son compatriote, Feliciano Lopez, finaliste à Dubaï, pourrait l’affronter au 3e tour. Ensuite, ça devrait être Jo-Wilfried Tsonga, qui l’a éliminé à l’Open d’Australie. Puis, James Blake, une de ses bêtes noires sur dur. Et s’il survit jusqu’aux demis, il devra probablement croiser la raquette avec Novak Djokovic, qui a hérité d’un quart assez clément.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Un tabellone difficile per Federer?

Il tabellone di Roger Federer non è così difficile come si potrebbe credere a prima vista, a Indian Wells. Certamente, dovrebbe giocare al 3 turno contro Nicolas Almagro, vincitore di due tornei quest’anno. Ma lo Svizzero non ha mai perso in cinque incontri contro lo spagnolo. In seguito, le cose diventano più piccanti con uno tra Andy Roddick o Murray. Ma non dimentichiamo che si tratta di un Masters. Rafael Nadal, campione l’anno scorso - ha dunque molti punti da perdere -, avrà un percorso più ostico. Il suo compatriota, Feliciano Lopez, finalista a Dubaï, potrebbe affrontarlo al 3 turno. In seguito, ci dovrebbe essere Jo-Wilfried Tsonga, che lo ha eliminato all’Open di Australia. Quindi, James Blake, una delle sue bestie nere su duro. E se sopravvive fino alle semifinali, dovrà probabilmente incrociare la racchetta con Novak Djokovic, che ha pescato un quarto abbastanza clemente.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Virginia Ruzici : “Je recommande que les finales dames de Grand Chelem se joue en 5 sets”, grandchelem.net

Première grande témoin de notre dossier Tennis Féminin, Virginia Ruzici nous a tiré un historique de près de 30 ans de tennis en nous montrant l’évolution parallèle du circuit féminin et de son homologue masculin. Précise et pédagogique, la vainqueur de Roland Garros 1978 a surtout essuyé avec subtilité les remarques perfides du mâle Wilander. Un entretien d’une heure trente où les deux chocolats chauds commandés au bar du Stade Français ont eu le temps de se refroidir. C’est que Virginia, on l’écouterait parler toute la nuit…..Mais tu as une petite idée de la raison pour laquelle le tennis féminin est attaqué par les hommes et pas le contraire ?Je ne crois pas que je vais lancer dans ce débat-là parce que ça va être un peu long (Rires) Bon, je crois que les hommes ont probablement un petit problème avec le fait que le prize money chez les femmes soit arrivé à un niveau aussi élevé que chez eux, même si je ferais remarquer que ce n’est pas l’égalité. Je n’ai pas vérifié ça de A à Z mais que je sache, une fille qui est éliminée au 1er ou 2ème tour d’un Grand Chelem ne gagne pas autant qu’un homme. Personne ne se rend compte de ça. La presse annonce tout le temps l’égalité du prize money mais c’est pour celles et ceux qui sont arrivés en finale. Ceci dit, par rapport à l’époque où j’ai gagné Roland Garros, les prix sont évidemment 20 à 30 fois plus élevés que ce que j’ai empoché.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Virginia Ruzici: “Raccomando che le finali femminili di Grande Chelem si giochino in 5 set”

Prima grande testimone del nostro dossier sul Tennis femminile, Virginia Ruzici ci ha tracciato una cronistoria di circa 30 anni di tennis mostrandoci l’evoluzione parallela del circuito femminile e del suo omologo maschile. Precisa e istruttiva, la vincitrice del Roland Garros 1978 ha soprattutto risposto sottilmente alle perfide osservazioni del maschio Wilander. Un’intervista di un’ora e mezza in cui le due cioccolate calde richieste al bar dalla fase francese hanno avuto il tempo di raffreddarsi. È che Virginia, la si ascolterebbe parlare tutta la notte……Ma hai una piccola idea della ragione per la quale il tennis femminile è attaccato dagli uomini e non l’opposto?Non credo che mi lancerò in questo dibattito perché sarà un po’lungo (Risate) Bene, io credo che gli uomini hanno probabilmente un piccolo problema con il fatto che il prize money delle donne sia arrivato allo stesso livello del loro, anche se farei osservare che non c’è l’uguaglianza. Non ho verificato completamente questo problema, ma che io sappia, una ragazza che è eliminata al 1 o 2o turno di un Grande Slam non guadagna quanto un uomo. Nessuno se lo spiega. La stampa pubblicizza continuamente l’uguaglianza del prize money ma è per quelle e quelli che arrivano in finale. Detto questo, rispetto all’epoca in cui ho vinto Roland Garros, i premi sono ovviamente da 20 a 30 volte più elevati di quanto ho intascato.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

12 March12 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Best entertainer in the business, Moni Mathews, khaleejtimes.com (Santoro: Il migliore artista sulla piazza)- Slumping Hewitt calls on Agassi, Courtney Walsh, foxsports.com.au (Hewitt in declino fa appello ad Agassi)- A wellspring of memories for Lindsay Davenport, Lisa Dillman, Los Angeles Times (Una sorgente di ricordi per Lindsay Davenport)- I Can’t Go On, I Must Go On…, Peter Bodo, Tennis.com (Non posso andare avanti, devo andare avanti)- Questions, Questions , Nate Cunningham, MVN.com (Domande, domande)- Sampras: A Federer French Win Would Settle GOAT, Richard Pagliaro, Tennis Week (Sampras: una vittoria di Federer al RG definirebbe il migliore di tutti i tempi)- Indian Wells - Après la maladie, le défi, lequipe.fr (Indian Wells - Dopo la malattia, la sfida)- Golovin sur le billard, Bastien Aubert, sport24.com (Golovin sul tavolo operatorio)- Justine Henin, un an sans accroc, Paolo Leonardi, lesoir.be (Justine Henin un anno senza interruzioni)

Best entertainer in the business, Moni Mathews, khaleejtimes.com

The French veteran does not play a conventional forehand. Instead, he carries out a double handed forehand like one does for a backhand.And, at the very last moment, he takes his right hand away from the bottom of the handle and goes through making a slick left handed chip.Practically everything about his game is fantastic. The chip, the slice and the stylish serve and volley style - they come in one package.There is no rush or fuss about Fabrice Santoro’s game and he makes everything look so slick and smooth.Santoro has a handy first serve that ranges between 190-195kph and a spin charged second that can turn quite a bit like a Shane Warne flipper or to put it better, a Muttiah Muralitharan standard delivery.Every stroke that Santoro, who has been in Dubai right from the first tournament in 1993, played yesterday, had a delicate touch to it and one of the best, in fact the best, was when he swung his racquet around his back for a reverse backhand in the first set.Top badminton players do this more regularly in doubles, as theirs is a faster game requiring quicker reflexes.

Click here for the full story

Santoro: Il migliore artista sulla piazza

Il veterano francese non gioca un diritto convenzionale. Invece, esegue un diritto a due mani come un rovescio. E, all’ultimo momento, toglie la mano destra dal fondo dell’impugnatura e inventa un chip mancino. Praticamente tutto del suo gioco è fantastico. Il chip, lo slice e l’elegante stile di serve and volley fanno parte del pacchetto. Non c’è fretta o agitazione nel gioco di Fabrice Santoro e fa sembrare tutto così morbido e fluido. Santoro ha una utile prima di servizio che viaggia a 190-195kph ed una seconda con una rotazione che può girare un bel po’ come un flipper Shane Warne o per dirla meglio, una consegna standard Muttiah Muralitharan. Ogni colpo che Santoro, che è stato a Dubai fin dal primo torneo del 1993, ha giocato ieri, ha avuto un tocco delicato ed uno dei migliore, in effetti il migliore, era quando ha passato la sua racchetta dietro la schiena per un colpo di rovescio all’indietro nel primo set. I migliori giocatori di badminton lo fanno più regolarmente nei doppi, dal momento che il loro è un gioco più veloce che richiede riflessi più veloci.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Slumping Hewitt calls on Agassi, Courtney Walsh, foxsports.com.au

Sliding star Lleyton Hewitt has turned to former great Andre Agassi for advice as he seeks to regain form after a disappointing start to this year’s circuit.The Australian, whose best effort has been a fourth-round appearance at the Australian Open, is in danger of dropping from the seedings for the year’s next two Grand Slams, in Paris and at Wimbledon, following another early tournament exit this week.Hewitt, 27, will drop close to 30 in the rankings after losing in the second round as defending champion of the Las Vegas Open.But the early loss allowed him the opportunity to seek out Agassi before this month’s Masters Series tournaments in Indian Wells and Miami.“I’ve always admired how Andre went about his business and again was impressed how he was ready to go from the minute he’d stepped onto the practice court,” Hewitt said.“There was always a purpose for every drill we did and the intensity was amazing.“It was a great opportunity to not only hit with one of the greatest ever players, but also to discuss a lot of things about my game and how the game of tennis is being played these days.

Click here for the full story

Hewitt in declino fa appello ad Agassi

La stella cadente Lleyton Hewitt si è rivolta al grande Andre Agassi per dei consigli su come cercare di recuperare la forma dopo un deludente inizio dell’anno sul circuito. L’Australiano, il cui migliore risultato è stata un’apparizione al quarto turno all’Australian Open, rischia di uscire dalle teste di serie per i prossimi due Grandi Slam dell’anno, a Parigi ed a Wimbledon, se dovesse uscire rapidamente dal torneo questa settimana. Hewitt, 27 anni, scenderà intorno a 30 nella classifica dopo aver perso al secondo turno essendo campione in carica del Las Vegas Open. Ma la rapida sconfitta gli ha dato l’opportunità di rivolgersi ad Agassi prima dei Masters Series di questo mese a Indian Wells e Miami. “Ho sempre ammirato come Andre si è occupato dei suoi affari e sono ancora impressionato per come era pronto a partire dal momento in cui entrava sul campo d’allenamento,” ha detto Hewitt. “C’era sempre uno scopo per ogni esercizio che abbiamo fatto e l’intensità era incredibile. E’ stata una grande opportunità non solo di giocare con uno dei più grandi giocatori in assoluto, ma anche di discutere molte cose del mio gioco e di come si giochi a tennis in questi giorni.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

A wellspring of memories for Lindsay Davenport , Lisa Dillman, Los Angeles Times

When Lindsay Davenport plays Indian Wells, she might as well be leafing through a scrapbook, both professional and personal.It was the site of her first tournament as a professional in 1993, and the place where in 2000 she not only won the singles and doubles titles, she had her first dinner date with her future husband, Jonathan Leach.And it was at the Pacific Life Open last year that Davenport, then seven months pregnant, initially had this fleeting inspiration: Maybe a tennis career could coexist with new motherhood.Since her son, Jagger, was born in June, she has won four tournaments — including two this year — confirming that her two worlds could mesh. Now, at 31, she returns to the desert tournament, which starts today with women’s first-round play at Indian Wells Tennis Garden.“The last few weeks I’ve worked pretty hard to get it back on the straight and narrow. I think I’m back,” Davenport said, laughing. “To have done as well as I’ve done so far while being back, I would give myself an A. If you’re asking me about this year, it would be a little lower, like a B-minus maybe.”

Click here for the full story

Una sorgente di ricordi per Lindsay Davenport

Quando Lindsay Davenport gioca a Indian Wells, è come se sfogliasse un album di ricordi, sia professionale che personale.E’ stato il luogo del suo primo torneo da professionista nel 1993, e il luogo dove nel 2000 non solo vinse i titoli di singolo e doppio, ma ebbe anche il suo primo appuntamento con il suo futuro marito, Jonathan Leach. Ed è stato l’anno scorso proprio al Pacific Life Open che la Davenport, allora incinta di 7 mesi, ebbe una prima vaga ispirazione: forse una carriera tennistica potrebbe coesistere con una maternità.Da quando suo figlio, Jagger, nacque in Giugno, ha vinto 4 tornei - inclusi due quest’anno - confermando che i suoi due mondi possono fondersi. Adesso, a 31 anni, torna al torneo nel deserto, che inizia oggi con il primo turno femminile all’Indian Wells Tennis Garden. “Le ultime settimane ho lavorato abbastanza duro per tornare in piena forma. Penso di essere tornata,” ha detto la Davenport, ridendo. “Per aver fatto così bene come ho fatto da quando sono tornata, mi darei un 9. Se mi chiedete di quest’anno, sarebbe un po’ meno, penso un 7 e mezzo forse.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

I Can’t Go On, I Must Go On…, Peter Bodo, Tennis.com

At 6-3, 3-2 in favor of Roger Federer last night, it looked like this exhibition match against the all-time Grand Slam singles champ, Pete Sampras had everything - everything but the tennis.In the early going, I was disappointed by what I perceived watching Federer vs. Sampras IV in person, instead of on television. Sampras looked inadequate. Even when he hit a solid overhead, I caught myself thinking, Take it easy, old-timer! And on one occasion, when Sampras was caught flat-footed and unable even to lunge for a passing shot, an un-thinkable occurred to me: Here was King Lear in Nike shorts, wandering around on the heath while thunderbolts in the form of Roger Federer serves and forehands lit the night sky all around him.Poor Pete, I thought. Is it the fate of all aging champs to run out the string the same way, to find themselves plowing, vain and vainly, straight ahead into the jaw-shattering and nose-obliterating punches of a younger rival and successor? Aren’t any of these guys smart enough to avoid that fate?Well, once again, in due time I would hear the tennis gods tsk-tsking and ultimately chiding me: Oh, ye of little faith. . . Because I had forgotten that Sampras is a champion, and champions specialize in doing extraordinary things.

Click here for the full story

Non posso andare avanti, devo andare avanti

Sul 6-3, 3-2 in favore di Roger Federer la scorsa notte, è sembrato che questa esizibione contro il campione con più titoli dello Slam di ogni epoca, Pete Sampras, avesse tutto - tutto tranne il tennis.All’inizio, ero scocciato per quello che percepivo guardando Federer vs Sampras IV dal vivo, invece che in televisione. Sampras sembrava inadeguato. Persino quando colpiva un buono smash, mi ritrovavo a pensare “Rilassati, vecchietto!”. E in una occasione, quando Sampras fu preso in contropiede e incapace di persino allungarsi per un passante, una cosa impensabile mi venne in mente: ecco Re Lear in pantaloncini Nike, che vaga sulla terra mentre dardi di fuoco in forma di dritti e servizi di Roger Federer accendono il cielo notturno attorno a lui.Povero Pete, ho pensato. E’ destino che tutti questi vecchi campioni ri-accordino le racchette nello stesso modo, per ritrovarsi a trattare, vanamente e vanitosamente, contro i pugni di rivali e successori più giovani? Non c’è nessuno di questi ragazzi intelligente abbastanza da evitare tale destino?Beh, ancora una volta, in poco tempo avrei sentito gli dei del tennis sussurrare “tsk tsk” e rimproverarmi: Oh, tu di così poca fede… Perchè mi ero dimenticato che Sampras è un campione, e i campioni sono specializzati nel fare cose straordinarie.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Questions, Questions, Nate Cunningham, MVN.com[…] Roddick beating Rafa and Djokovic is a pretty huge thing. It should convince Andy, not only that he belongs up there with those other guys (a thing he’s found himself saying too often in interviews recently for me to believe he’s really believed it), and, maybe more importantly, that his serve and forehand are still huge weapons, enough to trouble anyone in the world when firing together–with Federer still the obvious exception, until proven otherwise. Roddick’s biggest problem over the last three-and-a-half years has been that he hasn’t been hitting through his forehand the way he used to. Outside of the serve he hasn’t been, consistently, playing like a power player, and although his versatility and court smarts are generally underrated, he should have tried to augment his power game with them, not replace it. Power wins you points, and rattles your opponent enough to win you more. If you have it, use it.

Click here for the full story

Domande, domande

Roddick che batte Rafa e Djokovic è una cosa abbastanza grossa. Dovrebbe convincere Andy, non solo che appartiene all’elite quanto gli altri (una cosa che secondo me ultimamente si è ritrovato a ripetere troppo spesso nelle interviste per crederci davvero), e, forse più importante, che il suo servizio e il suo dritto sono ancora armi formidabili, abbastanza da mettere nei guai chiunque al mondo quando funzionano assieme - con Federer come ovvia eccezione, fino a prova contraria. Il problema principale di Roddick negli ultimi tre anni e mezzo è stato il non colpire il suo dritto come faceva prima. Oltre al servizio non ha giocato in modo consistente come un “power player”, e sebbene la sua versatilità e tattica siano state spesso sottovalute, avrebbe dovuto cercare di aumentare la sua potenza con queste, non di sostituirla. La potenza ti fa vincere punti, e intimidisce l’avversario a sufficienza da fartene vincere di più. Se ce l’hai, utilizzala.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Sampras: A Federer French Win Would Settle GOAT , Richard Pagliaro, Tennis WeekPete Sampras is in the Hall of Fame, Roger Federer is headed there. Yet whenever you put two of the greatest players in tennis history together they’re hounded by the shadow of an animal neither man can escape.It’s not the silent shadow of the proverbial elephant in the room: when Sampras and Federer come together with several members of the media it doesn’t take long for the GOAT to emerge.“That debate will go on forever,” Sampras told the media today. “Look at what Laver did back in the ’60s and what Roger is doing now and what I did in the ’90s it’s hard to pick one guy. If Roger wins the French Open and breaks my record for most majors then it’s hard to say that he’s not [the greatest of all time.] Laver back in the day, there were six years he didn’t play the majors so he could have had another Grand Slam.”Hall of Famer Mats Wilander gives Sampras, in his prime, the edge over Federer as of now. “You have to put [Sampras] as the best player in the world. Level wise, it is very difficult to say if it is Pete Sampras or Rod Laver,” Wilander said. “But if you talk about the level that Pete Sampras played at, I would have to say that, when he played well there was no way Roger Federer would have beaten him. Not yet!”

Click here for the full story

Sampras: una vittoria di Federer al RG definirebbe il migliore di tutti i tempi

Pete Sampras è nella Hall of Fame, Federer ci è indirizzato. Tuttavia quando riunisci due dei migliori giocatori della storia, sono inseguiti dall’ombra di un animale a cui nessuno può sfuggire. Non è l’ombra silenziosa del proverbiale elefante nella stanza: quando Sampras e Federer si riuniscono con parecchi componenti dei media, non ci vuole molto perché emerga il tema GOAT [Greatest Of All Time, ndt].“Questo dibattito andrà avanti per sempre,” ha detto Sampras ai media oggi [lunedì, ndt]. “Guardate a quello che ha fatto Laver negli anni 60, cosa sta facendo Roger adesso e cosa ho fatto io negli anni 90. E’ difficile sceglierne uno. Se Roger vince il Roland Garros e supera il mio record di major, allora sarà difficile dire che non è lui [il migliore di sempre]. Laver non potè giocare i major per sei anni, quindi avrebbe potuto vincere un altro Grand Slam.”Il membro della Hall of Fame Mats Wilander dà a Sampras, al suo meglio, del margine sopra Federer, ora come ora. “Si deve scegliere Sampras come miglior giocatore al mondo. Considerando il livello, è difficile dire se è Sampras o Laver,” ha detto Wilander. “Ma se pensi al livello a cui giocò Sampras, dovrei dire che quando giocava al suo meglio non ci sarebbe stata possibilità per Federer di batterlo. Non ancora!”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Indian Wells - Après la maladie, le défi, lequipe.fr

Récemment victimes de problèmes de santé, le numéro un mondial, Roger Federer, et la vainqueur de l’Open d’Australie, Maria Sharapova, tenteront de retrouver le meilleur de leur forme à l’occasion du tournoi d’Indian Wells, qui débute mercredi chez les femmes et jeudi chez les hommes. Sa mononucléose désormais derrière lui, le Suisse (photo L’Equipe) essaiera de mettre les pendules à l’heure et de montrer que son règne est loin d’être fini. De son côté, la Russe, vainqueur à Doha le 24 février, effectuera son retour sur les courts, après avoir dû déclarer forfait au tournoi de Dubaï. Vainqueurs en Californie en 2006, Federer et Sharapova devront néanmoins batailler pour soulever à nouveau un trophée convoité par les meilleurs mondiaux : Rafael Nadal, Novak Djokovic et Nikolay Davydenko chez les hommes; Ana Ivanovic, Svetlana Kuznetsova et Jelena Jankovic chez les femmes.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Indian Wells - Dopo la malattia, la sfida

Recentemente vittime di problemi di salute, il numero uno mondiale, Roger Federer, e la vincitrice dell’Open di Australia, Maria Sharapova, tenteranno di trovare il meglio della loro forma in occasione del torneo di Indian Wells, che comincia mercoledì per le donne e giovedì per gli uomini. La mononucleosi ormai passatai, lo Svizzero proverà a regolare gli orologi e a dimostrare che il suo regno è lungi dall’essere finito. Da parte sua, la Russa, vincitrice a Doha il 24 febbraio, effettuerà il suo ritorno in campo, dopo avere dovuto dichiarare forfait al torneo di Dubai. Vincitori in California nel 2006, Federer e Sharapova dovranno tuttavia combattere per sollevare di nuovo un trofeo ambito dai migliori al mondo: Rafael Nadal, Novak Djokovic e Nikolay Davydenko tra gli uomini; Ana Ivanovic, Svetlana Kuznetsova e Jelena Jankovic tra la donne.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Golovin sur le billard, Bastien Aubert, sport24.com

Tatiana Golovin souffre d’un kyste de 6 cm à la hanche et va se faire opérer mercredi. La Française sera absente pour une période indéterminée.Tati entre deux feuxTatiana Golovin se retrouve dans le genre de situation que personne ne pourrait lui envier. Entre être soulagée sur l’origine de son mal et la certitude de rater au moins un mois de compétition, le penchant à privilégier est délicat à dessiner. Tout semble difficile depuis l’ouverture de la saison et l’information qu’a lâchée L’Equipe dans son édition de mardi est dans cette exacte lignée. Chez elle à Miami, la Française a avoué qu’elle était enfin fixée sur le mal qui la ronge depuis le début de l’année. Croyant souffrir du dos depuis janvier, elle avait fait appel à Jérôme Bianchi (un des kinés de la Fed Cup) après le tournoi de Memphis pour qu’il vienne lui prodiguer ses soins outre-Atlantique. Une semaine passait et aucune évolution n’était alors visible. «J’ai donc passé une IRM et le spécialiste qui l’a analysée m’a dit qu’il n’y avait pas de problème au dos. C’est comme ça qu’on a découvert que j’avais un kyste de six centimètres à la hanche».

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Golovin sul tavolo operatorio

Tatiana Golovin soffre per una ciste di 6 cm all’anca e si farà operare mercoledì. La francese sarà assente per un periodo indeterminatoTati tra due fuochiTatiana Golovin si trova nel tipo di situazione che nessuno non potrebbe invidiarle. Tra l’essere rassicurata sull’origine del suo male e la certezza di mancare almeno un mese di competizioni, è delicato stabilire quale stato d’animo prenda il sopravvento. Tutto sembra difficile dall’inizio della stagione e l’informazione che ha divulgato L’Equipe nella sua edizione di martedì è proprio in questo senso. Di casa a Miami, la francese ha affermato che aveva infine fatto luce sul male che la mina dall’inizio dell’anno. Credendo di soffrire alla schiena da gennaio, aveva fatto appello a Jérôme Bianchi (uno dei fisioterapisti della Fed Cup) dopo il torneo di Memphis perché venisse a prodigargli le sue cure oltre Atlantico. Dopo una settimana non si era verificata alcuna evoluzione. “Ho dunque fatto una risonanza magnetica e lo specialista che la ha analizzata mi ha detto che non c’erano problemi alla schiena.” È così che si è scoperto che avevo una ciste di sei centimetri all’anca “.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Justine Henin, un an sans accroc, Paolo Leonardi, lesoir.be

La Rochefortoise achève cette semaine un an sans interruption à la tête du circuit. Six autres femmes ont réussi l’exploit avant elle.Justine Henin a beau ne jouer qu’un nombre limité de matchs ces temps-ci, elle fait malgré tout parler d’elle.Ainsi, lorsqu’est sorti le nouveau classement WTA ce lundi, on s’aperçoit que la Rochefortoise règne sur le monde pour la 108e semaine de sa carrière. Fait nouveau : elle règne aussi pour la 52e semaine d’affilée, soit un an pile poil au sommet de la hiérarchie féminine.Une exception, Henin ? Non. Depuis sa naissance électronique le 3 novembre 1975, le classement de la WTA a connu six autres joueuses (Chris Evert, Martina Navratilova, Steffi Graf, Monica Seles, Martina Hingis et Serena Williams) qui ont occupé le trône pendant un an ou plus consécutivement.La première fut Evert. Du 10 mai 1976 au 9 juillet 1978, l’Américaine fut la reine pendant 113 semaines. Son record tint près de sept ans puisqu’il fallut attendre le 9 juin 1985 pour voir Navratilova lui succéder pour la… 156e semaine consécutive. La prise de pouvoir de l’ancienne Tchécoslovaque était intervenue quasiment jour pour jour trois ans plus tôt, dans la foulée de sa victoire à Roland Garros.Six ans plus tard, une autre femme d’exception vint interrompre la monotonie qu’Evert et Navratilova avaient instaurée dans leurs règnes : Graf. « Fraulein Forehand » (madame coup droit) établit le 10 mars 1991 un nouveau record avec 186 semaines consécutives passées sur le toit du monde.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Justine Henin un anno senza interruzioni

La tennista di Rochefort completa questa settimana un anno alla testa del circuito senza interruzioni. Sei altre donne sono riuscite nell’impresa prima di lei.Justine Henin nonostante giochi soltanto un numero limitato di incontri di questi tempi, fa comunque parlare di sè. Così, quando è uscita la nuova classifica WTA questo lunedì, ci si accorge che la Belga regna sul mondo per la 108 settimana in carriera. Novità: regna anche per la 52 settimana consecutiva, cioè un anno preciso al vertice della gerarchia femminile. Un’eccezione, Henin? No. Dalla sua nascita elettronica il 3 novembre 1975, la classifica della WTA ha conosciuto sei altre giocatrici (Chris Evert, Martina Navratilova, Steffi Graf, Monica Seles, Martina Hingis e Serena Williams) che hanno occupato il trono durante un anno o più consecutivamente. La prima fu Evert. Dal 10 maggio 1976 al 9 luglio 1978, l’americana fu la regina per 113 settimane. Il suo record durò quasi sette anni poiché bisognò aspettare il 9 giugno 1985 per vedere Navratilova succederle per… la 156 settimana consecutiva. La presa di potere della ex cecoslovacca era iniziata quasi lo stesso giorno di tre anni prima, sulla scia della sua vittoria a Roland Garros.Sei anni più tardi, un’altra donna d’eccezione venne ad interrompere la monotonia che Evert e Navratilova avevano instaurato nei loro regni: Graf. “Fraulein Forehand” (signorina diritto) stabilisce il 10 marzo 1991 un nuovo record con 186 settimane consecutive passate sul tetto del mondo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 11 MarchAggiornato l’11 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- In defense of Andy, Justin Gimelstob, Sports Illustrated (In difesa di Andy)- A little aplomb would go a long way for Baghdatis, Ravi Ubha, ESPN.com (Un po’ di aplomb sarebbe di grande aiuto a Baghdatis)- The Good Sports, Peter Bodo, Tennis.com (I buoni sportivi)- Dementieva et Bartoli coude à coude, eurosport.fr (Dementieva e Bartoli gomito a gomito)- Querrey fait tilt à Vegas, Bastien Aubert, sport24.com (Querrey fa tilt a Las Vegas)- Andy Roddick, tempête du désert!, Serge Fayat, La Dernière Heure (Andy Roddick, tempesta del deserto!)- Tsonga et le rêve américain, Pierre-Gilles Huot, sports.fr (Tsonga ed il sogno americano)

In defense of Andy , Justin Gimelstob, Sports Illustrated

Yes, Andy Roddick is my friend. But that’s not why I’m about to spout off. This is about coming face-to-face with a fellow writer who I believe took it too far — even though he’s the guy who got me this gig.I’m writing this because a 25-year-old professional tennis player — one who has already won the U.S. Open, held the No. 1 ranking in the world and has been the stalwart of the reigning Davis Cup champions — doesn’t deserve to be represented as a failure or a malcontent.He deserves to be appreciated as a first-ballot Hall-of-Famer who continues to strive for excellence on and of the court. This doesn’t mean Roddick shouldn’t be subjected to criticism — one of Andy’s most admirable qualities is his self-deprecation and acknowledgement of his flaws (e.g., “I’ve been a brat long before working with Jimmy Connors, so don’t blame that on him!”).I understand the symbiotic relationship between athletes and the media. The more attention and exposure an athlete gets, the more marketable he becomes. The better the access the media gets to an athlete, the better the job it can do to paint interesting, entertaining insights.

Click here for the full story

In difesa di Andy

Sì, Andy Roddick è mio amico. Ma non è questo il motivo per cui sto per infervorarmi. Questo è un faccia a faccia con un mio collega [Jon Wertheim, ndr]che penso si sia spinto troppo in là - anche se è la persona che mi ha procurato questo piccolo impiego.Sto scrivendo questo pezzo perché un giocatore professionista di 25 anni - uno che ha già vinto lo US Open, detenuto la prima posizione mondiale ed è stato il leader dei campioni di Davis in carica - non merita di essere rappresentato come un fallimento o una delusione.Merita di essere apprezzato come un candidato alla Hall of Fame che continua a inseguire l’eccellenza dentro e fuori dal campo. Questo non significa che Roddick non dev’essere soggetto a critiche - una delle migliori qualità di Andy è il suo non prendersi sul serio e il riconoscere le sue debolezze (es. “sono una peste da molto tempo prima di lavorare con Jimmy Connors, quindi non prendetevela con lui!”).Capisco la simbiotica relazione tra atleti e media. Più attenzione e spazio riceve un giocatore, più diventa “vendibile”. Meglio i media riescono ad avvicinarsi a un giocatore, meglio possono lavorare per creare storie divertenti e interessanti.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

A little aplomb would go a long way for Baghdatis, Ravi Ubha, ESPN.com

Marcos Baghdatis was in Las Vegas last week, which was only fitting. After all, he wouldn’t look out of place captivating an audience, perhaps as a comedian, at some gargantuan hotel on the strip.The flamboyant Cypriot, of course, was instead taking part in the Tennis Channel Open, home to a modest field while the big boys were in Dubai. Like a few others in the draw — Marat Safin, Lleyton Hewitt, Guillermo Canas and Robby Ginepri — Baghdatis was trying to jump start his career.Even though the 22-year-old fan favorite has already played in some of the tour’s most memorable matches in recent seasons, he’s lacked consistency since beginning a run of unlikely Australian Open finalists and is onto his third coach in less than a year. The talent is there, though Baghdatis admits it’s between the ears where he’s partly struggled.

Click here for the full story

Un po’ di aplomb sarebbe di grande aiuto a Baghdatis

Marcos Baghdatis era a Las Vegas la scorsa settimana, dove stava benissimo. Dopo tutto, non sarebbe sembrato fuori posto magari come attore che cattura l’attenzione del pubblico, in qualche lussoso hotel sullo Strip.L’estroverso cipriota, ovviamente, stava invece prendendo parte al Tennis Channel Open, un tabellone modesto, mentre i grossi nome erano a Dubai. Come qualcun altro nel tabellone - Marat Safin, Lleyton Hewitt, Guillermo Canas e Robby Ginepri - Baghdatis stava cercando di far ripartire la sua carriera.Sebbene il 22enne amato dai fan abbia già giocato alcuni dei match più memorabili delle scorse stagioni, è mancato di consistenza fin da quando è arrivato stranamente in finale agli Australian Open ed ha cambiato il suo terzo coach in meno di un anno. Il talento c’è, sebbene Baghdatis ammetta che la parte che lo fa faticare di più è quella che sta tra le due orecchie.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The Good Sports , Peter Bodo, Tennis.com

Forget that this is an exhibition. Just think how rarely players of comparable skills and achievements have been able to flex their muscles and egos and go head-to-head in a such a potentially telling way. And that’s for one simple reason: Sampras is just 36, among the things that he can do as well (or almost as well) as ever is serve, which also happens to be the thing he always did best - it was the stroke upon which he built his reputation. Federer is a decade and four days younger (he was born on Aug. 8th, Sampras on the 12th). True, that’s an entire generation in tennis terms, but the bottom line is the difference between 26 and 36 is a lot smaller than between 16 and 26, or 36 and 46. We’re just lucky, if Sampras is not, that the first player to challenge his claim as the greatest-ever came along so quickly.So this really is a unique moment in history, and I sensed that at the press conference. One thing that amazed me was the degree of credibility everyone present seemed to accord this event. Nobody expressed the kind of skepticism or outright cynicism that such extraveganzas often incite, or hammered away at the So how real is it? theme. It was as if it doesn’t matter: what you have here was two great champions who clearly feel the utmost respect - and a good deal of personal warmth - toward each other. And they’ve agreed to go out and let a few rip.

Click here for the full story

I buoni sportivi

Dimenticatevi che questa è un’esibizione. Pensate solo a quanto raramente giocatori di comparabile talento e risultati sono stati in grado di flettere i loro muscoli ed ego e scontrarsi in un testa a testa in un modo così potenzialmente espressivo. E lo è, per un’unica semplice ragione: Sampras ha solo 36 anni, tra le cose che può fare bene (o almeno quasi) come ha sempre fatto, c’è il servizio, che fatalità è la cosa che ha sempre fatto meglio - il colpo con cui ha costruito la sua reputazione. Federer è dieci anni e quattro giorni più giovane (lui è nato l’8 agosto, Sampras il 12). Già, è un’intera generazione in termini tennistici, ma la cosa fondamentale è che la differenza tra 26 e 36 è molto minore che tra 16 e 26, o 36 e 46. Siamo semplicemente fortunati, mentre forse Sampras non lo è, che il primo giocatore a sfidare la sua posizione di migliore di sempre sia arrivato così presto.Quindi questo è davvero un momento unico nella storia, e l’ho avvertito alla rassegna stampa. Una cosa che mi ha colpito molto è stato il livello di credibilità che ognuno presente è sembrato accordare all’evento. Nessuno ha espresso quella specie di scetticismo o quasi cinismo che tali stravaganze spesso incitano, oppure portato il tema “Quanto reale è?”. E’ stato come se non importasse: quello che abbiamo sono due grandi campioni che chiaramente sentono il più grande rispetto - e una buona quantità di amicizia - a vicenda. E hanno deciso di andare lì fuori e darsele.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Dementieva et Bartoli coude à coude, eurosport.fr

Elena Dementieva et Marion Bartoli connaissent actuellement des trajectoires inversées. La Russe, qui est revenue au premier plan grâce à sa victoire à Dubaï, est désormais à 18 petits points du top 10 du classement WTA et a fortiori de Marion Bartoli, qui vient de glisser à la dixième place.Une demi-finale à Coubertin, une victoire à Dubaï, Elena Dementieva a retrouvé les valeurs de son tennis et le haut du pavé du classement WTA. Huitième mondiale l’année dernière à Anvers, elle avait quitté le top 10 pendant la quasi totalité de la saison pour refaire une brève apparition à la dixième place avant son dernier tournoi à Zurich. Elle peut raisonnablement espérer revenir dans le saint des saints du classement technique dans les semaines à venir.Sa progression croise par ailleurs celle, inverse, de Marion Bartoli. Battue deux fois au premier tour lors de ses deux dernières sorties, à Doha et Dubaï, la Française doit réagir pour ne pas s’engluer à la 11e place.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Dementieva e Bartoli gomito a gomito

Elena Dementieva e Marion Bartoli seguono attualmente percorsi inversi. La Russa, che è ritornata in primo piano grazie alla sua vittoria a Dubai, è ormai a 18 piccoli punti dal top 10 della classifica WTA ed a maggior ragione di Marion Bartoli, che è appena scivolata al decimo posto. Una semifinale a Coubertin, una vittoria a Dubai, Elena Dementieva ha ritrovato i valori del suo tennis e la parte alta della classifica WTA. Ottava mondiale l’anno scorso ad Anversa, aveva lasciato il top 10 per la quasi totalità della stagione per rifare una breve comparsa al decimo posto prima del suo ultimo torneo a Zurigo. Può ragionevolmente sperare di ritornare nel sancta sanctorum della classifica tecnica nelle settimane prossime. La sua progressione incrocia d’altra parte quella, inversa, di Marion Bartoli. Battuta due volte al primo turno in occasione delle sue ultime due uscite, a Doha e Dubai, la francese deve reagire per non invischiarsi alla 11 posizione.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Querrey fait tilt à Vegas, Bastien Aubert, sport24.com

Sam Querrey a remporté son premier titre sur le circuit à Las Vegas en dominant Kevin Anderson en finale (4/6 6/3 6/4). Michaël Llodra et Julien Benneteau se sont imposés en double.Douze aces pour QuerreyLe circuit réserve de bien belles surprises en ce début d’année. Kei Nishikori avait été sacré à Delray Beach, Sergiy Stakhovsky à Zagreb, Steve Darcis à Memphis et Sam Querrey leur a emboîté le pas la nuit dernière à Las Vegas. Le rouquin de San Francisco, toujours cité parmi les talents en devenir au pays des cowboys, a confirmé la rumeur en se payant Kevin Anderson en finale après deux heures de jeu (4/6 6/3 6/4). Le Sud-Africain, tombeur de Michaël Llodra au premier tour et véritable révélation dans le Nevada, aura réalisé un départ canon avec un break d’entrée et une manche dans la besace. La suite était moins glorieuse, l’Américain ne perdant plus jamais son service et s’emparant de celui d’Anderson une fois dans chaque set. A 2/2 dans la dernière ligne droite, Querrey produisait son effort et bouclait la partie sur un jeu blanc ponctué d’un 12e ace. Avec douze victoires pour six défaites depuis le début de la saison, le Californien grimpe au 48e rang mondial lundi et ne boude pas son plaisir : «Je me sens bien, j’ai accumulé pas mal de confiance depuis quelque temps et j’ai bien joué depuis lundi».

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Querrey fa tilt a Las Vegas

Sam Querrey ha vinto il suo primo titolo sul circuito a Las Vegas dominando Kevin Anderson in finale (4/6 6/3 6/4). Michaël Llodra e Julien Benneteau si sono imposti inDodici aces per QuerreyIl circuito riserva belle sorprese in quest’inizio d’anno. Kei Nishikori era stato incoronato a Delray Beach, Sergiy Stakhovsky a Zagabria, Steve Darcis a Memphis e Sam Querrey li ha seguiti da vicino la notte scorsa a Las Vegas. Il roscio di San Francisco, sempre citato fra i talenti in divenire del paese dei cowboy, ha confermato la voce battendo in finale Kevin Anderson dopo due ore di gioco (4/6 6/3 6/4). Il Sudafricano che ha battuto Michaël Llodra al primo turno e vera rivelazione nel Nevada, avrà realizzato una partenza fulminante con un break d’ingresso ed un set nella bisaccia. Il seguito era meno glorioso, dal momento che l’americano non perdeva più il suo servizio e strappava quello di Anderson una volta in ogni set. Sul 2/2 nell’ultimo rettilineo, Querrey produceva il massimo sforzo ed agguantava la partita su un gioco a zero illuminato dal 12 ace. Con dodici vittorie su sei sconfitte dall’inizio della stagione, il californiano scala al 48 posto mondiale lunedì e non nasconde il suo piacere: “mi sento bene, ho accumulato molta fiducia da un po’ di tempo ed ho giocato bene da lunedì”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Andy Roddick, tempête du désert!, Serge Fayat, La Dernière Heure

Il sait encore jouer au tennis… Andy Roddick (ATP 6) a effectué un remarquable retour sur le devant de la scène en inscrivant, samedi, son nom au palmarès du prestigieux tournoi sur dur de Dubai, doté de 1.426.000 dollars, qui réunissait neuf des onze meilleurs joueurs mondiaux et qu’il disputait pour la première fois. En finale, l’Américain aux allures d’enfant hyperkinétique a battu Feliciano Lopez (ATP 41), l’invité surprise, 6-7 (8/10), 6-4 et 6-2 pour s’adjuger son deuxième titre de la saison et le 25e de sa carrière.“Je suis très excité”, confia le Texan, qui frappa 22 aces et ne dut pas écarter la moindre balle de break de tout le match. “J’avais dit il y a quelques semaines que ma décision de venir jouer ce tournoi était liée au désir de défier les meilleurs et je suis content d’y être parvenu. Le fait d’avoir gagné me laisse à penser qu’il s’agissait d’une bonne idée, sourit-il. Je suis surtout heureux de bien jouer au tennis à l’heure actuelle…”

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Andy Roddick, tempesta del deserto!

Sa ancora giocare a tennis… Andy Roddick (ATP 6) ha effettuato un notevole ritorno sulla scena iscrivendo, sabato, il suo nome nell’albo d’onore del prestigioso torneo su duro di Dubai, dotato di 1.426.000 dollari, che riuniva nove degli undici migliori giocatori mondiali e che disputava per la prima volta. In finale, l’americano dall’andatura di bambino ipercinetico ha battuto Feliciano Lopez (ATP 41), l’ospite a sorpresa, 6-7 (8/10), 6-4 e 6-2 per aggiudicarsi il suo secondo titolo della stagione e 25 della carriera. “sono molto eccitato”, ha confidato il Texano, che ha colpito 22 aces e non ha dovuto annullare la benché minima palla break in tutto l’incontro. “Avevo detto alcune settimane fa che la mia decisione di venire a giocare questo torneo era legata al desiderio di sfidare i migliori e sono contento di esserci riuscito.” Il fatto di avere vinto mi fa pensare che fosse una buona idea, sorride. Sono soprattutto felice di giocare bene a tennis in questo momento… ”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Tsonga et le rêve américain, Pierre-Gilles Huot, sports.fr

Jo-Wilfried Tsonga est de retour aux affaires. Après s’être accordé un repos bien mérité suite à son élimination précoce à Marseille, le nouvel homme fort du tennis tricolore s’apprête à défendre ses chances cette semaine au Masters Series d’Indian Wells. Un gros rendez-vous attendu avec impatience par le Manceau, qui se sait attendu au tournant après sa place de finaliste surprise à l’Open d’Australie en début d’année. Tête de série, le 17e joueur mondial tentera de confirmer son nouveau statut face aux plus fines gâchettes. Jo-Wilfried Tsonga a retrouvé ses esprits. Face à un véritable déluge médiatique consécutif à son fabuleux parcours réalisé à Melbourne, le protégé d’Eric Winogradsky a tenu à mettre l’accent sur la récupération tant mentale que physique après son élimination au premier tour de l’Open 13.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Tsonga ed il sogno americano

Jo-Wilfried Tsonga torna agli affari. Dopo essersi accordato un ben meritato riposo dopo la sua precoce eliminazione a Marsiglia, il nuovo uomo forte del tennis tricolore si prepara a difendere le sue chances questa settimana al Masters Series di Indian Wells. Un grande appuntamento atteso con impazienza dal giocatore di Le Mans, che sa di essere atteso dopo il suo posto di finalista a sorpresa all’Open di Australia all’inizio dell’anno. Testa di serie, il 17 giocatore mondiale tenterà di confermare la sua nuova condizione di fronte ai migliori cecchini. Jo-Wilfried Tsonga si è ripreso. Di fronte ad una vera inondazione mediatica a seguito del suo favoloso percorso realizzato a Melbourne, il protetto di Eric Winogradsky ha tenuto a mettere l’accento sul recupero tanto mentale quanto fisico dopo la sua eliminazione al primo turno del 13 Open.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 10 MarchAggiornato il 10 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- I’ll be back says Jimmy Connors after split with Roddick, Neil Harman, Times Online (’Tornerò’, dice Jimmy Connors dopo la separazione da Roddick)- Roddick win proves him the world’s ‘best bad player ever’ , Paul Newman, The Indipendent (La vittoria di Roddick dimostra che lui è ‘il miglior giocatore scarso di tutti i tempi’)- Roddick, Serena, Querrey Come up Huge in Dubai, Bangalore, Vegas, Tennis Reporters (Roddick, Serena e Querrey vincono prepotentemente a Dubai, Bangalore e Las Vegas)- Tebbutt: Williams sisters finally ‘normal?’, Tom Tebbutt, Theglobandmail (Tebbutt: le sorelle Williams sono finalmente “normali”?)- The Evans Report: Flight To NetJets Showdown A Memorable Trip , Richard Evans, Tennis Week (Il volo per NetJets la resa dei conti di un viaggio memorabile)- Wildcards Announced for Indian Wells , Scott Perlstein, Bob Larson’s Tennis News (Annunciate le wildcard per l’Indian Wells)- Roddick overcomes the odds to take Dubai title , Barry Wood, uk reuters (Roddick sorprende tutti e si prende il titolo di Dubai)- Serena wins the battle , Deepika Sharma, Hindustan Times(Serena vince la battaglia)- Serena est de retour, sport.fr (Serena è tornata)- Federer et Sampras sont prêts à en découdre devant une salle comble au MSG, Howard Fendrich, The Associated Press (Federer e Sampras sono pronti a darsi battaglia di fronte a una sala gremita al MSG)

I’ll be back says Jimmy Connors after split with Roddick, Neil Harman, Times Online

Jimmy Connors has let it be known that the break-up of his partnership with Andy Roddick — who did not seem too shattered by it given his scintillating displays at the Barclays Dubai Championships last week — is not the prelude to a second long-term disappearing act from a sport he once dominated as no other.Connors, who was tempted out of retirement in 2006 by the promise of inspiring Roddick back to the grand-slam pinnacle, will enjoy a spell away from the hurly-burly of the circuit and then set his mind to helping to build his country back to the force it was in the game when he was its No 1 player, helping himself to a record 109 career titles in a 22-year professional career.The closest Roddick came to cementing the alliance with a grand-slam success was reaching the final of the US Open later in their first year together, the most frustrating his loss in the quarter-finals of Wimbledon last summer when he led Richard Gasquet, of France, by two sets. The cause of their separation was Connors’ reluctance to travel to all corners of the world.

Click here for the full story

‘Tornerò’, dice Jimmy Connors dopo la separazione da Roddick

Jimmy Connors ha reso noto che la fine della sua collaborazione con Andy Roddick – che non è sembrato molto scosso da tutto ciò, considerando le sue brillanti prestazioni al torneo di Dubai della scorsa settimana – non è il preludio ad un suo secondo abbandono dello sport che un tempo ha dominato come nessun’altro.Connors, che fu spinto a ritornare nel 2006 dalla promessa di motivare di nuovo Roddick a tornare al vertice nelle prove del Grande Slam, si godrà un breve periodo lontano dalla caos del circuito per poi concentrarsi nel tentativo di aiutare il suo paese a tornare quella forza che era quando lui era il n°1 del mondo, permettendogli di raggiungere un record di 109 tornei vinti in 22 anni di carriera professionistica.Il massimo che Roddick ha ottenuto nel tentativo di vincere una prova dello slam è stata la finale degli Us Open in quel primo anno della loro collaborazione; il momento più frustrante è stata la sconfitta nei quarti di finale di Wimbledon la scorsa estate quando era avanti di due set sul francese Richard Gasquet. La causa della separazione è stata la reluttanza di Connors a viaggiare in tutti gli angoli del mondo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Roddick win proves him the world’s ‘best bad player ever’ , Paul Newman, The Indipendent

Andy Roddick sometimes calls himself “the best bad tennis player of all time”. The 25-year-old American has 25 titles to his name and has not been out of the world’s top 20 for more than six years, yet he has spent a professional lifetime answering questions about the deficiencies in his game.Apart from his thunderous serve and booming forehand, it is said, the world No 6 cannot play. And when Jimmy Connors helped bring about a rise in his fortunes following his appointment as coach two summers ago, all the talk was of the genius of the eight-times Grand Slam champion rather than the man with just the 2003 US Open to his name.Roddick, who parted company with Connors 10 days ago, insists he has not had a point to prove, but his performances over the last week here at the Barclays Dubai Championships have told their own story.

Click here for the full story

La vittoria di Roddick dimostra che lui è ‘il miglior giocatore scarso di tutti i tempi’

Andy Roddick qualche volta si autodefinisce “il miglior giocatore scarso di tutti i tempi”. Il 25enne americano ha vinto 25 tornei e non è mai uscito dai primi 20 del mondo negli ultimi 6 anni, e tuttavia ha passato tutta la sua vita da professionista rispondendo a domande sulle carenze del suo gioco.A parte il suo servizio tuonante e il suo diritto esplosivo, si è sempre detto che il n°6 del mondo non sappia giocare. E quando Jimmy Connors lo ha aiutato a crescere di livello dopo essere stato assunto come coach nell’estate di due anni fa, tutti hanno evidenziato il genio dell’otto volte vincitore di Slam, piuttosto che esaltare l’uomo che ha vinto solo l’Open degli Stati Uniti del 2003.Roddick, che si è separato da Connors 10 giorni fa, insiste che non aveva nulla da dover dimostrare, ma le sue prestazioni durante l’intera settimana qui al torneo di Dubai hanno raccontato un nuovo capitolo della storia.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Roddick, Serena, Querrey Come up Huge in Dubai, Bangalore, Vegas, Tennis Reporters

It’s been a long time since America’s top players could claim that they dominated a week of tennis. But with Andy Roddick’s stunning title run in Dubai and Serena Williams’ refreshing title romp in Bangalore, US tennis fans had every right to celebrate long and hard on Sunday afternoon.It’s the first time that Roddick and Serena - America’s two top players over the past five years — have won crowns together in the same week since 2004 Miami.Add to that the first career title for unseeded American Sam Querrey in his 4-6, 6-3, 6-4 victory of South African qualifier Kevin Anderson at the Tennis Channel Open in Las Vegas, and US fans have a delicious three course meal in which to partake.

Click here for the full story

Roddick, Serena e Querrey vincono prepotentemente a Dubai, Bangalore e Las Vegas

E’ passato molto tempo dall’ultima volta in cui i miglior giocatori degli Stati Uniti avevano potuto affermare di aver dominato una settimana del circuito tennistico professionistico. Ma grazie all’impressionante corsa di Roddick verso il titolo di Dubai e alla rigenerante cavalcata di Serena Williams al torneo di Bangalore, i tifosi del tennis americano hanno avuto tutti i diritti di festeggiare a lungo e intensamente domenica pomeriggio.E’ la prima volta a partire dal 2004 a Miami che Roddick e Serena – i due migliori giocatori americani degli ultimi cinque anni – hanno vinto i rispettivi titoli insieme nella stessa settimana.Aggiungendo poi che l’americano Sam Querrey ha vinto il primo titolo della carriera al torneo di Las Vegas, pur non essendo compreso tra le teste di serie e sconfiggendo in finale il qualificato sudafricano Kevin Anderson, i fans statunitensi hanno una delizioso pasto a base di tre portate a cui partecipare.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tebbutt: Williams sisters finally ‘normal?’, Tom Tebbutt, Theglobandmail

After more than 10 years of playing each other on the professional tour, sisters Serena and Venus Williams may have finally learned how to do so without it being a totally traumatic experience.Serena defeated Venus 6-3, 3-6, 7-6(4), after saving a match point, in the semi-finals of a WTA Tour event in Bangalore, India, on Saturday and it was, from all accounts, a well-played, exciting match.One revealing aspect was the post-match handshake at the net. It was brief, reasonably courteous and without any fawning. There was nothing particularly sisterly about it and could have been between any two players on the women’s tour.

Click here for the full story

Tebbutt: le sorelle Williams sono finalmente “normali”?

Dopo più di dieci anni di partite giocate l’una contro l’altra a livello professionale, le sorelle Serena e Venus Williams forse hanno finalmente imparato ad affrontarsi senza trasformare ogni partita in un’esperienza totalmente traumatica. Sabato scorso, Serena ha battuto la Venus 6-3, 3-6, 7-6(4), dopo il salvataggio di un match point, alle semi-finali del WTA di Bangalore, India, ed è stata, sotto tutti i punti di vista, una partita emozionante e ben giocata.Un aspetto rivelatore del cambiamento è stata la stretta di mano a fine partita. È stata breve, ragionevolmente affabile e senza nessun servilismo. Non c’era niente di particolarmente fraterno in quella stretta, come tra due giocatrici qualsiasi del torneo femminile.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

The Evans Report: Flight To NetJets Showdown A Memorable Trip , Richard Evans, Tennis Week

Appropriately for an event sponsored by NetJets, the arrival by air of Roger Federer, Pete Sampras and co-promoter Ivan Lendl into the Tri-State area on a gusty, storm-ripped Saturday night was — how shall we put it? Memorable?Federer’s flight was diverted to Baltimore; Sampras eventually touched down at 2 a.m. and Lendl, flying into Westchester Airport, was extremely happy when the wheels hit the tarmac because the plane was practically out of fuel and wind had driven the plane down the runway at about 100 mph faster than the flight manual suggests.

Click here for the full story

Il volo per NetJets la resa dei conti di un viaggio memorabile

Da un evento sponsorizzato dalla NetJets, leader mondiale dell’aviazione privata, ci si aspetterebbe che l’arrivo in aereo di Roger Federer, Pete Sampras e Ivan Lendl nell’area di New York in un burrascoso sabato notte sia – come dire? Memorabile?Il volo di Federer è stato dirottato su Baltimora; Sampras ha finito con l’atterrare alle 2 del mattino e Lendl, in volo verso l’aeroporto di Westchester, era estremamente felice di sentire le ruote aprirsi sulla pista dopo che l’aereo era rimasto praticamente senza benzina e il vento aveva fatto schizzare l’aereo a 160 km orari in più del massimo consentito dai manuali di volo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Wildcards Announced for Indian Wells , Scott Perlstein, Bob Larson’s Tennis News

An impressive group of American players, including veterans Mardy Fish and Robby Ginepri and rising stars Donald Young, John Isner, Vania King, Asha Rolle, Bethanie Mattek, Angela Haynes, Madison Brengle and Melanie Oudin have been granted wild cards for the 2008 Pacific Life Open, to be held March 10-23 at the Indian Wells Tennis Garden.Three other players that have been granted wildcards into the event are former top ten player Mario Ancic and outstanding Juniors Urszula Radwanska from Poland and Anastasia Pivovarova from Russia.Wildcards for the men’s qualifying draw were awarded to Michael McClune, Ryan Thacher and Jesse Levine. Wild cards for the women’s qualifying draw were awarded to Riza Zalameda, Anne Yelsey, Coco Vandeweghe, Gail Brodsky and Amber Liu. Two other wildcards (one man, one woman) will be given to the winners of the Pacific Life Open Pre-Qualifying tournament, to be held March 8-9 at the Indian Wells Tennis Garden.

Click here for the full story

Annunciate le wildcard per l’Indian Wells

Un gruppo impressionante di giocatori americani, inclusi i veterani Mardy Fish e Robby Ginepri e le nuove star emergenti Donald Young, John Isner, Vania King, Asha Rolle, Bethanie Mattek, Angela Haynes, Madison Brengle e Melanie Oudin hanno ricevuto le wildcard per il Pacific Life Open del 2008, che si terrà allo stadio dell’Indian Wells Tennis Garden dal 10 al 23 marzo.Altri tre giocatori che hanno ricevuto la wildcard sono ex giocatori della top ten: Mario Ancic e l’eccezionale Urszula Radwanska dalla Polonia e la russa Anastasia Pivovarova.Le wildcard per il tabellone maschile sono andate a Michael McClune, Ryan Thacher e Jesse Levine. Le wildcard per il tabellone femminile sono andate a Riza Zalameda, Anne Yelsey, Coco Vandeweghe, Gail Brodsky e Amber Liu. Altre due wildcard (una maschile e una femminile) saranno assegnate ai vincitori del torneo per le pre-qualificazioni, che si terrà sempre all’Indian Wells Tennis Garden l’8 e 9 marzo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Roddick overcomes the odds to take Dubai title , Barry Wood, uk reuters

When Andy Roddick defeated Spaniard Feliciano Lopez 6-7 6-4 6-2 to win the Dubai Championships on Saturday, he did it against the odds.The sixth-seeded American had arrived late after competing in Memphis the week before and admitted that he almost sleepwalked through his first two rounds.“I was literally asleep before my first match, on the floor in the players lounge with people stepping over me and (Novak) Djokovic dropping stuff on me,” said Roddick after his victory.“I actually didn’t warm up that day because I was pretty tired. I really didn’t know what to expect coming in, and maybe that’s why I played well. Who knows?”“I stated a couple of weeks ago that a big part of decision to come here was to try to get a shot at the top players,” said Roddick.“If I can keep the form I had this week I’ll definitely be a threat again at the slams.”Roddick’s victory, his second this season after his win in San Jose last month, also gave him the opportunity to hit back at critics who claim his game is one-dimensional and consists of nothing but a big serve.“I think the only thing that bothers me is that sometimes I get presented as not a very good tennis player,” said Roddick. “I can play sometimes, besides the serve.“I’m serving well, but I think I’m hitting my forehand pretty well and there’s not much I’m not happy with as far as this week goes. I’ve been playing the right way, which is good.“Sometimes I tell people that I’m the best bad tennis player of all time.”“With the exception of Roger (Federer), if you look at my record against the rest of the top 10 it’s pretty good for a guy who can serve and can’t really volley or hit a backhand or his forehand isn’t big anymore.“The list goes on and on and on. There must be something there.”

Click here for the full story

Roddick sorprende tutti e si prende il titolo di Dubai

Andy Roddick ha superato lo spagnolo Lopez nella finale di Dubai superando ogni aspettativa. Lo stesso statunitense ammette che la sua preparazione a questo torneo era stata piu’ che sommaria : Il primo giorno mi sono allenato male, ero appena arrivato da Memphis ed ero molto stanco. Sono venuto qui senza molte aspettative e forse e’ proprio questo il motivo per cui ho giocato così bene. Se saro’ cosi bravo da mantenere il livello che ho tenuto in questa settimana anche in futuro saro’ una sicura minaccia in vista delle prossime prove del grande slam “. La vittoria di Andy, la sua seconda del 2008, ha permesso allo statunitense di togliersi qualche sassolino dalle scarpe: “ L’unica cosa che mi da veramente fastidio e’ quando vengo etichettato come un giocatore cha ha solo…un gran servizio. Penso di aver dimostrato che c’e’ dell’altro nel mio gioco. Servo molto bene, certamente, ma anche il mio dritto non mi sembra male e il livello che ho raggiunto questa settimana mi ha completamente soddisfatto . Se escludiamo Federer, il mio bilancio con gli altri top ten non e’ da buttare per uno che ha solo il servizio e non sa colpire le volee’ e il rovescio. Evidentemente c’e dell’altro nel mio repertorio… Qualche volta mi piace considerarmi il miglior scarso giocatore di tutti i tempi”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Serena wins the battle , Deepika Sharma, Hindustan Times

It’s been almost three long years since the world witnessed one of the most-loved rivalries in international tennis. It is a rivalry that has only been sweet and never bitter. Eight and six-time Grand Slam champions Serena and Venus Williams are each other’s favourite — not just as fierce competitors when they play each other but primarily off the battlefield.They had last met in the fourth round of the 2005 US Open and the wait of seeing them play each other once again ended at the WTA Tier II $6,00,000 Bangalore Open on a Super Saturday. Unlike their previous face-off, where Venus won in straight sets, it was an out-of-form Serena who pulled off a thrilling 6-3, 3-6, 7-6 (4) victory in the semifinals in Bangalore.In the end, there were no hugs and kisses exchanged. They only shook hands like professionals. The American sweethearts entertained the crowd especially in the nail-biting final set tie-breaker.In a close match, where the tennis gurus would not be too happy with quality of tennis, both players were erratic and clearly not at their best.But the one area where Serena seemed to have completely overpowered her sister was with the serves. She fired seven aces compared to Venus’s two and even had a higher first serve percentage.There weren’t too many brilliant rallies except for the one in the second set where both the players returned well from the baseline before Serena hit a forehand into the net.After the match, Serena said that despite the long gap, the feeling was nothing new on playing her sister. “We have played a lot together. We have practiced a lot too. I really felt as if I had played her yesterday.”“I feel, both of us were not at our best today. But we are getting there.”

Click here for the full story

Serena vince la battaglia

Sono passati quasi tre anni dall’ultima occasione in cui gli appassionati avevano potuto assistere all’ultimo atto di una delle rivalita’ piu’ amate nella storia di questo sport. Una rivalita’ dolce, mai amara. Le pluricampionesse Venus e Serena Willams sono l’una la miglior estimatrice dell’altra, dentro e fuori dal campo. Il loro ultimo scontro risaliva agli ottavi di finale degli Us Open del 2005. L’attesa di rivederle all’opera si e’ conclusa sabato quando le due sorelle si sono incontrate nella semifinale del torneo di Bangalore. Al termine del match, non abbiamo assistito a baci e abbracci, ma ad una professionale stretta di mano. E’ stato un match molto serrato dalla qualita’ tecnica non certo eccelsa, in cui Serena ha avuto la meglio su Venus grazie soprattutto alla supremazia del servizio. I sette aces della piu’ giovane delle sorelle hanno fatto la differenza. Nonostante sia passato molto tempo dal loro precedente incontro, Serena ha dichiarato : “ Giochiamo e ci alleniamo tantissimo assieme. E’ come se avessimo giocato il giorno prima. Nessuno di due era al meglio oggi. Ma ci stiamo arrivando”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Serena est de retour, sport.fr

L’Américaine Serena Williams, tête de série N.3, a remporté dimanche aux dépens de la Suissesse Patty Schnyder (N.4), son premier titre de l’année au tournoi de tennis de Bangalore, auquel elle participait pour la première fois. La cadette des soeurs Williams, 11e joueuse mondiale, a battu la Suissesse, 12e joueuse mondiale, en deux sets 7-5, 6-3. L’Américaine empoche ainsi le 29e titre de sa carrière.“C’était vraiment bien d’être en Inde, et c’est encore mieux en gagnant le titre, a déclaré Serena Williams. Il y a une semaine, je n’étais même pas sûre d’être capable de jouer, alors gagner mon premier titre de l’année rend mon séjour ici particulier”.Schnyder a de son côté reconnu que Serena Williams était la plus forte dimanche.“J’ai fait de mon mieux mais j’ai perdu le match au deuxième set, a-t-elle dit. J’espère que nous nous rencontrerons encore cette année et que je pourrai la battre”. Avant cette finale, Schnyder avait gagné 3 de ses 4 dernières confrontations avec Williams

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Serena è tornata

L’americana Serena Williams, testa di serie N.3, ha vinto domenica a spese della svizzera Patty Schnyder (N.4), il suo primo titolo dell’anno al torneo di tennis di Bangalore, al quale partecipava per la prima volta. La più giovane delle sorelle Williams, 11 giocatrice mondiale, ha battuto la svizzera, 12 giocatrice mondiale, in due set 7-5, 6-3. l’americana intasca così il 29 titolo in carriera. “E’ stato bello venire in India, ed è meglio ancora avendo vinto il titolo, ha dichiarato Serena Williams.” Una settimana fa, non ero neppure sicura di poter giocare, quindi vincere il mio primo titolo dell’anno rende particolare il mio soggiorno qui “.Schnyder da parte sua ha riconosciuto che Serena Williams era la più forte la domenica. “Ho fatto del mio meglio ma ho perso l’incontro al secondo set, ha detto. Spero che ci incontreremo ancora quest’anno e che potrò batterla “. Prima di questa finale, Schnyder aveva vinto 3 dei suoi ultimi 4 confronti con la Williams.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Federer et Sampras sont prêts à en découdre devant une salle comble au MSG, Howard Fendrich, The Associated Press

Roger Federer aime bien le jeu de Pete Sampras, même si ce dernier n’a pas joué de vrai match depuis 2002.“C’est tellement fluide. Toute sa technique est tellement coulante, a dit Federer. Parfois, quand je jouais contre lui, c’était intimidant. Son style me rappelait tellement le mien.”C’est pas tout un compliment ça?En même temps, Sampras aime bien l’attitude de Federer, même s’il s’approche de son record de titres du Grand Chelem.“Il n’a pas l’air de s’en faire outre mesure, d’être trop énervé”, a déclaré Sampras.Ca vous rappelle quelque chose?Sampras, le meilleur de sa génération, et Federer, le meilleur de la génération actuelle, s’affronteront lundi dans un Madison Square Garden plein à craquer, le premier match de tennis professionnel masculin en 12 ans dans l’aréna new-yorkais.Pistol Pete contre Roger l’Artiste.Le passé contre le présent. Sampras a 36 ans, Federer, 26.En tout, 26 championnats majeurs s’affronteront: 14 pour Sampras, 12 pour Federer.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Federer e Sampras sono pronti a darsi battaglia di fronte a una sala gremita al MSG

A Roger Federer piace il gioco di Pete Sampras, anche se quest’ultimo non ha giocato un vero incontro dal 2002. “È così fluido. Tutta la sua tecnica è così scorrevole, ha detto Federer. A volte, quando giocavo contro lui, mi intimidiva. Il suo stile mi ricordava così tanto il mio.”Non è uno complimento questo?Allo stesso tempo, Sampras gradisce l’atteggiamento di Federer, anche se si avvicina al suo record di titoli del Grande Slam. “Non ha l’aria di preoccuparsi oltre misura, essere troppo angosciato”, ha dichiarato Sampras.Vi ricorda qualcosa?Sampras il migliore della sua generazione, e Federer, il migliore della generazione attuale, si affronteranno lunedì in un Madison Square Garden pieno da scoppiare, il primo incontro di tennis professionale maschile in 12 anni nell’arena new-yorkese.Pistol Pete contro Roger l’artista.Il passato contro il presente. Sampras ha 36 anni, Federer, 26.In tutto, si affronteranno26 titoli dello Slam: 14 per Sampras, 12 per Federer.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 9 MarchAggiornato il 9 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Federer souffrait d’une mononucléose!, Roger Jaunin, Le Matin Dimanche (Federer soffriva di una mononucleosi!)- La chance passe, Mathieu Idiart, sport24.com (L’opportunità sfuma)- Roddick, c’est du lourd!, Pierre-Gilles Huot, Sports.fr (Roddick, tutta sostanza!)

Federer souffrait d’une mononucléose!, Roger Jaunin, Le Matin Dimanche

Le numéro un mondial rompt enfin le silence. Battu en Australie, plus récemment à Dubaï, le joueur bâlois s’est toujours refusé d’invoquer la moindre excuse. Aujourd’hui guéri, mais avec beaucoup de travail à refaire, il donne un nom au mal qui le rongeaitBref rappel des faits. Le 26 janvier dernier, au lendemain de la défaite de Roger Federer face à Novak Djokovic, Le Matin révèle que victime d’une infection stomacale, le numéro un mondial s’est présenté «allégé» de quelque cinq kilos à l’appel de l’Open d’Australie. Le même jour, alors que ce même journal l’interroge à propos de son réel état de santé, il répond: «J’écrirai peut-être un jour ce que cette maladie m’a coûté d’énergie…». Pause sourire: «A condition que j’écrive ce livre… moi-même!».En décembre déjà…Six semaines - et une défaite face à Andy Murray - plus tard, dans une interview accordée au New York Times, le même Roger Federer révèle qu’outre ses problèmes d’estomac, il avait été victime d’une mononucléose. «Les médecins m’ont affirmé qu’à l’époque je devais en souffrir depuis au moins six semaines, ce qui nous ramène en décembre de l’année dernière», a confié Roger Federer, reconnaissant qu’«en fin d’année, juste avant de m’envoler pour l’Australie, j’avais eu de la fièvre».«Un jour je me sentais bien, un autre mal… C’est alors que je me suis dit: «OK, il y a un problème, il faut voir ce que c’est!», a poursuivi Roger Federer, «heureux, dans de telles conditions, d’être tout de même parvenu à se hisser dans le dernier carré du premier tournoi majeur de l’année». «Et heureux, malgré tout, et après une telle expérience, d’être toujours numéro un mondial!».«Pas d’excuses…»Joint par téléphone hier à son retour de Dubaï, Pierre Paganini avait - enfin - reçu le feu vert de la part de Roger Federer: «Il s’est dit que maintenant que le problème était résolu, il était temps de parler», confiait le préparateur physique (et néanmoins ami) du joueur bâlois. Précision: «S’il ne l’a pas fait plus tôt, c’est parce qu’il ne voulait surtout pas qu’on puisse penser qu’il se cherchait une quelconque excuse…» Il est comme cela, Roger Federer.«Le problème était qu’une fois l’infection intestinale détectée, nous nous sommes concentrés sur la manière de la soigner. Et que ce n’est que plus tard - le 12 février dernier - que de nouveaux examens ont détecté cette mononucléose», souligne Pierre Paganini. Et de préciser encore: «Tout le travail effectué en décembre dernier est perdu».Dans les faits, cela veut dire que «Roger se retrouve contraint de refaire le travail foncier et dans le même temps de… vivre sa vie de joueur professionnel». Décision a donc été prise d’alterner les périodes de tournois et les «blocs de travail».Ainsi, et contrairement au plan initial, Pierre Paganini accompagnera-t-il Roger Federer à Miami, alors que Séverin Lüthi, le capitaine de l’équipe de Suisse de Coupe Davis, sera du déplacement d’Indian Wells.«Roger a demandé à ne plus voyager seul d’ici Roland-Garros. Il a besoin d’être entouré et c’est bien normal compte tenu de ce qu’il vient de vivre», relevait hier Pierre Paganini. Lequel tenait à cette précision: «Pendant toute cette période au cours de laquelle il s’est posé beaucoup de questions, je ne l’ai jamais vu, ne serait-ce qu’une seconde, négatif ou même de mauvaise humeur. Et ces mots ne sont pas que des mots: c’est la vérité!».«La maladie du baiser»La mononucléose est une infection virale. Plus fréquente chez les jeunes de 15 à 25 ans, elle peut également survenir durant l’enfance et passe parfois inaperçue. Transmise par la salive, on la surnomme la «maladie du baiser». La forme typique de la maladie débute souvent par une fatigue importante et une fièvre modérée à 38 °C. Elle évolue sous forme de pharyngite ou d’angine avec des douleurs en avalant, une fièvre persistante, des ganglions au niveau du cou et derrière la tête.Les symptômes régressent en général spontanément en quelques jours (1 à 2 semaines). Dans certains cas, la phase de convalescence peut se prolonger sur plusieurs semaines, avec fatigue importante.La mononucléose infectieuse se présente très souvent de façon similaire à une angine bactérienne ou une diphtérie qui nécessitent un traitement antibiotique.Elle peut également faire évoquer une toxoplasmose ou une infection à d’autres virus.Le traitement est essentiellement symptomatique (traitement des symptômes et non du virus lui-même): repos physique si la fatigue est très importante, lutte contre la douleur avec des antalgiques.

Cliquez ici pour lire cet article

Federer soffriva di una mononucleosi!

Il numero uno mondiale rompe infine il silenzio. Battuto in Australia, più recentemente a Dubaï, il giocatore di Basilea si è sempre rifiutato di invocare la minima scusa. Oggi guarito, ma con molto lavoro da rifare, dà un nome al male che lo minava.Breve richiamo dei fatti. Il 26 gennaio scorso, nel periodo successivo alla sconfitta di Roger Federer contro Novak Djokovic, Le Matin rivela che vittima di un’infezione allo stomaco, il numero uno mondiale si è presentato “ridotto” di circa cinque chili all’appello dell’Open di Australia. Lo stesso giorno, mentre questo stesso giornale lo interroga a proposito del suo reale stato di salute, risponde: “scriverò forse un giorno ciò che questa malattia mi è costata in termini di energia…”. Pausa sorridente: “a condizione che scriva questo libro… io stesso!”.Già in dicembre…Sei settimane - ed una sconfitta contro Andy Murray - più tardi, in un’intervista accordata al New York Times, lo stesso Roger Federer rivela che oltre ai suoi problemi di stomaco, era stato vittima di una mononucleosi. “i medici hanno affermato che all’epoca dovevo soffrirne almeno da sei settimane, cosa che ci riporta al dicembre dell’anno scorso”, ha confidato Roger Federer, riconoscendo che “alla fine dell’anno, appena prima di partire per l’Australia, avevo avuto la febbre”. “Un giorno mi sentivo bene, un altro male…” A quel punto mi sono detto: “OK, c’è un problema, occorre vedere di che si tratta!”, ha proseguito Roger Federer, “felice, in tali condizioni, di essere lo stesso riuscito a raggiungere le semifinali del primo torneo principale dell’anno”. “e felice, tutto sommato, e dopo una tale esperienza, di essere sempre numero uno mondiale!”.“Niente scuse…”Raggiunto al telefono ieri al suo ritorno da Dubaï, Pierre Paganini – alla fine - aveva ricevuto il semaforo verde da parte di Roger Federer: “si è detto che ora che il problema era risolto, era il momento giusto per parlare”, confidava il preparatore fisico (e anche amico) del giocatore di Basilea. Precisazione: “se non lo ha fatto prima, è perché non voleva soprattutto che si potesse pensare che cercava una qualunque scusa…” È così, Roger Federer.“Il problema era che una volta l’infezione intestinale individuata, ci siamo concentrati sul modo di curarla.” E soltanto più tardi - il 12 febbraio scorso - nuovi esami hanno individuato questa mononucleosi “, sottolinea Pierre Paganini.” E precisa ancora: “tutto il lavoro effettuato nel dicembre scorso è perso”.Nei fatti, questo vuol dire che “Roger si trova costretto a rifare il lavoro di base e nello stesso tempo… di vivere la sua vita di giocatore professionale”. E’ stata dunque presa la decisione di alternare i periodi di tornei a “blocchi di lavoro”.Così, e contrariamente al piano iniziale, Pierre Paganini accompagnerà Roger Federer a Miami, mentre Séverin Lüthi, il capitano della squadra Svizzera di Coppa Davis, andrà ad Indian Wells.“Roger ha chiesto non di viaggiare più solo fino al Roland-Garros.” Ha bisogno di essere circondato ed è normale tenendo presente quel che ha appena vissuto “, rivelava ieri Pierre Paganini.” Il quale teneva a fare questa precisione: “Per tutto questo periodo durante il quale si è posto molti interrogativi, non lo ho mai visto, neanche per un secondo, negativo o anche di cattivo umore.” E queste parole non sono soltanto parole: è la verità!”.“la malattia del bacio”La mononucleosi è un’infezione virale. Più frequente nei giovani dai 15 ai 25 anni, può anche verificarsi durante l’infanzia e passa a volte inosservata. Trasmessa dalla saliva, si chiama la “malattia del bacio”. La forma tipica della malattia comincia spesso con una stanchezza importante ed una febbre moderata a 38°C. Evolve sotto forma di faringite o d’angina con dolori durante la deglutizione, una febbre persistente, ghiandole ingrossate a livello del collo e dietro la testa. I sintomi regrediscono in generale spontaneamente in alcuni giorni (1 a 2 settimane). In alcuni casi, la fase di convalescenza può prolungarsi per molte settimane, con stanchezza importante. La mononucleosi contagiosa si presenta molto spesso in modo simile ad un’angina batterica o a una difterite che richiedono un trattamento antibiotico. Può anche fare evocare un toxoplasmosi o un’infezione da altri virus. Il trattamento è principalmente sintomatico (trattamento dei sintomi e non del virus stesso): riposo fisico se la stanchezza è molto importante, lotta contro il dolore con analgesici.

Clicca qui per leggere l’articolo (in francese)

La chance passe, Mathieu Idiart, sport24.com

Julien Benneteau n’a pas profité du tableau dégagé de Las Vegas. Le Français s’est incliné en quarts de finale contre Sam Querrey (7/5 6/2). Le jeune Kevin Anderson étonne, lui, de plus en plus.Querrey, la bête noireBeau vainqueur de Lleyton Hewitt au tour précédent, Julien Benneteau pouvait commencer à nourrir des ambitions à Las Vegas où le tournoi avait perdu ses principales têtes d’affiche. Mais le Burgien affrontait l’une de ses bêtes noires. En trois confrontations avec Sam Querrey, le Français n’avait jamais connu la victoire et la rencontre de la nuit dernière a confirmé l’emprise de l’Américain sur Benneteau (7/5 6/2). «J’ai très bien joué et tout allait dans le bon sens», se félicitait Querrey qui a su breaker au moment décisif dans la première manche avant de se détacher dès le début du deuxième set grâce à des breaks sur le premier et le troisième jeu. L’Américain atteint sa deuxième demi-finale de la saison après Delray Beach. Il y affrontera la dernière tête de série du tableau. Guillermo Cañas a en effet continué son parcours en dominant Amer Delic (6/4 6/4). L’Argentin a totalement dominé les débats en n’ayant notamment aucune balle de break à sauver. Avec seulement quatre points perdus sur sa mise en jeu, Cañas n’a jamais laissé espérer l’Américain et confirme son bon retour après sa blessure au poignet gauche.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

L’opportunità sfuma

Julien Benneteau non ha approfittato del tabellone che si era aperto a Las Vegas. Il francese si è inclinato in quarti di finale contro Sam Querrey (7/5 6/2). Il giovane Kevin Anderson dal canto suo stupisce sempre più. Querrey la bestia neraBel vincitore di Lleyton Hewitt al turno precedente, Julien Benneteau poteva iniziare a nutrire ambizioni a Las Vegas dove il torneo aveva perso i suoi principali interpreti. Ma il Francese affrontava una delle sue bestie nere. In tre confronti con Sam Querrey, il francese non aveva mai conosciuto la vittoria e la partita della notte scorsa ha confermato il dominio dell’americano su Benneteau (7/5 6/2). “ho giocato molto bene e tutto andava nel verso giusto”, si rallegrava Querrey che ha saputo fare il break al momento decisivo nel primo set prima di staccarsi fin dall’inizio del secondo set grazie ai break nel primo e nel terzo gioco. L’americano raggiunge la sua seconda semifinale della stagione dopo Delray Beach. Vi affronterà l’ultima testa di serie del tabellone. Guillermo Cañas infatti ha continuato il suo percorso dominando Amer Delic (6/4 6/4). L’Argentino ha completamente dominato gli scambi senza concedere nessuna palla break. Con soltanto quattro punti persi al servizio, Cañas non ha mai lasciato sperare l’americano e conferma il suo buon ritorno dopo l’infortunio al polso sinistro.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Roddick, c’est du lourd!, Pierre-Gilles Huot, Sports.fr

Andy Roddick est allé au bout de l’aventure à Dubaï. Impressionnant depuis le début de la semaine, l’Américain a dominé pour la quatrième fois en quatre confrontations Feliciano Lopez en finale. Vainqueur 6-7, 6-4, 6-2, l’ancien protégé de Jimmy Connors s’est une nouvelle fois appuyé sur sa puissance de feu pour stopper le 41e joueur mondial, qui n’a donc pas croqué un quatrième Top 10 d’affilée. Auteur de 22 aces, Roddick s’offre ainsi son 2e titre de la saison après San Jose, le 25e de sa carrière.Happy end pour Andy Roddick. Cette demi-finale avait pourtant mal commencé pour l’Américain, mais au final c’est bien lui qui eut le privilège de soulever le trophée, au terme d’un parcours sans faute. L’Américain, dont le tournoi de Dubaï constituait une grande première, ne doit pas regretter aujourd’hui son déplacement aux Emirats arabes unis. Impressionnant de puissance maîtrisée, le 6e joueur mondial s’est régalé ces derniers jours en assénant des aces à une vitesse supersonique. Son service aura d’ailleurs constitué sa principale arme, ne cédant pas une seule fois sa mise en jeu en cinq matches disputés.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Roddick, tutta sostanza!

Andy Roddick è andato fino alla fine dell’avventura a Dubaï. Impressionante dall’inizio della settimana, l’americano ha dominato per la quarta volta in quattro confronti Feliciano Lopez in finale. Vincitore 6-7, 6-4, 6-2, l’ex protetto di Jimmy Connors si è di nuovo basato sulla sua potenza di fuoco per fermare il 41 giocatore mondiale, che non ha dunque battuto il quarto top 10 di fila. Autore di 22 aces, Roddick vince così il suo 2 titolo della stagione dopo San José, il 25 in carriera.Happy end per Andy Roddick. Questa semifinale tuttavia era cominciata male per l’americano, ma alla fine è proprio lui ad avere il privilegio di sollevare il trofeo, al termine di un percorso senza difetti. L’americano, per cui il torneo di Dubaï costituiva una grande prima, non deve rammaricarsi oggi del suo viaggio negli Emirati Arabi Uniti. Impressionando con la sua potenza controllata, il 6 giocatore mondiale ha gioito in questi ultimi giorni sparando degli aces ad una velocità supersonica. Il suo servizio è stato del resto la sua arma principale, non avendolo ceduto una sola volta in cinque incontri disputati.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 8 MarchAggiornato l’8 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Federer battles off-court foe – mononucleosis , Cristopher Clarey, International Herald Tribune(Federer gioca anche contro la mononucleosi)- Andy Roddick announces split with coach Jimmy Connors , Barry Flatman, The Times (Andy Roddick annuncia il divorzio da Jimmy Connors)- Connors: Therapist and coach , Peter Bodo, ESPN.com (Connors: Terapista e coach)- Chutes and Ladders, Nate Cunningham, Mvn (Scivoli e scale)- Feliciano Lopez, un vrai matador!, Serge Fayat, La Dernière Heure (Feliciano Lopez, un vero matador!)- Yan Zi surprend Jankovic en quart de finale, Agence France-Presse (Yan Zi sorprende Jankovic nei quarti di finale)- Djokovic impuissant, Sport24.com (Djokovic impotente)- Roddick en pleine forme, lequipe.fr (Roddick in piena forma)

Federer battles off-court foe – mononucleosis , Cristopher Clarey, International Herald Tribune

Roger Federer’s has played just two tournaments in 2008 and lost twice to 20-year-olds, with Novak Djokovic manhandling him in straight sets in the semifinals of the Australian Open, and Andy Murray upsetting him in a tighter match this week in the first round in Dubai after Federer had taken a five-week break from competition.In both defeats, Federer looked less fleet and fluid than usual and also less than convincing with his signature forehand.Crisis? Beginning of the end of his long reign? Perhaps, but Federer, as it turns out, has not been practicing full disclosure until now. “The doctors said I must have had it for at least six weeks, which went all the way back to December,” Federer said in a telephone interview from Dubai, explaining that he had now been medically cleared to compete. “When I heard it was mono I was actually even more happy to have made the semifinals of the Australian Open, because probably a doctor would have said. ‘You’re not allowed or can’t play,’ ” Federer said. They weren’t sure I was over it, but now I’m creating antibodies and this really shows you are over it,” he said. “But I lost a lot of fitness. I was feeling so great in December up until the moment I got sick, so this has been my problem the last couple weeks: really getting back on track. I haven’t practiced and couldn’t really work out the way I wanted to, because you have to be very careful with mono.” I had felt great the day before and then awful the next day,” he said. “And this is really when I said, ‘Okay, something is wrong. I have to totally check things out here.’ ”I hope I didn’t lose too much energy through what I’ve been through the last few months, but honestly I’m still positive about it,” he said. “In some ways it only makes me more motivated to lose sometimes, and now I finally have the green light and finally I can give 100 percent in practice again, because it wasn’t fun sort of being there sort of halfway. I didn’t enjoy that too much. But again, it was interesting and you’ve got to go through those moments, as well. I know that. Through a career, a long career maybe as number one, you have to go through injuries and sicknesses.” I don’t think it’s fair to assess it this way,” he said. “For me, it was only a matter of time before the younger guys were going to come up. Now that they’re here, they’re good and everything, but I’m still number one in the world.

Click here for the full story

Federer gioca anche contro la mononucleosi

Roger Federer ha giocato due soli tornei nella stagione 2008 ed in entrambe le occasioni e’ uscito sconfitto da due giovani emergenti campioni, Novak Djokovic in Australia e Andy Murray a Dubai, dando sempre l’impressione di non essere nel pieno delle sue forze fisiche e mancando di mostrare il suo miglior tennis. Crisi ? Inizio…della fine del suo regno ? Puo’ essere, ma non c’e’ dubbio che Roger ultimamente non abbia potuto allenarsi con la solita efficacia. Lo svizzero ha infatti da poco saputo di aver contratto un fastidiosissimo malanno, la mononucleosi. “ Secondo i medici me la porto dietro da sei settimane. Appena l’ho saputo ho subito riconsiderato il mio risultato agli Australian Open. Aver raggiunto la semifinale e’ stato senz’altro un successo, visto che i dottori probabilmente non mi avrebbero nemmeno consentito di scendere in campo. I miei anticorpi stanno reagendo molto bene e questo e’ un ottimo segnale, pero’ ho perso molta efficienza fisica in questo periodo, non e’ divertente essere costretto a viaggiare a marce ridotte. Non ho potuto esprimermi con la solita forza ed energia in allenamento e in partita, bisogna avere molta cautela quando si ha a che fare con la mononucleosi.” Rispetto al suo sin qui piuttosto deludente inizio di stagione, Roger non sembra molto preoccupato : “Le sconfitte che ho subito non fanno altro che darmi ancora piu’ motivazioni. Spero di recuperare in fretta la migliore forma fisica, non e’ bello dover viaggiare a marce ridotte. Non sono affatto sorpreso dell’avvento dei giovani, sapevo sarebbero esplosi da un momento all’altro. Detto questo, il numero uno del mondo sono ancora io “.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Andy Roddick announces split with coach Jimmy Connors , Barry Flatman, The Times

Officially it was 55 year-old Connors, winner of eight Grand Slam titles, who decided the things had reached the end of the road with the 25 year-old world no.6. But both men had come to realise the relationship was no longer truly viable because of Connor’s reluctance to travel.Much of his advice was offered over the telephone with Roddick’s elder brother John taking over the role of coach. After winning through to the semi-finals of the Barclays Dubai Tennis Championships with an impressive 7-6, 6-2 win over world no.2 Rafael Nadal, Roddick revealed the split and said: “I’m just happy I was able to spend a little bit of time with such a legend.“I really enjoyed my time with him.”“Maybe we didn’t get the results he wanted and it was tough for him to do it part-time but he was retired before we got together,” said Roddick.“It’s completely amicable and we are still friends. I just have so much respect for him as a person and I’m thankful for what he was able to give to me as well as taking some time out of his retirement to spend it with me. I’m sure the phone number is still there for me if I need to bounce something off him. We’ve not talked about it but I don’t see him hanging up the receiver if I want to ask him a question. It ended up just about as well as something like this can be.”

Click here for the full story

Andy Roddick annuncia il divorzio da Jimmy Connors

Ufficialmente e’ stato Jimmy Connors a porre fine al rapporto tra lui e il 25 enne numero sei mondiale, anche se di fatto, si puo’ parlare di rescissione consensuale. La poca disponibilita’ di Jimbo a viaggiare per il mondo a seguito del suo assistito e’ stata la causa principale della fine del sodalizio tecnico. Andy ha solo parole di miele verso il suo ormai ex-coach : “ E’ stato un onore aver potuto lavorare con lui ,una vera leggenda del tennis. Siamo ancora amici e lo saremo sempre, non lo ringraziero’ mai abbastanza per avermi saputo rimotivare in un momento per me davvero difficile”. La collaborazione fra i due era iniziato in seguito alla deludente prestazione di Roddick nella scorsa edizione di Wimbledon, in cui lo statunitense venne bruscamente sconfitto da Andy Murray .” In quel momento la mia autostima era ai minimi storici”, ammette Andy, Jimmy e’ stato in grado di ridarmi la fiducia e a farmi ritornare fra i primi cinque della classifica mondiale” . Roddick ha poi smentito l’ipotesi di riaffilare l’incarico al suo ex allenatore Brad Gilbert, attualmente al servizio della federazione Britannica.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Connors: Therapist and coach , Peter Bodo, ESPN.com

Now that Andy Roddick and Jimmy Connors have split, many fans and pundits will assess the relationship and decide it was a huge success in one sense: Jimmy Connors managed to turn Andy Roddick into nearly as big a jerk as Connors himself was in his heyday. Roddick has never been accused of being arrogant and bullying as stridently as in the past few months.There’s no question, then, that Connors managed to transplant some of that cock-of-the-walk swagger into Roddick’s persona. In fact, the harshest of critics probably will suggest that Connors did nothing more for Roddick, ignoring or forgetting that doing so was a significant accomplishment. There were some unsavory bits that came along with Roddick’s reinvention, but Connors helped turn him into a confident contender again. It may sound hilarious (and it ignores the extent to which Connors helped Roddick retool his backhand), but Jimbo turned out to be most valuable as his protégé’s … therapist. Roddick was in a truly precarious position when Connors came on board; he was guy perched near the top, but poised for a fall. His game has clear limitations, meaning that without great confidence, he was truly vulnerable.Connors came along just in time — before Roddick fell too far and lost too much of his spirit to claw his way back. He helped restore that assassin’s glint in Roddick’s clouded eyes. In 2006, just months after forming their relationship, Connors guided Roddick to the U.S. Open final, where his protégé played a bold, intelligent and tight match, although he still lost to Roger Federer.In fact, there was only one thing Connors failed to do for Roddick: He wasn’t able to transform him into a player capable of beating Roger Federer. But if that’s where the bar is set, I can think of a lot of other coaches who ought to be walking, too.Click here for the full story

Connors: Terapista e coach

Ora che andy Roddick e Jimmy Connors si sono separati, si potrebbe affermare che il legame fra i due un obiettivo certo l’ha ottenuto: trasformare Roddick in un giocatore arrogante, quasi quanto lo era Jimbo ai suoi tempi. In piu’ di un occasione negli ultimi mesi il giovane del Nebraska si e’ reso protagonisti di gesti spiacevoli ed antipatici, come mai gli era accaduto prima. Non esiste il minimo dubbio sul fatto che il comportamento sul campo di Roddick sia stato in qualche modo influenzato dalla presenza e i modi di fare di Connors. II merito del coach e’ stato quello di rendere piu’ “agonisticamente cattivo “ Andy, di ridargli quella fiducia e grinta che il giovane aveva smarrito, svolgendo le funzioni di un vero e proprio analista, prima ancora che di un allenatore. Connors e’ arrivato in soccorso di Roddick nel momento giusto ed ha saputo trascinarlo sino alla semifinale degli Us Open, dove il suo assisitito gioco’ un match sopra le previsioni contro Federer. C’e’ stata solo una cosa in cui l’ex campione ha fallito : riuscire a trasformare Andy in un giocatore capace di battere sua maesta’ Federer. Di fronte a questo gravoso compito, sono pero’ convinto che molti altri allenatori abbandonerebbero il proposito “

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Chutes and Ladders, Nate Cunningham, Mvn

The only time I ever bet on tennis was during the 2007 Australian Open. I’d just spent too much money on a long road-trip, wanted to get some of it back, and figured ‘I know about tennis’, more than the odds-makers, anyway. The prospect I couldn’t resist was something like only 2-1 on Roddick beating Safin in the third round. Based on the players’ current form, I didn’t give Safin a chance. Roddick eventually put the clamps down, pulling out the match and making us a hundred, fifty each. I had the gambling bug.. For a while, Federer had relegated that unpredictability to the bottom half of every tournament’s draw that bore his name (clay excluded), but now the innate volatility of the sport looks to have re-instated its rule, even on Sundays (unless Djokovic can establish a similar monopoly).This week, Murray dusted off Federer about as comfortably as anyone can win a three-setter against him, then needed a third-set breaker to get through Verdasco, and snapped his own three-match winning streak against Davydenko, going out in straights. Then Nadal goes out meekly to Roddick in a beat-down that mirrors the one he laid down against Andy around the same time last year at Indian Wells. Roddick played smart, going for his shots, and backing up his serve by approaching the net often–in one or two service games it was on all four points. Seems to be happening more and more doesn’t it. Forgetting Federer for the time being, there are a few interesting questions posed by the results in Dubai. When will Murray go to the next psychological level, wherein he stops praising his own wins–no matter who they’re against–and starts focusing on his losses, ensuring they won’t happen again? When will Nadal start to go for his shots from the start of the match? And will Djokovic continue to look more-and-more the flawless tennis machine?

Click here for the full story

Scivoli e scale

L’unica volta in cui ho piazzato una scommessa tennistica e’ stato nel corso dell’edizione 2007 degli Australian Open. Ero in un momento di relax, e contando sulla mia presunta competenza tennistica, ho puntato sulla vittoria di Roddick contro Safin. Basandomi sulle condizioni di forma di allora dei due protagonisti, non avrei concesso a Safin nemmeno una chance. Andy fini’ poi per portare a casa il match e io portai a casa…il bottino. Per un lungo periodo, la superiorita’ di Federer sugli altri rivali ha quasi escluso qualsiasi possibilita’ di sorprese e ribaltoni. Oggi non e’ piu’ cosi’. I risultati degli ultimi tornei sembrano aver restituito quella imprevedibilita’ e volatilita’ che si erano smarrite. Prendiamo il torneo di Dubai, per esempio. Federer a parte, questa settimana ci lascia con molti interessanti quesiti irrisolti. Quando riuscira’ Murray a fare quel decisivo salto in avanti e a pensare di dare una risposta alle sue sconfitte invece di esaltare le sue vittorie? Quando riuscira’ Nadal a mettere a segno i suoi colpi dall’inizio alla fine di un match ? Per quanto tempo Djokovic continuera’ a dare l’impressione di una macchina perfetta ?

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Feliciano Lopez, un vrai matador!, Serge Fayat, La Dernière Heure

Après Berdych et Ferrer, il a battu Davydenko pour se hisser en finale à DubaiIl a envoyé un baiser en direction du ciel tellement il était ivre de bonheur. Feliciano Lopez (ATP 41) a créé la sensation, vendredi aux Emirats Arabes Unis, en se hissant en finale du tournoi de Dubai, doté de 1.426.000 dollars. Le gaucher espagnol a poursuivi sa folle épopée en battant cette fois le stakhanoviste Nikolay Davydenko (ATP 5), effaçant un déficit de 5-2 dans la dernière manche pour s’imposer 6-4, 4-6 et 7-5 après 2h24 de jeu.“Je pense que j’ai eu du bol”, avou- a-t-il, le sourire aux lèvres, à l’issue de sa victoire. “À 5-3, lorsqu’il a pu servir pour le gain du match, il a commis une ou deux fautes qui m’ont permis de réaliser le break et de revenir dans la partie. Mon grand mérite a été d’y croire jusqu’au bout et de saisir ma chance lorsqu’elle s’est présentée.”Feliciano Lopez, 26 ans, a déjà remporté un tournoi dans sa carrière, à Vienne, en 2004. Il a aussi disputé trois autres finales, dont une ici même à Dubai, il y a également quatre ans. Mais il n’a encore jamais connu une semaine aussi faste. Le natif de Tolède, qui balaye les clichés en étant l’un des derniers adeptes du service volée sur le circuit, a ainsi battu, successivement, aux portes du désert Tomas Berdych (ATP 10), David Ferrer (ATP 4) et Nikolay Davydenko. Et dire qu’il n’avait réussi à gagner qu’un seul match depuis le début de l’année…

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Feliciano Lopez, un vero matador!

Dopo Berdych e Ferrer, ha battuto Davydenko per issarsi in finale a DubaiHa inviato un bacio in direzione del cielo tanto era ebbro di felicità. Feliciano Lopez (ATP 41) ha creato la sensazione, venerdì negli Emirati Arabi Uniti, issandosi in finale del torneo di Dubai, dotato di 1.426.000 dollari. Il macino spagnolo ha proseguito la sua folle epopea battendo questa volta lo stakanovista Nikolay Davydenko (ATP 5), risalendo uno svantaggio di 5-2 nell’ultimo set per imporsi 6-4, 4-6 e 7-5 dopo 2h24 di gioco. “penso di aver avuto fortuna”, ha ammesso, il sorriso sulle labbra, al termine della sua vittoria. “A 5-3, quando ha potuto servire per il match, ha commesso uno o due errori che mi hanno permesso di realizzare il break e ritornare in partita.” Il mio grande merito è stato di crederci fino alla fine ed cogliere la mia occasione quando si è presentata.” Feliciano Lopez, 26 anni, ha già vinto un torneo in carriera, a Vienna, nel 2004. Ha anche disputato tre altre finali, di cui una proprio qui a Dubai, quattro anni fa. Ma non ha ancora mai conosciuto una settimana così magnifica. L’indigeno di Toledo, che annienta i clichés essendo uno degli ultimi seguaci del servizio volée sul circuito, ha così battuto, in successione, alle porte del deserto Tomas Berdych (ATP 10), David Ferrer (ATP 4) e Nikolay Davydenko. E dire che era riuscito a vincere un solo incontro dall’inizio dell’anno…

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Yan Zi surprend Jankovic en quart de finale, Agence France-Presse

La Chinoise Yan Zi, 54e joueuse mondiale, a créé la surprise en battant la Serbe Jelena Jankovic, numéro quatre mondiale et tête de série N.1, en quarts de finale du tournoi de tennis WTA de Bangalore vendredi.Yan Zi, 54e mondiale, a gagné son billet pour les demi-finales en trois sets 6-3, 3-6, 6-3, Jankovic étant diminuée par une blessure à une épaule au troisième set. La Chinoise, qui court après un deuxième titre dans sa carrière, rencontrera samedi la Suissesse Patty Schnyder, tête de série N.4.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Yan Zi sorprende Jankovic nei quarti di finale

La cinese Yan Zi, 54a giocatrice mondiale, ha creato la sorpresa battendo la serba Jelena Jankovic, numero quattro mondiale e testa di serie N.1, nei quarti di finale del torneo di tennis WTA di Bangalore venerdì.Yan Zi 54a mondiale, ha conquistato il suo biglietto per le semifinali in tre set 6-3, 3-6, 6-3, con la Jankovic infortunata ad una spalla nel terzo set. La cinese, che insegue un secondo titolo in carriera, incontrerà sabato la svizzera Patty Schnyder, testa di serie N.4.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Djokovic impuissant, Sport24.com

Andy Roddick a battu Novak Djokovic en demi-finales du tournoi de Dubaï (7/6 6/3). Incroyable depuis le début de la semaine, A-Rod sera opposé à Feliciano Lopez en finale.L’Aviation Club de Dubaï n’avait pas autant tremblé depuis le début de la semaine. Pour la deuxième demi-finale du tournoi, Novak Djokovic et Andy Roddick ont livré un intense bras de fer, au moins digne d’une demie de Grand Chelem. Au petit jeu du bras de fer, c’est le second qui s’est montré le plus efficace et toujours inspiré dans les points chauds de la rencontre. Avec aucun break dans la première manche, le jeu décisif était inévitable et A-Rod bombardait toujours autant pour se l’offrir sans trembler (7/6, 7 points à 5). Entamé par cette perte, le Serbe n’était pas au mieux et était inquiété d’entrée de deuxième set. Avec quatre balles de break sauvées en deux jeux, il pouvait souffler mais ce n’était que partie remise pour l’ancien protégé de Jimmy Connors. Eclatant comme la veille face à Rafael Nadal, il ne laissait guère son adversaire s’exprimer, même au filet, où il tirait passing sur passing. Désarçonné et agacé, Nole gaspillait quelques points faciles et cela faisait les affaires de Roddick. Toujours pas breaké depuis le début de la semaine (13 balles écartées), ce dernier surfait sur cette vague et faisait la différence en fin de manche pour boucler la partie sur son engagement. Sa séparation d’avec Jimmy Connors ne s’est donc, encore une fois, aucunement faite sentir.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Djokovic impotente

Andy Roddick ha battuto Novak Djokovic in semifinale al torneo di Dubaï (7/6 6/3). incredibile dall’inizio della settimana, A-Rod sarà opposto a Feliciano Lopez in finaleL’Aviation Club di Dubaï non aveva tanto tremato dall’inizio della settimana. Per la seconda semifinale del torneo, Novak Djokovic ed Andy Roddick hanno avuto un intenso braccio di ferro, almeno degno di una semifinale di Grande Slam. Al gioco del braccio di ferro, è il secondo che si è mostrato il più efficace e sempre ispirato nei punti caldi della partita. Con nessun break nel primo set, il tie break era inevitabile ed A-Rod bombardava sempre tantissimo per aggiudicarselo senza tremare (7/6, 7 punti a 5). Scosso da questa perdita, il serbo non era al massimo ed era preoccupato all’inizio del secondo set. Con quattro palle break salvate in due giochi, poteva respirare ma era soltanto un rinvio per l’ex protetto di Jimmy Connors. Brillando come alla vigilia contro Rafael Nadal, non lasciava affatto il suo avversario esprimersi, anche a rete, dove tirava passante su passante. Confuso ed irritato, Nole sprecava alcuni punti facili e ciò faceva gioco a Roddick. Sempre senza subire break dall’inizio della settimana (13 palle salvate), quest’ultimo cavalcava quest’onda e faceva la differenza a fine set per chiudere la partita sul suo servizio. La sua separazione con Jimmy Connors, ancora una volta, non si è dunque fatta sentire in nessun modo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Roddick en pleine forme, lequipe.fr

«C’est un plaisir d’avoir fait le déplacement». Il faut dire que pour sa première participation au tournoi de Dubaï, Andy Roddick a fait fort. Après sa victoire jeudi en quarts contre Rafael Nadal, l’Américain a confirmé vendredi en demies face à Novak Djokovic (7-6[5], 6-3), pour se qualifier en finale, sa deuxième de la saison. «Battre successivement les n°2 et n°3 mondiaux, c’est fabuleux», s’est-il réjoui à l’issue du match. D’autant que c’est la première fois de sa carrière qu’il réussit une telle performance. Un résultat qu’il doit en grande partie à nouveau à son service, sa meilleure arme.Dans le premier set, les deux hommes ne laissent rien au hasard. Aussi solides l’un que l’autre sur leur mise en jeu, ils se répondent coup pour coup, n’offrant qu’à de rares occasions à leur adversaire la possibilité de s’échapper au score. Malgré la première balle surpuissante de Roddick, le Serbe se procure tout de même deux balles de break à 2-2. Les deux seules de la rencontre. Toutes deux manquées. Chacun s’efforce ensuite de tenir sa mise en jeu. Résultat : le jeu décisif est inévitable. Lors de celui-ci, l’ancien protégé de Jimmy Connors prend très vite l’ascendant et finit par s’imposer sur une nouvelle faute en coup droit de Djokovic.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Roddick in piena forma

“E’ un piacere essere venuto qui”. Bisogna dire che per la sua prima partecipazione al torneo di Dubaï, Andy Roddick ha fatto molto. Dopo la sua vittoria giovedì in quarti contro Rafael Nadal, l’americano ha confermato venerdì in semifinale contro Novak Djokovic (7-6[5 ], 6-3), per qualificarsi in finale, la sua seconda della stagione. “battere successivamente i n°2 e n°3 mondiali, è favoloso”, diceva soddisfatto al termine dell’incontro. Tanto più che è la prima volta in carriera che ci riesce. Un risultato che deve soprattutto ancora al suo servizio, la sua migliore arma. Nel primo set, i due uomini non lasciano nulla al caso. Entrambi solidi al servizio, si rispondono colpo su colpo, offrendo soltanto in rare occasioni al loro avversario la possibilità di avvantaggiarsi nel punteggio. Nonostante la prima palla potentissima di Roddick, il serbo si procura lo stesso due palle break sul 2-2. Le uniche della partita. Tutte e due mancate. Ciascuno cerca in seguito di tenere il servizio. Risultato: il tie break è inevitabile. In occasione di quest’ultimo, l’ex protetto di Jimmy Connors prende molto rapidamente il sopravvento e finisce per imporsi su un nuovo errore di diritto di Djokovic.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 7 MarchAggiornato il 7 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Murray bemoans missed chances in Davydenko loss , Paul Newman, The Independent (Murray recrimina per le occasioni perse nella sconfitta con Davydenko)- Davydenko sees light at the end of the tunnel , Barry Flatman, The Times (Davydenko vede la luce alla fine del tunnel)- Roddick beats Nadal and then spilts with coach , Paul Newman, The Independent (Roddick batte Nadal e poi si separa dal coach)

Dossier: Federer’s crisis situation

- What’s wrong, Roger? , Jon Wertheim, SoprtsIllustrated (Cosa c’è che non va, Roger?)- Relax, Federer fans-it’s early , Tom Perrotta, tennis.com (Seguaci di Federer, rilassatevi: è ancora presto!)- Roger Federer’s sudden fallibility is fascinating to witness, Simon Barnes, The Times (Intrigante assistere all’improvvisa vulnerabilità di Federer)

- Hewitt’s talents underappreciated but effective, Joel Drucker, ESPN.com (Hewitt: talento poco apprezzato ma efficace)- Tatiana Golovin, service compris, Ronan Folgoas, myfreesport.fr (Tatiana Golovin, servizio compreso)- Roddick écœure Nadal, Bastien Aubert, sport24.com (Roddick annienta Nadal)- Le tennis français cherche son roi, Florian Toumit, sport365.fr (Il tennis francese cerca il suo re)- Roddick se sépare de Connors, sport.fr (Roddick si separa da Connors)- Xavier Malisse ne gagne plus, Serge Fayat, La Dernière Heure (Xavier Malisse non vince più)

Murray bemoans missed chances in Davydenko loss , Paul Newman, The Independent

A week in which you have beaten the world No 1 will always be a source of satisfaction but Andy Murray will also look back on the Barclays Dubai Championships as a missed opportunity after his defeat by Nikolay Davydenko in the quarter-finals here yesterday. By disposing of Roger Federer in the first round Murray had opened up his route to a possible third final of the year, but instead it will be Davydenko, a player he had beaten in their three previous meetings, who will meet Feliciano Lopez, the world No 41, in today’s semi-finals.Davydenko, the world No 5, is one of the game’s most under-rated players. Murray, nevertheless, had his number in recent meetings and his 7-5, 6-4 defeat here was due as much to his own up-and-down display as it was to Davydenko’s dogged determination not to make mistakes.

Click here for the full story

Murray recrimina per le occasioni perse nella sconfitta con Davydenko

Una settimana nella quale hai battuto il numero uno del mondo sarà sempre fonte di grande soddisfazione ma Andy Murray guarderà indietro al torneo di Dubai come ad un’occasione persa dopo la sua sconfitta con Nikolay Davydenko nei quarti di finale. Dopo la vittoria con Federer al primo turno Murray aveva iniziato la strada verso la possibile terza finale dell’anno, ma invece sarà Davydenko, giocatore che aveva già battuto tre volte in precedenza, che sfiderà Feliciano Lopez nella semifinale di oggi.Davydenko, numero 5, è uno dei tennisti più sottovalutati del circuito. Murray, tuttavia, nei recenti incontri aveva dimostrato di avere i numeri per batterlo e il 75 64 con cui ha perso è dovuto ai troppi alti e bassi mostrati dallo scozzese così come dalla grande determinazione del russo e nella sua attenzione a non commettere errori gratuiti.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Davydenko sees light at the end of the tunnel , Barry Flatman, The Times

For Nikolay Davydenko there is light at the end of a very dark and desperately miserable tunnel. Even though a quintet of Italians may have felt the crack of the ATP’s disciplinary cane, nobody has achieved the quite possibly unwarranted notoriety of the Russian after last summer’s dubious betting activity.Davydenko’s mood sunk the depths, he admitted the ATP’s stance drove him into depression and his game seemed to suffer. Apart from winning Moscow’s Kremlin Cup in October, his results were hardly becoming of a player in the world’s top five. He far from did himself justice at the Tennis Masters Cup in Shanghai and failed to make any impression at the Australian Open after reaching semi-finals at the 2007 French and US Opens. […]Just along the Arabian Gulf at the Barclays Dubai Tennis Championships, the trend changed dramatically again as Davydenko ended the Murray run with a 7-5, 6-4 win that underlined a new positive attitude.

Click here for the full story

Davydenko vede la luce alla fine del tunnel

Per Nikolay Davydenko un po’ di luce alla fine di un nero e disperatamente miserabile tunnel. Anche se il quintetto di italiani aveva ricevuto le punizioni disciplinari dell’Atp, nessuno aveva ottenuto la tanta ingiustificata cattiva notorietà del Russo dopo la dubbia attività di scommesse della scorsa estate.L’umore di Davydenko è sprofondato negli abissi, ha ammesso che le indagini dell’Atp lo hanno portato alla depressione e il suo gioco è sembrato soffrirne. Se si esclude la vittoria in Ottobre della Kremlin Cup, i suoi risultati non sono stati all’altezza delle prime cinque posizioni in classifica. Lontano dal farsi giustizia nella Masters Cup a Shanghai, il russo ha fallito l’occasione di impressionare anche all’Australian Open, dopo aver raggiunto le semifinali a Parigi e a New York nel 2007. […]Proprio al torneo di Dubai il trend è cambiato con la vittoria per 75 64 che ha sottolineato una nuova attitudine positiva.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Roddick beats Nadal and then spilts with coach , Paul Newman, The Independent

Andy Roddick announced an amicable parting of the ways with his coach, Jimmy Connors, here last night but stressed: “I’m just happy that I was able to spend a little bit of time with such a legend.”The two Americans had been working together since the summer of 2006, when Roddick was at his lowest ebb after making an early exit from Wimbledon at the hands of Andy Murray. Roddick’s fortunes were quickly restored – he had fallen to No 12 in the world rankings but was soon back in the top five – but although he was back in a Grand Slam final within weeks, losing to Roger Federer at the US Open, the success proved hard to sustain last year.

Click here for the full story

Roddick batte Nadal e poi si separa dal coach

Andy Roddick ha annunciato la sua consensuale separazione dal suo coach Jimmiy Connors, ma ha sottolineato: “Sono felice di essere stato in grado di passare un po’ di tempo con una leggenda del tennis”.I due americani lavoravano assieme dal 2006, quando Roddick aveva toccato il punto più basso dopo aver subito una prematura sconfitta a Wimbledon per mano di Andy Murray. La sorte di Roddick fu prontamente restaurata (era finito numero 12 del mondo ma tornò presto tra i primi 5), ma nonostante il ritorno in una finale dello Slam persa da Federer agli US Open, i buoni risultati sono stati difficili da confermare lo scorso anno.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Dossier: Federer’s crisis situation

What’s wrong, Roger? , Jon Wertheim, SoprtsIllustrated

What do we make of Federer’s decidedly slow start to the year? Even his most loyal fans have to be a bit concerned. Not simply with the match results but with the body language, the on-court passivity, the rise (finally!) of challengers, the uncharacteristically tactless remarks. (Murray hasn’t improved lately? Really?) What’s more, we’re about to enter the U.S. hard-court season, where Federer laid two eggs last year.Yet, in the spirit of the Ohio and Texas primary, here comes the second half of a lame, political answer. (But it comes from the heart!) Let’s not sell our Google shares quite yet. And let’s not treat Federer like a condemned building either. Two losses — to young, talented upstarts — doesn’t mean he’s done.

Click here for the full story

Cosa c’è che non va, Roger?

Come dobbiamo considerare l’inizio dell’anno decisamente “lento” di Roger Federer? Anche i suoi più accaniti fan devono essere un po’ preoccupati. Non semplicemente per i deludenti risultati, me per il linguaggio del corpo, la passività sul campo, l’aumento (finalmente!) degli avversari di livello, le inconsuete e inopportune dichiarazioni (Murray non è migliorato ultimamente? Davvero?). Stiamo per entrare nella stagione americana sui campi duri, dove l’anno scorso Federer prese due stese.Nello spirito delle primarie in Texas e Ohio, qui arriveranno la seconda metà delle risposte. Non vendiamo le nostre quote Google ancora… E non trattiamo Federer come un qualunque condannato. Due sconfitte, contro giovani talenti, non significano che lo sia.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Relax, Federer fans-it’s early , Tom Perrotta, tennis.com

No, dear fans of Roger Federer, the sky isn’t falling. The No. 1 ranking is not in jeopardy just yet. It isn’t time for your man to do something drastic, like hiring Brad Gilbert as a coach, shaving his head, or asking Wilson to design him a new racquet or some new strings. He doesn’t need any encouragement from Tiger Woods, who has been tightening his grip on the title of “Most Dominant Athlete in the World.” He doesn’t need to change his technique or his strategy or his training methods. One loss to Andy Murray at a small tournament in Federer’s de facto home of Dubai doesn’t doom a career.Still worried? That’s reasonable enough. Federer looked flat in Australia, understandable considering the food poisoning he had before the tournament began. Before he played Murray, he said he was fit and eager to play. He seemed ready to make a statement, that statement being, “I’m Roger Federer, and you are not.” He had to have been confident despite not playing in five weeks, since he had won in Dubai in 2003, 2004, 2005, and 2007, and lost in the final in 2006.

Click here for the full story

Seguaci di Federer, rilassatevi: è ancora presto!

No, cari fans di Roger Federer, il mondo non sta crollando. La posizione di n. 1 non è ancora in pericolo. Non è ancora giunto il momento che il vostro uomo faccia qualcosa di drastico, tipo assumere qualcuno come Brad Gilbert come coach, rasarsi la testa, o chiedere alla Wilson di creargli una nuova racchetta o delle nuove corde. Non ha neanche bisogno di incoraggiamento da parte di Tiger Woods, che ha stretto la sua morsa intorno al titolo di “Atleta più dominante del mondo”. Non ha bisogno di cambiare la sua tecnica, o la sua strategia oppure il suo approccio al training. Una sconfitta contro Andy Murray in un torneo piccolo a Dubai non condanna un’intera carriera. Siete ancora preoccupati? Beh, diciamo che è abbastanza ragionevole. Federer è sembrato assai piatto in Australia, cosa che si può capire visto l’intossicazione alimentare che si è preso giusto prima dell’inizio del torneo. A Dubai, prima di giocare il suo match contro Murray, si era dichiarato in forma e pronto a giocare. Sembrava pronto a fare una dichiarazione del tipo “ Io sono Roger Federer e tu no”. Era sicuro delle proprie possibilità anche dopo 5 settimane a riposo, dal momento che aveva già vinto il torneo nel 2003, 2004, 2005, 2007, e disputato una finale nel 2006.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Roger Federer’s sudden fallibility is fascinating to witness, Simon Barnes, The Times

I have been looking forward to the fallibility of Roger Federer for a long time, ever since I first saw him reach perfection at Wimbledon six years ago. Please don’t think I have anything against perfection, but when you have watched as much sport as I have, you look for something more.Federer has won 12 grand-slam tournament titles, been No1 since February 2004 and dominated his sport with style, grace, elegance, venom, accuracy, tactical brilliance, glorious angles, extraordinary reactions and a forehand bafflingly described as “a liquid whip”.Many say that Federer is the greatest tennis player to pick up a racket. Most experts disagree only on the subject of how far he will outdistance the records of lesser players. But now, Federer is at crisis, and I am enthralled.This is not because I wish bad things on him. This is not what Australians call Tall Poppy Syndrome: the ever-present need to cut exceptional people down to the same level as the rest of us. I am fascinated by giants, I have spent most of my professional life in pursuit of giants and I have learnt one or two things about giants as a result.

Click here for the full story

Intrigante assistere all’improvvisa vulnerabilità di Federer

Era da quando lo vidi raggiungere la perfezione assoluta al torneo di Wimbledon di sei anni fa che aspettavo di trovare delle falle nel gioco di Federer. Non crediate che abbia qualcosa contro la perfezione, ma dopo aver assistito cosi’ tante partite, ad un certo punto…ti manca qualcosa. Roger ha dominato il suo sport con stile, grazia eleganza e precisioni tali da farlo considerare da molti addetti ai lavori il piu’ grande della storia in questa disciplina. Oggi, Roger Federer e’ in crisi, e a me non dispiace affatto, perche’ gli scenari che si aprono di fronte a questa nuova situazione sono davvero intriganti. Il nocciolo della questione e’ il seguente : Come riesce una superstar a gestire il periodo di difficolta’ ? Fino ad oggi a Roger e’ stato sufficiente mantenere i suoi standard. In piu’ di un occasione ha avuto la meglio sugli avversari facendo leva sulla sua reputazione e la sua incrollabile fiducia in se stesso, ancora prima che grazie alla sua straordinaria abilita’ tecnica. Ora queste armi gli si sono state tolte e non puo’ piu’ contare su quell’aura di invincibilita’ che lo contraddistingueva, tanto che non c’e’ un solo giocatore fra i primi dieci giocatori del mondo che oggi non scenda in campo convinto di potersela giocare alla pari. Siamo di fronte a un crocevia decisivo della carriera del campione elvetico. Potrebbe cadere e non rimettersi piu’ in piedi,oppure rialzarsi e tornare piu’ forte di prima.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Hewitt’s talents underappreciated but effective, Joel Drucker, ESPN.com

Las Vegas in late winter conjures up Forrest Gump’s mother’s proverb that life is like a box of chocolates: You never know what you’re going to get. Howling winds, bright sun, high altitude, eye-straining shadows and chilly nights are just a few of the elements that can confound many a tennis player. Desert tennis is particularly daunting this time of year, when many pros have emerged from the cocoon of European and North American indoor events.Says Lleyton Hewitt: Phooey to all that. Over the course of his 12-year-pro career, one of his specialties has been an aptitude for conquering the American Southwest. Hewitt’s 26 ATP singles titles include a pair at the Pacific Life Open in the Palm Springs area, another two in Scottsdale, Arizona and, most recently, the 2007 Tennis Channel Open right here in Las Vegas. “I’ve always liked it in these conditions, always felt comfortable out there,” Hewitt said.

Click here for the full story

Hewitt: talento poco apprezzato ma efficace

La fine dell’inverno a Las Vegas evoca il proverbio della mamma di Forrest Gump che la vita è come una scatola di cioccolatini; non sai mai quello che ti capita. Vento rumoroso, sole abbagliante, notti fredde sono solo alcuni elementi di disturbo che confondono molti giocatori di tennis. Il deserto del tennis è particolarmente scoraggiante in questa momento dell’anno, dove molti pro sono emersi dall’involucro degli eventi indoor europei e nord americani.Nel corso dei 12 anni da professionista, una delle specialità di Lleyton Hewitt è stata la sua attitudine nel conquistare l’ American Southwest. Tra i 26 titoli in singolari ci sono infatti un paio di Pacific Life Open nell’area di Palm Springs, altri due nello Scottsdale, Arizona, e più recentemente, il Tennis Channel Open nel 2007 qui a Las Vegas. “Mi sono sempre piaciute queste condizioni., sempre molto confortevoli”, ha detto Hewitt.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tatiana Golovin, service compris, Ronan Folgoas, myfreesport.fr

C’est l’une des filles les plus sympas du circuit de tennis féminin. Avenante, souriante, enjouée, ” Tatie ” déteste les mecs arrogants. Qu’on se le dise ! Entretien vérité.Bonjour Tatiana. Vous avez 20 ans. Pour ceux qui ne vous connaissent pas encore, pouvez-vous raconter votre vie ?Je suis née à Moscou en janvier 1988. A huit mois, mes parents ont déménagé en France. Quelques années plus tard, on a repris nos valises pour aller aux états-Unis. C’est là-bas, en Floride, que j’ai appris à jouer au tennis dans l’académie de Nick Bolletieri. J’avais 7 ans quand j’ai commencé à taper dans la balle. J’ai croisé la route de nombreuses futures championnes. L’une de mes copines d’enfance s’appelle Maria Sharapova. Elle venait souvent à la maison. Au total, j’ai passé sept ans aux états-Unis, avant de rentrer en France et de jouer au sein des structures de la Fédération française de tennis.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Tatiana Golovin, servizio compreso

E’una delle ragazze più simpatiche del circuito del tennis femminile. Cortese, sorridente, “Tatie” odia i ragazzi arroganti. Diciamocelo! Intervista verità.Buongiorno Tatiana. Ha 20 anni. Per quelli che non la conoscono ancora, può raccontare la sua vita?Sono nata a Mosca nel gennaio 1988. Ad otto mesi, i miei genitori si sono trasferiti in Francia. Alcuni anni più tardi, abbiamo fatto le valigie per gli Stati Uniti. È là, in Florida, che ho imparato a giocare a tennis nell’accademia di Nick Bolletieri. Avevo 7 anni quando ho iniziato a colpire una palla. Ho incrociato la strada di numerose future campionesse. Una delle mie compagne d’infanzia si chiama Maria Sharapova. Veniva spesso a casa nostra. Riassumendo, ho passato sette anni negli Stati Uniti, prima di rientrare in Francia e giocare nell’ambito delle strutture della Federazione francese di tennis.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Roddick écœure Nadal, Bastien Aubert, sport24.com

Auteur d’un match énorme, Andy Roddick a nettement pris le dessus sur Rafael Nadal en quarts de finale de Dubaï (7/5 6/2). Ça passe aussi pour Djokovic, Lopez et Davydenko.Un ace à 241 km/h pour A-Rod !Il y aura bien un Espagnol dans le dernier carré de Dubaï. Mais ce ne sera pas Rafael Nadal. Le Majorquin, qui parlait encore récemment du resserrement entre les différents joueurs composant le gratin mondial, n’a pas été démenti par Andy Roddick en quarts de finale du tournoi. Ce dernier, vainqueur à San José et auteur d’un parcours honorable à Memphis, l’a fait tomber magistralement ce jeudi. Négociant parfaitement ses jeux de service, il n’était presque jamais inquiété au cours de la manche initiale et se montrait dangereux sur ses jeux de relance.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Roddick annienta Nadal

Autore di un incontro fantastico, Andy Roddick ha chiaramente preso il sopravvento su Rafael Nadal nei quarti di finale di Dubaï (7/5 6/2). Passano anche Djokovic, Lopez e Davydenko.Ace a 241 km/h per A-Rod!Ci sarà uno spagnolo in semifinale a Dubaï. Ma non sarà Rafael Nadal. L’abitante di Maiorca, che parlava ancora recentemente dell’assottigliamento dei margini tra i diversi giocatori che compongono l’elite mondiale, non è stato smentito da Andy Roddick nei quarti di finale del torneo. Quest’ultimo, vincitore a San José ed autore di un percorso onorevole a Memphis, lo ha battuto magistralmente questo giovedì. Negoziando perfettamente i suoi giochi di servizio, non era quasi mai preoccupato nel corso del set iniziale e si mostrava pericoloso sui suoi giochi di risposta.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Le tennis français cherche son roi, Florian Toumit, sport365.fr

Quatorze Français dans le top 100, huit dans le top 50. Le tennis masculin français semble être au meilleur de sa forme. Et pourtant, dans les grands évènements, ils coincent souvent. Analyse.Jo-Wilfried Tsonga finaliste à l’Open d’Australie ; qualification pour les quarts de finale de la Coupe Davis ; victoires aux tournois d’Adélaïde et de Rotterdam pour Michaël Llodra. Le tennis français masculin vit un grand début de saison. Paradoxalement, on se pose la question de savoir si le tennis français peut jouer régulièrement les premiers rôles lors des tournois majeurs. Les Français ne manquent pas de talent, mais plutôt de maturité tennistique et, peut-être, de caractère. La Coupe Davis est symptomatique de cet état. Les joueurs aiment cet esprit d’équipe et se fondent dans le collectif. Mais l’équipe de France manque d’un leader naturel, autant dans les résultats que dans l’attitude. On ne naît pas champion, on le devient. En Allemagne, il y a eu le couple en or Boris Becker et Steffi Graf, mais leurs successeurs ne sont pas à la hauteur. On ne remplace pas les champions d’exception. Le tennis français est toujours à la recherche du sien.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Il tennis francese cerca il suo re

Quattordici francesi nel top 100, otto nel top 50. Il tennis maschile francese sembra essere al meglio della forma. E tuttavia, nei grandi eventi, falliscono spesso. Analisi.Jo-Wilfried Tsonga finalista all’aperto di Australia; qualificazione per i quarti di finale di Coppa Davis; vittorie ai tornei di Adelaide e di Rotterdam per Michaël Llodra. Il tennis francese maschile vive un grande inizio di stagione. Paradossalmente, ci si chiede se il tennis francese può svolgere regolarmente il ruolo di protagonista in occasione dei tornei principali. I francesi non mancano di talento, ma piuttosto di maturità tennistica e, forse, di carattere. La Coppa Davis è sintomatica di questo stato. I giocatori amano questo spirito di gruppo e si fondono nel collettivo. Ma la squadra di Francia manca di un capo naturale, sia nei risultati che nell’atteggiamento. Non si nasce campione, lo si diventa. In Germania, c’è stata la coppia d’oro Boris Becker e Steffi Graf, ma i loro successori non sono all’altezza. Non si sostituiscono i campioni d’eccezione. Il tennis francese è sempre alla ricerca del suo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Roddick se sépare de Connors, sport.fr

L’Américain Andy Roddick s’est qualifié pour les demi-finales du tournoi de tennis de Dubaï en battant nettement l’Espagnol Rafael Nadal… avant d’annoncer qu’il se séparait de son entraîneur, la légende du tennis Jimmy Connors.Alors qu’il ne partait pas favori, Roddick (N.6) a écarté Nadal (N.2) en deux sets 7-6 (7/5), 6-2 en quarts de finale, et il rencontrera en demi-finale le Serbe Novak Djokovic (N.3), vainqueur du Russe Igor Andreev 6-2, 6-1.L’autre demi-finale opposera le Russe Nikolay Davydenko (N.5) à l’Espagnol Feliciano Lopez. Davydenko a sorti le tombeur de Roger Federer au premier tour, l’Ecossais Andy Murray, en deux sets 7-5, 6-4, tandis que Lopez a battu son compatriote David Ferrer (N.4) 6-4, 6-3.Roddick a révélé que la séparation avait eu lieu une semaine avant qu’il vienne à Dubaï, qu’elle avait été décidée d’un commun accord et qu’elle s’expliquait principalement par des “raisons logistiques”, Connors ne pouvant le suivre dans ses déplacements incessants.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Roddick si separa da Connors

L’americano Andy Roddick si è qualificato per le semifinali del torneo di tennis di Dubaï battendo chiaramente lo spagnolo Rafael Nadal… prima di annunciare che si separava del suo allenatore, la leggenda del tennis Jimmy Connors.Pur non partendo favorito, Roddick (N.6) ha battuto Nadal (N.2) in due set 7-6 (7/5), 6-2 nei quarti di finale, ed incontrerà in semifinale il serbo Novak Djokovic (N.3), vincitore sul Russo Igor Andreev 6-2, 6-1. L’altra semifinale opporrà il Russo Nikolay Davydenko (N.5) allo spagnolo Feliciano Lopez. Davydenko ha fatto uscire il giustiziere di Roger Federer al primo turno, lo scozzese Andy Murray, in due set 7-5, 6-4, mentre Lopez ha battuto il suo compatriota David Ferrer (N.4) 6-4, 6-3. Roddick ha rivelato che la separazione aveva avuto luogo una settimana prima di venire a Dubaï, che era stata decisa di comune accordo e che si spiegava soprattutto con “ragioni logistiche”, Connors non potendo seguirlo nei suoi spostamenti incessanti.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Xavier Malisse ne gagne plus, Serge Fayat, La Dernière Heure

Battu d’entrée à Las Vegas, il met sa carrière en périlLAS VEGAS Rien ne va plus pour Xavier Malisse ! Le Courtraisien, retombé à la 349e place mondiale suite à une année 2007 de galère marquée par des blessures au poignet et au genou, ne parvient plus à gagner un match. Lundi soir, il a ainsi été éliminé au premier tour du tournoi indoor de Las Vegas, doté de 436.000 dollars, par Robby Ginepri (ATP 111) 2-6, 6-3 et 6-4.“Xavier va bien. Reste à gagner des matches… nous a confié son frère Olivier. Il traverse une période difficile, mais il tâche de garder le moral. Il savait qu’il risquait de se retrouver dans cette situation. Ce n’est pas gai, il a forcément perdu un peu confiance, mais il doit mordre sur sa chique et ne pas baisser les bras.”

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Xavier Malisse non vince più

Battuto al primo turno a Las Vegas, mette la sua carriera in pericoloLas VEGAS Rien ne va plus per Xavier Malisse! Il belga, crollato alla 349 posizione mondiale in seguito ad un 2007 di disavventure segnato da infortuni al polso ed al ginocchio, non riesce più a vincere un incontro. Lunedì sera, è stato così eliminato al primo turno del torneo indoor di Las Vegas, dotato di 436.000 dollari, da Robby Ginepri (ATP 111) 2-6, 6-3 e 6-4. “Xavier sta bene. Deve solo vincere delle partite… ci ha confidato il suo fratello Olivier. Attraversa un periodo difficile, ma prova a conservare il morale. Sapeva che rischiava di trovarsi in questa situazione. Non è allegro, ha inevitabilmente perso un po’fiducia, ma deve masticare duro e non arrendersi.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 6 MarchAggiornato il 6 Marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Federer not impressed by Murray, Reuters (Murray non impressiona Federer)- Aces Acquire Anna, Tennis Week (Gli Aces ingaggiano Anna)- Nadal: Andy Murray has a winning game, William Johnson, Daily Telegraph (Nadal : il gioco di Murray e’ vincente)- Scott: Hingis deserved a better sendoff, Alaric Gomes, Gulf News(La Hingis meritava un congedo migliore)- Guga announces new tennis tournament, counts on his experience , Chinaview (Guga inaugura un nuovo torneo)- Becker tells Fed to live in village , Eurosport (Becker consiglia a Federer di alloggiare nel Villaggio Olimpico)- Musings on Monica, madness and the meaning of life , Bill Simmons, insidetennis.com (Riflessioni su Monica, la pazzia e il significato della vita)- Federer-Sampras auction items to benefit charity , tennisweek.com (Federer e Sampras faranno un’asta di beneficenza)- Murray admits to knee problem after uncomfortable win , Richard Yago, The Guardian (Murray imputa la sua vittoria poco agevole a un problema al ginocchio)- Exclusive to web: How relaxed Murray planned a patient victory , Paul Newman, The Independet (Esclusivo: in che modo un Murray rilassato ha pianificato una vittoria paziente)- Djokovic défend Murray, Julien Carrasco, eurosport.fr (Djokovic difende Murray)- La perf’ de Benneteau, Vincent Duchesne, sport24.com (La performance di Benneteau)- Hécatombe à Dubaï, sport24.com (Ecatombe a Dubaï)- Steve Darcis, l’homme pressé, Paolo Leonardi, lesoir.be (Steve Darcis, l’uomo che ha fetta)

Federer not impressed by Murray, Reuters

Roger Federer was beaten by Andy Murray on Monday but believes the Briton’s game has not really changed since they first met on the ATP Tour in 2005..In the last two seasons, the 20-year-old Murray has claimed five titles but Federer was not very impressed by the world number 11’s tactics on Monday.“I don’t think he’s changed his game a whole lot since I played him in the Bangkok final,” the Swiss said“Not that I’m disappointed but I really would have thought he would have changed it in some ways.”

“It sort of works for him but he’s going to have to grind very hard for the next few years if he keeps playing this way,” said Federer He stands way far behind on the court and (that means) you’ve got to do a lot of running, and he tends to wait a lot for the mistake of the opponent.Murray was surprised by Federer’s comments.“You do different things against different players.” said the Scot.

“My serve is clearly much better than it was two years ago,” he said. “I feel quicker and stronger around the court. Mentally I feel like I’m better“But there are still some things in my game that I want to improve and it does take some time to put them into the match court. I feel like I’ve started to do that this year.”

Click here for the full story

Murray non impressiona Federer

Nonostante la sconfitta,Roger Federer ritiene che il tennis di Murray non sia variato di molto. “ Non mi pare di aver notato grandi cambiamenti nel suo gioco rispetto al’ultima volta che ci eravamo incontrati. Mi sarei aspettato qualche cambiamento. La tattica cha adotta Andy e’ funzionale per il suo gioco, ma se continua su quella strada fara’ molta fatica in futuro. Gioca molto dietro la linea di fondo ad aspettare l’errore dell’avversario, cosi’ facendo deve correre moltissimo. Murray si e’ dichiarato sorpreso delle dichiarazioni del campione elevetico. “ Il mio servizio e’ migliorato molto rispetto a due anni fa. Mi muovo decisamente meglio sul campo e mi sento piu’ potente. Anche sotto l’aspetto mentale ho fatto dei progressi. Ci sono ancora tanti aspetti del mio gioco che devo perfezionare, ma quest’anno ho iniziato a farlo “

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese )

Aces Acquire Anna, Tennis Week

The World TeamTennis Pro League presented by Advanta today released the 2008 schedule and announced the addition of fan favorite Anna Kournikova to the League’s lineup of top tennis stars.

The 2008 WTT schedule includes 77 matches in 11 markets beginning July 3 and running through July 23. Five teams will advance to the WTT Championship Weekend, July 24-27 in Roseville, Calif.Kournikova was acquired by the St. Louis Aces in a trade with the defending champions, the Sacramento Capitals. Kournikova joins previously announced marquee players including Lindsay Davenport (Newport Beach Breakers), Serena Williams (Washington Kastles), Andy Roddick (St. Louis Aces), Venus Williams (Philadelphia Freedoms), Martina Navratilova (Boston Lobsters) and Bob and Mike Bryan (Kansas City Explorers).After playing for Sacramento for the past three years, Kournikova begins her sixth WTT season with a new team. The former World No. 1 doubles star will play three matches for the St. Louis Aces, beginning Friday, July 18, in St. Louis. Kournikova will also make visits to the New York Buzz in Schenectady, N.Y., on July 22, and close out the season on July 23 in Washington, D.C. Kournikova won 16 doubles titles during her pro career, including two Grand Slams, and was ranked as high as no. 8 in singles. The Aces acquired the rights to Kournikova by trading their first round pick in the WTT Roster Draft on April 1 to Sacramento. St. Louis also received the Capitals second round roster draft selection.

Click here for the full story

Gli Aces ingaggiano Anna

La Team Tennis Pro League ha ufficialmente presentato il programma della stagione 2008 ed ha comunicato che quest’anno anche Anna Kournikova prendera’ parte alla competizione, che prendera’ il via il 3 Luglio. La ex campionessa russa e’ stata ingaggiata dai St. Louis Aces che hanno superato la concorrenza dei campioni uscenti, i Sacramento Capitals. La Kournikova va ad aggiungersi a un nutrito gruppo di star mondiali che includono Lindsay Davenport (Newport Beach Breakers), Serena Williams (Washington Kastles), Andy Roddick (St. Louis Aces), Venus Williams (Philadelphia Freedoms), Martina Navratilova (Boston Lobsters) and Bob and Mike Bryan (Kansas City Explorers). Dopo aver militato nelle fila dei Sacramento Capitals per tre stagioni, Anna inizia quest’anno una nuova avventura e fara’ il suo debutto nella manifestazione il 18 luglio a Sant Louis. Durante la sua carriera da professionista la Kournikova ha portato a casa 16 titoli di doppio e raggiunto l’ottava posizione del ranking Wta, con la semifinale di Wmbledon quale miglior isultato nelle prove del grande slam.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese )

Nadal: Andy Murray has a winning game, By William Johnson

Nadal, relieved to overcome Germany’s Philipp Kohlschreiber , was reluctant to enter the disagreement between Federer and Murray but, when pushed, advised the British No 1 to carry on as normal. “Every player has a different style,” said Nadal, who conceded five successive games yesterday as he threatened to go the same way as Federer. Murray is getting very good results and if you are doing well, why do you have to change? Some day when he is doing badly he must change. But he has started the season well. Last year he played well until his injury.”Nadal felt vulnerable as he tried to adjust to the desert conditions against his steadily improving opponent. “It is not easy coming to a top tournament like this and having to find your form immediately,” he said.World No 3 Djokovic also insisted that he expected Murray to add to Federer’s 2008 woes.He said: “Roger doesn’t like it when the ball keeps coming back at him and I wasn’t surprised that Andy beat him. Andy has been playing well this year.”Djokovic added: “I was a bit sceptical about tonight’s match because it was a big match for him. The key was being more stable in the important moments.”

Click here for the full story

Nadal : il gioco di Murray e’ vincente

Rafa Nadal , sebbene riluttante ad entrare fra la polemica dialettica tra Federer e Murray, pare comunque prendere le difese dello scozzese: “ Io gli consiglio di andare avanti così, ognuno ha il suo stile di gioco e non vedo perche’ Andy dovrebbe cambiarlo. Inoltre mi pare che i risultati stiano arrivando e quando le cose vanno bene penso non ci siano motivi per cambiare rotta. Quando cominceranno ad arrivare delle sconfitte ripetute potra’ porsi degli interrogativi, ma la stagione per lui e’ iniziata bene. Anche l’anno scorso, prima dell’infortunio, stava giocando un ottimo tennis”. Nemmeno Novak Djokovic sembra sorprendersi molto degli exploit dello scozzese : Roger si trova a disagio quando la palla gli torna indietro tante volte, per me non e’ una grande sorpresa che Andy lo abbia battuto. Ha un gioco che gli da’ molto fastidio ed ha iniziato la stagione alla grande ”

clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese)

Scott: Hingis deserved a better sendoff, Alaric Gomes, Gulf News

Dubai: Larry Scott regretted that a legend such as Martina Hingis did not step down from the sport on a better note.“She is such a legend and she deserved to end her stellar career on a high note,” Scott remarked.However, the WTA boss felt no one could possibly take anything away from the ‘Swiss Miss’ and that her records and achievements are there as a testimony to her being one of the best players ever in the modern annals of the game.“Most fans will still remember her for all that she achieved during her brilliant career,” Scott added.

Scott, however, used Hingis’s case to make a strong statement. “We take the doping system very seriously and our programme is accredited by WADA,” he said.He added that players have a role to play in furthering the interests of the sport, and hence, should always be vigilant of their lives both on and off the playing field. “Our players are role models and it is very important for us to send the right signal. I completely support the programme because it is most important for our kids to know that tennis is a clean sport,” Scott stated.

“We’re taking these threats seriously and working with the ITF, the Grand Slams and the ATP Men’s Tour,” he added.

Click here for the full story

La Hingis meritava un congedo migliore

Larry Scott mostra rammarico per il modo in cui una grande campionessa di questo sport come Martina Hingis sia uscita di scena. “ E’ stata una leggenda di questa disciplina e avrebbe meritato di chiudere la carriera con un piu’ alto profilo “. Il presidente della Wta ritiene comunque che niente e nessuno potra’ mai togliere alla svizzera i record e i grandi risultati che ha saputo raggiungere in carriera e la considera come una delle piu’ grandi esponenti di sempre della storia del tennis. “ I tifosi la ricorderanno sempre per tutto quello che ha conquistato durante la sua carriera “, ha aggiunto Scott. Il dirigente pero’ si dichiara inflessibile rispetto alla spinosa vicenda doping : ” Stiamo affrontando la materia in maniera serissima e lavorando in collaborazione con la WADA. I giocatori stessi hanno il compito di vigilare su cio’ che avviene attorno al loro ambiente,mi aspetto molto dalla loro collaborazione. Dobbiamo essere in grado di trasmettere ai giovani un’immagine positiva e pulita del nostro sport ”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese )

Guga announces new tennis tournament, counts on his experience , Chinawiew

The latest tournament in the tennis world, the Santa Catarina challenger, was revealed on Wednesday by the host and creator, Gustavo Kuerten.The tournament will be the third one on the list of the farewell tour of Guga. The competition will take place in the city where Kuerten was born, Florianopolis. “This tournament will be a privilege. It will be one last opportunity. I am giving myself this present. Being able to play in Florianopolis in front of all my friends and family will be great. The tournament will have a special meaning to me,” said the former world No. 1.“Nowadays, it is difficult to expect a victory in a challenger like this. Your competitions are guys that are ranked between 150th and 200th worldwide. They are in much better shape than I and have much better coordination than I. I do, however, have years of experience and knowledge of the game that these guys don’t have,” explained Kuerten.Guga began his farewell tour with the Brazil Open. His last appearance in the ATP tennis world will be at the Roland Garros, which begins in the end of May.

Click here for the full story

Guga inaugura un nuovo torneo

Il nuovissimo Challenger di Santa Catarina, e’ stato presentato ieri direttamente dal suo creatore, il campione brasiliano Gustavo Kuerten. Il torneo entrera’ ovviamente a far parte del tour di addio di Guga ed avra’ luogo nella sua citta’ natale, a Florianopolis. “ Per me rappresenta un grande privilegio e un ‘ ultima opportunita’. E’ un regalo che faccio a me stesso . Poter giocare praticamente a casa mia di fronte alla mia famiglia e ai miei amici sara’ un ‘esperienza indimenticabile. Avra’ un significato particolare per me “ Riguardo le sue possibilita’circa ben figurare nel torneo, Kuerten e’ piuttosto prudente : “ Saranno presenti molti giocatori piu’ preparati e in forma di me, io posso far leva sulla mia esperienza, loro sulla freschezza. L’ultima puntata della carriera di Guga avverra’ a Parigi al torneo del Roland Garros.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo ( in inglese )

Becker tells Fed to live in village , Eurosport

Boris Becker has advised world tennis number one Roger Federer to live in the athletes’ village at the Olympics in Beijing rather than seek more private quarters away from the Games.Federer said this week he was unsure whether to stay with his fellow athletes after experiencing difficulties in Athens in 2004. But Becker, a gold medallist in Barcelona in 1992, said he should only consider staying apart as a last resort.“That was our trick in Barcelona, staying at the Olympic village,” Becker, who won gold in the doubles with Michael Stich, said in an interview with Reuters.“To get into the right frame of mind, to understand what the Olympics is all about, you should try to be as often as you can in the Village, to mingle with the other athletes. I think that gives you a much bigger motivation.“I’d absolutely recommend that Federer stays there.“But let’s say he should have a bed in the Swiss quarter and maybe if it’s really terrible his girlfriend should have a bed ready in a five-star hotel next door. That would be the ideal choice.”

Click here for the full story

Becker consiglia a Federer di alloggiare nel Villaggio Olimpico

Boris Becker ha consigliato al numero uno del tennis Roger Federer di vivere nel villaggio olimpico insieme agli altri atleti a Pechino piuttosto che cercarsi un alloggio privato lontano dalla sede dei Giochi. Questa settimana infatti Federer avrebbe rivelato di essere incerto se stare con i suoi compagni di squadra o meno, dopo le difficoltà che si erano presentate durante le Olimpiadi del 2004 ad Atene. Ma Becker, medaglia d’oro a Barcellona nel 1992, ha replicato suggerendo che Federer dovrebbe considerare questa possibilità solo come l’ultima risorsa. Becker, vincitore dell’oro nel doppio insieme a Michael Stich, ha detto in un’intervista con la Reuters che “Stare nel villaggio olimpico è stato il loro segreto durante le Olimpiadi di Barcellona. Per entrare nella giusta mentalità, per capire veramente che cosa sono i giochi olimpici, bisognerebbe mescolarsi con gli altri atleti e quindi stare al villaggio olimpico il più possibile. Questo ti da una motivazione molto più forte, e raccomando in maniera assoluta a Federer di stabilirsi là. Beh diciamo che dovrebbe avere un letto nel settore svizzero e se la cosa risulta così terribile la sua fidanzata dovrebbe avere un letto pronto in un hotel 5 stelle giusto accanto. Questa sarebbe la scelta ideale da fare”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Musings on Monica, madness and the meaning of life , Bill Simmons, insidetennis.com

On Feb. 14, Monica Seles has at last announced her retirement. Here’s my remembrance:Giddy and giggly, the innocent, free teen strode onto Roland Garros’ fabled Court Centrale and flung roses to an adoring crowd. Never mind that her seasoned foe, Zina Garrison, seethed with anger and envy. The entry of young Monica Seles onto tennis’ main stages in the late ‘80s was a heady mix of unspoiled delight and fierce, unflinching triumphs.Plus, the spindly teen’s backstory was quite the compelling tale. Of Hungarian heritage with an exotic dose of gypsy blood, she was born poor in communist Yugoslavia, where she learned the game in a parking lot and honed her distinctive double-barreled shots by hitting against the wall of her apartment house (which had to have the best neighbors in town). Soon enough, the kid who would win tournaments before she even knew how to score, set out on a trailblazing career where, time and again, she would create new paths.

Click here for the full story

Riflessioni su Monica, la pazzia e il significato della vita

Il 14 Febbraio scorso Monica Seles ha annunciato il suo ritiro dal tennis professionistico. Ecco qui il mio tributo:Capricciosa e ridanciana, la ragazzina innocente fece la sua apparizione nel leggendario Campo Centrale del Roland Garros gettando rose a un pubblico in adorazione. Nessuna sorpresa che la sua ‘stagionata’ rivale, Zina Garrison, fosse letteralmente in ebollizione per la rabbia e il livore. L’entrata della giovane Monica Seles nello scenario tennistico alla fine degli anni 80 fu un mix esilarante di puro piacere e di fieri, costanti trionfi. Per di più, il retroscena della ragazzina si presentava come una favola. Di origini ungare e, in parte, di sangue zingaro, Monica nacque nella povera Yugoslavia comunista, dove lei aveva imparato a giocare a tennis in un parcheggio e aveva raffinato i suoi distinti colpi a due mani praticando contro un muro del suo appartamento (deve avere avuto i migliori vicini di tutta la città!). Ben presto, la bambina che avrebbe vinto le competizioni ancora prima di conoscere il sistema di conteggio dei punti nel tennis, stabilì una carriera promettente che avrebbe aperto nuovi orizzonti.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Federer-Sampras auction items to benefit charity , tennisweek.com

Fans attending Monday night’s “NetJets Showdown: a Battle for Tennis History” exhibition match between Roger Federer and Pete Sampras at Madison Square Garden can bid on memorabilia items autographed by the World No. 1 and Grand Slam king with proceeds from the silent auction benefitting Dream Vaccines Foundation and Mymetics Corporation.This is the first fundraising event for the newly launched Dream Vaccines Foundation, a not-for-profit organization that aspires to be the avenue through which vaccines can be tested and delivered to underserved and impoverished populations.The event, a StarGames production in conjunction with eight-time Grand Slam champion Ivan Lendl, pits Sampras and Federer playing before a sold-out crowd of more than 19,000 fans at the World’s Most Famous Arena.

Click here for the full story

Federer e Sampras faranno un’asta di beneficenza

Lunedì prossimo i fans che assisteranno all’esibizione tra Roger Federer e Pete Sampras - “NetJets Showdown: a Battle for Tennis History”- al Madison Square Garden potranno fare offerte su un numero di articoli autografati dal numero uno del mondo e dal re degli Slams. I proventi delle vendite beneficeranno la Dream Vaccines Foundation e la Mymetics Corporation. Questa è la prima raccolta di fondi organizzata dalla nuova Dream Vaccines Foundation, una organizzazione no-profit che aspira a diventare il mezzo attraverso cui i vaccini posso essere testati e inviati a popolazioni povere e che non godono di assistenza sociale. L’evento, messo a punto dalla StarGames insieme all’otto volte campione di Grand Slams Ivan Lendl, vedrà Sampras e Federer giocare di fronte a una folla di più di 19000 persone nell’arena più famosa del mondo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Murray admits to knee problem after uncomfortable win , Richard Yago, The Guardian

Andy Murray went from a matter-of-factly taken win over the world’s greatest player to a harassing scramble past a relative unknown today. He also went from controlling his euphoria to containing frustration and, more worryingly, from the imperious court coverage he displayed against Roger Federer to restricted movement and evident discomfort during a 6-3, 3-6, 7-6 (7-5) survival against Fernando Verdasco, the world No30.Murray was troubled by problems in his right knee, the one which led to last month’s controversial withdrawal from the Davis Cup, and which flared up again after he jarred it stretching for a wide ball in the third game of the second set here. He claimed that this was not serious and that it might not necessarily affect him tomorrow against Nikolay Davydenko, but then offset this optimistic self-diagnosis by admitting he suffers from problems with it half the time.

Click here for the full story

Murray imputa la sua vittoria poco agevole a un problema al ginocchio

Andy Murray oggi è passato da una netta vittoria contro il miglior giocatore del mondo a una partita faticosa contro qualcuno relativamente poco conosciuto. È anche passato dal controllo dell’euforia al contenimento della frustrazione e, cosa ancor più preoccupante, dalla magnifica copertura del campo dimostrata contro Roger Federer a un evidente disagio nel muoversi durante un match di sopravvivenza vinto 6-3, 3-6, 7-6(7-5) contro Fernando Verdasco, classificato numero 30. Murray è stato infastidito da problemi al ginocchio, lo stesso che lo scorso mese lo ha portato al controverso ritiro dalla Coppa Davis. E che ha sentito ancora bruciare oggi dopo essersi allungato su una palla larga nel terzo gioco del secondo set. Andy ha dichiarato a fine match che non si tratta di una cosa seria e che non crede che possa compromettere la sua prestazione contro Nikolay Davydenko domani. Tuttavia ha poi controbilanciato questa autodiagnosi ottimistica ammettendo che quel ginocchio gli crea problemi metà del tempo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Exclusive to web: How relaxed Murray planned a patient victory, Paul Newman, The Independet

It can be dangerous to read too much into head-to-head records. Only one current player has beaten Roger Federer more than once and never lost to him, but even Dominik Hrbaty, the world No 195, would admit that he was lucky to catch the planet’s greatest player cold in first rounds on their only two meetings, in Paris in 2000 and Cincinnati four years later.Rafael Nadal, with an 8-6 lead, and David Nalbandian, tied at 8-8, are the only top players who have regularly got the better of Federer, but Andy Murray is threatening to break into that group. The British No 1’s three-set victory over Federer in the first round of the Barclays Dubai Championships here on Monday night was his second in succession following his win in Cincinnati 18 months ago. Murray felt he could beat Federer from the moment he played him in their only other encounter, when the Swiss won their Bangkok final three years ago 6-3, 7-5.

Click here for the full story

Esclusivo: in che modo un Murray rilassato ha pianificato una vittoria paziente

Interpretare troppo i records testa a testa può essere pericoloso. Soltanto un giocatore ha battuto Roger Federer più di una volta senza mai perdere contro di lui. Ma anche Dominik Hrbaty, classificato n. 195, ammetterebbe di essere stato fortunato a incontrare il più grande giocatore del pianeta al primo round dei loro due unici incontri disputati, a Parigi nel 2000 e a Cincinnati quattro anni dopo. Rafael Nadal, con un vantaggio di 8-6 , e David Nalbandian, pari a 8-8, sono i soli due giocatori ad avere avuto di frequente la meglio su Federer. Adesso Andy Murray sta pericolosamente entrando in quel gruppo. La vittoria su Federer del n. 1 Britannico al primo turno dei Barclays Dubai Championships lo scorso lunedì è stata la seconda di fila dopo il suo successo a Cincinnati 18 mesi fa. Murray si è reso conto di poter battere Federer dal momento in cui i due giocarono il loro primo incontro, vinto dallo svizzero 6-3, 7-5 3 anni fa nella finale di Bangkok.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Djokovic défend Murray, Julien Carrasco, eurosport.fr

Novak Djokovic n’a pas hésité à mettre son grain de sel dans la petite polémique qui a suivi la victoire d’Andy Murray sur Roger Federer. Selon le Serbe, qui soutient l’Ecossais et sa façon de jouer, le Suisse est sous pression.“Honnêtement, vu les résultats de ce début de saison, et vu le style des deux joueurs (Federer et Murray) et la rapidité du court, je n’ai pas été étonné du résultat. Je m’attendais à une victoire de Murray”, Novak Djokovic n’a jamais eu peur de prendre parti. Après les déclarations de Roger Federer, battu par Andy Murray, mais très critique envers l’Ecossais, le Serbe a exprimé avec retenue mais non sans ambition, que l’hégémonie du Suisse était en danger. Novak a toujours fait savoir qu’il voulait la place de N.1 mondial. Sur le court, il a marqué des points en accrochant Federer à l’US Open, puis en le battant à l’Open d’Australie. Devant les micros, il vient encore de se positionner en première ligne :“Je ne pense pas que Roger aime quand les balles reviennent trop souvent, et il semble évident qu’Andy Murray sait le faire avec style : il sait ce qu’il faut faire au bon moment. Avec le temps, on apprend de plus en plus comment jouer Federer, alors, après les récents résultats, de plus en plus de joueurs savent qu’ils peuvent obtenir des résultats face à lui”… Ça, c’est fait.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Djokovic difende Murray

Novak Djokovic non ha esitato a mettere il suo grano di sale nella piccola polemica che ha seguito la vittoria di Andy Murray su Roger Federer. Secondo il serbo, che sostiene lo scozzese ed il suo modo di giocare, lo Svizzero è sotto pressione. “Onestamente, visti i risultati di quest’inizio di stagione, e visto lo stile dei due giocatori (Federer e Murray) e la rapidità del campo, non sono stato stupito del risultato. Mi aspettavo una vittoria di Murray “, Novak Djokovic non ha mai avuto timore di prendere parte.” Dopo le dichiarazioni di Roger Federer, battuto da Andy Murray, ma molto critico verso lo scozzese, il serbo ha espresso con riserbo ma non senza ambizione, che l’egemonia dello Svizzero era in pericolo. Novak ha sempre affermato che voleva il posto di N.1 mondiale. Sul campo, ha segnato punti avvicinando Federer all’US Open, quindi battendolo all’Open di Australia. Dinanzi ai microfoni, si è ancora piazzato in prima linea: “Non penso che Roger gradisca quando le palle ritornano troppo spesso, e sembra ovvio che Andy Murray sa farlo con stile: sa ciò che occorre fare al momento giusto. Col tempo, si apprende sempre più come giocare contro Federer, allora, dopo i recenti risultati, sempre più giocatori sanno che possono ottenere risultati contro di lui “… Ecco, è fatto.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

La perf’ de Benneteau, Vincent Duchesne, sport24.com

Julien Benneteau a créé la surprise à Las Vegas en sortant le tenant du titre Lleyton Hewitt dès le deuxième tour (6/3 7/5). En quarts, le Français affrontera Sam Querrey, tombeur de Nicolas Kiefer.Benneteau s’offre le tenantLe tenant du titre est tombé à Las Vegas ! Et cocorico, cet exploit a été réalisé par un Français, Julien Benneteau. Le terme exploit souvent galvaudé et utilisé à tort et à travers prend ici toute sa mesure tant Lleyton Hewitt est comme chez lui dans le Nevada. Imaginez que l’Australien a disputé cinq finales lors de ses six dernières apparitions à Las Vegas ! Mieux encore, il a déjà inscrit son nom au palmarès à trois reprises (2000, 2003, 2007). Des performances qui n’ont pas effrayé Benneteau, solide d’entrée au service (69% de première balle) mais également maître de ses nerfs pour écarter quatre balles de break lors du premier set. Le Français s’offrait même le luxe de prendre le service de son adversaire à deux reprises pour empocher le gain de la première manche (6/3). Devant un assistance stupéfaite, Hewitt perdait pied. Catastrophique sur sa mise en jeu, l’Australien, au courage, devait sauver la bagatelle de 9 balles de break dans le deuxième set et concédait tout de même à deux reprises son service. Une aubaine pour Benneteau qui ratait le coche au moment de servir pour le match. Mais il était dit qu’Hewitt serait trahi par sa mise en jeu jusqu’au bout. Une énième balle de break permettait au Burgien de réaliser la perf’ de ce 2e tour (7/5).

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

La performance di Benneteau

Julien Benneteau ha creato la sorpresa a Las Vegas eliminando il detentore del titolo Lleyton Hewitt al secondo turno (6/3 7/5). in quarti, il francese affronterà Sam Querrey, che ha battuto Nicolas Kiefer.Benneteau si offre il detentore del titoloIl detentore del titolo è caduto a Las Vegas! E guarda un po’, quest’impresa è stata realizzata da un francese, Julien Benneteau. Il termine impresa spesso svilito ed utilizzato impropriamente assume qui tutta la sua misura tanto Lleyton Hewitt è come di casa nel Nevada. Immaginate che l’australiano ha disputato cinque finali in occasione delle sue ultime sei apparizioni a Las Vegas! Meglio ancora, ha già iscritto il suo nome nell’albo d’onore tre volte (2000,.2003,.2007). Prestazioni che non hanno spaventato Benneteau, solido fin dal’’inizio al servizio (69% di prima palla) ma anche saldo di nervi nell’annullare quattro palle break in occasione del primo set. Il francese si offriva anche il lusso di prendere il servizio del suo avversario due volte per intascare la vittoria del primo set (6/3). Dinanzi ad un pubblico stupefatto, Hewitt perdeva terreno. Catastrofico sul suo servizio, l’australiano, con coraggio, doveva salvare la sciocchezza di 9 palle break nel secondo set e concedeva ugualmente due volte il suo servizio. Un vantaggio insperato per Benneteau che perdeva l’occasione al momento di servire per l’incontro. Ma abbiamo detto che Hewitt sarebbe stato abandonato dal servizio fino alla fine. Una ennesima palla break permetteva al Francese di realizzare la performance di questo 2 turno (7/5).

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Hécatombe à Dubaï, sport24.com

Il n’y a plus de Français à Dubaï. Gasquet, Santoro et Mathieu ont tous été sortis au deuxième tour. Nadal-Roddick et Murray-Davydenko seront les affiches des quarts de finale.Une balle de break pour Gasquet !Vainqueur de Dmitry Tursunov pour la première fois de sa carrière lundi soir, Richard Gasquet avait avoué qu’il avait subi «la meilleure préparation de toute sa vie» avant cette semaine. Face à un athlète comme Igor Andreev, déjà frotté aux blessures avant de consolider son outil de travail, le Français a compris le chemin qu’il lui reste à parcourir avant de pouvoir rivaliser. Au deuxième tour du tournoi de Dubaï, le Russe lui a marché dessus et l’a bouté hors de la compétition en 1h18 de jeu. Gasquet, qui avait parfaitement négocié ses retrouvailles avec Dmitry Tursunov en le breakant une fois à chaque entame de manche, se faisait prendre à son propre jeu dans le set initial. Il ne s’en remettait jamais. Largement mené, il mettait dix bonnes minutes avant de débloquer son compteur mais était inexistant sur ses jeux de relance.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Ecatombe a Dubaï

Non ci sono più francesi a Dubaï. Gasquet Santoro e Mathieu sono stati tutti eliminati al secondo turno. Nadal-Roddick e Murray-Davydenko saranno i quarti di finale.Una palla di break per Gasquet!Vittorioso du Dmitry Tursunov per la prima volta in carriera lunedì sera, Richard Gasquet aveva riconosciuto che aveva subito “la migliore preparazione di tutta la sua vita” prima di questa settimana. Di fronte ad un atleta come Igor Andreev, già colpito dagli infortuni prima di consolidare il suo attrezzo di lavoro, il francese ha compreso il cammino che gli rimane da percorrere prima di potere essere competitivo. Al secondo turno del torneo di Dubaï, il Russo lo ha travolto e lo ha cacciato dal torneo in 1h18 di gioco. Gasquet che aveva perfettamente negoziato il suo rientro con Dmitry Tursunov facendogli il break una volta a ogni inizio set, si faceva sorprendere al suo stesso gioco nel set iniziale. Non se ne rimetteva più. Sovrastato dall’avversario, metteva dieci buoni minuti prima di segnare un punto ma era inesistente sui suoi giochi di risposta.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Steve Darcis, l’homme pressé, Paolo Leonardi, lesoir.be

Le « king » de Memphis a gagné 428 places en 14 mois. Le voici 46e mondial. Il doit à présent travailler sa régularité.Tous les passionnés de pêche à la ligne vous le diront : pour sortir un poisson hors de l’eau, il faut de la patience. Beaucoup de patience. Pourtant, quand on voit ce que vient de réaliser à Memphis Steve Darcis, pour qui les hameçons n’ont aucun secret, on se dit qu’il est tout sauf patient.Plutôt un homme pressé, très pressé même. Après huit tournois ATP, le Liégeois vient d’engranger son deuxième titre ! Moins de huit mois après sa première victoire à Amersfoort où il était devenu le vainqueur d’un tournoi le plus mal classé de l’année. A titre de comparaison, Olivier Rochus et Xavier Malisse ont dû attendre leur 131e et 158e tournoi pour gagner leur deuxième titre.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Steve Darcis, l’uomo che ha fetta

Il “king” di Memphis ha vinto 428 posti in 14 mesi. Eccolo 46 mondiale. Deve ora lavorare sulla sua regolarità.Tutti appassionati di pesca alla lenza lo ve li diranno: per fare uscire un pesce dall’acqua, occorre pazienza. Molta pazienza. Tuttavia, quando si vede ciò che ha appena realizzato a Memphis Steve Darcis, per cui gli ami non hanno alcun segreto, si dice che è tutto tranne che paziente. Piuttosto un uomo che ha fretta, e molta anche. Dopo otto tornei ATP, il Belga ha appena conquistato il suo secondo titolo! Meno di otto mesi dopo la sua prima vittoria a Amersfoort dove era diventato il vincitore di torneo peggio classificato dell’anno. A titolo di paragone, Olivier Rochus e Xavier Malisse hanno dovuto aspettare il loro 131 e 158 torneo per vincere il loro secondo titolo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

5 March5 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- USTA’s ambitious endeavor an attempt to garner instantaneous results, Sandra Harwitt, ESPN.com (Lo sforzo ambizioso della USTA nel tentativo di ottenere risultati immediati)- Lindsay, in Full Bloom , Peter Bodo, TENNIS.com (Lindsay, in piena fioritura)- Roger Federer’s lack of coaching exposes flaws, Neil Harman, The Times (L’assenza di un coach espone le debolezze di Federer)- How hot yoga helped me turn the heat on Federer, says Murray, The Mail (Murray: Come lo yoga mi ha aiutato a battere Federer)- Djokovic says Federer can be had , Matthew Cronin, TennisReporters.net (Djokovic dice che Federer può essere fermato)- Hingis to play exhibition event in Liverpool , AP, TENNIS.com (La Hingis giocherà un’esibizione a Liverpool)- Jankovic plans quest for No.1, theaustralian.news.com.au (Jankovic progetta la scalata al No. 1)- Spotlight on Williams sisters, By R Satya, DH News Service (Riflettori puntati sulle sorelle Williams)- Spanish heart-throb Nadal willing to bide his time, Alaric Gomes, gulfnews.com (Nadal rubacuori spagnolo disposto ad aspettare il suo momento)- Heavy Weight, Nate Cunningham, mvn.com (Pesi massimi)- Dubaï : Monfils est heureux de son retour…perdant, myfreesport.fr (Dubaï: Monfils è felice del suo ritorno… perdente)- Un ex-collaborateur de Yannick Noah lui réclame 450.000€, myfreesport.fr (Un ex-collaboratore di Yannick Noah gli richiede 450.000€)- Bauernopfer, Wolfgang Scheffler, Frankfurter Allgemeine Zeitung (Sacrificio di pedone)

USTA’s ambitious endeavor an attempt to garner instantaneous results , Sandra Harwitt, ESPN.com

The scene is one that has taken place on thousands of tennis courts across the United States for years: an enthusiastic youngster is trying to hold a heavy racket for too long and hit too hard over a net that is too tall on a court that is way too big. The frequent result is the frustrated child determines tennis is just too hard, and moves on to a different sport.That distressing scenario should now be a thing of the past.At least that is the hope of the USTA. The association followed a trend that has been set in other parts of the world, and developed and trademarked QuickStart Tennis, a two-step play format designed to make youngsters fall in love with tennis the minute they pick up a racket. The use of smaller rackets, softer, low-compression balls and more manageable-sized courts enables children in 8-and-under and 10-and-under age groups to experience instantaneous success the first time they’re introduced to the game. This new approach to tennis also puts forth an easier scoring system that allows matches to be played in a shorter — approximately 20-minute — period of time.

Click here for the full story

Lo sforzo ambizioso della USTA nel tentativo di ottenere risultati immediati

La scena è la stessa che si è vista per anni su migliaia di campi da tennis degli Stati Uniti: un bambino entusiasta sta cercando di tenere in mano una racchetta pesante, per troppo a lungo, per colpire troppo forte sopra una rete che è troppo alta su un campo che è davvero troppo grande. Il frequente risultato è che il bimbo frustrato si convince che il tennis è semplicemente troppo difficile, e cambia sport.Questo scenario stressante dovrebbe, adesso, far parte del passato.O almeno questa è la speranza della USTA [United States Tennis Association). L’associazione ha seguito un trend che si è già affermato in altre parti del mondo, e ha sviluppato e brevettato il QuickStart Tennis, un format basato su due livelli progettato perché i bambini si innamorino del tennis un minuto dopo che hanno preso in mano la racchetta. L’uso di racchette più piccole e facili, palline depressurizzate e campi di dimensioni più contenute consente ai ragazzini di 8/10 anni di sperimentare soddisfazione immediata la prima volta che giocano. Questo nuovo approcio comprende anche un sistema di punteggio più semplice che consente ai match di durare meno - circa 20 minuti.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Lindsay, in Full Bloom , Peter Bodo, TENNIS.com

The way she tells it, Lindsay Davenport wasn’t exactly sobbing on Sunday as she said good-bye to her husband, Jon Leach, and their son, Jagger, at the airport in Memphis. But it was touch-and-go for a few moment there. After all, the 48-plus hour span (it’s almost over now, as Lindsay is homeward bound as I post this) is the longest time Lindsay has been away from her 8-month old son.It was good to see Lindsay in person for the first time in many months. I don’t think she’s ever looked better. You may remember that she always looked soft - almost the anti-thesis of a toned athlete like Justine Henin or Elena Dementieva. And she was naturally loose-limbed (the opposite of, say, Maria Sharapova). Now Lindsay is lean and nothing less than swan-like. She’s still limber and tall, but gangly has morphed into graceful, and she’s poised and seemingly comfortable in her own skin. Over 30 and a mother, she now seems a finished product. This helps explain why Lindsay was asked to join Tracy Austin as a pitchwoman for Juvederm.

Click here for the full story

Lindsay, in piena fioritura

Nel modo in cui lo racconta, Lindsay Davenport non stava esattamente singhiozzando domenica mentre salutava il marito, Jon Leach, e il loro figlio, Jagger, all’aeroporto a Memphis. Ma è stata una toccata e fuga durata molto poco. Dopo tutto, questo periodo di 48 ore (già quasi finito, dato che Lindasy è già diretta verso casa mentre posto) è il tempo più lungo che Lindsay ha trascorso lontano dal figlioletto di 8 mesi.E’ stato bello vedere Lindsay di persona per la prima volta dopo parecchi mesi. Non penso che sia mai sembrata meglio. Si può ricordare che è sempre sembrata morbida - quasi l’antitesi di atlete toniche come Justine Henin o Elena Dementieva. Ed è sempre stata snodata in modo naturale (l’opposto di Maria Sharapova, per esempio). Adesso Lindsay è slanciata e sembra niente meno che un cigno. È ancora alta e dinoccolata, ma da spilungona si è trasformata in graziosa, ed è tranquilla e a suo agio nelle sue sembianze. A più di trent’anni e mamma, adesso sembra un prodotto finito. Questo aiuta a spiegare perché a Lindsay sia stato chiesto di unirsi a Tracy Austin come donna immagine per Juvederm [cosmetico].

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Roger Federer’s lack of coaching exposes flaws, Neil Harman, The Times

Youngsters play good on the day. It’s if they can play good for the week, that’s the question.”“All he did was keep the ball in play, moving me around.”“He’s stayed pretty much the same, over the last, say, nine months or so. He really hasn’t changed.”All are quotes from Roger Federer immediately after losses in the past 20 months. The first was to Andy Murray in Cincinnati in 2006, then to Guillermo Cañas, of Argentina, at the Pacific Life Open in Indian Wells, California, a year ago, and finally to Novak Djokovic, the Serb, at the Australian Open in January. The comments go to the core of the world No 1. He neither cares for losing nor relishes its bitter aftertaste.Between his losses to Djokovic in Melbourne and Murray in Dubai, Federer went 39 days without playing a match. In that time no one has told him when he should practise or what he should practise. That is tough, whatever your talent and powers of self-motivation. And so we reached the first round of a championship stacked with top players with Federer more vulnerable than most. It showed.The year began with folk counting down to a fourteenth grand-slam tournament title to equal Pete Sampras’s record. Now they wonder when he will next shake hands with a loser.

Click here for the full story

L’assenza di un coach espone le debolezze di Federer

“I giovani giocano bene nella giornata. La questione è se riescono a giocare bene lungo tutta la settimana.”“Tutto quello che ha fatto è stato tenere la palla in gioco, facendomi muovere.”“E’ rimasto più o meno lo stesso negli ultimi, direi, 9 mesi circa. Davvero non è cambiato molto.”Sono tutte citazioni da Roger Federer immediatamente successive alle sconfitte degli ultimi 20 mesi. La prima era su Andy Murray a Cincinnati 2006, poi su Guillermo Canas al Pacific Life Open di Indian Wells, California, un anno fa, e per finire su Novak Djokovic all’Australian Open di gennaio. I commenti vanno al nucleo del numero uno del mondo. Nè gli importa di perdere né di gustarsi il suo amaro retrogusto.Tra la sua sconfitta con Djokovic a Melbourne e quella con Murray a Dubai, Federer è stato 39 giorni senza giocare una partita. In quel periodo nessuno gli ha detto quando e come allenarsi. E’ difficile, per quanto talento e motivazione tu abbia. E così siamo arrivati al primo turno di un torneo pieno dei migliori giocatori con Federer più vulnerabile che mai. Si è visto.L’anno è iniziato con la gente che faceva il conto alla rovescia per il 14esimo titolo dello Slam per eguagliare il record di Pete Sampras. Adesso si chiedono quando andrà a stringere di nuovo la mano a un avversario sconfitto.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

How hot yoga helped me turn the heat on Federer, says Murray , The MailAndy Murray admitted an unorthodox yoga technique helped give him the mental strength to clinch victory in three sets over world No 1 Roger Federer at the Dubai Open.The British No 1 narrowly lost the first set 8-6 on a tie-break but clinically took the first break point in the second set to break Federer’s serve in the sixth game.Murray then broke Federer in the fifth game of the third set before he served out for a 6-7 (6-8) 6-3 6-4 victory.The 20-year-old Scot, who remained calm and composed throughout the match, was introduced to Bikram or “hot” yoga by his new fitness trainers Jez Green and Matt Little.And Murray admitted the exercises in heat in excess of 40 degrees Celsius helped his mental strength and prepare for games in hotter climes. “It’s a little bit ugly - I started in December to try to improve my flexibility in preparation for the Australian Open,” Murray said.

Click here for the full story

Murray: Come lo yoga mi ha aiutato a battere Federer

Andy Murray ha ammesso che una non ortodossa tecnica di yoga l’ha aiutato a dargli la forza mentale per raggiungere la vittoria in tre set contro il numero uno del mondo Roger Federer al Dubai Open.Il n.1 britannico ha perso di misura il primo set , 8-6 al tiebreak, ma ha chirurgicamente trasformato la prima palla break nel secondo set per breakkare Federer nel sesto gioco. Poi Murray ha ribreakkato nel quinto gioco del terzo set prima di arrivare alla vittoria per 67 63 64.Il 20enne scozzese, rimasto calmo e composto durante tutto il match, è stato introdotto allo yoga di Bikram, o “bollente”, dai suoi nuovi preparatori atletici Jez Green e Matt Little.E Murray ha ammesso che gli esercizi svolti a temperature superiori a 40 gradi hanno aiutato la sua forza mentale e preparato per i match in climi caldi. “E’ una cosa dura - ho iniziato in dicembre per cercare di migliorare la mia flessibilità in preparazione degli Aus Open” ha detto Murray.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Djokovic says Federer can be had , Matthew Cronin, TennisReporters.net

It’s becoming an every tournament rite of passage for Novak Djokovic to honestly and boldly assess the state of No. 1 Roger Federer’s game. When asked whether Andy Murray’s win over Federer in Dubai was a surprise, he said, “Honestly, considering the results of this year, the style both players have and the speed of this court, I expected Murray to win. I wasn’t really too much surprised. I have to give him a lot of credit. I don’t think Roger likes it when he gets a lot of balls back, and obviously Murray has a great style, a great talent, he knows what to play in the moment. Obviously when the time is passing you learn more and more, especially if you play him, so I think after those results in the last couple of months more players are believing they can win against him.”

Click here for the full story

Djokovic dice che Federer può essere fermato

Djokovic che onestamente e audacemente valuta lo stato del gioco del n.1 al mondo Roger Federer, sta diventando un rito di passaggio per ogni torneo. Quando gli si chiede se la vittoria di Andy Murray l’ha sorpreso, ha detto: “Onestamente, considerando i risultati di quest’anno, lo stile che hanno entrambi i giocatori e la velocità del campo, mi aspettavo che Murray vincesse. Non mi sono sorpreso più di tanto. Devo riconoscergli grande merito. Non penso che a Roger piaccia quando riceve un sacco di palle indietro, e ovviamente Murray ha un grande stile, un grande talento, e sa come giocare al momento. Ovviamente più passa il tempo più impari, soprattutto se giochi contro di lui, quindi penso che dopo questi risultati negli ultimi due mesi più giocatori stanno credendo di poter vincere contro di lui.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Hingis to play exhibition event in Liverpool , AP, TENNIS.com

Retired tennis star Martina Hingis will play exhibition matches in Liverpool in June, her first appearance on court since her two-year ban for a positive test for cocaine at last year’s Wimbledon.Banned from official competition, Hingis announced on Tuesday she will play in three exhibition matches from June 13-15 during the unofficial Liverpool International, which features ATP, WTA players and a Legends division two weeks before Wimbledon.Two other former Wimbledon champions Goran Ivanisevic and Pat Cash are also entered.

Click here for the full story

La Hingis giocherà un’esibizione a Liverpool

La stella del tennis Matina Hingis, ritiratasi, giocherà un’esibizione a Liverpool in giugno, la sua prima apparizione sul campo dopo la sua squalifica per due anni per positività a un test sulla cocaina lo scorso anno a Wimbledon.Bandita dalle competizioni ufficiali, la Hingis ha annunciato martedì che giocherà in tre match esibizione dal 13 giugno, durante i non ufficiali Liverpool International, a cui parteciperanno giocatori ATP, WTA e alcune Leggende due settimane prima di Wimbledon.Altri due ex campioni di Wimbledon, Goran Ivanisevic e Pat Cash, parteciperanno.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Jankovic plans quest for No.1, theaustralian.news.com.au

SERBIAN Jelena Jankovic aims to become world No.1 and will focus only on big tournaments this year.“Achieving the number one ranking is my dream. I grew up thinking about that. I am working hard to achieve it. If I win a Grand Slam, it will take me closer to the top spot,” said the 23-year-old, currently ranked fourth.“I played a lot of tournaments last year and won a lot, but this season I am going to concentrate only on bigger tournaments.”The Serbian, who is seeded top at the WTA Bangalore Open, was one of the top performers on the Tour last year, winning 72 matches and four titles.“I had a great season last year. It was a learning experience. I am working a lot and hoping for much better results this year,” said Jankovic, an Australian Open semi-finalist this year.The Serbian, who reached a career-high of number three last year, said she hoped to win a medal at the Beijing Olympics.“Olympics is always special and you will be surrounded by the best athletes. I hope I can bag a medal this year. I want to give my country something,” said Jankovic, who is yet to win a Grand Slam.The Serbian is expected to face a stiff challenge from the Williams sisters, Venus and Serena, who are seeded second and third respectively at India’s richest tennis tournament.

Click here for the full story

Jankovic progetta la scalata al No. 1

La serba Jelena Jankovic mira a diventare No. 1 al mondo e si concentrerà soltanto sui grandi tornei quest’anno. “Diventare numero uno è il mio sogno. Sono cresciuta pensando a questo. Lavoro sodo per conseguirlo. Se vinco un Grande Slam, sarò più vicina alla prima posizione,” ha detto la 23enne, attualmente quarta in classifica. “Ho giocato molti tornei e ho vinto molto l’anno scorso, ma questa stagione mi concentrerò soltanto sui tornei più grandi”. La serba, che è prima testa di serie al WTA Bangalore Open, è stata una delle migliori giocatrici del Tour l’anno scorso, vincendo 72 partite e quattro titoli. “Ho avuto una grande stagione l’anno scorso. E’ stata un’esperienza istruttiva. Lavoro molto e spero in risultati ancora migliori quest’anno,” ha detto Jankovic, semi-finalista all’Australian Open quest’anno. La serbo, che ha raggiunto il suo best ranking essendo numero tre, ha detto l’anno scorso che sperava di vincere una medaglia alle Olimpiadi di Pechino. “Le Olimpiadi sono sempre speciali e sei circondato dai migliori atleti. Spero di poter intascare una medaglia quest’anno. Voglio dare qualcosa al mio paese,” ha detto Jankovic, che ancora non ha mai vinto un Grande Slam. Ci si aspetta che la serba affronti una dura sfida contro le sorelle Williams, Venus e Serena, che sono rispettivamente seconda e terza testa di serie nel ricchissimo torneo di tennis in India.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Spotlight on Williams sisters, By R Satya, DH News Service

Stop worrying folks. Unlike last year there are no last-minute pull-outs. It is gonna be a sister act at the Bangalore Open after all. The Williams sisters, Venus and Serena, two of the biggest draws, have indeed arrived.After landing in the early hours of Sunday, the sisters were out on court first thing in the morning, gearing up to wow the tennis fans in the Garden City with their magic on court. The only hiccup though is about the clash you all are dreaming of.There is not going to be a Venus-Serena match-up in the final for sure, maybe they will cross paths a stage early.

Click here for the full story

Riflettori puntati sulle sorelle Williams

Ragazzi, smettete di preoccuparvi. A differenza dell’anno scorso non ci sono ritiri dell’ultimo momento. dopo tutto sarà un sister act al Bangalore Open. Le sorelle Williams, Venus e Serena, due delle più forti in tabellone, sono arrivate veramente. Dopo essere atterrate nelle prime ore di domenica, le sorelle sono uscite in campo come prima cosa al mattino, galvanizzando gli appassionati di tennis nella Città giardino con la loro magia in campo. Il solo inconveniente però riguarda lo scontro di cui tutti sognate. Non ci sarà di sicuro uno scontro Venere-Serena in finale, forse si incroceranno prima.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Spanish heart-throb Nadal willing to bide his time, Alaric Gomes, gulfnews.com

Dubai: World number two Rafael Nadal is willing to bide his time as he acknowledges his evolution as one of the players in with a chance of ruling men’s tennis in the future.“Everything depends on how you are playing at an event. A lot of things defend on how you are playing at the moment and the situation that you are faced with,” Nadal told media at the round-table meeting held prior to the start of the Barclays Dubai Tennis Championships.“I don’t try to think about being number one or number two.“My aim and goal is to just finish well and perform well as a player in all the tournaments that I take part in,” the Spaniard stated.Ranked number two behind Roger Federer, Nadal has had a fairly solid start to the 2008 season.He has played in three tournaments, including the Australian Open where he lost to Jo-Wilfried Tsonga in the semifinals.

Click here for the full story

Nadal rubacuori spagnolo disposto ad aspettare il suo momento

Dubai: Il numero due al mondo Rafael Nadal è disposto ad aspettare il suo momento quando riconosce la sua evoluzione in uno dei giocatori con una probabilità di dominare il tennis maschile nel futuro. “Tutto dipende da come giochi un torneo. Molte cose dipendono da come giochi attualmente e dalla situazione che ti si prospetta,” Nadal ha detto ai giornalisti alla conferenza tenuta prima dell’inizio dei Campionati di Tennis Barclays di Dubai. “Non tento di pensare ad essere il numero uno o numero due. “Il mio scopo è solo finire bene e competere bene come giocatore in tutti i tornei cui partecipo,” ha dichiarato lo Spagnolo. Classificato numero due dietro Roger Federer, Nadal ha avuto un inizio abbastanza solido nella stagione2008. Ha giocato in tre tornei, incluso l’Australian Open dove ha perso da Jo-Wilfried Tsonga nelle semifinali.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Heavy Weight, Nate Cunningham, mvn.com

After another day or two, will Dubai end up looking like Rotterdam? Federer has gone out to Murray. Santoro has taken out Youzhny. Nadal’s first-round opponent is Kohlschreiber, which would hardly be a surprising match for Rafa to lose on hard-courts. And with Djokovic’s health still a question mark, Marin Cilic has at least a decent chance in their match tomorrow. Only Roddick has a green-light into the quarters–Ferrero always wilts against him and, although Matthieu has all the tools, he lacks the belief or savvy to match Roddick’s. But that’s the beauty of Dubai, not only does the world’s No. 1 player have to play the No. 11 in the first round, but the seeded quarterfinal match-ups look like Grand Slam semis: Nadal/Roddick, Federer/Davydenko, Djokovic/Gasquet.

Click here for the full story

Pesi massimi

Tra un altro giorno o due, Dubai finirà per somigliare a Rotterdam? Federer è uscito per mano di Murray. Santoro ha sconfitto Youzhny. L’avversario di primo turno di Nadal è Kohlschreiber, partita che se Rafa perdesse sui campi in duro sorprenderebbe poco. E con la salute di Djokovic ancora un punto di domanda, Marin Cilic ha almeno una probabilità decente nella loro partita domani. Soltanto Roddick ha semaforo verde nei quarti – Ferrero si spegne sempre contro lui e, sebbene Mathieu abbia tutte le armi, manca della determinazione o dell’esperienza di Roddick. Ma questo è il bello di Dubai, non solo il No 1 del mondo ha deve incontrare il No 11 nel primo turo, ma le partite dei possibili quarti di finale delle teste di serie somigliano alle semi di un Grande Slam: Nadal Roddick, Federer Davydenko, Djokovic Gasquet.Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Dubaï : Monfils est heureux de son retour…perdant, myfreesport.fr

Après cinq mois loin des courts, Gaël Monfils a effectué son retour à la compétition, mardi, au tournoi de Dubaï. Il s’est incliné face à Berdych. Paul-Henri Mathieu s’est, lui, qualifié pour le 2e tour.(…)Cette défaite n’a cependant pas entamé le moral du Français de 21 ans. “C’est fantastique de revenir à la compétition. Je dois seulement continuer à travailler dur et être patient”, a-t-il confié à l’issue de la rencontre.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Dubaï: Monfils è felice del suo ritorno… perdente

Dopo cinque mesi lontano dai campi, Gaël Monfils ha effettuato il suo ritorno alla competizione, martedì, al torneo di Dubaï. Si è inchinato di fronte a Berdych. Paul-Henri Mathieu, lui, si è qualificato per il 2 turno.Questa sconfitta non ha tuttavia iniziato il morale del francese di 21 anni. “È fantastico ritornare alla competizione. Devo soltanto continuare a lavorare duro ed essere paziente “, ha confidato al termine della partita.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Un ex-collaborateur de Yannick Noah lui réclame 450.000€, myfreesport.fr

Le TGI de Paris a examiné lundi la plainte d’un ancien collaborateur de Yannick Noah réclamant au chanteur de la somme de 450.000 euros pour avoir contribué à l’énorme succès de son album éponyme sorti à l’automne 2000.Jean-Pierre Weiller, collaborateur revendiquant le titre de manager de Noah de 1999 à 2001, reproche à celui-ci d’avoir violé un accord prévoyant qu’il perçoive 20% de ses revenus d’interprète de l’époque (ventes d’albums et de billets de concert). Au coeur du procès, aboutissement d’une action intentée il y a six ans, figure l’album intitulé “Yannick Noah”, synonyme de retour en forme pour le chanteur après le passage à vide qui a suivi le succès du 45 tours “Saga Africa” (1991). L’album s’est vendu à 1,7 million d’exemplaires selon la maison de disques Columbia (Sony BMG).

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Un ex-collaboratore di Yannick Noah gli richiede 450.000€

Il TGI di Parigi ha esaminato lunedì il reclamo di un ex collaboratore di Yannick Noah che richiede al cantante della somma di 450.000 euro per avere contribuito al successo enorme del suo album eponimo uscito nell’autunno 2000. Jean-Pierre Weiller, il collaboratore che rivendica il titolo di manager di Noah dal 1999 al 2001, rimprovera a quest’ultimo di avere violato un accordo che prevedeva che percepisse il 20% dei suoi redditi d’interprete dell’epoca (vendite di album e di biglietti di concerto). Al centro del processo, conclusione di un’azione intentata sei anni fa, appare l’album intitolato “Yannick Noah”, sinonimo di ritorno in forma per il cantante dopo il passaggio a vuoto che ha seguito il successo dei 45 giri “saga Africa” (1991). L’album si è venduto a 1,7 milione di copie secondo la casa di dischi Columbia (Sony BMG).

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Bauernopfer, Wolfgang Scheffler, Frankfurter Allgemeine Zeitung

Der lustigste Kommentar zu dieser traurigen Geschichte stammt voneiner Leserin des Tennis-Blogs des ita¬lienischen Journalisten Ubaldo Scana¬gatta. Die Frau sieht es als gerechtfer¬tigt an, dass Frederico Luzzi von der ATP Tour mit einer Sperre von zweihundert Tagen und 50 000 Dollar Geldstrafe belegt wurde. Allerdings nicht, well er zwischen Mai 2004 Lind April 2007 insgesamt 273 Mal, im Schnitt 40 Euro, auf 836 Tennismatches wettete. Nein, die Randfigur der Branche setzte nur einmal auf einen eigenen Sieg— al¬lerdings nur drei mickrige Euro. Und wer so wenig Vertrauen in eigene Fähigkeiten demonstriere, der gehöre be¬straft. Lind das, obwohl es bei einem Profi, der in der Weltrangliste erst auf Platt 163 auftaucht, verständlich er¬scheint.

Sacrificio di pedone

Il commento più divertente a proposito di questa storia triste proviene da una lettrice del blog tennistico del giornalista italiano Ubaldo Scanagatta. La signora stima giustificato che Federico Luzzi sia stato colpito dall’esclusione durante 200 giorni dal Tour ATP oltre che dalla multa di 50′000 dollari. Tuttavia non perché tra maggio 2004 e aprile 2007 abbia scommesso 273 volte, mediamente 40 euro, su un totale di 836 partite di tennis. No, la figura marginale della categoria arrischiò soltanto una volta 3 microscopici euro sul pronostico di un suo match. E colui che mostra così poca fiducia nelle proprie capacità deve essere punito. E ciò sembra del tutto essere evidente, benché si tratti qui di un professionista occupante appena il rango 163 della classifica mondiale.

Update 4 MarchAggiornato il 4 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Murray keeps his cool to outgun Federer, Paul Newman, The Independent (Murray mantiene la calma per battere Federer)- Murray hits out at critics after Dubai triumph over Federer, Richard Jago, The Guardian (Murray spazza via le critiche dopo il trionfo su Federer a Dubai)- One Non-Slam Wonder , Peter Bodo, (La sorpresa di un Non-Slam)- Amelie Mauresmo’s unhappy return , Barry Flatman, The Times (L’infelice ritorno di Amelie Mauresmo)- Not exactly Kournikova , Peter Bodo (Non esattamente Kournikova)- Tebbutt: Another Italian fined for betting on tennis, Tom Tebbutt, Toronto Globe (Tebbutt: Un altro italiano sanzionato per aver scommesso sul tennis)- Murray stays calm under Federer fire, Caroline Cheese, BBC Sport (Murray mantiene la calma sotto il fuoco di Federer)- Ljubicic: Gambling punishments don’t necessarily fit the crime , Ravi Ubha, ESPN.com (Ljiubicic: le punizioni sulle scommesse non necessariamente sono adeguate al crimine)- A quoi joue Federer?, Hadrien Hiault, eurosport.fr (A che gioca Federer?)- Steve Darcis nouveau numéro un belge, Paolo Leonardi, lesoir.be(Steve Darcis nuovo numero uno belga)- Pierce vise Roland-Garros, sport.fr (Pierce punta al Roland-Garros)

Murray keeps his cool to outgun Federer, Paul Newman, The Independent

Matches involving Roger Federer usually finish in much the same way. The winner strolls calmly to the net, shakes hands with his disconsolate opponent and gives him a consoling pat on the back. That was the way the world No 1’s first-round match in the Barclays Dubai Championships ended here last night, but this time it was his opponent, Andy Murray, who was playing the part of the nonchalant winner.If Murray looked a picture of calm, the British No 1 knew that his 6-7, 6-3, 6-4 victory was one of the best of his career. Federer did not have a single break point as Murray demonstrated what a big improvement he has made on his serve since the end of last year.

Click here for the full story

Murray mantiene la calma per battere Federer

I matches che riguardano Roger Federer solitamente finiscono quasi tutti nella stessa maniera. Il vincitore si avvicina con calma alla rete, stringe la mano al suo sconsolato avversario e gli dà una consolatoria pacca sulla spalla. Questa è stata la maniera in cui il n. 1 del mondo ha finito la scorsa notte il suo match di primo turno al torneo di Dubai, solo che questa volta è stato il suo avversario, Andy Murray, che ha recitato la parte dell’ incurante vincitore.Murray è stato il ritratto della calma, e sa che la sua vittoria per 67 63 64 è stata una delle migliori della sua carriera. Federer non ha avuto un solo break point dimostrando i miglioramenti che Murray ha fatto nel servizio.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Murray hits out at critics after Dubai triumph over Federer, Richard Jago, The Guardian

Andy Murray dispatched the player he described as possibly “the greatest of all time” and then bridled at questions about his mental strength. The Scot defeated Roger Federer 6-7, 6-3, 6-4 before hitting out at critics who had queried his temperament for big games in the wake of his first-round defeat at the Australian Open.“I have been really mentally weak for such a long time,” he said sarcastically. “Not holding up under pressure situations. I think I have shown tonight that’s not going to be an issue.”

Click here for the full story

Murray spazza via le critiche dopo il trionfo su Federer a Dubai

Andy Murray ha eliminato il giocatore che ha descritto come possibile “migliore di tutti I tempi” ed ha eliminato tutti i dubbi sulla sua forza mentale. Lo scozzese ha battuto Federer 67 63 64 prima di spazzare via le critiche a cui era stato sottoposto riguardo al suo temperamento per le partite importanti dopo la sconfitta al primo turno all’Australian Open.“Sono stato mentalmente molto debole per lungo tempo”, ha detto sarcasticamente. “Non sopportando la pressione delle situazioni. Penso di aver dimostrato stanotte che questa non è un abitudine”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

One Non-Slam Wonder , Peter Bodo,

By now, all (or almost all) of you know that Roger Federer lost to Andy Murray in Dubai today, or tomorrow, or yesterday, or whatever time it is over that way. In any event, at 6-all in the first set, Tomahawk Perrotta called me into his office to “watch” some of the match on his computer. You know, the image was actually of fairly high quality - it was light years better, in any event, than sitting there watching the numbers change in a live-scoring set-up. […]From the bits I saw and the comments left at the previous post by some of you, the most “disturbing” aspect of this loss by Federer to Murray is the apparent lack of enthusiasm and/or sharpness by Federer. Let’s not forget that this was not just Dubai, the tournament that has wholeheartedly embraced the “pay to play” scheme of the ATP and WTA (and boy, do those Dubai folks pay!), it’s also Federer’s “home” tournament.

Click here for the full story

La sorpresa di un Non-Slam

Sul 6 pari nel primo set, Tom Perrotta mi ha chiamato nel suo ufficio per “vedere” qualcosa della partita sul suo pc. L’immagine era onestamente di alta qualità, e comunque sempre anni luce meglio che leggere il cambiamento dei numeri in un live-scoring.Dai bits ho potuto vedere che il maggior aspetto di “disturbo” in questa sconfitta di Federer contro Murray è stata l’apparente mancanza di entusiasmo da parte dello svizzero. E non dimentichiamo che questo non era solo Dubai, il torneo che aveva appena visto l’accordo tra Wta e Atp per lo schema “pay to pay”, ma per Federer era anche il torneo di “casa”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Amelie Mauresmo’s unhappy return , Barry Flatman, The Times

Jack Kramer has never been a man revered in female tennis circles after his assertion – born, it has to be said, out of frustration at being delayed in starting a match – that women should never be allowed on Wimbledon’s Centre Court.However, Amelie Mauresmo, arguably more introspective than any of her racket-wielding peers, might do well to heed another Kramer assertion: “The less you think as a tennis player, the better off you are.” Mauresmo, who won two Grand Slam titles in 2006, spent 35 weeks as the world’s No 1 female, has gathered more than $13.8m (£6.9m) in prize-money from a career that stretches back further than any of her main rivals with the exception of the resurgent Lindsay Davenport.But the Frenchwoman is at a crossroads. Like so many before her, she is trying to come to terms with the fact that the emergent and upward path of youth is uncomplicated and relatively trouble-free compared to the resistance that needs to be exerted against the downward spiral that is inevitable with age.

Click here for the full story

L’infelice ritorno di Amelie Mauresmo

Jack Kramer non è mai stato molto apprezzato e rispettato nel circuito del tennis femminile, dopo la sua dichiarazione- nata, sembrerebbe, dalla frustrazione per il ritardato inizio di una partita- secondo cui le donne non dovrebbero essere ammesse al Wimbledon Centre Court.Comunque, Amelie Mauresmo, provatamente più introspettiva di tutte le sue colleghe tenniste, dovrebbe dar retta ad un’altra affermazione di Kramer: “Meno pensi da tennista e meglio è per te”. Mauresmo, che ha vinto due titoli del Grande Slam nel 2006, è stata 35 settimane in testa alla classifica femminile e ha guadagnato più di 13,8mila Dollari da una carriera che sta durando più a lungo di quelle di tutte le sue rivali, fatta eccezione per la rientrante Lindsay Davenport.Ma la Francese è in crisi. Sta provando a venire a capo del fatto che la strada per i giovani emergenti è molto più facile rispetto a tutta la resistenza che invece è necessaria per contrastare quella spirale di difficoltà, inevitabile con il passare del tempo.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Not exactly Kournikova , Peter Bodo, ESPN.com

Let’s relax our taboo on mentioning tennis and any form of gambling in the same sentence to note that the ATP men’s results this weekend were a little bit like a Daily Double that ended up paying $50,000 on a $2 bet. What were the odds that Sergiy Stakhovsky (ranked No. 209) and Steve Darcis (No. 81) would emerge as the winners at two of the three main tour events?It’s funny — people still get all haughty and snotty about Anna Kournikova, who, like Paris Hilton, became a huge celebrity without ever winning a WTA singles title. But Kournikova won a doubles Grand Slam, made the Wimbledon semis, and was a legitimate (the numbers don’t lie) top-10 player for a fair spell. In Darcis and Stakhovsky, we have two guys who have won ATP main-tour events, yet Darcis has barely broken the double-figure ranking mark, and Stakhovsky hasn’t seen the sunny side of No. 200 yet.

Click here for the full story

Non esattamente Kournikova

Mitighiamo il nostro tabù nel menzionare il tennis assieme a qualsiasi forma di scommesse notando che i risultati dello scorso weekend nei tornei Atp sono stati un po’ come un Daily Double che è finito col rendere 50.000 Dollari dopo averne spesi solo 2. Quale era la probabilità che Sergiy Stakhovsky (n. 209) e Steve Darcis (n. 81) avrebbero potuto vincere i due principali eventi della settimana?E’ divertente che Anna Kournikova, come Paris Hilton, sia diventata una celebrità senza aver mai vinto un titolo Wta in singolare. Ma la Kournikova ha vinto uno Slam in doppio, ha fatto semifinale a Wimbledon, ed è stata di diritto tra le top-10 in quanto a fascino. In quanto a Darci e Stakhovsky, siamo di fronte a due giovanotti che hanno vinto due tornei Atp, con Darcy che ha appena abbattuto la soglia della doppia cifra in classifica e Stakhovsky che non è riuscito ancora a varcare quota 200.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tebbutt: Another Italian fined for betting on tennis , Tom Tebbutt, Toronto Globe

Another week, another Italian fined and suspended for betting on tennis.That’s how it’s starting to seem after a fifth Italian in less than four months was penalized last Friday, this time with a $50,000 (all figures U.S.) fine and a 200-day suspension.Frederico Luzzi had the ignominious distinction of joining previously-sanctioned compatriots Alessio di Mauro, Potito Starace, Daniele Bracciali and Giorgio Galimberti.Di Mauro received the longest suspension (nine months) and the biggest fine ($60,000) while the others ranged from six weeks (Starace) to 200 days (Luzzi), and $20,000 (Bracciali) to $50,000 (Luzzi).Luzzi was the only player who was cited for wagering on one of his own matches, and that was for the princely sum of about $10 – on himself to win.Ubaldo Scanagatta, an eloquent and loquacious veteran Italian tennis writer, has an informed and amusing perspective on the infamous ‘Italian Cinque’ (five), players from his homeland. Scanagatta, from Florence, sometimes expresses his views on ubaldoscanagatta.com, which he claims is the world’s only multilingual tennis website, with translations of articles in publications from all over the world.Click here to read the mail Ubaldo’s sent to Tebbutt.

Click here for the full story

Tebbutt: Un altro italiano sanzionato per aver scommesso sul tennis

Altra settimana, altro italiano sospeso e multato per aver scommesso sul tennis.E’ questa l’impressione che si inizia ad avere dopo che un quinto italiano in meno di quattro mesi è stato punito venerdì scorso, questa volta con una multa di 50.000 dollari e 200 giorni di sospensione.Federico Luzzi ha avuto il vergognoso privilegio di aggiungersi ai compatrioti precedentemente sanzionati Alessio Di Mauro, Potito Starace, Daniele Bracciali e Giorgio Galimnerti.Di Mauro ha ricevuto la sospensione più lunga (nove mesi) e la multa più pesante (60.000 dollari) mentre gli altri oscillano tra le sei settimane (Starace) e i 200 giorni (Luzzi), e tra 20.000 dollari (Bracciali) e 50.000 (Luzzi). Luzzi è stato l’unico giocatore citato per aver scommesso su uno dei suoi match, per la somma principesca di circa 10 dollari - sulla sua vittoria.Ubaldo Scanagatta, un eloquente e loquace veterano giornalista di tennis italiano, ha un punto di vista informato e divertente sui famigerati “Cinque d’Italia”, giocatori suoi connazionali. Scanagatta, di Firenze, qualche volta esprime le sue opinioni su ubaldoscanagatta.com, quello che lui afferma essere l’unico sito di tennis multilingua al mondo, con traduzioni di articoli da tutto il mondo. (Clicca qui per leggere la mail di Ubaldo a Tebbutt)

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Murray stays calm under Federer fire , Caroline Cheese, BBC Sport (Murray mantiene la calma sotto il fuoco di Federer)

If anyone was starting to have doubts about Andy Murray’s credentials as a pretender to Roger Federer’s throne, the 20-year-old’s performance on Monday should have dispelled them.Murray lost a tight first set on a tie-break but recovered brilliantly to upset the four-time champion in Dubai 6-7 (6-8) 6-3 6-4. The British number one finished the match without ever facing a break point - a staggering statistic against the world number one - and won 91% of points off his first serve.Perhaps even more impressive, though, was his composure under pressure. The Briton’s lackadaisical body language, coupled with some occasionally ugly on-court outbursts, has led to criticism from some quarters, but he was impeccably behaved on Monday.

Click here for the full story

Murray mantiene la calma sotto il fuoco di Federer

Se qualcuno iniziava ad avere dei dubbi sulle credenziali di Andy Murray come pretendente al trono di Roger Federer, la prestazione di lunedì del 20enne scozzese dovrebbe averli spazzati via.Murray ha perso al tie break un primo set serrato ma ha recuperato in modo brillante per sconfiggere il quattro volte campione di Dubai per 6-7 (6) 6-3 6-4. Il numero uno britannico ha finito il match senza dover fronteggiare nemmeno una palla break - una statistica impressionante contro il numero uno del mondo - e ha vinto il 91% di punti sulla sua prima palla di servizio.Forse addirittura più stupefacente, tuttavia, è stata la sua calma quando sotto pressione. Il tipico atteggiamento apatico del britannico, unito a qualche occasionale pessima esplosione sul campo, gli ha portato qualche critica, ma lunedì si è comportato in modo impeccabile.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Ljubicic: Gambling punishments don’t necessarily fit the crime, BBC Sports

Ljubicic has served as president of the ATP’s player council since August 2006.The next big player meeting is scheduled for Indian Wells, Calif., in the coming weeks (the agenda has yet to be tabled), with the usual gathering in Australia last month bypassed because nothing urgent (as in, no major calendar issues) needed discussing.Here’s Ljubicic’s take on some topics floating around the men’s game.[About Italian bans] “If you go against the rules you have to pay the price,” Ljubicic said. “I personally believe the suspension was too harsh, but I definitely agree that the fine was good enough, maybe even give them a little bit higher fine, but just let them play. They bet on matches that they weren’t involved in. They just really didn’t know it was the rule. And the moment they realized they were doing wrong, they stopped.“Definitely it was a big sign to everyone else who thinks about maybe doing something like that, that it’s better not to do it. It was a stupid thing for them to do.”

Click here for the full story

Ljiubicic: le punizioni sulle scommesse non necessariamente sono adatte al crimine

Ljubicic è il presidente del consiglio giocatori dell’ATP dall’agosto 2006.La prossima riunione importante è fissata a Indian Wells, California, nelle prossime settimane (l’ordine del giorno deve ancora essere deciso), dopo che l’usuale incontro in Australia è saltato perché non c’era niente di urgente su cui discutere.Qui alcune delle opinioni di Ljiubicic sugli argomenti d’attualità nel circuito maschile.[Sulle squalifiche degli italiani] “Se vai contro le regole devi pagare. Personalmente ritengo che le sospensioni siano state troppo lunghe, ma sono decisamente d’accordo con l’ammontare delle multe, forse le avrei date addirittura un po’ più pesanti, ma li avrei lasciati giocare. Hanno scommesso su match in cui non erano coinvolti. Semplicemente non conoscevano la regola. E nel momento in cui hanno capito, hanno smesso. E’ stato decisamente un segnale importante per tutti gli altri che pensavano di fare qualcosa del genere, che è meglio non farlo. Hanno fatto una cosa stupida.”

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

A quoi joue Federer?, Hadrien Hiault, eurosport.fr

Roger Federer digère mal sa défaite au 1er tour du tournoi de Dubai. Pour sa rentrée sur le circuit ATP après sa demi-finale perdue à l’Open d’Australie face à Novak Djokovic, le Suisse n’a pas trouvé le bon tempo et a du s’incliner en trois manches face à Andy Murray.Roger Federer n’est pas du genre à accepter une défaite au 1er tour d’un tournoi qui plus est, lorsque l’on est attendu pour une reprise. Le joueur suisse ne peut pas mettre sa défaite sur le compte de la fatigue alors il cherche des explications dans le jeu de son adversaire.”Ce n’est pas que je sois déçu, mais je pensais que son jeu aurait changé d’une manière ou d’une autre. Je ne pense pas qu’il ait évolué depuis que je l’ai affronté à Bangkok” (en finale en 2005, leur première confrontation, victoire du Suisse 6-3, 7-5). Cette façon de s’exprimer qu’on ne lui connaissait pas, dévoile que le Suisse serait du genre mauvais perdant.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

A che gioca Federer?

Roger Federer digerisce male la sua sconfitta al 1 turno del torneo di Dubai. Per il rientro sul circuito ATP dopo la semifinale persa all’Open dell’Australia contro Novak Djokovic, lo Svizzero non ha trovato il tempo giusto e si è inclinato in tre set di fronte ad Andy Murray. Roger Federer non è del tipo da accettare una sconfitta al 1 turno di un torneo, soprattutto quando è atteso per una ripresa. Il giocatore svizzero non può addebitare la sua sconfitta alla stanchezza e allora cerca spiegazioni nel gioco del suo avversario. “Non è che sia deluso, ma pensavo che il suo gioco sarebbe cambiato in un modo o nell’altro. Non penso che si sia evoluto da quando lo ho affrontato a Bangkok “(in finale nel 2005, il loro primo confronto, vittoria dello Svizzero 6-3, 7-5). Questo modo di esprimersi che non gli si conosceva, rivela che lo Svizzero sarebbe del tipo cattivo perdente.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Steve Darcis nouveau numéro un belge, Paolo Leonardi, lesoir.be

Grâce à sa victoire au tournoi de Memphis face à Robin Soderling (6-3, 7-6 (7/5), Steve Darcis devient le nouveau numéro un belge au classement mondial des joueurs de tennis. Le Liégeois pointe au 46e rang pour atteindre son meilleur classement. Les fanatiques américains de tennis qui ont pris, dimanche, le chemin du Racquet Club de Memphis (Tennessee) pour assister à la finale du troisième tournoi du circuit U.S. de début de saison ont dû se frotter très fort les yeux pour y croire.Point de « Ricain » sur le court alors que, sur la ligne de départ de l’épreuve, au début de la semaine, il y en avait pas moins de 11 sur les 32 inscrits, dont le roi du service Andy Roddick.Vainqueur une semaine plus tôt à San Jose, le Texan s’est incliné en quart de finale contre le Suédois Robin Soderling, au cours d’un match où il a plu des aces (31 au total).C’est d’ailleurs ce Suédois longiligne (1,91 m pour 81 kg) qui devait disputer la finale. Mais c’est surtout le nom du deuxième finaliste qui poussa les Américains à s’interroger. « Steve who ? », se dirent-ils en débarquant au stade à l’heure de la digestion.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Steve Darcis nuovo numero uno belga

Grazie alla sua vittoria al torneo di Memphis contro Robin Soderling (6-3, 7-6 (7/5), Steve Darcis diventa il nuovo numero uno belga nella classifica mondiale dei giocatori di tennis. Il giocatore di Liegi arriva al 46 posto per raggiungere la sua migliore classifica. I fanatici americani di tennis che hanno preso, domenica, la via del Racquet Club di Memphis (Tennessee) per assistere alla finale del terzo torneo del circuito degli Stati Uniti d’inizio di stagione hanno dovuto sfregarsi moltissimo gli occhi per crederci. Nessun “Mericano” in campo mentre, schierati in tabellone, all’inizio della settimana, non ce n’erano meno di 11 sui 32 iscritti, fra cui il re del servizio Andy Roddick. Vincitore una settimana prima a San José, il Texano si è inclinato nei quarti di finale allo Svedese Robin Soderling, nel corso di un incontro dove sono piovuti gli aces (31 in totale). È del resto questo Svedese longilineo (1,91 m per 81 kg) che doveva disputare la finale. Ma è soprattutto il nome del secondo finalista che ha spinto gli americani ad interrogarsi. “Steve who?”, si dicevano arrivando alla stadio nell’ora della digestione.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Pierce vise Roland-Garros, sport.fr

Mary Pierce, 33 ans, qui a subi une lourde opération du genou en novembre 2006, croit toujours à son retour sur les courts. Elle pourrait faire sa rentrée à Roland-Garros.Mary Pierce n’est pas qu’une prestigieuse consultante pour la télévision (elle a officié sur France 4 durant le dernier Open Gaz de France). La Française, victorieuse de l’Open d’Australie en 1995 et de Roland-Garros en 2000, n’a pas envie d’arrêter le tennis. Elle prépare activement son retour. L’ancienne troisième joueuse mondiale a depuis peu le feu vert de ses médecins après des mois de galère à cause de cette blessure, contractée lors du tournoi de Linz en octobre 2006. Malgré l’opération de son genou gauche, à Vail (Colorado), Pierce continuait de souffrir. Médecin de la dernière chance, l’Allemand Hans Müller-Wohlfarht, bien connu des joueurs de football, a provoqué le déclic en février dernier avec une injection homéopathique.Depuis, Mary Pierce a entamé la phase 1 de reprise au CNE de Roland-Garros afin de renforcer la masse musculaire de sa jambe gauche. Et déjà la Française pense à faire son retour pour Roland-Garros. “Roland-Garros, c’est dans trois mois, et j’aimerais bien revenir pour mon tournoi préféré, confie-t-elle à L’Equipe. Si je travaille bien, s’il n’y a pas de complications, si je ne me blesse pas par ailleurs en reprenant, on me dit que c’est possible.” Il y a beaucoup de “si” dans ce retour, mais quand on a la foi comme Mary Pierce..

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Pierce punta al Roland-Garros

Mary Pierce, 33 anni, che ha subito una grave operazione al ginocchio nel novembre 2006, crede sempre al suo ritorno sui campi. Potrebbe fare il suo rientro a Roland-Garros. Mary Pierce non è soltanto una prestigiosa consulente per la televisione (ha lavorato per Francia 4 durante l’ultimo Open Gaz di Francia). La francese, vittoriosa all’Open di Australia nel 1995 e a Roland-Garros nel 2000, non ha voglia di lasciare il tennis. Prepara attivamente il suo ritorno. L’ex terza giocatrice del mondo ha recentemente avuto il via libera dai suoi medici dopo mesi di traversie a causa di questo infortunio, rimediato in occasione del torneo di Linz nell’ottobre 2006. Nonostante l’operazione al ginocchio sinistro, a Vail (Colorado), Pierce continuava a soffrire. Medico dell’ultima opportunità, il tedesco Hans Müller-Wohlfarht, ben noto ai giocatori di calcio, ha operato uno sblocco nel febbraio scorso con un’iniezione omeopatica. Da allora, Mary Pierce ha iniziato la fase 1 di ripresa al CNE di Roland-Garros per rafforzare la massa muscolare della gamba sinistra. E già la francese pensa di fare il suo rientro al Roland-Garros. “Roland-Garros, è tra tre mesi, e mi piacerebbe rientrare per il mio torneo preferito, ha confidato all’Equipe. Se lavoro bene, se non ci sono complicazioni, se non subisco altri infortuni durante la ripresa, mi dicono che è possibile.” Ci sono molti “se” in questo ritorno, ma quando si ha la fede di Mary Pierce..

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 3 MarchAggiornato il 3 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Federer’s big break to keep him in top form , Tom Tebbutt, Globesports (Il lungo periodo di sosta di Federer per restare al massimo della forma)- Murray faces daunting opener against Federer , Paul Newman, The Indipendent (Esordio da paura per Murray contro Federer)- They Cannot be Serious!, Ralph Gardner jr., The New York Times (Non possono essere seri!)- Andy Murray glad for early chance to test himself against Roger Federer , Neil Harman, The Times (Andy Murray stracontento per l’occasione di misurarsi contro Roger Federer)- Fifth Italian banned for betting , Richard Jago, The Guardian (Cinque italiani cacciati per scommesse)- Tennis : la WTA face au casse-tête des paris en direct, myfreesport.fr (Tennis: la WTA di fronte al rompicapo delle scommesse in diretta)- Le patron est de retour!, Emmanuel Quintin, sport24.com (Il padrone è di ritorno!)

Federer’s big break to keep him in top form , Tom Tebbutt, Globesports

[…] Two weeks ago, Federer travelled to St. Petersburg, Russia, to receive the Laureus world sportsman of the year award. […] Federer attended the awards ceremony after stopping off for a visit at Nike headquarters in Beaverton, Ore., and going to the Super Bowl in Arizona on his way back from Australia. He also had some time at home in Switzerland and did some skiing.His current five-week break from tennis is as long as he took off between exhibitions with Pete Sampras last November and the start of the 2008 season.He told Sonntagsblick: “I will play around 15 tournaments until the U.S. Open and will never be off for more than two weeks in a row. I wanted to take a break now in order to manage this schedule.”

Click here for the full story

Il lungo periodo di sosta di Federer per restare al massimo della forma

[…] Due settimane fa, Federer si è recato a San Pietroburgo in Russia per ricevere il premio “Laureus Awards” come sportivo dell’anno. […] Federer ha partecipato alla cerimonia di premiazione dopo essersi fermato per una visita ai quartieri generali della Nike a Beaverton in Oregon e dopo aver assistito al SuperBowl in Arizona al ritorno dall’Australia. Ha avuto anche un po’ di tempo per tornare a casa in Svizzera per sciare un po’.Questa pausa di cinque settimane è lunga tanto quanto il periodo che si prese tra le esibizioni con Sampras dello scorso novembre e l’inizio della stagione 2008.Federer ha dichiarato al Sonntagsblick: “Giocherò circa 15 tornei da qui ad andare agli Us Open e non avrò più di 2 settimane consecutive di pausa. Volevo prendermi una pausa ora per poter essere in grado di gestire questo calendario”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Murray faces daunting opener against Federer , Paul Newman, The Indipendent

Andy Murray visited the Dubai English Speaking School here yesterday morning, where he answered questions from a hall full of young children. Most wanted to know why he became a tennis player or how he liked to relax – they shrieked with delight when he said he loved playing on his Nintendo Wii – but one pupil wanted to know which opponent he feared most.With Roger Federer probably uppermost in Murray’s mind after he was drawn to play him today in the first round of the Barclays Dubai Championships, the Scot might have been expected to nominate the world No 1. He chose Rafael Nadal. “He gets to every ball, doesn’t make many mistakes and tries to win every point,” Murray said.When asked what he thought was the best match he had played, Murray ignored his victory over Federer when they last met, in Cincinnati 18 months ago – the Swiss won their only previous meeting, in Bangkok in 2005 – and named his fourth-round encounter with Nadal in last year’s Australian Open. “I lost in five sets, but I think it was the best match I’ve played in,” he said.

Click here for the full story

Esordio da paura per Murray contro Federer

Andy Murray ha fatto visita ieri mattina alla scuola di Dubai per alunni che parlano inglese, dove ha risposto alle domande in una sala piena di bambini. Molti volevano sapere perché ha deciso di diventare un tennista oppure cosa gli piace fare quando può rilassarsi – hanno ridacchiato divertiti quando ha dichiarato che ama giocare con la Nintendo Wii – ma un alunno voleva sapere quale fosse l’avversario che teme maggiormente.Essendo forse Roger Federer il primo dei suoi pensieri dopo essere stato sorteggiato contro di lui nel primo turno del torneo di Dubai, si pensava che lo scozzese avrebbe nominato il numero 1 del mondo. Ha scelto invece Rafael Nadal. “Arriva su ogni palla, fa pochissimi errori e lotta per vincere ogni punto”, ha detto Murray.Quando gli è stato chiesto quale fosse il miglior match che abbia giocato, Murray ha ignorato la sua vittoria contro Federer l’ultima volta che si sono incontrati, a Cincinnati 18 mesi fa – lo svizzero aveva vinto l’unico incontro precedente a Bangkok nel 2005 – e ha nominato il suo match di quarto turno con Nadal agli Australian Open dello scorso anno. “Ho perso in 5 set, ma penso che sia stato il miglior match che abbia mai giocato”.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

They Cannot be Serious!, Ralph Gardner jr., The New York Times

Don’t tell tennis fans that the March 10 “NetJets Showdown” between Roger Federer and Pete Sampras is just a friendly exhibition. Nineteen thousand tickets have been sold. The excitement stems from the belief that Sampras may really make it a match. Retired five years, he is a still-robust 36, roughly the same age Andre Agassi was when he pushed Federer to four sets in a U.S. Open final. And then there’s that serve. As Federer, 26, has said of Sampras: “You can wake him up at 2 in the morning and he’ll hit a monster serve.” Rare, if not unprecedented, is the opportunity to watch champions from different eras — perhaps the two greatest of all time — take a whack at each other.

Click here for the full story

Non possono essere seri!

Non dite agli amanti del tennis che il 10 marzo la “Resa dei conti dei NetJets” tra Roger Federer e Pete Sampras sia solo un’amichevole esibizione. Sono stati venduti 19000 biglietti. L’eccitazione deriva dal fatto di credere che Sampras possa realmente garantire un match equilibrato. Ritiratosi da cinque anni, è ancora un robusto 36enne, circa la stessa età di Andrè Agassi quando quest’ultimo costrinse Federer a lottare per quattro set nella finale degli Us Open. E poi c’è quel servizio. Come ha detto Federer a proposito di Sampras: “puoi svegliarlo anche alle 2 del mattino e lui effettuerà comunque un servizio mostruoso”. Rara, o senza precedenti, è l’opportunità di vedere campioni di differenti ere – forse i due più grandi di tutti i tempi – affrontarsi violentemente.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Andy Murray glad for early chance to test himself against Roger Federer , Neil Harman, The Times

After a 39-day hiatus Roger Federer returns to a tennis court in serious competition today and wouldn’t you know it, his opponent is the one for whom his respect is more than just a word that world No1’s occasionally bandy about.The one time Andy Murray defeated Federer (their career record is 1-1) in the second round of the Cincinnati Masters in August 2006, his hair was short, his world ranking was No21 and he had just teamed up with Brad Gilbert, the American coach, on a mission to make a statement that British tennis had not witnessed for years.Murray had his extravagantly long hair cut last week, he is No12 after a spell inside the top ten, he plays Federer in the first round of the Barclays Dubai Open this afternoon, while Gilbert is fresh from a couple of weeks in France trying to help point Alex Bogdanovic, the British No2 towards the top 100 ranking to which he has consistently aspired.

Click here for the full story

Andy Murray stracontento per l’occasione di misurarsi contro Roger Federer

Dopo un’assenza di 39 giorni, oggi Federer ritorna sul campo da tennis per una gara dura e, non te l’aspetteresti, ma il suo avversario è quello per cui il numero uno al mondo nutre un vero rispetto, non solo a parole.Quando Andy Murray vinse contro Federer (il loro rapporto negli scontri diretti è 1-1), al secondo turno del Cincinnati Masters nell’agosto 2006, i suoi capelli erano corti, era il numero 21 del mondo e aveva appena iniziato a collaborare con Brad Gilbert, il coach d’America, e la sua voglia di affermarsi era qualcosa a cui il tennis britannico non assisteva da anni.Murray si è tagliato i suoi stravaganti capelli lunghi la settimana scorsa, è il numero 12, gioca contro Federer nel primo turno del Barclays Dubai Open oggi pomeriggio, mentre Gilbert è riposato dopo un paio di settimane in Francia dove ha cercato di guidare Alex Bogdanovic, l’inglese numero 2, verso la top 100 alla quale risolutamente aspira.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Fifth Italian banned for betting, Richard Jago, The Guardian

Federico Luzzi has been banned from the ATP Tour for 200 days and fined $50,000 (£25,100) after being found guilty of gambling on matches. An ATP investigation launched as part of the governing body’s anti-corruption programme found that the Italian, ranked 139 in the world, had “wagered 273 times on 836 tennis matches between May 2004 and April 2007″.Luzzi, 28, was found to have placed a bet on himself to win a match, although the ATP said he was not found to have made any attempt to “affect the outcome” of any match. Luzzi is the fifth unheralded Italian to fall foul of the ATP’s investigation into betting and match-fixing. The most recent was Giorgio Galimberti, banned for 100 days and fined $35,000 last month.

Click here for the full story

Cinque italiani cacciati per scommesse

Federico Luzzi è stato sospeso dall’Atp Tour per 200 giorni e si è preso una multa di 50mila dollari, (33mila euro), dopo essere stato sorpreso a scommettere sulle partite. L’indagine dell’Atp, parte del programma anticorruzione del consiglio di amministrazione, ha scoperto che l’italiano, numero 139 del mondo, ha scommesso 273 volte su 836 partite di tennis tra il maggio 2004 e l’aprile 2007”.Luzzi, 28 anni, ha piazzato una scommessa anche sulla sua stessa vittoria in una partita, anche se l’Atp ha detto che il giocatore non ha mai cercato di “pilotare il risultato” di nessuna partita. Luzzi è il quinto italiano poco noto a cadere nelle maglie delle indagini dell’Atp sulle scommesse. Il più recente è stato Giorgio Galimberti, che il mese scorso è stato sospeso per 100 giorni e multato per 35mila dollari (23.600 euro).

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tennis : la WTA face au casse-tête des paris en direct, myfreesport.fr

Les patrons du tennis féminin sont désemparés. Du coup, ils tapent sur tout ce qui bouge. Les joueurs, leurs entourages… et même les spectateurs qui commentent les matches via leurs mobiles.C’est le feuilleton dont le tennis se passerait volontiers. La dernière affaire en date remonte à la semaine dernière. Elle concerne un spectateur du tournoi de tennis féminin de Dubai, qui s’est vu menacé d’exclusion jeudi dernier, pour avoir utilisé son mobile afin de transmettre, minute par minute, l’évolution du score et ses impressions sur les joueuses, leur état de forme et la physionomie du match.L’intérêt ? Fournir des renseignements en temps réel à des parieurs en direct qui, aux quatre coins du monde, misent de l’argent sur la victoire de l’une ou l’autre des deux joueuses. En fonction des renseignements recueillis par leurs informateurs, ces joueurs professionnels tentent d’anticiper sur l’évolution du score, achetant ou revendant des cotes avant tout le monde.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Tennis: la WTA di fronte al rompicapo delle scommesse in diretta

I dirigenti del tennis femminile sono disorientati. D’un tratto, colpiscono tutto ciò che si muove. I giocatori, i loro staff… ed anche gli spettatori che commentano gli incontri via telefonino. È la telenovela di cui il tennis farebbe volentieri a meno. L’ultimo episodio in ordine di tempo risale alla settimana scorsa. Riguarda uno spettatore del torneo di tennis femminile di Dubai, che si è visto minacciato d’espulsione giovedì scorso, per avere utilizzato il suo telefonino per trasmettere, minuto al minuto, l’evoluzione del punteggio e le sue impressioni sulle giocatrici, il loro stato di forma e la fisionomia dell’incontro. L’interesse? Fornire informazioni in tempo reale a scommettitori in diretta che, da tutto il mondo, puntano denaro sulla vittoria dell’una o l’altra delle due giocatrici. In funzione delle informazioni raccolte dai loro informatori, questi giocatori di professione tentano di anticipare sull’evoluzione del punteggio, comprando o rivendendo quote prima di tutti gli altri.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Le patron est de retour!, Emmanuel Quintin, sport24.com

Absent du circuit depuis l’Open d’Australie, Roger Federer va retrouver la compétition lundi à Dubaï, avec un premier tour difficile contre Andy Murray. Et Roland Garros en ligne de mire…Cinq semaines. Cinq longues semaines. C’est la durée d’absence de Roger Federer du circuit ATP. Depuis son élimination en demi-finales de l’Open d’Australie face à Novak Djokovic, le numéro 1 mondial n’a plus touché une raquette en compétition. Son retour aux affaires est programmé pour lundi à Dubaï, épreuve dont il est tenant du titre et dont il a remporté quatre des cinq dernières éditions. Car s’il avait eu le droit à un tour de chauffe l’an dernier, avec un premier tour face au Danois Kristian Pless, battu en trois sets tout de même, Federer, dans la même situation qu’en 2007 (c’est à dire sans avoir joué entre l’Open d’Australie et Dubaï), devra vite être au point cette semaine. Le tirage au sort lui a en effet réservé l’entrée en lice la plus difficile qu’il pouvait craindre avec une rencontre face à Andy Murray dès le premier tour ! Un adversaire face à qui il reste sur une défaite l’an dernier à Cincinnati et, surtout, qui est l’homme le plus en forme de l’année. L’Ecossais est en effet le seul joueur à avoir remporté deux titres (Doha et Marseille) depuis le mois de janvier. Il présente aussi la particularité d’avoir quitté les deux autres tournois auxquels il a participé (l’Open d’Australie et Rotterdam) dès le premier tour !Un premier test contre MurrayPour ajouter une cinquième fois le tournoi des Emirats Arabes Unis à son immense palmarès, le Bâlois aura bien besoin de l’énergie emmagasinée durant ses longues semaines passées loin du circuit.

Cliquez ici pour lire la version intégrale de cet article

Il padrone è di ritorno!

Assente dal circuito dall’Open di Australia, Roger Federer rientrerà in gara lunedì a Dubaï, con un primo turno difficile contro Andy Murray. E Roland Garros in linea di mira…Cinque settimane. Cinque lunghe settimane. È la durata d’assenza di Roger Federer dal circuito ATP. Dalla sua eliminazione nelle semifinali dell’Open di Australia contro Novak Djokovic, il numero 1 mondiale non ha più toccato una racchetta in partita. Il suo ritorno agli affari è programmato per lunedì a Dubaï, prova di cui detiene il titolo e di cui ha vinto quattro delle ultime cinque edizioni. Poiché se aveva avuto diritto ad un turno di riscaldamento l’anno scorso, con un primo turno contro il Danese Kristian Pless, battuto comunque in tre set, Federer, nella stessa situazione del 2007 (cioè senza avere giocato tra Open dell’Australia e Dubaï), dovrà rapidamente essere a punto questa settimana. L’estrazione a sorte infatti gli ha riservato l’entrata in lizza più difficile che poteva temere con una partita contro Andy Murray fin dal primo turno! Un avversario contro cui resta su una sconfitta l’anno scorso a Cincinnati e, soprattutto, che è l’uomo più in forma dell’anno. Lo scozzese è infatti il solo giocatore a avere vinto due titoli (Doha e Marsiglia) dal mese di gennaio. Presenta anche la particolarità di avere lasciato gli altri due tornei ai quali ha partecipato (Open di Australia e Rotterdam) fin dal primo turno!Una prima prova contro MurrayPer aggiungere una quinta volta il torneo degli Emirati Arabi Uniti al suo albo d’onore immenso, l’abitante di Basilea avrà bisogno dell’energia immagazzinata durante le sue lunghe settimane passate lontano dal circuito.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in francese)

Update 1 MarchAggiornato il 1 marzo

Today you can read about (oggi nella rassegna internazionale):

- Mauresmo says there is no need to worry , Gulf news (Per la Mauresmo non e’ il caso di preoccuparsi)- Rafael Nadal: Dubai’s tougher than a Slam, Jaydip Sengupta, Express Dubai (Nadal : Dubai piu’ duro di uno slam)- Equal money but the matches do not add up , Barry Flatman, Sunday Times (Stessi premi ma non stesso spettacolo)- Soderling Stops Roddick In Memphis, Tennis Week (Soderling ferma Roddick a Memphis)- Recaptured Glory, Tennis.com (Ai fasti di un tempo)- Clear focus, judicious schedule part of Ljubicic’s plan to resurrect career , Ravi Ubha, ESPN (Ljubicic, una strategia chiara per raddrizzare la carriera)

Mauresmo says there is no need to worry, Gulf news

Former world number one Amelie Mauresmo feels she does not need to press any panic button following her quarterfinal exit at the Barclays Dubai Tennis Championships on Thursday.“I don’t think there is any reason to worry about anything,” Mauresmo said at the post-match media conference on Thursday.“I have played much better here than in Doha, and I am leaving Dubai in a much better frame of mind,” Mauresmo smiled.“In the first set, I just couldn’t do anything as she was putting so much pressure and finishing each game in just two or three winners,” Mauresmo stated.“I expected to play better in the tie-break, but that did not happen. There is no reason to worry really,” insisted the 28-year-old.Winner at the Australian Open and Wimbledon two years ago, Mauresmo’s moment of glory came in September 2004 when she became the first Frenchwoman to hold the position. But recent losses on the Sony Ericsson WTA Tour have made her wonder whether her tennis career is at the crossroads.“I would have loved to play another match here, but then I came up a bit short,” Mauresmo said.“I have definitely played more encouraging tennis and I am happy with the way I have been feeling comfortable on court. From now on it is just a matter of staying positive and confident for the future,” she assessed.Mauresmo, who has swiftly slipped down the world rankings to a dismal number 22, is committed to playing Indian Wells and Miami later this month.

Click here for the full story

Per la Mauresmo non e’ il caso di preoccuparsi

La ex numero uno mondiale Amelie Mauresmo ritiene che non ci sia da preoccuparsi dopo la sua sconfitta al torneo di Dubai..” Non vedo motivi particolari per allertarsi, anzi, ho giocato molto meglio qua che a Doha ed esco da questo torneo sicuramente con sensazioni positive. Avrei potuto giocare meglio il tie-break finale, ma sono comunque soddisfatta. Avrei voluto raggiungere almeno un altro turno ma non ce l’ho fatta. Il mio tennis in questa settimana e’ stato molto incoraggiante e mi sono sentita davvero a mio agio sul campo, per cui sono molto fiduciosa. Da qui in poi la cosa importante e’ rimanere positiva e credere nelle mie possibilita’”. Vincitrice degli Australian Open e di Wimbledon solamente due anni fa, Amelie ha toccato l’apice della carriera nel settembre 2004 quando ha raggiunto la prima posizione mondiale in classifica, prima francese a raggiungere questo risultato . Le premature sconfitte nei tornei di quest’anno le hanno messo nei dubbi sul proseguo della sua carriera. Adesso, scivolata al numero 22 del ranking, e’ pronta a risalire. La rivedremo a Indian Wells e Miami.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Rafael Nadal: Dubai’s tougher than a Slam, Jaydip Sengupta, Express Dubai

The players have voted the Barclays Dubai Tennis Championships the best tournament outside the grand slams for the past four years and now world No 2 Rafael Nadal has just taken it a notch higher.“It is amazing. You have the top seven or eight players there. It is probably more difficult than a grand slam to win since we play in only six days.“It will be interesting, I had a good preparation and it will be exciting to play a tournament with the best players there.”The year, though, has not been particularly kind to the muscleman from Mallorca. He has played in three tournaments so far but has nothing to show for it. So, is he worried about his form leading into the showpiece event? “No, no worries at all,” he said.“I have played good tennis so far and have had good results. I reached the semis in Australia and the final in Chennai. It would have been better to win but I am satisfied with how I have done so far in 2008.”“I don’t think so at all. I have played my best year in 2007 and that foot injury you talk about was in 2005. It is already over,” he said.Injured or not, Nadal is still considered by Federer as his main rival, despite the threat of Novak Djokovic as another possible contender after his Australian Open triumph.So does the King of Clay think he needs to start winning other slams as well besides the French to remain the Swiss maestro’s prime challenger?“Probably so, and that’s what I am working on.”“I suppose Roger said that because I am the No 2 and we also won a few tournaments last year other than the grand slams,” he said.

Click here for the full story

Nadal : Dubai piu’ duro di uno slam

I giocatori hanno votato il torneo del Dubai il migliore dopo i quattro eventi dello slam e anche Rafa Nadal riconosce l’importanza della manifestazione : E’ forse addirittura piu’ difficile vincere qui che nei tornei dello slam, perche’ il tutto e’ concentrato in sei giorni”. Lo spagnolo non ha iniziato il 2008 con il piede giusto , fallendo nei tre tornei a cui a preso parte sinora. “ Ho giocato un buon tennis e avuto discreti risultati. In Australia sono arrivato in semifinale, certamente sarebbe stato meglio aver vinto un torneo ma sono soddisfatto della mia stagione. L’infortunio al piede ormai risale al 2005 e non mi da piu’ preoccupazioni, mi sento bene “. Infortunato o meno, lo spagnolo eì tuttora considerato da Federer il suo rivale piu’ agguerrito e temibile,, nonostante la fortissima ascesa del serbo Djokovic. “ Immagino che Roger abbia dichiarato questo perche’ sono ancora io il numero due e anche perche’ l’anno scorso ho vinto molti tornei, pero’ credo che sia arrivato il momento per me di vincere altri tornei dello slam fuori dalla terra battuta per continuare ad essere considerato il suo sfidante. Ci sto lavorando “

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Equal money but the matches do not add up , Barry Flatman, Sunday Times

A year and a week had passed since that historic morning when the All England Club committed a screeching U-turn and went back on everything they had asserted so stoically for decades previously. Equal prize money is now a fact of life in top flight tennis and hell is likely to freeze over before Wimbeldon’s hierarchy or any other power brokers of the game go back on their decision. Yet repeatedly there is evidence to question the reasoning.Jankovic, who seemed unable to keep a forehand in court when the pressure built after more than two and a half hours, had her excuses. She was tired. “I can play two sets fine but when I get into the third, I don’t have anything left,” she lamented. “Then a lot of things fall apart. I’m not injured at the moment but I’m just exhausted. Once I go beyond the two hour limit, I am dying out there on court.”The two hour mark is usually the time some of the best men’s matches are just getting into their stride. Two years ago Federer’s colossal battle with Nadal on the clay of Rome saw the young Spaniard register victory after five hours. A fortnight earlier they had contested nearly four hours for the Monte Carlo title and last year’s Wimbledon classic extended a magical three hours 45 minutes. Remember, if you will, the winner and the loser collected exactly the same money as Venus Williams and Marian Bartoli with the young French underdog managing to win just five games.In this age of political correctness, equal prize money was an inevitability and, in hindsight, once the British government became involved, even a Labour one, the All England Club were likely to succumb to the pressure being brought against them. Larry Scott and his WTA colleagues lobbied tirelessly in the way Billie Jean King had been doing for years and with a couple of high-powered backers such as Tony Blair and Tessa Jowell, they were destined for success in their campaign.Many things have changed in that year since Tim Phillips, the Wimbledon chairman, rose to his feet and turned his back on years of resistance by announcing the All England Club would fall in line with the rest of tennis. What remains as massive as ever is the gulf of entertainment and value for money between a top flight men’s showdown and the disappointing fare put on show by Miss’s Kuznetsova and Jankovic.

Click here for the full story

Stessi premi ma non stesso spettacolo

E’ passato piu’ di un anno da quando l’All England club prese quella storica decisione, in contraddizione con quanto avevano con fermezza sostenuto negli anni precedenti. La parita’ dei premi tra uomini e donne e’ oggi diventata una realta’, ma questa nuova situazione lascia piu’ di una perplessita’. In un match maschile, le due ore di gioco rappresentano praticamente una durata standard. La spettacolare battaglia cui abbiamo assistito due anni fa tra Federer e Nadal a Roma, vide l’affermazione dello spagnolo dopo cinque ore di splendido gioco. Soltanto due settimane prima, gli stessi giocatori furono protagonisti di un’altra entusiasmante sfida durata quasi quattro ore e la stessa finale di Wimbledon dello scorso anno non si e’ risolta prima di 3 ore e 45 minuti. La cosa singolare e’ che il vincitore e il finalista di quell’evento hanno percepito esattamente la stessa cifra ottenuta da Venus Willams e Marion Bartoli, con la transalpina capace di portare a casa solamente 5 games. Lo spettacolo che ci hanno riservato le due semifinaliste del torneo di Dubai, Kutnetsova e Jankovic, e’ stato davvero deludente, come hanno dovuto ammettere le due stesse protagoniste. Settimana prossima scenderanno in campo nella stessa localita’ Federer, Djokovic e Nadal . Giocheranno meglio, faranno divertire di piu’ il pubblico, ma guadagneranno gli stessi soldi.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Soderling Stops Roddick In Memphis , Tennis Week

The eighth-seeded Swede swatted 16 aces to topple the top-seeded Roddick, 7-6(6), 6-3 at the Regions Morgan Keegan Championships, and move within one win of his second straight final.Soderling, ranked No. 42, reached the final of last week’s ABN AMRO World Tennis Tournament in Rotterdam, losing to Michael Llodra. He will play Radek Stepanek, runner-up to Roddick in Sunday’s San Jose final, for a place in the final. Stepanek stopped Australia’s Chris Guccione, 7-6(4), 6-1.Soderling beat Stepanek, 6-3, 6-7(2), 7-6(5), in the 2005 Milan final to collect his second career title. A 2006 Memphis finalist, Soderling owns a 7-1 record at the Racquet Club of Memphis with his lone loss coming to Tommy Haas in the final two years ago.Soderling wasn’t the only Swede to gain while causing American pain on Friday.Donald Young failed to convert a match point and lost to 35-year-old Swede Jonas Bjorkman, 1-6, 6-2, 7-6(6). Young actually won more points in the match (100 to 96), but Bjorkman played with more control in the tiebreaker to wrap up a one-hour, 58-minute victory.It was Bjorkman’s second straight third-set tiebreak win over a young American. He stopped fifth-seeded Sam Querrey, 6-4, 4-6, 7-6(4) in the previous round. Next up for Bjorkman is a semifinal match with Belgium’s Steve Darcis, who hit nine aces in blowing Benjamin Becker away, 6-1, 6-0 in Friday’s first quarterfinal.Though Roddick hit 15 aces, Soderling applied relentless pressure on Roddick’s second serve.Standing 6-foot-3, Soderling was undaunted by the bounce on Roddick’s kick serve and punished the second serve in winning 16 of the 27 points played on Roddick’s second serve. Soderling created 10 break point chances compared to none for Roddick and broke serve twice to improve to 9-2 on the season.

Click here for the full story

Soderling ferma Roddick a Memphis

Lo svedese, ottava testa di serie , ha messo a segno ben 16 aces eliminando lo statunitense Andy Roddick ed e’ ad un solo passo dal raggiungere un’altra finale. Soderling, numero 42, ha raggiunto infatti la finale settimana scorsa al toreno di Rotterdam venendo sconfitto dal francese Llodra. Qui dovra’ superare l’ostacolo Stepanek, anch’egli in un momento di grande forma, per cercare di migliorare quel risultato. Nonostante i 15 aces messi a segno da Roddick, lo svedese ha dimostrato di non patire troppo i turni di servizio dell’americano, attaccando spessissimo sulla sua seconda palla. Andy ha provato anche piu’ volte il servizio kick, ma non e’ servito. Soderling si e’ procurato ben 10 palle break contro nessuna del suo avversario, strappando poi il servizio di Roddick per due volte. Soderling non e’ l’unico svedese grande protagonista di questo torneo. Il veterano Jonas Bjorkman e’ infatti approdato in semifinale dopo aver annullato un match point al suo avversario, il giovane statunitense Donald Young. Il 35 enne Jonas se la vedra’ adesso con un’altra rivelazione della manifestazione, il belga Darcis.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Recaptured Glory, Tennis.com

Russian women’s tennis is off to a strong start this season even by its own high standards. There has been a Russian champ in three out of the six potential title-winning weeks on the WTA Tour so far, and now two all-Russian finals in a row. Elena Dementieva and Svetlana Kuznetsova both came though three-set semifinal battles to set up a rematch of the 2004 US Open final in Dubai.Inizio modulo-Second-seeded Svetlana Kuznetsova will play eighth-seeded Elena Dementieva in an all-Russian final of the Dubai Championships.Kuznetsova beat fourth-seeded Jelena Jankovic of Serbia 5-7, 6-4, 6-3 Friday. Kuznetsova will aim for her 10th career WTA Tour title in the final Saturday.Dementieva lost the first set against unseeded Francesa Schiavone of Italy before rallying for a 5-7, 7-5, 6-2 win.Kuznetsova benefited from Jankovic’s lack of stamina.“I was totally exhausted, not there at all physically,” Jankovic said. “My legs were not moving. And against a player as strong as Svetlana, you need to be physically 100 percent fit.”Kuznetsova, who also reached the Dubai final in 2004, was pleased with her play.“I felt I started playing better and better as the match progressed,” Kuznetsova said. “I made a slight change of tactics in the second set when I stopped hitting the ball flat and tried to mix it up.”Dementieva had early breaks in all three sets, but the turning point came when Schiavone suffered camps in her right hamstring and calf during the middle of the second set.“It’s going to be another tough match against Kuznetsova,” Dementieva said. “I hope I will recover well enough. But I am very happy with the way I am playing.”

Click here for the full story

Ai fasti di un tempo

Il tennis russo ha avuto un inizio di stagione scoppiettante. Con gia’ tre titoli vinti sui sei potenziali e con una finale tutta russa qui a Dubai, l’armata sovietica sembra tornata quella di un tempo. La Kutznetsova, dopo aver superato la serba Jankovic in tre set in semifinale, va alla caccia del suo decimo torneo wta in carriera. La Jankovic e’ apparsa in scarsa condizione psico-fisica. “ Ero davvero esausta, le mie gambe non si muovevano. Quando giochi contro una giocatrice forte come Svetlana, devi essere fisicamente al 100 % “, ammette la campionessa serba. La russa si dichiara invece soddisfatta: “ Piu’ andava avanti il match e piu’ il livello del mio tennis saliva. Ho leggeremente cambiato tattica nel secondo set variando di piu’ il gioco “. La Dementieva ha invece superato l’italiana Schiavone rimontando un set di svantaggio, approfittando anche dei crampi sofferti dalla sua avversaria nel secondo set. “ Sara’ un match durissimo contro Svetlana, spero di recuperare in fretta, ma in ogni caso sono contenta di come sto giocando “, le parole della bella Elena.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Clear focus, judicious schedule part of Ljubicic’s plan to resurrect career , Ravi Ubha, ESPN

No stranger to the elite Masters Cup in recent seasons, Ljubicic — who, like several of his younger peers, grew up in the former Yugoslavia and honed his tennis game elsewhere when war broke out — sits at his lowest ranking in four years .Less than 24 months after reaching a career-high ranking of No. 3, the bareheaded and huge-serving Ljubicic is down to 25th.”I’d like to come back to the top 10,” said Ljubicic, who turns 29 in a few weeks. “Of course, when you’re No. 3, 5, 6 in the world and you drop back to 20, it looks really weak. But I’m really looking forward to seeing how good I can be again. I’m full of motivation.”” He wasn’t fatigued enough to take his usual extended vacation in the offseason, but he still plans to reduce his workload to between 19 and 21 tournaments in 2008.“I have some points to defend in [Masters Series tournaments] Indian Wells and Miami,” Ljubicic said, “but after that, not really much — so everything I’m going to do after that is a plus, no pressure at all.”“If you’re talking about my serve, that’s definitely the most important part of my game, and that has to work,” said Ljubicic, who was beaten by Cypriot Marcos Baghdatis in last season’s Zagreb final. “Many times it happened that when my serve was working, everything else just came together, and it was the other way around when I struggled with my serve.”Despite the slight downturn, Ljubicic never thought of parting company with Piatti, who has worked with a slew of Italian players and newly crowned Australian Open champ Novak Djokovic..“He knows me the best,” Ljubicic said. “He knows a lot about my game. I feel it would be stupid to change the coach now and lose time to someone who has to learn about me and the way I like things, and the things I need on court. We have a real close relationship, not only tennis-wise.”

Click here for the full story

Ljubicic, una strategia chiara per raddrizzare la carriera

Presenza fissa nelle edizioni del Master degli ultimi anni, Ivan Ljubicic e’ oggi scivolato al punto piu’ basso della sua carriera degli ultimi anni, sprofondando al numero 25 delle classifiche mondiali. Soltanto un anno fa il croato aveva raggiunto il suo best ranking al numero tre. “ Quando sei stabilmente tra i primi 6 giocatori del mondo per qualche anno e poi ti ritrovi dopo i venti, e’ piuttosto deludente”, dichiara Ivan, prossimo a compiere i 29 anni. “ Punto a rientrare fra i primi dieci, mi sento motivatissimo e penso di potercela fare. Ho un po’ di punti da difendere tra Indian Wells e Miami, ma una volta superati quelli non ho davvero niente da perdere e potro’ giocare senza pressioni. Il servizio e’ certamente il colpo chiave del mio gioco. Se funziona quello, anche tutto il resto del mio tennis ne beneficia. E’ il colpo su cui devo lavorare di piu’ “. Ljubicic dichiara di non aver mai pensato di porre fine alla collaborazione col suo coach, l’italiano Piatti. “ E’ la persona che mi conosce meglio, conosce ogni aspettodel mio gioco. Sarebbe stupido cambiare adesso e andare alla ricerca di qualcuno che impari a conoscermi come lo fa lui. Inoltre abbiamo un rapporto bellissimo, che va al di la’ di quello che accade sul campo da tennis “

Clicca qui per leggere tutto l’articolo (in inglese)

Tags: